Consejo Recursos

Congreso de los Hermanos Salesianos EAO - Huahin Tailandia, Día 2 - Presentación de Michael Harris

Presentazione di Bro Harris

Una breve storia di laici nella vita religiosa

Ci sono state molte forme di laici religiosi nel corso dei secoli.
Nei primi tempi la maggior parte dei monaci erano laici con pochi preti. I primi
monasteri erano per lo più pieni di laici.
Ma col passare del tempo gli ordini più antichi divennero più clericali, più membri furono
ordinati sacerdoti e i laici furono affidati alla cura materiale del
monastero. A poco a poco sono diventati come servi.
Al Concilio di Trento del XVI secolo, con questo aumento del numero di sacerdoti
nei monasteri, l'ufficio di superiora fu infine riservato specificamente ai
sacerdoti. Durante questo periodo i nuovi ordini erano principalmente sacerdoti ma includevano alcuni
membri laici. I membri laici hanno lavorato a fianco dei sacerdoti ma con diversi
compiti da eseguire. Questo è continuato nel 19 ° secolo.
Quindi ci fu una graduale progressione nel corso dei secoli dall'essere principalmente
religiosi laici ad essere principalmente sacerdoti religiosi.

19esimo secolo:

In alcune parti del mondo, la metà del XIX secolo fu un periodo di repressione contro i
più vecchi Ordini e Congregazioni religiose perché avevano accumulato troppa
potenza e influenza sugli affari civili della società.
La Chiesa era perseguitata e stava affrontando una crisi. In quel momento la Chiesa
era alla ricerca di una nuova identità.
Sono state formate alcune nuove congregazioni. Alcuni cercavano di ricreare lo
stile tradizionale della vita monastica. Altri stavano tentando di iniziare un
nuovo tipo di vita religiosa più in contatto con il periodo storico.
Beh, forse sta succedendo adesso! Ancora una volta la Chiesa sta affrontando una crisi e sta
cercando una nuova identità!

Intorno a questo tempo c'era una nuova comprensione del ruolo dei laici nella
Chiesa. La santità era la chiamata di tutti, indipendentemente da qualsiasi stato clericale o laico.
La santità o "devozione" era per la vocazione di tutti gli abitanti di san Francesco di Sales. La santità
può essere acquisita in ogni occupazione. Ha dato esempi di persone sante nella loro
vita quotidiana. Uno di questi è San Giuseppe. Raggiunse la santità facendo il suo
lavoro quotidiano nel laboratorio dei falegnami.
Don Bosco scelse San Giuseppe come uno dei primi mecenati della Società Salesiana.
Giuseppe era un semplice laico che era l'insegnante di Gesù!
San Francesco di Sales (1567-1622) ha scritto e lavorato sull'idea della chiamata alla
santità di tutti, senza eccezioni.
La società salesiana:
Questo è stato l'ambiente in cui Don Bosco ha iniziato a formare le sue idee di una nuova
società. Voleva avere sia sacerdoti che laici impegnati nella ricerca della santità
lavorando come partner per la salvezza dei giovani.

Ma la sua idea del Fratello salesiano si è formata gradualmente, e si sta ancora evolvendo oggi.
Lo scopo della congregazione è quello di unire i suoi membri, sacerdoti, studenti clericali e
laici, allo scopo di perfezionarsi imitando il nostro divino Salvatore,
specialmente nella carità verso i giovani: Don Bosco, 1858 stesura di Costituzioni.
Negli anni dal 1858 al 1862 Don Bosco stava lavorando alla sua stesura delle
Costituzioni salesiane e parla di laici, non di fratelli coadiutori.
Società di San F d Vendite
La Congregazione fu fondata il 9 dicembre 1859 con 19 membri. Erano tutti dei chierici.
C'erano dei laici che lavoravano con Don Bosco per tutto questo tempo.

Dal 2 febbraio 1860, solo due mesi dopo, il primo laico prese i voti come salesiano.
Il suo nome era Joseph Rossi.

Due anni dopo, il 14 maggio 1862 vennero ammessi nella
Società ventidue membri, due dei quali erano laici.
Nel 1867 Don Bosco usava il termine coadiutore che significava aiutanti laici o domestici,
non religiosi.
Costituzioni ...
Nel formare le sue Costituzioni, Don Bosco fu influenzato in parte dalla
Congregazione delle scuole di carità e dai vincenziani che avevano membri laici,
ma avevano un ruolo secondario. Don Bosco voleva che i suoi laici e sacerdoti
condividere la stessa consacrazione e apostolato. Don Bosco stava pensando ad una
vocazione religiosa salesiana che sarebbe stata aperta ai membri che potevano optare sia
per il sacerdozio che per lo stato laicale. Questa è l'originalità di cui
parla don Caviglia .
Il salesiano coadiutore, senza alcun segno esteriore abitato dai consigli evangelici,
esemplifica nella sua vita il modello della persona cristiana secondo l'
esempio di Gesù. (Parafrasando don Cavaglia) Per
quanto chiara fosse l'idea di Don Bosco, ci vollero ancora molti anni per concettualizzare
ed esprimere in pratica la natura e il compito apostolico del salesiano laico. (A.
Lenti)

Problemi già!

Anche in questa fase iniziale della storia della Compagnia,
alcuni avevano la tendenza a considerare i Fratelli come una classe inferiore!

Il 31 marzo 1876, nella sua buona notte don Bosco disse:

"Non c'è distinzione tra membri della Congregazione. Tutti sono
trattati allo stesso modo, artigiani, giovani chierici e sacerdoti. Ci consideriamo
fratelli "
Nel 1877, in una nuova edizione scritta a mano dei regolamenti per la Casa e l'
Oratorio, Don Bosco usò per la prima volta il termine" coadiutore "per descrivere sia
gli aiutanti domestici che i membri laici-religiosi del salesiano Congregazione.
I coadiutori che appartengono alla congregazione devono mantenere le pratiche di pietà
elencate nella loro regola. Quindi ora c'è una chiara distinzione tra gli
aiutanti domestici e i salesiani laici. Ma il termine coadiutore era ancora usato per entrambi.
Ancora!
Nel 1883, solo sette anni dopo la suddetta dichiarazione di Don Bosco, qualcuno disse
al terzo Capitolo Generale tenuto a Valdocco,

"I coadiutori devono essere tenuti bassi ..."!

Don Bosco ha reagito bruscamente,

"Affatto. I nostri fratelli coadiutori sono come tutti gli altri ".
Nello stesso capitolo del 1883, Don Bosco voleva che i membri laici continuassero ad
essere chiamati coadiutori e anche gli aiutanti laici. Tuttavia, l'idea di chiamare i
"coadiutori" Brother è stata discussa per la prima volta.
Subito dopo questo capitolo il termine "coadiutore" era usato solo per i
membri religiosi laici della Società.
Il ruolo del fratello:

Don Bosco ha dovuto chiarire ulteriormente le sue idee.
Ha detto ai Fratelli in una conferenza qualche tempo dopo, menzionando molti
campi di lavoro, dai workshop alle aule, alla gestione finanziaria e
altri:

"Non siete voi a prendere direttamente le faccende manuali. Il tuo compito è di dirigere.
Dovresti agire come il supervisore degli operai, non come un servitore ...
Non dovresti essere servi, ma padroni; non sudditi ma superiori. "
Ora ti dirò il mio secondo punto. Poiché tu stai aiutando in un
lavoro così importante , devi essere un uomo di grande virtù ...
Per Don Bosco la sua idea del fratello si è evoluta gradualmente, ma ha sempre parlato di
unità e uguaglianza, dove tutti sono legati dalla vita comune, dalla carità comune
e dalla voti semplici

Da "Don Bosco: Storia e Spirito" di Arthur Lenti:

Un primo passo delle Costituzioni di Don Bosco:
"Tutti i membri riuniti guidano la vita comune, legati insieme solo dalla
carità fraterna e dai voti semplici, che li uniscono per formare un cuore e
un'anima per amare e servire Dio. "
Formando le sue Costituzioni, Don Bosco fu influenzato in parte dalla
Congregazione delle scuole di carità e dai vincenziani che avevano membri laici,
ma aveva un ruolo secondario.
Don Bosco voleva che i suoi laici e sacerdoti condividessero la stessa consacrazione e
apostolato.
Don Bosco pensava ad una vocazione religiosa salesiana che sarebbe stata aperta ai
membri che potevano optare per il sacerdozio o per lo stato laicale.
Questa è l'originalità di Don Bosco di cui parla don Caviglia.
Per quanto chiara fosse l'idea di Don Bosco, ci sono voluti ancora molti anni per concettualizzare
ed esprimere in pratica la natura e il compito apostolico del salesiano laico. (A.
Lenti)
Qual è l'essenza dell'idea di Don Bosco che non dobbiamo perdere?
Per Don Bosco i suoi salesiani laici lavoravano nelle officine e nelle
scuole commerciali , in ufficio e in città, nelle aule scolastiche, nel cantiere e
nell'agriturismo, e nelle missioni, infatti in tutte le aree in cui il lavoro doveva Essere trovato.

Il salesiano fratello potrebbe riempire qualsiasi area di lavoro.

Ma deve essere adeguatamente addestrato. Sia professionalmente che spiritualmente.
L'unico posto dove il Fratello non poteva andare era quello riservato specificamente al
Sacerdote con la sua ordinazione.
Michael Rua 1888 - 1910;
"La nostra Società è così costituita che offre abbondanti possibilità per il
ministero apostolico non solo ai suoi membri sacerdoti, ma anche ai suoi cari fratelli salesiani ...
la formazione del personale è vitale per il lavoro della nostra Società ... molti hanno
diplomi di scuola superiore, gradi universitari e le credenziali di insegnamento ... "
Paul Albera 1911 - 1921:
" Nei vecchi ordini religiosi i fratelli laici formano una specie di secondo ordine ... Don
Bosco ha eliminato questo dualismo. Tutti i salesiani condividono gli stessi diritti e
privilegi ... sono pienamente religiosi salesiani, con la stessa vocazione salesiana, e lo stesso apostolato dei sacerdoti, eccetto quello che appartiene al
ministero ordinato.
Era una presenza salesiana che rappresentava Don Bosco dove i chierici non potevano
andare a causa dell'atmosfera anticlericale dell'epoca.

E adesso? C'è un sentimento anticlericale ora? Dove ci inseriamo oggi?
Penso che anche oggi nella Chiesa ci sia una nuova realizzazione del clericalismo
all'interno della Chiesa e il danno che ha fatto.
Il clericalismo pone la gerarchia della Chiesa in una posizione di potere sui laici, che
può essere abusata.
Abbigliamento:
fin dall'inizio Don Bosco voleva che i Fratelli si vestissero perfettamente come
laici.

Curiosamente in alcune province in passato e anche oggi, c'è stata una
tendenza per i Fratelli a vestirsi quasi come chierici che indossano in bianco e nero ea
volte anche un collare clericale! Ho sentito parlare di fratelli vestiti con le mani e le
tonache!

Ma Don Bosco voleva che fossimo religiosi in maniche di camicia.
Quindi cosa sta succedendo? C'è ancora confusione su chi sia il fratello?
Don Bosco non ha chiarito?
Non si tratta di ciò che indossiamo o di ciò che siamo chiamati. Chi siamo e la nostra fede in
Gesù Cristo è tutto ciò che conta.
Chi siamo non è ciò che indossiamo o ciò che siamo chiamati o quale distintivo o medaglia
indossiamo. Non siamo i nostri pantaloni o la nostra maglietta!
Il fratello salesiano è un uomo di fede in Gesù Cristo. È un salesiano di Don
Bosco.
Diamo testimonianza a Gesù attraverso l'esempio della nostra vita. Diamo testimonianza
all'esistenza di Dio attraverso le nostre relazioni con tutti coloro che incontriamo.
Conduciamo il giovane e il vecchio alla fede con l'esempio della nostra vita di fede.

Il salesiano fratello oggi:
Però!

Il fratello salesiano è un laico consacrato che cerca la santità con la pratica
dei voti semplici. Questo porta le responsabilità e la disciplina della
vita religiosa . La fedeltà alla nostra chiamata è la più grande testimonianza che possiamo dare al mondo.
Siamo uomini che camminano sulle orme di Don Bosco dedicato alla salvezza delle
anime, specialmente i giovani e quelli più bisognosi, soprattutto attraverso l'educazione.
Siamo chiamati a lavorare in qualsiasi campo sia richiesto per il lavoro della
Congregazione.

Il Fratello salesiano è un profeta che parla la verità con la sua vita ed è un segno
di contraddizione nel mondo. Sfidiamo le
società consumiste e materialiste in cui viviamo.

Il Fratello salesiano è pronto ad essere testimone visibile dell'esistenza di Dio con la
sua vita.
I frutti delle sue fatiche saranno visti nelle vite di coloro che ha educato. Egli
semina il seme e qualcun altro raccoglie il raccolto.
Crisi:
in Australia, a causa della crisi degli abusi in tutto il mondo, i religiosi stanno vivendo
un declino dello status. Non siamo più tenuti in alta considerazione automaticamente. Dobbiamo
guadagnare la fiducia e la stima delle persone.
Alcuni dei nostri confratelli hanno paura di dire che lavorano al "Salesian College".
Oggi tutti i religiosi stanno affrontando un mondo ostile. Forse è simile al tempo di Don
Bosco.
Visibile, credibile e fruttuoso:
Siamo chiamati come salesiani a essere un segno della realtà di Dio per i giovani.
La nostra testimonianza:
le domande che i giovani spesso chiedono mi mostrano che la mia vita fa riflettere.
Vedono ciò che rappresento e sono confrontati ad esso, ad esempio un ragazzo afferma che
sa perché faccio quello che faccio. Gli chiedo di spiegare. Lui risponde che io faccio quello che faccio
perché credo in Dio. È venuto a questa convinzione solo vedendomi in giro per la
scuola. Forse verrà alla Fede attraverso il mio esempio. Lo spero.
Perché sei diventato un fratello? Spesso chiedono.
Questa è sempre un'apertura per qualche fruttuosa conversazione sull'idea della
vita religiosa , Gesù e Don Bosco.
Don Bosco è stato un modello di santità perché il suo lavoro ha rotto con il modo di
pensando e credendo ai suoi contemporanei. (Rettor Maggiore)
Don Michele Rua 1888-1910
La nostra Società è così costituita che offre abbondanti possibilità per il
ministero apostolico non solo ai suoi membri sacerdotali salesiani, ma anche ai suoi cari
fratelli salesiani ... la formazione del personale è vitale per il lavoro del nostro La società ... molti
hanno diplomi di scuola superiore, titoli di studio e credenziali di insegnamento ...
Don Albera: 1911 - 1921 Nei vecchi ordini religiosi i fratelli laici formano una specie di secondo ordine ...
Don Bosco ha eliminato questo dualismo. Tutti i salesiani condividono gli stessi diritti e
privilegi ... sono pienamente religiosi salesiani, con un'unica vocazione salesiana, e
lo stesso apostolato dei sacerdoti, eccetto quello che appartiene al
ministero ordinato .

Quali aspetti della sua santità sembrano più interessanti oggi?
Possiamo interpretare il Vangelo di Cristo per i nostri tempi, come ha fatto Don Bosco per il suo?
Possiamo essere così pericolosamente fantasiosi oggi come lo era Don Bosco?
Come dobbiamo rispondere alla nostra situazione attuale? E non solo copiare ciò che
fanno gli altri ?
Come possiamo imitare Cristo nel rispondere alle nostre situazioni particolari oggi?

Le mie referenze sono: "Il fratello salesiano" Roma 1989
"Laici religiosi di Don Bosco" di Enzo Bianco
"Don Bosco" Teresio Bosco
"Introduzione alla vita devota" Francis de Sales