Consejo Recursos

RADUNO DEI DELEGATI DELLA CS NAIROBI 19-22 MAGGIO 2006: CONCLUSIONI

SALESIANI DON BOSCO - SOCIAL COMUNICATIONS - NOTIZIE - AVVENIMENTI

 

RIUNIONE DEI DIRETTORI DEL BS NAIROBI 19-22 MAGGIO 2006


CONCLUSIONI

Prendendo visto delle conclusioni di CIVAM (con delegati CS) a Addis Abeba, 2003, I delegati alla riunione di Nairobi offrono una verifica di quanto è stato realizzato come anche proposte concrete per realizzare quanto che è da fare ancora. In visto dell'apprezzamento più maturo delle Comunicazioni Sociali nel pensiero e nell'attività della Congregazione, i delegati aggiungano una sesta proposta alle cinque di Addis Abeba.

 
1. Delegato a tempo integrale per la CS

VERIFICA: esiste già un buon numero dei delegati ispettoriali CS benché non a tiempo pieno.
PASSI PER REALIZARE QUANTO E' STATO CHIESTO:
1. Che l'ispettore mandi un confratello ben preparato alle case per spiegare la natura e il ruolo della CS nella missione della Congregazione
2. Che la questione di un delegato a tempo integrale sia elencato nell'agenda di una prossima riunione del consiglio ispettoriale e che sia dato adeguato considerazione
3. Conspaevole che la situazione magari impedisce ad una nomina a pieno tempo per adesso, si fa una nomina a part time nei casi dove non ci sono finora nessun delegato CS.
4. Che il delegato abbia un équipe anche se i suoi membri sono condivisi con un altro settore.

 
2. La programmazione della CS in particolare per la formazione iniziale

VERIFICA: Nella maggioranza dei casi la formazione alla CS non è stata programmata.
PASSI PER REALIZARE QUANTO E' STATO CHIESTO:
1. Gli Orientamenti.... mettere come articolo per la discussione e la considerazione dalla Commissione di Formazione con la partecipazione anche del delegato CS.
2. Un pacchetto completo di formazione come quello in preparazione da BEAMS (o altro p.e. Shepherds for an Information Age, BOSCOM India con adaptazioni) per tutte le fasi della formazione.
3. La visione generale della formazione alla CS sarà al livello regionale (cfr .punto 6) per assicurare un approccio graduale e completo compresa la fase della formazione specifica (teologia/coadiutore).
4. Siccome la formazione dei Direttori alla CS è cruciale al livello di consapevolezza e azione comunitaria, passi concreti devono essere presi per assicurare questa formazione.

 
3. La condivisione dell'informazione, lo scambio dei gruppi nell'ispettoria

VERIFICA: Il desiderio di questo scambio e per questa condivisione è evidente; alcuni passi in avanti sono stati realizzati.
PASSI PER REALIZARE QUANTO E' STATO CHIESTO:
1. Più conoscenza da parte dei confratelli al fatto che CS è uno dei cinqui obiettivi chiavi della missione salesiana (si può fare croce-riferimento con altre raccomandazioni p.e. 2.4 qui sopra)
2. Che ogni comunità abbia un coordinatore locale della CS nominato dall'ispettore
3. Che ogni ispettoria abbia un notiziario ispettoriale
4. In visto di (a) conservare il nostro patrimonio salesiano, e (b) aiutare il notiziario, ANS ed altre 'agenzie' (p.e. individui o gruppi che donano fondi per i nostri progetti), che ogni comunità invia, oppure inserisce, dove esiste un sito web interattivo, informazioni mensili – notizie, foto che fanno parte di una cronaca ispettoriale.

 
4. Sviluppare il (PICS)

VERIFICA: Alcune ispettorie non hanno un PICS.
PASSI PER REALIZARE QUANTO E' STATO CHIESTO:
1. Un PICS è da sviluppare in riferimento al SSCS, Orientamenti, e il Manuale per la CS.
2. Si suggerisce che sia sufficiente concentrare su uno o due elementi fondamentali.
3. Un approccio semplice sarebbe chiedersi (a) Quali risorse già esistono? e (b) quali sono le necessità dei nostri confratelli in questo campo?

 
5. Preparare un specialista salesiano in CS

VERIFICA: Ci sono alcuni e il loro lavoro fa una differenza, mentre altri hanno comminciato al loro preparazione.
PASSI PER REALIZARE QUANTO E' STATO CHIESTO:
1. Focalizzare più sulla nozione di preparare un animatore e un uomo di visione in CS
2. Considerare i programmi di training già offerti in Africa
3. E' tempo dare responsibilità ai giovani locali, sia salesiani che laici, in questo campo

 
6. Nuove proposte, dato una riflessione e una azione più matura a riguardo la CS

1. E' tempo nominare un delegato regionale per la CS in Africa*. Proponiamo che il primo passo coinvolge:
i) che il nominato fa parte dei raduni delle commissioni della PG e della Formazione, come anche di CIVAM.
ii) la nomina di un ispettore di CIVAM e seguire questo settore tramite il lavoro del delegato.
2. Che il Dicastero per la CS a Roma continui ad assistere la Regione, soprattutto con aiuto concreto e specifico nel seguire la esperienza fecunda della riunione di Nairobi, e i contenuti di queste proposte.

* I delegati suggeriscono un nome, donTom Kunnel di AFE non per restringere CIVAMnella nomina, ma per suggerire il genere di persona che crediamo deve essere: una persona già coinvolta nella CS in una ispettoria, e uno che è capabile dare il suo tempo a questo settore.