Conseil Ressources

Missione Salesiana in situazione di frontiera e primo annuncio cristiano in Europa oggi Praga (Repubblica Ceca), 4-10 novembre 2010.

Missione Salesiana
in situazione di frontiera
e primo annuncio cristiano
in Europa oggi
Praga (Repubblica Ceca),
4-10 novembre 2010
Roma 2013
Salesiani di Don Bosco
Settore per le Missioni
Figlie di Maria Ausiliatrice
Ambito Missioni
Giornate di StudioEditrice S.D.B.
Edizione extra commerciale
Direzione Generale Opere Don Bosco
Via della Pisana, 1111
Casella Postale 18333
00163 Roma
Tipolitografia Istituto Salesiano Pio XI - via Umbertide, 11 - 00181 Roma
Tel. 06.78.27.819 • tipolito@donbosco.it
Finito di stampare: giugno 2013
4“Ecco l’agnello di Dio!”
“Abbiamo trovato il Messia!”
“Che cosa cercate?”
“Venite e vedrete!” (Gv 1, 35-42)
La sfida del “primo annuncio” oggi in Europa
5 6Indice
Premessa ...................................................................................................... 9
Giornate di studio: parole di presentazione
Václav Klement SDB .................................................................................... 11
Giornate di studio: parole di introduzione
Alaíde Deretti FMA...................................................................................... 13
Conoscenza della realtà attuale sul primo annuncio in Europa:
quale primo annuncio di Gesù Cristo in Europa oggi?..................... 19
“Ecco l’agnello di Dio!”, “Abbiamo trovato il messia!”,
“Che cosa cercate?”, “Venite e vedrete!”
Maria Ko FMA............................................................................................ 21
Primo annuncio: verso un concetto condiviso
Ubaldo Montisci SDB................................................................................... 32
Testimoniare e annunciare Gesù Cristo nel contesto post-moderno
e secolarizzato europeo: sfide ed opportunità
Dalle risposte dei partecipanti: Flavio Depaula SDB - Ungheria,
Raquel Noain FMA - Barcelona e Grazyna Sikovà FMA - Polonia ...................... 41
L’incontro di Gesù con tre personaggi in situazione diversa
Maria Ko FMA............................................................................................ 45
L’annuncio e la testimonianza di Gesù Cristo nell’ambiente
dell’Europa postmoderna e secolarizzata: sfide e opportunità
Tomáš Halík................................................................................................ 56
Risposta alla conferenza di Tomáš Halík
- implicazioni per la missione salesiana
Luis Fernando Gutierres SDB........................................................................ 68
Testimoniare e annunciare Gesù, in Europa, in dialogo con le altre
confessioni cristiane e le altre religioni................................................ 70
Il cammino ecumenico e il dialogo interreligioso in Europa:
sfide e opportunità
James Puglisi SA ......................................................................................... 73
7
78
Risonanza: testimonianza e attuazione della missione salesiana
in ambienti musulmani di Francia
Valentina Delafon FMA ................................................................................ 78
Orizzonti di primo annuncio per la Famiglia Salesiana in Europa oggi:
condizioni, strategie, metodologie, contenuti
Maria Ko FMA............................................................................................ 80
Orizzonti di primo annuncio per la Famiglia Salesiana in Europa oggi:
condizioni, strategie, metodologie, contenuti
Ubaldo Montisci SDB - Lorenzina Colusi FMA ................................................ 89
Vescovi europei sul primo annuncio ......................................................... 101
Esperienze
Pina Bellochi VDB - Italia ............................................................................ 104
Petr Imlauf ASC - Praga............................................................................... 107
Osservazioni finali....................................................................................... 111
APPENDICE
APPENDICE 1
Scheda 1 - Alzati e va’................................................................................. 115
Scheda 2 - Primo Annuncio: cos’è? ........................................................... 117
Scheda 3 - Condivisione della parola: ecco, l’agnello di Dio! ................. 120
Scheda 4 - Va’ avanti................................................................................... 124
Scheda 5 - Condividere il dono della fede................................................. 126
Scheda 6 - Seduto sul carro leggeva la scrittura ...................................... 129
Scheda 7 - Come posso capire? .................................................................. 132
Scheda 8 - San Francesco di Sales: la vera libertà e il primo annuncio . 135
Scheda 9 - La Vita Consacrata ed il dialogo ecumenico e interreligioso.. 139
APPENDICE 2 - Partecipanti ................................................................... 143
APPENDICE 3 - Pubblicazioni del settore per le Missioni .................... 145
8Vi presentiamo le Giornate di Studio sul Primo Annuncio Missio-
nario nel contesto della Missione Salesiana in situazione di frontiera in
Europa.
L’obiettivo di queste Giornate è di approfondire il tema del primo an-
nuncio di Gesù in Europa in dialogo con le culture, le religioni e le nuove
sensibilità, e scoprire nuove prospettive che rinnovino la prassi missionaria.
Si desidera inoltre l’avvio di una riflessione missionologica sul
campo della missione salesiana in situazione di frontiera europea. Per
frontiera/periferia abbiamo indicato quei “luoghi” dove più urgente è
la testimonianza e il primo annuncio di Gesù, al fine di offrire più digni-
tà e speranza ai giovani.
Per facilitare la ricerca, lo studio, il dialogo e il confronto sono state
scelte persone rappresentanti delle diverse realtà dell’Europa salesiana.
Le Giornate sono convocate e animate da D. Klement Václav, Consi-
gliere Generale per le Missioni sdb, Sr. Alaíde Deretti, Consigliera Gene-
rale per la Missione ad/inter gentes fma, con le rispettive équipe. Per la
conduzione delle medesime si prevedono due facilitatori, uno SDB e una
FMA del posto, in qualità di esperti.
La metodologia è partecipativa nello stile del laboratorio, prima,
durante e dopo le Giornate.
Per stimolare il confronto sull’argomento, i relatori invitati sono scelti
dall’esterno della Famiglia Salesiana.
La pubblicazione degli Atti con diverse schede consente alle comunità
locali l’utilizzo del materiale in vista della loro formazione permanente.
Le Giornate di Studio che ora presentiamo, sono quelle realizzate a
Praga (Repubblica Ceca), dal 4 - 10 novembre 2010.
Václav Klement SDB 31 March 2013
Consigliere per le Missioni Easter Sunday
Premessa
9
910
“Una Chiesa che evangelizza deve sempre comin-
ciare dalla preghiera, dal chiedere, come hanno fatto
gli apostoli nel cenacolo, il fuoco dello Spirito Santo.
Solo un rapporto fedele e intenso con Dio ci permette
di andare fuori delle nostre chiusure e annunciare
il Vangelo con ‘parrhesia’ (coraggio)”.
Papa Francesco
[Udienza generale, 22.05.2013]
1011
Nel mondo globalizzato dove ogni paese è diventato una terra di mis-
sione, la Chiesa universale sente l’urgenza di riscoprire le dinamiche del-
l’annunzio iniziale del Vangelo. Dopo il cammino tracciato da quasi tutti
i vescovi del nostro continente, siamo radunati oggi a Praga, per riflette-
re sui cammini realizzati come Famiglia Salesiana in Europa. Dopo qua-
si due anni di preparazione, ci troviamo insieme Salesiani di Don Bosco,
Figlie di Maria Ausiliatrice, un Salesiano Cooperatore e una Volontaria
di Don Bosco.
Per noi Salesiani affrontare il tema del primo annuncio di Gesù signi-
fica interrogarsi sulle dinamiche missionarie della Chiesa e della Congre-
gazione: si tratta di una questione cruciale della nuova evangelizzazione.
Propongo un elenco di elementi che compongono il complesso mo-
saico dell’annuncio iniziale di Gesù:
– realismo umile di riconoscerci come una minoranza nella società po-
co cristiana o post-cristiana con tutte le opportunità e sfide congiunte;
– futuro delle comunità cattoliche di Europa che ormai crescono grazie
ai migranti cristiani che arrivano ogni giorno dagli altri continenti;
– bisogno dell’apertura nel dialogo di vita con i post-cristiani, non cri-
stiani, giovani indifferenti o lontani dei nostri ambienti;
– affermare l’importanza della famiglia, della pastorale famigliare
come un luogo privilegiato per il primo annuncio del Vangelo;
– vivere in mezzo ai giovani, che crescono già da alcune generazioni
senza le catene tradizionali di trasmissione della fede: come famiglia
e comunità cristiana (parrocchia);
– convinzione profonda che nell’Europa solo una Chiesa missionaria
avrà futuro;
– capacità di condividere l’esperienza di Dio con gli altri.
Perché siamo a Praga? Alcune principali sfide europee della Chiesa si
Parole di presentazione
Václav Klement SDB
Consigliere per le Missioni
1112
possono incontrare proprio in questo luogo, segnalato da molti come il
più lontano dal Vangelo, sia per la secolarizzazione di tipo occidentale,
sia per l’influsso del comunismo che è possibile riscontrare nella situa-
zione sociale e culturale di questo paese.
La Chiesa di tutti i tempi non può vivere senza condividere la fede
con i suoi vicini, specialmente con i non cristiani. Si tratta di un tema
molto attuale che è stato affrontato dai diversi episcopati europei i quali
invitano non solo a contribuire alla nuova evangelizzazione dell’Europa,
ma anche a una continua apertura per contribuire alla missione ad gentes
della Chiesa universale; non solo a un annuncio personale di Gesù Cristo,
ma anche a offrire un contributo all’evangelizzazione della cultura Euro-
pea in tutti i campi, specialmente nel mondo giovanile e nella scuola do-
ve abbiamo una missione privilegiata.
Come Salesiani, sempre immersi nella missione giovanile, a volte ci
manca il tempo per riflettere sulla nostra prassi, sulle nostre convinzioni.
Le giornate di studio mirano a una riflessione comune, onesta e mirata
sulla nostra missione di evangelizzatori nell’Europa.
Vogliamo offrire i frutti della nostra riflessione, alcune intuizioni, al-
le numerose comunità del continente Europeo, dove siamo ancora pre-
senti ben 6.500 Salesiani.
Affido tutto il nostro stare con Maria, Madre della Chiesa, che era
presente nel cenacolo con i discepoli di Gesù prima della Pentecoste.
Maria, Madre della speranza, cammina con noi!
Insegnaci a proclamare il Dio vivente;
aiutaci a testimoniare Gesù, l’unico Salvatore;
rendici servizievoli verso il prossimo,
accoglienti verso i bisognosi,
operatori di giustizia,
costruttori appassionati
di un mondo più giusto;
intercedi per noi che operiamo nella storia
certi che il disegno del Padre si compirà.
1213
Carissimi fratelli e sorelle,
in questa bellissima città di Praga, diamo inizio alle giornate di
riflessione sulla Missione Salesiana in situazione di frontiera e primo
annuncio cristiano in Europa oggi.
“Essendo giunto Gesù nella regione di Cesarea di Filippo, chiese ai
suoi discepoli: La gente chi dice che sia il Figlio dell’uomo? E voi chi
dite che io sia?” Mt. 16,13-20
Due domande interessanti che rivelano interesse da parte di Gesù: di-
mostrano la curiosità di conoscere l’opinione pubblica della gente a suo
riguardo e cosa ne pensano i suoi discepoli.
Penso che queste e altre domande simili ci saranno motivo di ispira-
zione e ci accompagneranno lungo questi giorni.
In un’Europa sempre più post/moderna, sempre più plurale per cultu-
re, religioni e sensibilità intellettuali e umane, quale posto occupa Gesù di
Nazaret? Nella metamorfosi dell’Europa, iniziata da parecchi secoli e in
continua evoluzione dovuta anche ai grandi flussi migratori, c’è posto per
una nuova testimonianza e un primo annuncio di Gesù? Il Dio di Gesù ha
un ruolo significativo nella costruzione della nuova Europa? Interessa
agli uomini e alle donne la ricerca di senso, di verità, di vita eterna? Se sì,
a quali condizioni?
Molti autori affermano che la crisi attuale non è di fede ma di forme.
Assistiamo, infatti, alla fine di un certo cristianesimo. Sono domande in-
teressanti e suscitano nuovi interessi.
Nello scenario del cambio dell’epoca in cui tutti siamo coinvolti,
ognuno di noi si sente domandare da Gesù: cosa dici di Me?
Nell’evolversi della nostra esistenza, qui e ora, quale nuovo senso di
vita scopriamo in Lui?
La persona di Gesù e il suo messaggio di libertà e di speranza per tut-
ti ci tocca profondamente e ci interpella. Abilitarci a saper dare ragione
Parole di introduzione
Alaíde Deretti FMA
Consigliera per la Missione
13della nostra fede e speranza con linguaggi comprensibili alla gente è que-
stione di preferire i cammini concreti incarnati nella storia delle persone,
nella fragilità e nelle conquiste umane.
Forse dovremmo rinascere di nuovo, come Nicodemo, per scoprire
l’evento e la sorpresa di Dio, il soffio dello Spirito, le diverse e misterio-
se maniere con le quali Egli si interessa di noi.
“In verità, in verità ti dico, se uno non rinasce dall’alto, non può ve-
dere il Regno di Dio (…) Quello che è nato dallo Spirito è Spirito. Il ven-
to soffia dove vuole e ne senti la voce ma non sai da dove viene né dove
va … così è chiunque è nato dallo Spirito”. (Gv 3,3 e 8)
Siamo consapevoli che nel passato la conoscenza di Gesù l’abbiamo
data per scontata: la famiglia, la scuola, la parrocchia, tutta l’azione pa-
storale e catechetica lo presupponeva. Oggi, ci sono autori che considera-
no l’annuncio di Gesù come un anello dimenticato della catena. Davanti
alla seconda o terza generazione di giovani, che prescindono da Dio per-
ché nessuno gliel’ha fatto incontrare, davanti a giovani immigrati apparte-
nenti ad altre religioni o fedi, abbiamo bisogno di rinascere alla speranza
e alla sorpresa di Dio. Abbiamo bisogno di piccole comunità cristiane mis-
sionarie che vivano scoprendo i segni dei tempi, e riflettano sul primo an-
nuncio di Gesù, per poterlo narrare con gesti e parole (cfr. EE. nn. 46,50).
Oggi in molte chiese e comunità diocesane si sta prendendo maggior
consapevolezza di questa urgenza e necessità.
L’Europa lungo la sua storia, pur tra ambiguità e contraddizioni, por-
ta avanti, grazie anche alla sua tradizione cristiana, un discorso di laicità,
di libertà e di prossimità/solidarietà verso il diverso, verso i più poveri.
L’audacia missionaria segna la storia delle Chiese in Europa e della nostra
Famiglia Salesiana.
Allo stesso tempo però riscontriamo un movimento verso la differen-
za: il fenomeno di protezione dello spazio locale, regionale o nazionale,
della cultura minoritaria. In questo senso l’Europa è stata sempre un gran-
de mosaico. Anche le nostre Ispettorie in Europa, mi riferisco alle FMA,
risentono di questo fenomeno, molte si credono autosufficienti e autore-
ferenziali, costatando nella propria carne la fatica dell’aprirsi agli “altri”,
di accoglierli da uguali. È in questo spazio esistenziale che desideriamo
proporre il primo annuncio di Gesù.
14
141 “La Chiesa non può certo abbandonare l’esperienza fondante di Gesù Cristo, il Verbo
Incarnato, il Figlio di Dio che venne nel mondo per la salvezza di tutti. La Chiesa, in
virtù della sua vocazione, si sente vincolata all’obbligo di annunciare Gesù Cristo come
il Salvatore. Allo stesso tempo, però, una Chiesa che vive in un mondo pluralistico non
può trascurare l’opera dello Spirito di Dio in tutte le persone umane, in tutte le culture e
le religioni”. G. KARAKUNNEL, in Cristologia e missione oggi, Urbaniana, Roma 2001.
Sappiamo per fede che lo Spirito sta lavorando nel terreno europeo
sebbene ci siano “le rose e le spine”, e in molte occasioni sia notte. La
chiamata a essere segni dell’amore di Dio deve partire dalle realtà euro-
pee. A volte, considerando i grandi scandali presenti nella Chiesa, nasce
la tentazione di nascondere la testa nella sabbia e aspettare tempi miglio-
ri. Ma questi non verranno, perché la nostra esistenza cristiana si realizza
qui e oggi. L’Europa che stiamo vivendo è la nostra Galilea dei Gentili,
dove il Signore ci invia ad andare. Siamo di fronte ad un mistero di gra-
zia, di dono e di responsabilità.
Ci troviamo qui rappresentanti dell’Europa occidentale, centro orien-
tale, orientale, del Nord e del Sud, per dialogare e condividere gli itinera-
ri iniziati rispetto al primo annuncio.
Si è fatta la scelta di un piccolo gruppo per facilitare il dialogo e il
confronto. L’argomento ha richiesto preghiera, ricerca, riflessione e di-
scernimento. È in questa prospettiva che desideriamo vivere le giornate
per scoprire e lasciarci sorprendere dalla presenza dello Spirito del Signore
in Europa, che è piena di sfide e tuttavia portatrice di tante speranze.
L’approccio sul primo annuncio di Gesù nell’Europa di oggi lo desi-
deriamo affrontare:
✓ nella prospettiva dell’Incarnazione: Il centro dell’annuncio è Gesù di
Nazaret, Dio dal volto umano, il segno più sorprendente dell’amore
(cfr. Ef 3,18-19) di Dio. Egli ha testimoniato e annunciato che Dio è
in rapporto costante con l’umanità e il cosmo. Ha reso visibile la
Missione di Dio.
✓ in una Chiesa che rinasce costantemente quando si lascia spingere
dallo Spirito verso gli “altri”, verso le nuove frontiere della missione.
Una Chiesa formata da piccole comunità cristiane che tendono verso
la comunione: popolo in cammino, disponibile al dialogo e al servizio
dei poveri. (cfr. LG, AG, RM 1, 4, 7, 22, 23, 32) 1
15
152 Ireneo parla di Gesù e dello Spirito Santo come delle due mani di Dio. Ciò significa
che Dio si pone in rapporto diretto col mondo sia in Cristo che nello Spirito. Dio è coin-
volto nella storia del mondo attraverso le operazioni dello Spirito Santo e l’incarnazione
del Figlio.
Questa Chiesa rinata dal Vaticano II sta prendendo sempre maggior
consapevolezza che non può realizzare la Missione di Dio da sola. Sap-
piamo per tradizione 2 e per fede che Dio attraverso il suo Spirito continua
oggi la sua presenza salvatrice/liberatrice nel mondo in maniera sorpren-
dente e sconosciuta, “nel cuore degli uomini e delle donne di buona vo-
lontà” (cfr. GS 22, RM 6, 10, 28, 56).
Dio è implicato nella storia e in essa, infatti, sono visibili i segni del
suo operare.
Di qui l’atteggiamento positivo di fiducia e di speranza nell’esisten-
za umana, nell’esperienza delle singole persone, nella situazione concre-
ta dei giovani “altri”, i “lontani” (diversi per fede, per etnia, per cultura,
per sensibilità), nell’evoluzione della storia e della scienza. E non solo:
questa realtà richiede persone nuove, con una fede più personale e adul-
ta, capaci di discernere e di confrontarsi criticamente con gli altri per,
intravedere i segni dell’azione di Dio.
In queste giornate la priorità della nostra condivisione è il primo an-
nuncio di Gesù. Questa priorità va considerata in rapporto e interdipen-
denza con le altre dimensioni della missione. L’annuncio non può dimen-
ticare l’impegno di numerose comunità cristiane, che con coraggio intra-
prendono itinerari per promuovere l’impegno per la giustizia, la pace,
l’interculturalità, i diritti dei popoli, la pratica del dialogo interreligioso e
della riconciliazione tra persone e popoli. La missione della Chiesa oggi
è pluridimensionale, perché attraversata da elementi diversi somiglianti e
interdipendenti.
Inoltre sappiamo che la testimonianza e l’annuncio di Gesù sono in-
separabili. Il primo mezzo di evangelizzazione, scrisse Paolo VI, è la te-
stimonianza di una vita autenticamente cristiana (cfr. EN 41); l’annuncio,
leggiamo nel documento Dialogo e annuncio, è il fondamento, il centro
e il vertice dell’Evangelizzazione. Quanto a Gesù, la sua missione fu ca-
ratterizzata sia da parole e sia da opere, le quali si spiegano a vicenda. Le
16
16sue parabole e i suoi insegnamenti sono messaggi profetici che spesso
contraddicono la tendenza della sapienza e della prassi religiosa comune-
mente accettata; le sue guarigioni e i suoi esorcismi sono parabole in azio-
ne, e la sua prassi di accogliere attorno alla sua tavola coloro che si tro-
vavano al margine della società, è una testimonianza potente della validi-
tà del suo insegnamento (cfr. DA 56-57).
L’atto dell’annuncio, come quello della testimonianza, richiede di
prendere in considerazione il contesto storico in cui si opera. Nell’epoca
della globalizzazione, il vangelo deve riconoscere il valore antropologi-
co delle culture e dei contesti locali e schierarsi con decisione dalla par-
te delle vittime, della giustizia.
In un mondo post-moderno, una particolare attenzione deve essere
riservata all’annuncio di Gesù, come unico vero salvatore del mondo,
nonostante la reale validità di altre vie religiose.
In un mondo attento ai diritti umani e consapevole delle verità delle
religioni, possiamo avere la tentazione di togliere mordente alla tradizio-
ne profetica del Primo annuncio di Gesù, accontentandoci di una testi-
monianza nascosta, privata.
Inoltre in un mondo segnato da una crescente violenza religiosa, da
nuovi fenomeni, alcuni dei quali settari e liquidi, possiamo essere tentati
di scegliere uno stile di testimonianza e annuncio di Gesù vigoroso, in-
vadente e presuntuoso, e trascurare i valori della tolleranza, della laicità,
della libertà e del dialogo che la modernità ci ha lasciato in preziosa ere-
dità. Non possiamo ridurre il contesto odierno dell’Europa alla secolariz-
zazione e al relativismo.
La missione di annunciare/testimoniare Gesù, deve essere a tutti i co-
sti dialogica, perché in ultima analisi non è altro che la partecipazione al-
la natura dialogica del Dio uno/trino, alla sua Missione per l’uomo e la
donna. Ma deve anche essere profetica, perché in fondo non vi può esse-
re alcun dialogo reale, quando la verità, Gesù di Nazaret, non è espressa
e articolata chiaramente e senza compromessi.
Siamo convinti che attuare in maniera nuova la testimonianza/annun-
cio di Gesù di Nazaret nella prassi educativa, o nelle occasioni di vita
17
173 Come nuovi segni di speranza, Fr. Mauro Johri OFMCAP, nell’Unione Superiori
Generali, afferma: “Sono molto lieto di sapere che qua e là i miei confratelli si stanno dan-
do da fare per uscire da questa situazione di stallo. Mi riferisco per esempio al Festival
francescano che i cappuccini dell’Emilia Romagna, lo scorso autunno durante un fine di
settimana, hanno proposto per le piazze di Reggio Emilia. (...) Lo stesso hanno fatto i fran-
cescani di Polonia in occasione della celebrazione dell’Ottavo centenario della Proto Re-
gola: sono andati in piazza e a due a due sono andati verso le persone parlando loro di Ge-
sù. Il primo frutto del loro gesto è stato quello di scoprire che ciò è possibile e che ci so-
no persone disposte ad ascoltarti”.
quotidiana, in dialogo con le situazioni socio/culturali/religiose dei
giovani e degli adulti, è contribuire a declinare il Sistema Preventivo in
Europa, rendendolo sempre più attuale.
A noi rimane la gioia e la fatica di interpretare, di comprendere cosa
Dio ci dice con le parole, le conversazioni degli uomini e delle donne del-
l’Europa: la gente cosa dice di Me? E quali parole lo Spirito mette sulle
nostre labbra per comunicare Gesù, la Parola eterna del Padre e il Regno
che Egli ha testimoniato con parole e opere? Scoprire il dono di Dio
negli altri e offrire quello che abbiamo ricevuto, è in definitiva una reci-
proca testimonianza/annuncio.
Quello del Primo Annuncio è un compito di grazia e responsabilità.
Lo faremo in linea di continuità con la tradizione cristiana; di qui l’ur-
genza di conoscere i documenti della Chiesa universale e locale, delle
esperienze delle singole persone e/o istituzioni che conosciamo, cercan-
do però di evitare le astrazioni e i sentieri già battuti 3 .
Maria, a 125 anni dal sogno di Don Bosco a Barcellona, ci indichi
le nuove strade per l’ascolto dello Spirito, per la gioia e la speranza
dell’Europa e soprattutto dei giovani più bisognosi.
18
18n. 46 - “In varie parti d’Europa c’è bisogno di un primo annuncio
del Vangelo: cresce il numero delle persone non battezzate, sia per la
notevole presenza di immigrati appartenenti ad altre religioni, sia perché
anche figli di famiglie di tradizione cristiana non hanno ricevuto il Batte-
simo o a causa della dominazione comunista, o a causa di una diffusa
indifferenza religiosa. Di fatto, l’Europa si colloca ormai tra quei luoghi
tradizionalmente cristiani nei quali, oltre a una nuova evangelizzazione,
in certi casi si impone una prima evangelizzazione.
La Chiesa non può sottrarsi al dovere di una diagnosi coraggiosa che
consenta la predisposizione di opportune terapie. Anche nel «vecchio»
Continente vi sono estese aree sociali e culturali in cui si rende necessa-
ria una vera e propria missio ad gentes.”
n. 48 - “Per poter annunciare il Vangelo della speranza, è necessaria una
solida fedeltà allo stesso Vangelo. La predicazione della Chiesa, quindi, in
tutte le sue forme, deve essere sempre più incentrata sulla persona di Gesù
(...). Perché la speranza sia vera e indistruttibile, la «predicazione integra,
chiara e rinnovata di Gesù Cristo risorto, della Risurrezione e della Vita
eterna» dovrà costituire una priorità nell’azione pastorale dei prossimi anni.
Se identico in ogni tempo è il Vangelo da annunciare, diversi sono i
modi con cui tale annuncio può essere realizzato. Ciascuno, quindi, è in-
vitato a “proclamare” Gesù e la fede in Lui in ogni circostanza; “attrarre”
altri alla fede, attuando modi di vita personale, familiare, professionale e
comunitaria che rispecchino il Vangelo; “irradiare” intorno a sé gioia,
amore e speranza, perché molti, vedendo le nostre opere buone, rendano
gloria al Padre che è nei cieli (cfr. Mt 5,16), così da venire “contagiati”
e conquistati; divenire “lievito” che trasforma e anima dal di dentro ogni
espressione culturale”.
Conoscenza della realtà attuale sul primo
annuncio in Europa: Quale primo annuncio
di Gesù Cristo in Europa oggi?
Da “Ecclesia in Europa” (nn. 46-48-50-54-55)
19
19n. 50 - «L’odierna situazione culturale e religiosa dell’Europa esige
la presenza di cattolici adulti nella fede e di comunità cristiane missio-
narie che testimonino la carità di Dio a tutti gli uomini». L’annuncio del
Vangelo della speranza comporta, quindi, che si abbia a promuovere il
passaggio da una fede sostenuta da consuetudine sociale, pur apprezza-
bile, a una fede più personale e adulta, illuminata e convinta.
I cristiani sono, quindi, chiamati ad avere una fede che consenta loro
di confrontarsi criticamente con l’attuale cultura resistendo alle sue
seduzioni; d’incidere efficacemente sugli ambiti culturali, economici,
sociali e politici; di manifestare che la comunione tra i membri della
Chiesa cattolica e con gli altri cristiani è più forte di ogni legame etnico;
di trasmettere con gioia la fede alle nuove generazioni; di costruire
una cultura cristiana capace di evangelizzare la cultura più ampia in cui
viviamo.
n. 54 - “Nello stesso tempo, appare imperativo irrinunciabile il dove-
re di una fraterna e convinta collaborazione ecumenica”. (...) Evangeliz-
zazione e unità. Evangelizzazione ed ecumenismo sono indissolubilmen-
te legati dall’interno.”
n. 55 - Come per tutto l’impegno della «nuova evangelizzazione»,
anche in ordine all’annuncio del Vangelo della speranza è necessario che
si abbia a instaurare un profondo e intelligente dialogo interreligioso, in
particolare con l’Ebraismo e con l’Islam. «Inteso come metodo e mezzo
per una conoscenza e un arricchimento reciproco, esso non è in contrap-
posizione con la missione ad gentes, anzi ha speciali legami con essa e ne
è un’espressione».
20
2021
Premessa
L’Esortazione Apostolica Ecclesia in Europa, nel Cap. III, Annunciare
il Vangelo della speranza, afferma l’urgenza del “primo annuncio e an-
nuncio rinnovato”. Alla fine di questo capitolo troviamo questo invito
energico e caloroso a tutta la Chiesa in Europa:
Chiesa in Europa, entra nel nuovo millennio con il Libro del Van-
gelo! Sia accolta da ogni fedele l’esortazione conciliare «ad ap-
prendere “la sublime conoscenza di Cristo” (Fil 3, 8) con la fre-
quente lettura delle divine Scritture. “L’ignoranza delle Scritture,
infatti, è ignoranza di Cristo”» (Dei Verbum 25). Continui a esse-
re la Sacra Bibbia un tesoro per la Chiesa e per ogni cristiano:
nello studio attento della Parola troveremo alimento e forza per
svolgere ogni giorno la nostra missione.
Prendiamo nelle nostre mani questo Libro! Accettiamolo dal Si-
gnore che continuamente lo offre tramite la sua Chiesa (cfr. Ap 10,
8). Divoriamolo (cfr. Ap 10, 9), perché diventi vita della nostra vi-
ta. Gustiamolo fino in fondo: ci riserverà fatiche, ma ci darà gioia
perché è dolce come il miele (cfr. Ap 10, 9-10). Saremo ricolmi di
speranza e capaci di comunicarla a ogni uomo e donna che incon-
triamo sul nostro cammino (n. 65).
“Ecco l’agnello di Dio!”
“Abbiamo trovato il Messia!”
“Che cosa cercate?”
“Venite e vedrete!”
(Gv 1, 35-42)
Maria Ko FMA 4
4 Maria KO Ha Fong FMA è docente di Sacra Scrittura presso la Pontificia Facoltà
di Scienze dell’Educazione “Auxilium”, Roma.
21Che il Vangelo sia la radice feconda, la fonte inesauribile di novità,
il quadro di riferimento sicuro della nostra riflessione su “Missione
salesiana in situazione di frontiera e primo annuncio cristiano in Europa
oggi”.
Non vogliamo intendere il “primo annuncio” semplicemente in senso
temporale, bensì in termini fondativi, cioè un annuncio che tocca in pro-
fondità l’esistenza e coinvolge tutta la persona umana, un annuncio che
porta alla fede, a un orientamento radicale della vita. Occorre quindi pen-
sare al “primo annuncio” in una luce profetica più che didattica o strate-
gica, occorre scoprire la forza dell’arché, di quel “primo” cui si ritorna
ogni volta che si vuole ritrovare senso.
Apriamo il libro sacro per imparare da Gesù come realizzare il “pri-
mo annuncio”. Rileggiamo il racconto evangelico di Giovanni nei primi
capitoli. Contempliamo come Gesù attira e accompagna i primi discepo-
li, da un camminare timidamente dietro di lui (Gv 1, 35-42) a un rimane-
re in lui, a una testimonianza feconda portando altri a lui. Ascoltiamo la
parola di Gesù nell’incontro con diversi tipi di persone: un giudeo auto-
revole di nome Nicodemo, una donna ordinaria di Samaria con una vita
morale disordinata, un pagano funzionario del re (Gv 3 - 4). Scopriamo
allora con stupore la bellezza dell’amore di Dio che raggiunge tutti i suoi
figli e le sue figlie ciascuno/a nel modo a lui/lei appropriato.
Passiamo dalla vita di Gesù a quella della chiesa primitiva. Ci soffer-
miamo sull’episodio della conversione dell’eunuco etiope narrato con vi-
vacità da Luca negli Atti degli Apostoli (At 8, 26 - 40) e contempliamo
come lo Spirito assiste la Chiesa nei suoi primi passi verso il mondo e co-
me insegna ai primi missionari a fare il “primo annuncio”.
La Parola di Dio illumini la nostra mente e scaldi il nostro cuore, ci
renda sensibili ad ascoltare ciò che lo Spirito dice a noi, alla Chiesa e al-
la Famiglia salesiana oggi.
Ecco l’agnello di Dio! – Abbiamo trovato il Messia! – Che cosa cer-
cavate? “Venite e vedrete!” Gv 1, 35-42
Il racconto della vocazione dei primi discepoli, narrato da Giovanni,
rivela allo stesso tempo il “primo annuncio” di Gesù fatto dagli uomini.
22
2223
L’episodio è assai diverso, per modalità, struttura e ambientazione, da
quello trasmesso dai sinottici. Abbiamo in mente la scena del mare di Ga-
lilea, di Gesù che passa e si ferma, che chiama i fratelli Pietro e Andrea,
Giacomo e Giovanni, dicendo loro: «Seguitemi! Vi farò diventare pesca-
tori di uomini» (Mc 1, 17; cfr. Mt 4, 16 - 22; Lc 5, 1 - 11). Qui troviamo
un racconto diverso: non è sul lago di Galilea, ma in un luogo non preci-
sato, quasi per alludere che il primo incontro con Gesù può ripetersi in
ogni luogo nel tempo della chiesa. I discepoli non sono chiamati insieme,
ma in momenti distinti.
1. La composizione
Il brano 1,19-51 si trova tra il prologo (1,1-18) e la prima rivelazione
di Gesù al mondo, che si compirà a Cana (2,1-12). Dopo un’intensa con-
templazione del mistero di Gesù l’autore invita i suoi lettori a seguire i
fatti della storia, dell’opera del Figlio di Dio fatto uomo per raggiungere
gli uomini suscitando nel loro cuore una risposta di fede. L’eterno s’inse-
risce nel tempo, l’immenso prende dimora in uno spazio limitato. Si pas-
sa così dalla sfera trascendente allo scenario della storia umana, dall’e-
stasi poetica alla narrazione dei fatti concreti.
Il brano è strutturato in uno schema composto di 4 + 3 giorni scandito
dalle indicazioni: “il giorno dopo” (1, 29. 35. 43) e “tre giorni dopo” (2,1).
Questi “giorni” sono stati notati con interesse dagli esegeti. Molti li han-
no collegati ai sette giorni della creazione. Lo schema si presenta così:
Primo giorno (vv. 19-28) - la testimonianza negativa del Battista: egli
confessa di non essere lui il Messia e afferma la sua funzione prepa-
ratoria alla manifestazione del vero Messia.
Secondo giorno (vv. 43-51) - la testimonianza positiva del Battista: egli
testimonia che Gesù è il Figlio di Dio.
Terzo giorno (vv. 35-42) - dietro la testimonianza del Battista, due dei
suoi discepoli seguono Gesù, uno di essi, Andrea conduce al Maestro
il fratello Simone, al quale Gesù assegna il nome Cefa.
Quarto giorno (vv. 43-51) - Gesù prende l’iniziativa di chiamare Filippo,
il quale poi guida Natanaele all’incontro con Gesù.
23Tre giorni dopo (2,1) - questi giorni raggiungono il culmine in 2,1-12:
inizio della manifestazione della gloria di Gesù attraverso il primo
“segno” operato alle nozze di Cana.
La nostra riflessione si concentra in particolare sui fatti del terzo giorno:
[35] Il giorno dopo Giovanni stava ancora là con due dei suoi di-
scepoli [36] e, fissando lo sguardo su Gesù che passava, disse:
«Ecco l’agnello di Dio!». [37] E i due discepoli, sentendolo parla-
re così, seguirono Gesù. [38] Gesù allora si voltò e, vedendo che lo
seguivano, disse: «Che cercate?». Gli risposero: «Rabbì (che si-
gnifica maestro), dove abiti?». [39] Disse loro: «Venite e vedrete».
Andarono dunque e videro dove abitava e quel giorno si fermaro-
no presso di lui; erano circa le quattro del pomeriggio.
[40] Uno dei due che avevano udito le parole di Giovanni e lo ave-
vano seguito, era Andrea, fratello di Simon Pietro. [41] Egli in-
contrò per primo suo fratello Simone, e gli disse: «Abbiamo trova-
to il Messia (che significa il Cristo)» [42] e lo condusse da Gesù.
Gesù, fissando lo sguardo su di lui, disse: «Tu sei Simone, il figlio
di Giovanni; ti chiamerai Cefa (che vuol dire Pietro)».
2. Un’attrazione a catena
All’inizio della scena abbiamo i discepoli che sono con il Battista.
Gesù passa. Il testo non dice né da dove venga, né dove vada, né perché
passa. Egli semplicemente passa e resta ignoto finché qualcuno non lo fa
notare: “Ecco!”.
Giovanni Battista, la cui esistenza ha lo scopo di “rendere testimo-
nianza alla luce, perché tutti credessero per mezzo di lui” (Gv 1,7), con si-
curezza e passione, “fissando lo sguardo su Gesù” lo mostra ai suoi di-
scepoli: “Ecco l’agnello di Dio!”. La forza della sua testimonianza è co-
involgente e il suo entusiasmo contagiante. Due dei suoi discepoli si met-
tono a seguire Gesù. Uno di loro, Andrea, felice della scoperta del Mes-
sia, chiama suo fratello Simone e lo conduce da Gesù. Il giorno dopo, Fi-
lippo, diventato discepolo di Gesù, cerca di coinvolgere Natanaele. Così,
24
2425
a catena, gli attratti da Gesù attirano altri e la cerchia dei discepoli di
Gesù si allarga sempre di più.
Dietro questa catena di attrazione che l’evangelista racconta con
bellezza e agilità di stile, c’è un’attrazione invisibile e ben più fonda-
mentale.
Il Padre attira: Andare a Gesù è per Giovanni prima di tutto frutto
dell’attrazione da parte del Padre. «Nessuno può venire a me, se non lo
attira il Padre che mi ha mandato» (Gv 6, 44), dirà Gesù. L’iniziativa del
Padre non appare sempre in modo esplicito e diretto, ma è sempre reale
e spesso sorprendente.
Gesù attira tutti a sé: Il Padre, che nessuno vede, si rivela in Gesù e at-
tira a sé tutte le sue creature per mezzo di Gesù, soprattutto attraverso la
suprema manifestazione d’amore, il dono totale di sé sulla croce. È Gesù
stesso che dice: «Quando sarò elevato da terra, attirerò tutti a me» (Gv 12,
32). Lungo la sua vita terrena, egli affascina e attira con il suo essere, le sue
parole e le sue opere tante persone aperte a Dio con sincerità di cuore 5 .
I testimoni e i discepoli, prima di attirare altri a Gesù, sono stati essi stes-
si attratti da lui. Essi presentano ad altri il fascino di Gesù da affascinati.
3. Una catena di movimento
Dal primo annuncio di Giovanni - “Ecco l’agnello di Dio!” - scaturi-
sce una serie di movimenti, che sono a prima vista, esterni: seguire, cer-
care, andare, ascoltare, parlare, vedere, trovare, rimanere, ma esprimono
un movimento interno ben più intenso e profondo. Si incontrano i corpi e
i sensi, si incontrano i cuori e le intelligenze: tutta la persona è coinvolta.
Alla fine l’affermazione di Andrea: “Abbiamo trovato il Messia!” è una
confessione di fede e allo stesso tempo un primo annuncio per il fratello,
5 Parlando dell’incontro di Gesù con il giovane ricco, Giovanni Paolo II commenta:
“È più che probabile che il fascino della persona di Gesù abbia fatto sorgere in lui nuovi
interrogativi intorno al bene morale” (Veritatis splendor, 8). Allo stesso modo, il Papa
mette in rilievo il fascino di Gesù, affermando che la pastorale vocazionale mira a
presentare «il fascino della persona del Signore Gesù e la bellezza del totale dono di sé
alla causa del Vangelo» (Vita consecrata 64).
25un punto di arrivo di un itinerario di fede e allo stesso tempo un nuovo
punto di partenza. Nella sequela di Cristo c’è un insieme di ricevere e
dare, ricercare e trovare, venire e andare, un insieme di parole e sguardi,
di pensieri e convinzioni, di amore e passione.
Non potendo fare una meditazione estensiva su tutto il brano focaliz-
ziamo l’attenzione sulle parole di Gesù: “Che cosa cercate?”, “Venite e
vedrete” che sono le prime parole di Gesù nel Vangelo di Giovanni e che
rappresentano una specie di “primo annuncio” fatto da Gesù stesso. Il
“venite e vedrete” è anche la parola proposta dal Rettor Maggiore a tutta
la Famiglia Salesiana nella Strenna del 2011.
4. Che cosa cercate?
Avvertendo dei passi timidi dietro di sé “Gesù si voltò” con un gesto
intenzionale. È lui che prende l’iniziativa, si volta per accogliere e ingi-
gantire il desiderio di coloro che lo seguono. Si volta per spronarli al sal-
to della fede in lui.
Gesù si presenta come la Sapienza descritta dall’Antico Testamento:
“È facilmente contemplata da chi l’ama e trovata da chiunque la cerca.
Previene, per farsi conoscere da quanti la desiderano... Essa medesima va
in cerca di quanti sono degni di lei, appare loro ben disposta per le stra-
de, va loro incontro con ogni benevolenza” (Sap 6, 12 - 14.16).
Che il Signore si volga e mostri il suo volto, è un ardente desiderio
dell’antico Israele. Il Salmista lo manifesta in modo esplicito supplican-
do: “Volgiti Signore, un poco, abbi pietà dei tuoi servi” (Sal 90,13). Ora
Gesù si volge ai suoi due futuri discepoli con una domanda: “Che cosa
cercate?”. È una domanda esigente, che spinge a chiarire le motivazioni
più profonde: che cosa cercate venendo dietro di me, cosa cercate in me,
chi sono io per voi, cosa vi aspettate da me?
Il testo della Congregazione per la Vita Consacrata “Il servizio del-
l’autorità e l’obbedienza”, che ha come leitmotiv la ricerca di Dio, cita
questa domanda di Gesù ai primi discepoli e commenta: “In questa do-
manda possiamo leggere altri radicali interrogativi: che cosa cerca il tuo
cuore? Per che cosa ti affanni? Stai cercando te stesso, o il Signore tuo
26
2627
Dio? Stai inseguendo i tuoi desideri, o Chi ha fatto il tuo cuore e lo vuo-
le realizzare come Lui sa e conosce? Stai rincorrendo solo cose che pas-
sano o cerchi Chi non passa?” (n. 4).
Agostino, dopo tanti anni di vita in intima comunione con Dio e fer-
vente servizio nella Chiesa, si poneva ancora queste domande: “Che co-
sa sei per me? E che cosa sono io per te?” (Confessioni 1, 5-6); “Che amo
quando amo il mio Dio?” (X, 7). Si tratta di interrogativi seri che co-
stringono a rientrare in se stessi. “Torna al tuo cuore”, esorta ancora Ago-
stino; “vedrai allora l’immagine che ti sei fatto di Dio” (Omelia XVII in
Giovanni, 10).
È un dato che colpisce spontaneamente chi legge con attenzione i
Vangeli: Gesù appare come “il grande ricercato”. Lo cercano molte per-
sone, singolarmente o in gruppo, con motivazioni svariate e con intensi-
tà diverse. Lo cercano in molte circostanze e in molti luoghi, in tutte le fa-
si della sua vita. Alla sua nascita è cercato dai magi venuti da lontano per
adorarlo, dai pastori invitati dal messaggero celeste e da Erode che lo vo-
leva uccidere. Adolescente a Gerusalemme i suoi genitori lo cercano con
ansia credendolo smarrito nella confusione dei pellegrini. Durante il suo
ministero pubblico egli è cercato dai discepoli affascinati, dai parenti
preoccupati, dai sofferenti desiderosi di aiuto e dagli avversari pronti a
coglierlo in fallo. Verso la fine della sua vita è cercato dai sacerdoti e da-
gli scribi per eliminarlo, da Giuda per tradirlo, dai soldati per catturarlo.
Anche dopo la morte lo cercavano amici e nemici al suo sepolcro.
E Gesù si fa trovare? Non sempre.
A chi lo cerca con la pretesa di trovarlo a modo proprio, Gesù reagi-
sce sistematicamente con un rifiuto netto. Quando i discepoli, visto il
desiderio pressante degli abitanti di Cafarnao, fanno notare a Gesù: “Tutti
ti cercano!” Egli risponde ironicamente: “Andiamocene altrove per i vil-
laggi vicini, perché io predichi anche là, per questo infatti sono venuto!”
(Mc 1,38). Gesù si sottrae a ogni ricerca captativa, rifiuta chi pretende di
possederlo, di sistemarlo nei propri schemi mentali. Si oppone a chi vuol
restringere l’orizzonte universale della sua missione riducendolo a una
specie di guaritore a buon mercato, un taumaturgo del paese.
27Similmente egli risponde con parole taglienti alla folla che lo cerca
dopo il miracolo della moltiplicazione dei pani: “Voi mi cercate non
perché avete visto i segni, ma perché avete mangiato dei pani”. Gesù
smaschera la falsa ricerca per scopo egoistico e meschino. Egli sa che
la folla in realtà non cerca lui, ma il vantaggio che deriva nell’averlo a
propria disposizione.
Alle volte Gesù frustra le attese immediate di coloro che lo cercano
non per rifiutarle in assoluto, ma per sollevarle, dilatarle, purificarle e tra-
sformarle. Egli si fa trovare, ma altrove, su un altro piano, in un modo di-
verso. “Perché mi cercate? Non sapevate che io devo occuparmi delle co-
se del Padre mio?” (Lc 2, 49). Con questa domanda ai suoi genitori Gesù
riconosce la sincerità della ricerca, la accoglie e la ricolloca su un piano
più alto.
Molte volte Gesù risponde con un dono sorprendente, una risposta
che trascende la domanda. Egli non solo “adempie” le attese, ma le dilata,
non solo “soddisfa” la ricerca, ma la trascende, si fa trovare in un modo
originale, impensato, più grande e più bello di quanto l’uomo osa sognare.
Arrampicato su un albero, Zaccheo “cerca di vedere” passare Gesù,
ma lui sorprende la sua attesa e si fa trovare a casa sua. Le posizioni so-
no rovesciate: in realtà non è Zaccheo che cerca Gesù, ma è Gesù che lo
cerca, perché è “venuto a cercare e a salvare ciò che era perduto”. La don-
na emorroissa cerca timidamente di toccare di nascosto la veste di Gesù,
ma riceve la guarigione e un elogio pubblico.
Verso la fine del Vangelo troveremo di nuovo Gesù a porgere la stes-
sa domanda. È rivolta alla Maddalena davanti alla tomba vuota: “Perché
piangi? Chi cerchi?” (20, 15). Maria cerca un corpo morto, trova invece
il vivente.
5. Venite e vedrete
Alla domanda dei discepoli: “Maestro, dove dimori?” (dove rimani
nel testo greco, da m√nein ) Gesù risponde con un invito: “venite” e una
promessa: “vedrete”. Per diventare discepoli non sono sufficienti né l’am-
mirazione, né l’espressione di un desiderio, né una propria ricerca, né la
28
2829
testimonianza di altri: è necessario un incontro, un’esperienza personale.
Il “primo annuncio” fatto da Gesù non è precipitoso. Egli non vuol strap-
pare un facile e veloce consenso da chi è attratto da lui; non si acconten-
ta di un’adesione superficiale. Egli non affida dei contenuti dottrinali da
comprendere, o precetti da osservare, ma chiama a un rapporto personale
con lui. Il “venire” a Gesù e il “vederlo” sono espressioni che in Giovan-
ni hanno la connotazione di fede e di comunione d’amore. Si tratta di un
“vedere” che scopre la realtà ultima, il centro luminoso, la sorgente ori-
ginaria, la presenza divina nascosta che tutto fonda. Gesù invita a fare
esperienza intensa di lui, ascoltarlo, contemplarlo, dialogare con lui, la-
sciarsi amare e ammaestrare da lui, entrare gradualmente nel suo miste-
ro, per sintonizzarsi con il suo cuore e la sua mente, fino ad arrivare a
quello che dirà Paolo: “avere il pensiero di Cristo” (1Cor 2, 26), “avere
gli stessi sentimenti che furono in Cristo” (Fil 2, 5).
Questo “primo annuncio” fatto da Gesù ispira il nostro “primo
annuncio” di Gesù, a proposito del quale scrive Giovanni Paolo II: “il
primo annunzio ha un ruolo centrale e insostituibile, perché introduce
«nel mistero dell’amore di Dio, che chiama a stringere in Cristo una per-
sonale relazione con lui» (Ad gentes, 13) e apre la via alla conversione”
(Redemptoris missio, 44).
I discepoli accettano di iniziare questo processo e Giovanni termina
così questo primo incontro: “andarono a vedere dove rimaneva e quel
giorno rimasero presso di lui”. C’è qui un interessante rovesciamento di
prospettiva: dal luogo, dove rimane Gesù a quello dove stanno i discepo-
li. Essi vogliono informarsi della dimora di Gesù, mentre Gesù diventa la
loro dimora. Il “venire e vedere” Gesù non è un movimento esterno, ma
è un dinamismo interiore, un rimanere in lui in una comunione di vita e
d’amore. Gesù esorterà più tardi: «Rimanete in me e io in voi » (Gv 15,
4-5), e prometterà: «Se uno mi vuol servire mi segua, e dove sono io, là
sarà anche il mio servo» (Gv 12, 26); «Ritornerò e vi prenderò con me,
perché siate anche voi dove sono io» (Gv 14, 3).
C’è ancora un elemento da rilevare. Il “vedere Gesù” vuol dire anche
“vedere il Padre” (Gv 12, 45; 15, 8), e chi rimane in Gesù, rimane nel
Padre, perché egli, il Figlio, dimora nel seno del Padre (Gv 1, 18).
29Questo rimanere presso Gesù e in Gesù diventa per i discepoli fonte
inesauribile di risorse interne per la loro vita e la loro missione. «Chi ri-
mane in me e io in lui, fa molto frutto» (Gv 15, 4-5). L’evangelista non
racconta cosa hanno visto in concreto i discepoli, né riporta il dialogo tra
loro e Gesù dopo che sono andati da lui; ci fa conoscere solo il risultato:
una corsa dal fratello con un grido di stupore e di gioia, che è allo stesso
tempo una testimonianza di fede: “Abbiamo trovato il Messia!”. Il “mae-
stro” all’inizio del cammino è il “Messia”, visto, sperimentato, amato, e
che ora dev’essere annunciato ad altri.
Con questo breve e affascinante episodio l’evangelista ha tracciato in
modo meraviglioso l’itinerario del discepolo di Gesù, dal fascino inizia-
le alla ricerca, dall’andare timidamente dietro a Gesù a rimanere in lui.
Tutto questo cammino è guidato da Gesù. È lui che attira, dialoga, aiuta
a chiarire le motivazioni, invita a fare esperienza, a entrare nella comu-
nione intima con lui.
Alla fine Giovanni annota: “erano circa le quattro del pomeriggio”
(il testo greco dice: l’ora decima). Sarà forse un ricordo storico persona-
le. I momenti forti dell’amore si ricordano con esattezza. La frase può
avere anche significato simbolico per indicare il compimento (10 è il
numero perfetto). L’ora decima segna anche, nell’usanza ebraica, la fine
della giornata. I due discepoli terminano una giornata e ne iniziano
una nuova dopo l’incontro con Gesù. La loro vita assume un nuovo senso,
una nuova qualità, una nuova visione e un nuovo orientamento guidato
da un nuovo amore.
30
3031
Al termine della prima e seconda giornata, il facilitatore P. Ubaldo
Montisci, utilizzando i diversi documenti della Chiesa universale e rac-
cogliendo la sensibilità dei gruppi di lavoro, ha offerto un primo approc-
cio sul Primo Annuncio, che condiviso, ha permesso ai partecipanti di
avere un terreno comune per proseguire nella ricerca e riflessione.
(Commento al power point di Ubaldo Montisci, SDB)
[Dia - 1] Primo annuncio Verso un concetto condiviso.
Uno dei passi più importanti da fare è mettersi d’accordo su un signi-
ficato corretto e condiviso di Primo Annuncio (PA).
[Dia - 2] Divido il mio intervento
Due momenti di confronto
1. Con alcuni documenti ecclesiali
2. Con il punto di arrivo attuale della riflessione teorica
1. A confronto con i documenti ecclesiali
Sembra opportuno, prima di procedere a definire approfonditamente
la nozione di PA, richiamare sinteticamente l’evolversi del più ampio
concetto di «evangelizzazione» che, dal Vaticano II a oggi ha avuto inter-
pretazioni eterogenee.
[Dia - 3] È possibile, infatti, individuare due differenti modalità di in-
tendere l’evangelizzazione che ha avuto diffusione da due importanti do-
Primo annuncio:
verso un concetto condiviso
Ubaldo Montisci SDB 6
6 Docente al Dipartimento di Catechetica della Facoltà di Scienza dell’Educazione,
nell’Università Pontificia Salesiana, Roma.
31cumenti magisteriali, l’Ad Gentes (1965) e l’Evangelii nuntiandi (1975),
e trovato successivi sviluppi nella riflessione contemporanea. 7
[Dia - 4] Nel Decreto conciliare Ad Gentes, l’azione missionaria della
Chiesa appare costituita da quattro momenti successivi: a) la testimo-
nianza della vita, il dialogo, la presenza della carità; b) l’evangelizzazione
e la conversione; c) il catecumenato e l’iniziazione cristiana; d) la forma-
zione della comunità cristiana. 8
In questa prospettiva, l’evangelizzazione appare come un “momento”
specifico dell’attività missionaria della Chiesa e, precisamente, l’azione
volta a suscitare la conversione e il primo atto di fede, che precede l’in-
gresso nel catecumenato (AG, n. 7).
[Dia - 5] Con l’Evangelii nuntiandi si è di fronte a una svolta rile-
vante. Il documento, che mostra una marcata tendenza alla missionarietà,
offre un concetto più esteso di evangelizzazione e la definisce come «un
processo complesso e dagli elementi vari: rinnovamento dell’umanità, te-
stimonianza, annuncio esplicito, adesione del cuore, ingresso nella co-
munità, accoglimento dei segni, iniziative di apostolato» (EN, n. 24).
La visione dell’evangelizzazione che ne scaturisce è globale: ogni
azione ecclesiale può, anzi deve ricadere nel suo ambito. Il testo, consa-
pevole dell’ampiezza di significato introdotta, così si esprime:
“Questi elementi possono apparire contrastanti e persino esclusivi, in
realtà sono complementari e si arricchiscono vicendevolmente. Bisogna
sempre guardare a ciascuno di essi integrandolo con gli altri. Il merito
del recente sinodo sta nell’averci costantemente invitati a comporre
questi elementi, più che ad opporli tra loro, al fine di avere la piena
32
7 Sul concetto di “evangelizzazione” si vedano, ad esempio: Pierre-André LIÉGÉ,
«Évangélisation», in: G. JACQUEMET (Ed.), Catholicisme hier aujourd’hui demain, vol. IV,
Paris, Letouzey et Ané, 1956, coll. 755-764; Donato VALENTINI, «Evangelizzazione (+
Supplemento)», in: G. BARBAGLIO - S. DIANICH (a cura di), Nuovo Dizionario di Teologia,
Roma, Paoline, 1982, 470-490; 1978-1985; Donato VALENTINI, Autocomprensione
di Chiesa, impegno di evangelizzazione e profezia. Breve lettura del Vaticano II e della
vicenda postconciliare in prospettiva del Terzo Millennio dell’era cristiana, in “Salesia-
num” 49 (1987) 3-63; Francis-Vincent ANTHONY, «Evangelization: Growing Understan-
ding of a Complex Process», in: F.-V. ANTHONY (a cura di), Seguire i percorsi dello Spi-
rito. Studi in onore del prof. Mario Midali, Roma, LAS, 1999, 197-214.
8 Cfr. AG, Cap. II. L’opera missionaria in se stessa, nn. 10 - 18.
3233
9 Per un approfondimento del senso della nozione di evangelizzazione in questo
documento, cfr. Francis-Vincent ANTHONY, «The Concept of “Evangelisation” in the
General Directory for Catechesis», in: G. CHOONDAL (Ed.), Introducing the General Di-
rectory for Catechesis, Bangalore, Kristu Jyoti Publications, 2004, 39-51.
10 CONGREGAZIONE PER LA DOTTRINA DELLA FEDE, Nota Dottrinale su alcuni aspetti del-
l’Evangelizzazione, Città del Vaticano, Libreria Editrice Vaticana, 2007, n. 2. Per una sinteti-
ca presentazione della Nota, si veda Angelo AMATO, Alcuni aspetti dell’evangelizzazione.
La Nota della Congregazione per la Dottrina della fede, in “Catechesi” 78 (2008-2009) 2, 3-11.
11 Faccio riferimento, in questa sezione, allo studio di Domenico RUSSO, L’evangeliz-
zazione e i suoi aggettivi. Precisazioni terminologiche a partire dai documenti ecclesiali,
in “Orientamenti Pastorali” 52 (2004) 8, 12-20.
12 Tra questi vanno ricordati, ad esempio: Catechesi tradendae; Redemptoris missio;
Direttorio Generale per la Catechesi; Ecclesia in Europa.
comprensione dell’attività evangelizzante della Chiesa” (n. 24).
La prospettiva di EN è ripresa dal Direttorio Generale per la Cate-
chesi, il quale afferma che «occorre concepire l’evangelizzazione come il
processo attraverso il quale la Chiesa, mossa dallo Spirito, annuncia e dif-
fonde il Vangelo in tutto il mondo» (DGC, n. 48). 9
Sulla stessa linea si pone la recente Nota Dottrinale su alcuni aspetti
dell’Evangelizzazione (2009), che attribuisce al termine un significato
molto ricco: “In senso ampio, esso riassume l’intera missione della Chie-
sa [...]. In ogni caso, evangelizzare significa non soltanto insegnare una
dottrina bensì annunciare il Signore Gesù con parole ed azioni, cioè far-
si strumento della sua presenza e azione nel mondo. 10
EN contribuisce più di qualsiasi altro documento alla comprensione
profonda dell’evangelizzazione; ma, paradossalmente, è con-causa delle
difficoltà di interpretazione di questo termine, anche perché il suo utiliz-
zo nel senso più ristretto non viene mai del tutto abbandonato e, comun-
que, richiede ri-nominazione, soprattutto in questo momento storico nel
quale assume nuova rilevanza l’azione ecclesiale che intende contribuire
a suscitare la fede nei non credenti.
[Dia - 6] Sono utilizzate oggi varie formulazioni; 11 ma va subito anno-
tato che gli stessi aggettivi o prefissi aggiunti (prima evangelizzazione, pre-
evangelizzazione, nuova evangelizzazione, ri-evangelizzazione) non sem-
brano risolvere la questione mentre finiscono per moltiplicarne le varianti.
Tra le diverse espressioni, primo annuncio è probabilmente da preferire
per la presenza costante nel tempo in un gran numero di documenti; 12 per esse-
33re la formula più usata tra quelle in parte equivalenti; per il significato “univo-
co” che le è attribuito. È comunque la terminologia prescelta dal DGC (n. 51).
Si parla di primo annuncio soprattutto in contesti di missio ad/gentes
ma tale forma di evangelizzazione viene sempre più ritenuta indispensa-
bile anche tra le Chiese di antica tradizione cristiana (cfr. DGC, nn. 25 e
58). Il concetto, nonostante l’accento dell’espressione sia sull’annun-
cio/proclamazione, è utilizzato dai documenti oltre i significati di sem-
plice testimonianza o di mera proclamazione del contenuto del kerygma;
non va, quindi, ridotto a qualche intervento limitato e occasionale.
Un altro termine utilizzato è “prima evangelizzazione”. Rispetto al
concetto precedente ha il pregio di esprimere meglio la complessità del-
l’azione pastorale volta a suscitare la fede (che implica sì un annuncio
verbale, ma anche un elemento non del tutto riconducibile alla parola);
inoltre, potrebbe comprendere tutti i momenti che vanno dalla testimo-
nianza dialogante iniziale all’annuncio esplicito di Cristo, accolto con una
prima adesione di fede. Tuttavia, è un’espressione molto più rara di “pri-
mo annuncio” e, soprattutto, assume un significato non del tutto univoco:
a) azione ecclesiale volta a suscitare la fede (CT, n. 19);
b) “missio ad/gentes” per distinguerla da “nuova evangelizzazione”
(RM, n. 37);
c) prima fase del percorso di iniziazione cristiana (OICA, n. 68).
Un’altra espressione, usata raramente e associata a “evangelizzazione”
in senso stretto prima di EN (DCG, n. 17) o a “primo annuncio” dopo
EN (CT, n. 18; DGC, n. 52), è “predicazione missionaria”.
Il documento sinodale Ecclesia in Europa introduce una distinzione
inedita tra “primo annuncio” e annuncio rinnovato. Il primo annuncio è
considerato a proposito dei non battezzati (EE, n. 46), il secondo con ri-
ferimento a battezzati che non vivono una fede consapevole (EE, n. 47).
In questo modo si riporta il “primo annuncio” nell’ambito specifico del-
la missio ad/gentes, seppure condotta in territori tradizionalmente cristia-
ni, lasciando all’“annuncio rinnovato” il compito di condurre i battezzati
a convertirsi a Cristo e al suo Vangelo. 13
34
13 Il Russo osserva che l’espressione non risulta ben definita nel documento e, co-
munque, è di troppo recente e limitata introduzione per poterne valutare la rilevanza; cfr.
RUSSO, L’evangelizzazione e i suoi aggettivi, 18-19.
3435
Un termine oggi molto diffuso, col rischio persino di diventare con-
tenitore, in parte pertinente, di qualsiasi tentativo innovatore in ambito
pastorale, è nuova evangelizzazione. Il punto di riferimento è RM, n. 33
che, riservando una specifica attenzione ai popoli e non ai singoli, distin-
gue tra: “missio ad/ gentes” (diretta a quei popoli, gruppi e contesti in cui
il Cristo e il suo Vangelo non sono conosciuti e in cui mancano comuni-
tà cristiane abbastanza mature da poter incarnare la fede nel proprio am-
biente e annunziarla ad altri gruppi); “azione pastorale” della Chiesa (di-
retta a comunità cristiane, che hanno adeguate e solide strutture ecclesia-
li, sono ferventi di fede e di vita, irradiano la loro testimonianza e sento-
no l’impegno della missione universale); “nuova evangelizzazione” (di-
retta invece a situazioni intermedie, in cui gruppi interi di battezzati han-
no perduto il senso vivo della fede, o addirittura non si riconoscono più
come membri della Chiesa, conducendo una vita lontana da Cristo e dal
suo Vangelo). Il testo di RM è ampiamente citato in DGC, n. 58.
Un’ultima parola utilizzata è kerygma. Il suo significato principale
resta quello di contenuto del messaggio annunciato; l’estensione
del significato all’azione dell’annuncio – possibile analogicamente – è
ra rissima.
[Dia - 7] La Redemptoris missio (1990), distingue alcune situazioni
che riguardano il processo evangelizzatore: missio ad/gentes, attività pa-
storale, nuova evangelizzazione (n. 33).
[Dia - 8] Attesta l’importanza della missione “ad/gentes” in vecchi e
nuovi contesti: le classiche aree territoriali, che hanno situazioni simili
ma non omologabili alle nostre; le grandi città, soprattutto nel sud del
mondo; le aree culturali, i “nuovi areopaghi” (n. 37).
[Dia - 9] Suggerisce la priorità permanente del PA nella vita della
Chiesa, il suo ruolo «centrale e insostituibile» (n. 44) nell’edificazione
della Chiesa e perché tutti i popoli hanno il diritto di conoscere la Buona
Notizia della “vita nuova” offerta da Dio in Gesù Cristo; tale annunzio va
fatto nel contesto della vita di coloro che lo ricevono, in atteggiamento di
amore e di stima verso chi ascolta, con un linguaggio concreto e adattato
alle circostanze, nella certezza che lo Spirito è all’opera e instaura una co-
munione tra il missionario e gli ascoltatori.
35[Dia - 10] Inoltre, anche se il missionario si trova da solo a operare,
l’annuncio non è mai un fatto personale (n. 45).
[Dia - 11] Il Direttorio Generale per la Catechesi distingue tre mo-
menti nell’unico processo evangelizzatore: azione missionaria, rivolta a
non credenti e religiosamente indifferenti; azione catechetico - iniziatica,
per chi sceglie il Vangelo o richiede di completare o ristrutturare l’inizia-
zione; azione pastorale, per i credenti, in comunità (n. 49). Il documento
stesso riconosce che i confini tra le azioni ecclesiali non sono netti.
[Dia - 12] Lo abbiamo già accennato prima: Ecclesia in Europa di-
stingue tra primo annuncio del Vangelo, destinato ai non battezzati (n. 46)
e annuncio rinnovato per i battezzati, ma analfabeti nella fede, o incoe-
renti nella pratica (n. 46). La sfida non è di battezzare i convertiti, ma di
portare a Cristo i battezzati (n. 47).
2. A confronto con gli esperti
[Dia - 13] È possibile distinguere due modi principali di intendere il
PA: come “stile” ecclesiale e come pratica evangelizzatrice concreta.
[Dia - 14] Il PA come “stile” di proporsi della Chiesa
Innanzitutto, il PA può essere inteso come atteggiamento collettivo e
istituzionale della Chiesa in tutte le sue manifestazioni pubbliche che, pur
non volendo, sono l’immagine e il “primo annunzio” che il mondo rice-
ve, e che devono essere curate specialmente in situazioni di frontiera e
d’incontro con realtà, persone e situazioni esterne ai circuiti abituali.
Ne parla l’italiano Luca Bressan, per il quale il PA indica una menta-
lità e uno stile di autoproporsi e di intervenire che la Chiesa come istitu-
zione deve assumere nell’attuale contesto di postcristianità. Così, «più che
una pratica a sé stante, più che un ulteriore elemento aggiuntivo, con “pri-
mo annuncio” [...] intendo indicare un principio organizzativo, uno stile,
una sorta di elemento paradigmatico, che descrive e definisce il compor-
tamento che la Chiesa nel suo insieme assume in situazioni di frontiera, di
incontro con realtà, persone e situazioni esterne ai suoi circuiti abituali». 14
36
14 L. BRESSAN, Quali esperienze di annuncio proporre? in “Notiziario dell’Ufficio
Catechistico Nazionale” 36 (2007) 1 , 61-68; 61.
3637
L’A. nello sviluppare l’argomento, indica alcuni principi guida che
possono essere utili nella nostra riflessione:
– Gli interlocutori sono “persone esterne”, cioè i non credenti o i bat-
tezzati che non frequentano abitualmente gli ambiti ecclesiali. 15 Ciò
comporta una presa di distanza dalle risposte ordinarie, abitudinarie,
alle esigenze della vita e delle comunità cristiane, così come siamo
stati finora abituati.
– Dal punto di vista antropologico, questo stile obbliga a porre atten-
zione ai luoghi di elaborazione dell’identità e del senso della vita;
il dinamismo rende capace il cristianesimo di «abitare le esperienze
antropologiche fondamentali, dischiudendo in esse significati nuovi»
attraverso l’attivazione delle dinamiche simboliche che queste espe-
rienze contengono, ma che spesso rimangono inattive. 16
Per questo il cristianesimo dovrà lavorare per un continuo riconosci-
mento dei luoghi e delle pratiche che ogni cultura elabora per esprimere
le dimensioni fondamentali della vita umana; dovrà poi studiare queste
pratiche, scoprirne la capacità di apertura di senso, le aperture che offro-
no all’ascolto del messaggio cristiano; dovrà sapersi collocare come au-
torità in grado di custodire queste pratiche.
Dal punto di vista istituzionale, questo stile invita a mettere al centro
le persone e non le semplici risposte al loro bisogno, tramite una relazione
umanizzante, perché concepita come unica e singolare. Così, l’ascolto,
l’accoglienza e la relazione che si instaurano come risposta alle varie ri-
chieste diviene in molti casi il punto di partenza per un inizio o re-inizio
di un cammino di fede.
15 In Italia, gli Orientamenti Pastorali per il decennio che si sta chiudendo: Comunica-
re il Vangelo in un mondo che cambia (29 giugno 2001), distinguono due categorie di de-
stinatari: «per imprimere un dinamismo missionario, vogliamo delineare i due livelli spe-
cifici, ai quali ci pare si debba rivolgere l’attenzione nelle nostre comunità locali. Parlere-
mo anzitutto di quella che potremmo chiamare «comunità eucaristica», cioè coloro che si
riuniscono con assiduità nell’eucaristia domenicale, e in particolare quanti collaborano re-
golarmente alla vita delle nostre parrocchie; passeremo quindi ad affrontare la vasta realtà
di coloro che, pur essendo battezzati, hanno un rapporto con la comunità ecclesiale che si
limita a qualche incontro più o meno sporadico, in occasioni particolari della vita, o ri-
schiano di dimenticare il loro battesimo e vivono nell’indifferenza religiosa» (n. 46).
16 BRESSAN, Quali esperienze di annuncio proporre?, 63.
37«Riletta con questi strumenti, la pratica del primo annuncio ci si pre-
senta come quello stile che fa del cristianesimo una relazione molto sin-
golare, che possiede questi elementi: sceglie i contesti di prossimità come
luoghi antropologici dentro i quali istituirsi; fa dell’ordinarietà e del quo-
tidiano le caratteristiche che ne descrivono il funzionamento; accetta la sfi-
da della diversità e dell’ambiguità come punti di partenza e possibili luo-
ghi di riconoscimento dei diversi attori della relazione; sostiene una gelo-
sa custodia della propria memoria, della differenza cristiana che la spinge
come uno stimolo ad abitare questi territori, a tessere queste relazioni.
Grazie a questi elementi che il cristianesimo può fare delle sue frontiere,
dei suoi confini un luogo davvero espressivo di primo annuncio». 17
3. Il PA come pratica evangelizzatrice concreta
[Dia-15] Un secondo modo di intendere il primo annuncio è di con-
siderarlo come azione pastorale concreta nella pratica quotidiana con per-
sone e gruppi particolari. Da questo punto di vista, una delle definizioni
che ha avuto favorevole accoglienza tra gli esperti di settore è quella for-
nita dal belga André Fossion: «Il PA designa gli enunciati della fede cri-
stiana, sotto forme variabili, che, in contesti determinati, favoriscono e
rendono possibili i primi passi nella fede in coloro che ne sono lontani». 18
[Dia-16] In ambito spagnolo, è riconosciuta l’autorevolezza della ri-
flessione di Xavier Morlans, che offre la seguente definizione di PA:
“Primo annuncio [è] quell’attività o insieme di attività che hanno per
obiettivo di proporre il messaggio nucleare del Vangelo a chi non cono-
sce Gesù Cristo, a coloro che avendolo conosciuto si sono allontanati da
lui, a coloro che credendo di conoscerlo già sufficientemente vivono una
fede cristiana abitudinaria, con l’intenzione di suscitare in tutti loro un in-
teresse per Gesù Cristo che possa portare a una prima adesione o a una ri-
vitalizzazione della fede in lui.” 19
38
17 BRESSAN, Quali esperienze di annuncio proporre?, 68.
18 A. FOSSION, Proposta della fede e primo annuncio, in “Catechesi” 78 (2008-2009)
4, 29-34; 30.
19 X. MORLANS, El primer anuncio. El eslabón perdido, Madrid, PPC, 2009, 29.
3839
È questa l’espressione che è stata adottata nelle “conclusioni” dell’XI
Convegno dei vescovi europei e dei Direttori degli UCN su «La comuni-
tà cristiana e il “primo annuncio”» (Roma, 4-7 maggio 2009). 20
In tale circostanza sono stati indicati pure nuovi elementi utili per la
nostra riflessione. Tra i più espressivi il seguente:
Intendiamo il primo annunzio come uno dei sette elementi del com-
plesso processo dell’evangelizzazione, così come sono stati descritti da
Paolo VI nell’esortazione apostolica Evangelii Nuntiandi (n. 24) e come
ricorda ripetutamente il Direttorio Generale per la Catechesi (nn. 47 -
49): testimonianza con le opere, primo annunzio, fede e conversione ini-
ziale, catechesi basica ed entrata nella comunità, recezione dei sacramen-
ti, apostolato organizzato e rinnovamento dell’umanità. “Questi elementi
possono sembrare contrastanti, anzi esclusivi. In realtà sono complemen-
tari e si arricchiscono a vicenda. Bisogna guardare sempre ognuno inte-
grato con gli altri” (EN 24).
[Dia-17/22] Tentiamo una sintesi di quanto detto finora. Il PA, in ge-
nerale, riguarda i primi passi della fede:
– è “primo” per l’interlocutore, che si sente mosso a intraprendere un
percorso di crescita nella fede;
– il plurale “enunciati della fede” significa che non esiste una sola for-
ma di PA;
– nell’affermare che “rende possibili” i passi nella fede intende evi-
denziare che si è di fronte a una proposta che tiene in conto la libertà
e non si riferisce a una relazione di forza o di conquista;
– i destinatari sono coloro che, a vario titolo, sono estranei alla fede, ne
“sono lontani” o se ne sono allontanati;
20 La definizione viene così riportata: «Con l’espressione primo annunzio ci riferia-
mo a quelle azioni evangelizzatrici specifiche, spontanee o organizzate, realizzate da
individui o da gruppi, con la finalità di proporre il messaggio nucleare dal Vangelo – Cri-
sto risorto mediatore della comunione con Dio – a chi non conosce Gesù, a chi avendolo
conosciuto se ne è allontanato e a chi pensando di conoscerlo vive una fede superficiale,
con l’intenzione di suscitare in lui un interesse per Gesù Cristo che possa portarlo ad una
prima conversione e adesione di fede o ad un risveglio e ad un rinnovamento della fede
viva in Lui»; W. RUSPI - X. MORLANS, Conclusioni, 6; cfr. la sezione “Catechesi in Europa”
del sito www.chiesacattolica.it
39– l’espressione “in contesti determinati” pone l’accento sulla comples-
sità e la diversità socio-storica delle situazioni.
Si può aggiungere che, mentre la catechesi è una realtà organica e si-
stematica, il PA è un’esperienza naturalmente parziale (qualcuno la para-
gona alla “prima marcia” nella partenza dell’automobile, il tempo neces-
sario cioè a inserire la “seconda”); è un’operazione rappresentativa di ciò
che la Chiesa è e cosa dovrebbe fare; è un dispositivo comunicativo,
un’interfaccia tra la Chiesa e l’uomo contemporaneo.
L’accettazione del PA non ha una visibilità formale (liturgica per
esempio) ma è qualcosa che accade fondamentalmente nella coscienza o
nell’interiorità del destinatario, così a volte è difficile per chi fa l’annun-
zio averne la verifica. Anzi è parte dell’atteggiamento di chi fa l’annun-
zio non cercare la certezza immediata dei risultati.
Conclusione
Il primo annunzio, pur essendo solamente un momento del processo
globale dell’evangelizzazione, ha la sua importanza come porta di accesso
e come fondamento permanente dell’esperienza cristiana: “Non si co-
mincia a essere cristiano per una decisione etica, o una grande idea,
ma per un incontro con un evento, con una Persona che dà un nuovo oriz-
zonte alla vita e, con questo, la direzione decisiva” (Benedetto XVI, Deus
caritas est, n. 1).
40
4041
Dagli apporti scritti dai partecipanti alla seguente domanda:
In un’Europa post-moderna e secolarizzata, quali domande emergo-
no, quali sfide si presentano e quali opportunità si possono cogliere per
il primo annuncio nel tuo specifico contesto?
Sfide
Perdita del senso etico
Crisi economica
Irrilevanza della fede nella vita pubblica
Ambivalenza valoriale a livello personale e pubblico
Perdita dell’identità delle tradizionali istituzioni educative: famiglia,
scuola, chiesa
Tensione tra globalizzazione e identità comunitarie (nazionali e re-
gionali)
Rivendicazione della soggettività e sfrenato desiderio di libertà (inte-
sa come spazio degli istinti e dei desideri personali)
Paura e ricerca del diverso
Mobilità
Immigrazione
Attenzione o esaltazione della corporeità
Opportunità
Protagonismo giovanile
Circolazione d’idee e informazioni
L’attenzione alla dimensione sociale
Il volontariato
Desiderio di radicalità e ricerca di senso
Senso estetico e sensibilità alla dimensione relazionale della vita
Adesione ai testimoni e alle forme ecclesiali di particolare radicalità
Testimoniare e annunciare Gesù Cristo
nel contesto post-moderno e secolarizzato
europeo: sfide ed opportunità
Luca Barone SDB e Alberto Martelli SDB
4142
SPAGNA MARIA AUSILIATRICE. CENTRO NAZIONALE DI
PASTORALE GIOVANILE
Primo annuncio e pastorale missionaria
In Spagna, primo annuncio e pastorale missionaria sono due scelte di
azione molto importanti della pastorale giovanile.
Per primo annuncio s’intende la testimonianza del vangelo attraverso
l’annuncio e la celebrazione della fede mediante i sacramenti. Per pasto-
rale missionaria s’intende lo sforzo di avvicinare i giovani alla Chiesa
cercando di utilizzare ogni mezzo per rendere significativo il messaggio
cristiano.
Queste due scelte sono affrontate strategicamente simultaneamente.
Perché tale sforzo educativo abbia efficacia, è necessario conoscere le
tappe evolutive dei destinatari e coinvolgere la famiglia in quanto sog-
getto responsabile per l’evangelizzazione.
Dalla prospettiva dell’iniziazione cristiana
La Chiesa in Europa sta scoprendo che l’iniziazione cristiana do-
vrebbe essere proposta a tutti, sia a chi è battezzato sia agli adulti non bat-
tezzati. È perciò necessario superare l’idea che l’iniziazione cristiana sia
sufficientemente garantita con la catechesi impartita nell’età dell’infan-
zia o dell’adolescenza.
Essere cristiani coerenti e credibili è il risultato di un processo consa-
pevole e libero in cui sono coinvolte la persona e la comunità cristiana.
Pertanto, gli adolescenti e i giovani adulti hanno bisogno di fare espe-
rienza di Dio nella Chiesa, con una trasmissione sistematica dei contenu-
ti della fede e dell’etica evangelica.
Dobbiamo rilevare l’importanza dei primi anni di vita. Il bambino fa
esperienza di Dio all’interno della famiglia e nei primi incontri con la co-
munità cristiana.
Il Centro Nazionale di Pastorale Giovanile sta lavorando su questa li-
nea ridefinendo un itinerario di educazione alla fede che tenga conto di
questi presupposti.
4243
RISPOSTA DA FLAVIO DEPAULA SDB - UNGHERIA
Propongo all’attenzione di chi mi ascolta una serie di domande: Dio
veramente mi aiuta a vivere nella Chiesa? Quali risposte offrono Dio e la
Chiesa nel caso in cui uno si trova nella situazione di essere divorziato, ri-
sposato, senza lavoro, dipendente da qualcosa...?
Queste domande possono essere banali, ma in Ungheria e non solo,
riaffiorano, e la Chiesa deve essere in grado di offrire risposte precise.
Nel contesto ungherese, le sfide emergenti sono quelle di essere pre-
senti tra giovani e adulti con il cuore di Don Bosco, di essere competenti,
di parlare bene la lingua (conditio sine qua non) e di proporre l’oratorio
come luogo in cui si offrono diverse iniziative educative-evangelizzatrici.
La più grande sfida è la credibilità delle istituzioni ecclesiali. Uno
strumento essenziale per noi Salesiani è la testimonianza della vita
comunitaria salesiana. Alcune sfide che siamo chiamati ad affrontare nel-
la nostra missione sono: la povertà, la disoccupazione, la mancanza di
educazione... Grande attenzione è rivolta ai Rom, ai quali non siamo in
grado di offrire uno spazio adatto ad accogliere le loro esigenze culturali.
Per esempio, per loro, è quasi impossibile frequentare le strutture religio-
se con persone non appartenenti alla loro cultura. Questo dato è da tener
presente quando si progettano iniziative di primo annuncio ai Rom.
RISPOSTA DA GRAZYNA SIKOVÀ FMA - POLONIA
Ecco alcuni impegni da assumere nella missione:
• l’educazione alla fede da parte della comunità dei credenti;
• il rinnovamento della vita sacramentale attraverso una buona prepa-
razione ai sacramenti e l’accompagnamento nella vita quotidiana;
• la lettura comunitaria della Parola di Dio ;
• l’impegno a favore dei più bisognosi nel proprio ambiente;
• mostrare la dimensione positiva della vocazione cristiana, ponendo
l’accento sulla dignità e la creatività dell’uomo;
• utilizzare un linguaggio religioso esistenziale;
• mostrare il vero senso della redenzione dell’uomo nella persona di
Gesù Cristo;
4344
• promuovere le “Scuole della Nuova Evangelizzazione” e di comuni-
tà neocatecumenali.
Una particolare sfida per la missione salesiana della pastorale e della
catechesi in Polonia è porre al centro la persona di Gesù Cristo.
RISPOSTA DA RAQUEL NOAIN FMA - SPAGNA, BARCELONA
Interrogativi
I nostri agenti di pastorale sono preparati per la prima evangelizza-
zione? Davanti alla frammentazione sociale, a un futuro pieno d’incer-
tezze, diverse persone cercano proposte in movimenti religiosi che offra-
no sicurezza. È possibile scoprire in questa ricerca di Dio un’occasione
per il primo annuncio?
Sfide
Creare spazi per l’interiorità e il silenzio;
Nella catechesi valorizzare il processo più che i contenuti;
Utilizzare un linguaggio semplice per parlare di Dio;
Sviluppare programmi per introdurre i bambini al linguaggio simbolico
della fede.
Opportunità per condividere la fede
La ricerca di relazioni più personalizzate;
La pluralità e la diversità di gruppi;
Nuovi spazi d’incontro: le scale, le piazze, Internet ...
4445
Dopo la descrizione dei primi 7 giorni della vita pubblica di Gesù
(Gv 1,19-51), Giovanni presenta una sezione che possiamo chiamare “da
Cana a Cana”, perché inizia con il primo miracolo operato da Gesù a Ca-
na, quello del cambiamento dell’acqua in vino, e termina con il secondo
miracolo compiuto di nuovo a Cana, quello della guarigione del figlio del
funzionario del re. La struttura essenziale di questa sezione può essere
presentata da questo schema:
1. La rivelazione di Gesù
a. il segno nelle nozze di Cana (2, 1-12)
b. il segno del tempio, preannuncio della risurrezione (2,13-22)
2. Le differenti risposte degli uomini
a. Nicodemo (2, 23 - 3,36)
b. la Samaritana (4, 1-42)
c. il funzionario del re (4, 43-54)
I tre personaggi presentati nei capitoli 3-4 sono molto diversi tra
di loro per sesso, etnia, stato sociale, cultura e tradizione, religione e
orientamento di vita. Essi hanno attese diverse e disposizioni interiori dif-
ferenti. Gesù li avvia a tre diversi itinerari di fede. Anche il tempo (notte,
mezzogiorno, un’ora dopo mezzogiorno) e l’ambiente dell’incontro (in
casa, vicino al pozzo, sulla via) sono diversi. Sotto la penna di Giovanni
i tre personaggi non sono soltanto tre individui che Gesù incontra per
caso: essi rappresentano tre tipi di persone ritrovabili in ogni tempo e tre
cammini di fede ripetibili anche oggi.
L’incontro di Gesù con tre personaggi
in situazione diversa
(Gv 3-4)
Maria Ko FMA
4546
1. Gesù con Nicodemo
[1] C’era tra i farisei un uomo chiamato Nicodemo, un capo dei
Giudei. [2] Egli andò da Gesù, di notte, e gli disse: «Rabbì, sap-
piamo che sei un maestro venuto da Dio; nessuno infatti può fare i
segni che tu fai, se Dio non è con lui». [3] Gli rispose Gesù: «In ve-
rità, in verità ti dico, se uno non rinasce dall’alto, non può vedere
il regno di Dio». [4] Gli disse Nicodèmo: «Come può un uomo na-
scere quando è vecchio? Può forse entrare una seconda volta nel
grembo di sua madre e rinascere?». [5] Gli rispose Gesù: «In veri-
tà, in verità ti dico, se uno non nasce da acqua e da Spirito, non può
entrare nel regno di Dio. [6] Quel che è nato dalla carne è carne e
quel che è nato dallo Spirito è Spirito. [7] Non ti meravigliare se t’-
ho detto: dovete rinascere dall’alto. [8] Il vento soffia dove vuole e
ne senti la voce, ma non sai di dove viene e dove va: così è di chiun-
que è nato dallo Spirito». [9] Replicò Nicodèmo: «Come può acca-
dere questo?». [10] Gli rispose Gesù: «Tu sei maestro in Israele e
non sai queste cose? [11] In verità, in verità ti dico, noi parliamo di
quel che sappiamo e testimoniamo quel che abbiamo veduto; ma
voi non accogliete la nostra testimonianza. [12] Se vi ho parlato di
cose della terra e non credete, come crederete se vi parlerò di cose
del cielo? [13] Eppure nessuno è mai salito al cielo, fuorchè il
Figlio dell’uomo che è disceso dal cielo. [14] E come Mosè innalzò
il serpente nel deserto, così bisogna che sia innalzato il Figlio del-
l’uomo, [15] perché chiunque crede in lui abbia la vita eterna».
“C’era tra i farisei un uomo chiamato Nicodemo, un capo di Giudei”
(3,1): così lo introduce Giovanni enunciandone solennemente il nome, il
gruppo religioso di appartenenza e il ruolo sociale. Si tratta di un uomo
autorevole e di grande reputazione, un capo dei giudei, vale a dire un
membro del Sinedrio, equivalente per noi a un deputato del parlamento.
Era anche un uomo colto, un “maestro d’Israele”, come dirà Gesù stesso
durante il dialogo con lui, quindi un interprete qualificato della legge.
Tutte queste prerogative lo fanno apparire una guida politica e spirituale
del popolo, un perfetto rappresentante del giudaismo, un esponente uffi-
ciale dell’ortodossia e della tradizione ebraica.
4647
Nicodemo viene da Gesù sicuro di sé. Egli inizia il discorso parlando
in prima persona plurale, ben conscio della propria responsabilità e rap-
presentatività: “Rabbì, sappiamo che sei un maestro venuto da Dio; nes-
suno infatti può fare i segni che tu fai, se Dio non è con lui” (3,2). Egli af-
ferma di aver individuato l’origine e l’identità di Gesù. S’immagina quin-
di di poter discutere con lui alla pari, come si farebbe con un collega. Da
uomo dotto, egli si crede capace di interpretare e valutare correttamente i
segni che Gesù compie: costui deve essere un uomo inviato da Dio, for-
nito di credenziali valide. Dall’agire risale all’essere, dall’effetto alla cau-
sa: un ragionamento che non fa una grinza e in perfetta conformità con i
canoni tramandati dalla scuola farisaica. Il mistero di Gesù sarebbe tutto
lì, ridotto a un caso logicamente giustificato, rinchiuso in una cornice pre-
fissata. Per Nicodemo Gesù non è il maestro, ma un maestro degno
di questa categoria. Nicodemo è una persona sincera, buona, ma molto
vincolata al suo status sociale e al suo intellettualismo rigido. Egli è un
“ammiratore” di Gesù, non è disposto a “seguirlo” a diventare un suo
discepolo, almeno non lo era quando andava a visitare Gesù, avvolto dal
buio della notte.
Il dialogo scaturito dall’incontro è il primo discorso del ministero
pubblico di Gesù. Esso riveste quindi un’importanza singolare nell’eco-
nomia del Vangelo di Giovanni. Nel dialogo è Nicodemo che prende per
primo la parola, ma chi guida tutto lo svolgimento è Gesù. Infatti, dopo
la prima affermazione, le parole di Nicodemo diminuiscono in quantità e
in sicurezza man mano che il dialogo procede, fino al totale silenzio.
Mentre gli interventi di Gesù, introdotti sistematicamente con la formula
solenne: “in verità, in verità ti dico”, crescono in lunghezza e in forza di
volta in volta.
Già nelle prime battute Gesù mette in discussione la sicurezza di Ni-
codemo e sconvolge il suo ragionamento. Egli gli parla della necessità di
“nascere dall’alto”, di “nascere dallo Spirito”, e questi non capisce. Si
vede subito che il dialogo procede su due piani paralleli che non s’incon-
trano. Gesù si muove su di un livello spirituale; Nicodemo, al contrario,
rimane a quello carnale, terreno, immediato. “Come può un uomo nasce-
re quando è vecchio? Può forse entrare una seconda volta nel grembo di
4748
sua madre e rinascere?”. Con queste domande Nicodemo si rivela real-
mente “vecchio”, incapace di aprirsi al nuovo, a pensare e vivere con
scioltezza e libertà. Il suo ragionamento si fissa sul già avvenuto, sul già
conosciuto e quindi su qualche cosa che sta sotto controllo. Gesù invece
lo invita a guardare in avanti, a lanciarsi in alto, nell’inedito. Mentre Ge-
sù lo esorta a “entrare nel Regno di Dio”, egli rimugina il problema di ri-
petere il passato, quello di “entrare nel grembo della madre”; mentre Ge-
sù gli indica la via per nascere in un modo nuovo, egli pensa all’assurdi-
tà di nascere da vecchio.
Gesù però non si ferma solo a costatare la distanza. Egli conduce il
suo interlocutore a compiere il salto di qualità liberandosi dalla chiusura
e dall’oscurità legate all’immagine del grembo materno e, quindi, all’ori-
gine carnale dell’uomo, per lanciarsi verso uno spazio luminoso, assolu-
tamente nuovo e trascendente qual è il Regno di Dio che Israele attende
da sempre.
Questo nuovo modo di nascere, e quindi di essere e vivere, ha qual-
cosa di misterioso per la logica e di irraggiungibile per lo sforzo umano.
È l’opera dello Spirito. L’uomo generato dall’alto, cioè dalla potenza mi-
steriosa dello Spirito, partecipa alla libertà dello Spirito e, senza separar-
si dalla sua natura carnale e sensibile, entra in una sfera che trascende la
chiusura della carne. Egli acquista una nuova capacità di vedere, un nuo-
vo criterio per giudicare e un modo nuovo d’agire. Lo Spirito lo trasfor-
ma e lo rende simile a sé.
Nicodemo pretende di conoscere Gesù, ma in realtà conosce soltanto
alcuni segni, ha in mano soltanto alcuni dati la cui interpretazione pro-
fonda e unitaria gli sfugge completamente. Egli deve nascere di nuovo,
dall’alto, dallo Spirito; egli deve essere trasformato dallo Spirito per sin-
tonizzarsi con Gesù e credere in lui. E questa nascita non è frutto di con-
quista umana, come egli potrebbe pensare da fariseo ma dono libero e
gratuito dall’alto.
Nicodemo ha compiuto poi questo salto? L’evangelista non vuole dar-
ci una risposta rassicurante. La conclusione del dialogo rimane aperta. La
conversione non ha effetti istantanei. Nicodemo fa fatica a cogliere il sen-
4849
so pieno del discorso di Gesù, benché fortemente affascinato dalla novi-
tà e dalla profondità. Egli, alla fine, manifesta ancora la sua perplessità da
uomo naturale, da fariseo rigido e tradizionalista: “Come può avvenire
questo?”. La domanda del “come” rivela ancora la pretesa di ridurre il
mistero a dottrina dimostrabile e verificabile. E Gesù gli risponde con una
domanda: “Tu sei maestro in Israele e non sai queste cose?”
La conclusione della storia dovrà essere dedotta dal successivo
sviluppo della storia. Questo fariseo attratto da Gesù lo difenderà con
coraggio contro il parere di tutti nel sinedrio (Gv 7, 48-52); dopo la mor-
te di Gesù, onorerà solennemente il suo corpo con preziosi unguenti e,
con Giuseppe di Arimatea, provvederà una degna sepoltura al Maestro
stimato (Gv 19, 39).
Da un incontro “notturno” Nicodemo emerge lentamente alla luce,
come dice Gesù “chi fa la verità viene alla luce” (Gv 3,21). Egli è
il paradigma del credente la cui fede esce progressivamente dalle ombre
dell’ambiguità e delle paure per diventare matura e manifestarsi pub -
blicamente.
2. Gesù con la Samaritana
[5] Giunse pertanto ad una città della Samaria chiamata Sicàr,
vicina al terreno che Giacobbe aveva dato a Giuseppe suo figlio:
[6] qui c’era il pozzo di Giacobbe. Gesù dunque, stanco del viag-
gio, sedeva presso il pozzo. Era verso mezzogiorno. [7] Arrivò in-
tanto una donna di Samaria ad attingere acqua. Le disse Gesù:
«Dammi da bere». [8] I suoi discepoli infatti erano andati in città
a far provvista di cibi. [9] Ma la Samaritana gli disse: «Come mai
tu, che sei Giudeo, chiedi da bere a me, che sono una donna sa-
maritana?». I Giudei infatti non mantengono buone relazioni con
i Samaritani. [10] Gesù le rispose: «Se tu conoscessi il dono di Dio
e chi è colui che ti dice: “Dammi da bere!”, tu stessa gliene avre-
sti chiesto ed egli ti avrebbe dato acqua viva». [11] Gli disse la
donna: «Signore, tu non hai un mezzo per attingere e il pozzo è
4950
profondo; da dove hai dunque quest’acqua viva? [12] Sei tu forse
più grande del nostro padre Giacobbe, che ci diede questo pozzo e
ne bevve lui con i suoi figli e il suo gregge?». [13] Rispose Gesù:
«Chiunque beve di quest’acqua avrà di nuovo sete; [14] ma chi be-
ve dell’acqua che io gli darò, non avrà mai più sete, anzi, l’acqua
che io gli darò diventerà in lui sorgente di acqua che zampilla
per la vita eterna». [15] «Signore, gli disse la donna, dammi di
quest’acqua, perché non abbia più sete e non continui a venire qui
ad attingere acqua». [16] Le disse: «Và a chiamare tuo marito e
poi ritorna qui». [17] Rispose la donna: «Non ho marito». Le dis-
se Gesù: «Hai detto bene “non ho marito”; [18] infatti hai avuto
cinque mariti e quello che hai ora non è tuo marito; in questo hai
detto il vero». [19] Gli replicò la donna: «Signore, vedo che tu sei
un profeta. [20] I nostri padri hanno adorato Dio sopra questo
monte e voi dite che è Gerusalemme il luogo in cui bisogna adora-
re». [21] Gesù le dice: «Credimi, donna, è giunto il momento in cui
né su questo monte, né in Gerusalemme adorerete il Padre. [22]
Voi adorate quel che non conoscete, noi adoriamo quello che co-
nosciamo, perché la salvezza viene dai Giudei. [23] Ma è giunto il
momento, ed è questo, in cui i veri adoratori adoreranno il Padre
in spirito e verità; perché il Padre cerca tali adoratori. [24] Dio
è spirito, e quelli che lo adorano devono adorarlo in spirito e
verità». [25] Gli rispose la donna: «So che deve venire il Messia
(cioè il Cristo): quando egli verrà, ci annunzierà ogni cosa».
[26] Le disse Gesù: «Sono io, che ti parlo». [27] In quel momento
giunsero i suoi discepoli e si meravigliarono che stesse a discorre-
re con una donna. Nessuno tuttavia gli disse: «Che desideri?», o
«Perché parli con lei?». [28] La donna intanto lasciò la brocca,
andò in città e disse alla gente: [29] «Venite a vedere un uomo che
mi ha detto tutto quello che ho fatto. Che sia forse il Messia?».
[30] Uscirono allora dalla città e andavano da lui.
Sotto un sole cocente a mezzogiorno, Gesù, stanco e assetato, siede
presso un pozzo (Gv 4, 5-42): è un’immagine affascinante. Il pozzo, in
ogni cultura, è qualcosa che ha un forte legame con la vita. Esso custodi-
sce l’acqua fresca che sgorga dal cuore della terra, parla di dono umile,
5051
gratuito e generoso, evoca la fatica del perforare e dell’attingere, allude
alla tranquilla dimora nella profondità misteriosa. Il pozzo, nodo vitale
della gente, è anche un luogo d’incontro, dove le vite s’intrecciano, dove
l’acqua è richiesta e donata, dove s’instaurano rapporti interpersonali
inattesi, dove gli stranieri diventano amici. Il pozzo è un luogo partico-
larmente caro alla donna. Mentre per gli uomini la piazza pubblica e la
porta della città rappresentano i luoghi tipici di ritrovo, per le donne è il
pozzo. Il pozzo offre loro la possibilità di vita sociale, di scambio di no-
tizie e di esperienze, di partecipazione e di solidarietà, di condivisione
delle piccole vicende quotidiane: gioie, dolori, problemi, preoccupazioni,
desideri, sogni, curiosità. Al pozzo c’è lo spazio libero per coniugare il
privato con il pubblico, la vita personale con quella di comunità, il lavo-
ro con l’ozio. Nell’Antico Testamento troviamo varie icone di donne al
pozzo e vari incontri avvenuti presso un pozzo: fra il servo di Abramo e
Rebecca (Gn 24, 11-14), fra Giacobbe e Rachele (Gn 29, 9-11), tra Mosè
e le figlie di Ietro, sacerdote di Madian (Es 2,15-22) ecc.
Qui troviamo Gesù seduto al pozzo, pronto per un incontro che si ri-
leverà trasformante. Arriva al pozzo una donna con la sua brocca per at-
tingere l’acqua. È Gesù che prende l’iniziativa del dialogo. Lo fa con una
richiesta: “Dammi da bere”, che è tanto semplice e ovvia in situazione
normale, ma che può risuonare una provocazione data l’antica ruggine
nelle relazioni fra giudei e samaritani. Si comprende allora la stupida e
sdegnosa reazione della donna: “Come mai, tu che sei Giudeo, chiedi da
bere a me, che sono una donna Samaritana?”.
Gesù non bada all’offensiva ironia, ma dalla cortesia negatagli, pren-
de lo spunto per un dialogo che dissipa l’odio tra i due popoli e allarga
l’orizzonte ristretto della donna: “Se tu conoscessi il dono di Dio e chi è
colui che ti dice: Dammi da bere! Tu stessa gliene avresti chiesto ed egli
ti avrebbe dato acqua viva”. Gesù insinua un sorprendente capovolgi-
mento della situazione. La donna però stenta a capire. Come può questo
sconosciuto darle dell’acqua non avendo modo di attingere al pozzo? Co-
me osa egli pretendere, promettendole acqua viva, di essere più grande
dei patriarchi che avevano dovuto scavare un pozzo? Anche se non ha an-
cora vinto le sue riserve su questo “giudeo”, tuttavia ammorbidisce il to-
5152
no, lo chiama con più rispetto: “Signore” e finisce per chiedergli effetti-
vamente “dammi di quest’acqua”, invertendo così i ruoli.
La meraviglia della donna è destinata ad aumentare. Gesù le dice:
“Va a chiamare tuo marito e poi ritorna qui”. La svolta del dialogo è
imprevista; l’imperativo è diretto, esplicito e preciso. In modo del tutto
inaspettato la donna sente scavare irresistibilmente all’interno della sua
vita. Il tentativo di esimersi dicendo di non aver marito è inutile. Essa
è costretta a entrare in sé e a prendere coscienza della sua verità senza
fuga e senza difesa.
Dio ama rivelarsi rivelando l’uomo a se stesso. Quando Dio irrompe
nella vita e penetra nel cuore, l’uomo non può non provare i sentimenti
del salmista che confessa: “Signore, tu mi scruti e mi conosci ... dove an-
dare lontano dal tuo spirito, dove fuggire dalla tua presenza?” (Sal 139).
È da un simile stato d’animo che scaturisce l’esclamazione di sorpresa
della donna samaritana: “Signore, vedo che sei un profeta”.
Nell’itinerario di fede, la riscoperta più profonda di sé e la conoscen-
za più vera di Dio vanno di pari passo. Infatti, tutta l’esperienza dell’uo-
mo con Dio può essere sintetizzata nella duplice domanda: Chi sei tu?
Chi sono io? Anche Sant’Agostino pregava così: “che io conosca te e che
io conosca me”.
Sotto la guida di Gesù, la donna conosce se stessa e scopre gradual-
mente chi è il misterioso interlocutore: un giudeo che supera le barriere
nazionalistiche, uno che è forse più grande del patriarca Giacobbe, uno
che vuol donarle qualcosa di prezioso, uno che sa scrutare il cuore, un
profeta. Ma la scoperta non è finita. C’è ancora qualcosa di più grande in
quest’uomo seduto al pozzo.
Procedendo nel dialogo, la donna pone a Gesù la domanda sull’au-
tenticità del luogo di culto, una domanda che metteva in polemica da
secoli Giudei e Samaritani. È chiaro che la donna è rinchiusa nei vicoli
ciechi dei vecchi dilemmi, dai quali Gesù ora la libera, attirando la sua
attenzione sulla novità che irrompe nel presente: “Credimi, donna, è giun-
to il momento, ... ed è questo”.
La donna fa fatica a seguirlo, non trova il livello giusto per collocar-
5253
si, ma oscilla tra il passato fossilizzato e un futuro vago. “So che deve ve-
nire il Messia: quando egli verrà, ci annunzierà ogni cosa”. A questo pun-
to avviene l’autorivelazione esplicita di Gesù che aiuta la sua interlocu-
trice a fare il balzo decisivo. “Sono io che ti parlo”. Il Messia non è solo
da descrivere attraverso sogni antichi, né da attendere in un futuro igno-
to, ma solo da riconoscere, perché già presente. Gesù non pone se stesso
come l’ultima mèta cui vuol portare la sua interlocutrice, bensì Padre, il
quale “cerca” con amore i suoi “veri adoratori”. Gesù è lo spazio aperto
al Padre. Gesù vuol trasmettere alla Samaritana questo messaggio: Tu non
cerchi Dio, ma Dio ti cerca, ti conosce e ti ama. Sei stata trovata da Dio.
Alla fine dell’incontro la donna dimentica la sua brocca e corre in cit-
tà per annunciare Gesù agli altri: Quella che era la sua unica preoccupa-
zione ora è abbandonata. E Gesù dimentica la sua stanchezza e il suo bi-
sogno di bere, perché la sua vera sete, quella di comunicare la salvezza, è
stata lenita.
3. Gesù e il funzionario del re
[46] Andò dunque di nuovo a Cana di Galilea, dove aveva cam-
biato l’acqua in vino. Vi era un funzionario del re, che aveva un fi-
glio malato a Cafarnao. [47] Costui, udito che Gesù era venuto
dalla Giudea in Galilea, si recò da lui e lo pregò di scendere a gua-
rire suo figlio poiché stava per morire. [48] Gesù gli disse: «Se non
vedete segni e prodigi, voi non credete». [49] Ma il funzionario del
re insistette: «Signore, scendi prima che il mio bambino muoia».
[50] Gesù gli risponde: «Và, tuo figlio vive». Quell’uomo credette
alla parola che gli aveva detto Gesù e si mise in cammino.
[51] Proprio mentre scendeva, gli vennero incontro i servi a dirgli:
«Tuo figlio vive!». [52] S’informò poi a che ora avesse cominciato
a star meglio. Gli dissero: «Ieri, un’ora dopo mezzogiorno la
febbre lo ha lasciato». [53] Il padre riconobbe che proprio in quel-
l’ora Gesù gli aveva detto: «Tuo figlio vive» e credette lui con
tutta la sua famiglia. [54] Questo fu il secondo miracolo che Gesù
fece tornando dalla Giudea in Galilea.
5354
Il racconto del funzionario pagano è simile al racconto sinottico del-
la guarigione del servo del centurione (Mt 8, 5-13; Lc 7, 1-10), ma ancor
più al racconto della guarigione della figlia della Cananea (Mc 7, 24-30;
Mt 15, 21-28), in cui la fede appare provata, come qui, da un primo ap-
parente rifiuto di Gesù.
Il funzionario del re arriva alla fede perché ha un figlio gravemente
malato. Va’ a Gesù spinto dall’amore paterno e dalla disperazione. Nessun
problema religioso o morale lo spinge. Solo un problema umano. Non
avrebbe capito nulla né dell’alto colloquio di Gesù con Nicodemo, né del
suo dialogo drammatico con la Samaritana. Egli è l’uomo semplice, con
i problemi della vita, col problema del dolore.
Non conosce bene chi fosse realmente Gesù, ha solo sentito parlare
dei miracoli operati da lui. Diversamente dall’intellettuale Nicodemo che
sa dedurre dai miracoli l’origine divina di Gesù, quest’uomo vede in Ge-
sù un taumaturgo, che può guarire i malati con la sua presenza fisica e col
suo contatto; per questo lo prega di scendere da Cana a Cafarnao prima
che il figlio muoia. Gesù rappresenta per lui l’ultima valvola di salvezza.
La risposta di Gesù suona piuttosto dura: “Se non vedete segni e
prodigi, voi non credete”. È formulata al plurale, quindi, Gesù critica
non solo questo uomo, ma tutta quella mentalità popolare che lo esalta
solo come un taumaturgo, tutta quella ricerca del sensazionale, dello
straordinario.
“Va, il tuo figlio vive”: Alla fine Gesù concede la grazia richiesta, e
gli dà molto di più. L’uomo “credette alla parola”: è l’espressione tipica
di Giovanni per indicare la fede autentica (cfr. 2,22; 4,41-42; 17,20).
Il funzionario fa un salto nella fede: dal credere alla potenza taumatur gica
di Gesù, al fidarsi della sua parola e della sua persona. Gesù non è solo un
operatore di miracoli, ma la Parola del Padre, creatrice e vivificatrice. La
sua parola è viva e vivificante. Chi crede alla e sulla sua parola, crede che
egli solo abbia la parola di vita eterna (cfr. 6, 68). Anche qui come nel
caso della Samaritana, la fede nasce e cresce in corrispondenza alla cre-
scita della conoscenza di Gesù.
Come nel caso della Samaritana, anche qui la fede manifesta la sua
5455
forza di attrazione. La fede tende a conquistare altra gente sulla base
della testimonianza. Il funzionario non è il solo a raggiungere alla piena
fede in Gesù, ma “credette tutta la sua famiglia”.
C’è un particolare interessante da non trascurare. Il personaggio
è chiamato in tutto il brano, o con la qualifica della sua professione:
“il funzionario del re”, o semplicemente “quest’uomo”. Soltanto alla
notizia della guarigione del figlio egli è presentato come “il padre”:
“Il padre riconobbe che proprio in quell’ora Gesù gli aveva detto: “Tuo
figlio vive”. L’amore di Dio sperimentato nell’incontro con Gesù rende
più autentico, più vero e più intenso l’amore umano.
55L’annuncio e la testimonianza di Gesù Cristo
nell’ambiente dell’Europa postmoderna
e secolarizzata: sfide e opportunità
Tomáš Halík 21
21 Mons. Tomáš Halík ThD. (1948), sociologo, filosofo e teologo. Durante il periodo
comunista è stato clandestinamente ordinato sacerdote ed era impegnato in un dissenso re-
ligioso e culturale; è stato uno stretto collaboratore del cardinale Tomášek. Dopo il 1989
è stato segretario generale della Conferenza episcopale ceca (1990 - 1993), professore di
filosofia e sociologia della religione presso la Facoltà di Filosofia dell’Università di Pra-
ga, presidente dell’Accademia cristiana ceca e parroco della Parrocchia accademica di
Praga. Nel 2003 è stato insignito del Premio Cardinale König, nel 2010 del Premio Ro-
mano Guardini.
Fratelli e sorelle, avete scelto per il vostro incontro il Paese conside-
rato una delle Nazioni più secolarizzate, o più atee dell’Europa, se non
del mondo. Avete invitato oggi al microfono un prete e teologo che lavo-
ra in questo Paese da sacerdote da più di trent’anni: prima 11 anni nel-
l’illegalità della “Chiesa sotterranea” (quando nemmeno mia madre, né i
miei colleghi del lavoro civile sapevano che ero un sacerdote, ordinato
clandestinamente) e adesso da 20 anni nella pastorale accademica a Pra-
ga. Durante questi 20 anni, in questo Paese, ritenuto ateo, ho introdotto
nella Chiesa attraverso i sacramenti d’iniziazione cristiana (generalmen-
te dopo due anni di preparazione accurata) circa mille giovani universita-
ri; ogni domenica predico a circa mille ascoltatori e ogni giovedì confes-
so un numero piuttosto crescente di penitenti.
Se il mio discorso vi sembrerà pieno di paradossi, sarà non solo per-
ché amo Pascal, Kierkegaard, Chesterton e Graham Green, ma anche per-
ché la mia esperienza di vita e di pastorale è piena di paradossi, e la si-
tuazione e prospettiva da cui vi parlo, è piena di paradossi. Il cristianesi-
mo non è forse “religione di paradossi”?
Vi prego di accogliere alcuni pensieri che possono suonare come una
provocazione e ciò per due motivi: prima di tutto vogliono provocare una
56
56riflessione e un dibattito; in secondo luogo intendono ricordare cose
che dimentichiamo spesso, di cui non parliamo e sulla quale riflettiamo,
o almeno in questo modo.
Vi propongo due tesi:
Prima: Uno dei compiti del cristiano è rinnovare la tradizione dell’atei-
smo cristiano.
Seconda: È nell’interesse del cristianesimo conservare il carattere seco-
lare della cultura europea.
Riguardo alla prima tesi
Troppi santi martiri cristiani furono giustiziati nell’Impero romano
per il loro ateismo (rifiuto degli dèi romani): non possiamo abbandonare,
dimenticare e tradire con leggerezza questa tradizione dell’ateismo cri-
stiano. Credo che verso certi dèi il cristiano debba essere “ateo” e oggi,
nell’epoca del “ritorno della religione” la critica della religione è molto
attuale; e chi dovrebbe assumere questo compito, se non i cristiani?
Da qualche tempo l’ateismo della tradizione illuministica non è più cri-
tico: spesso è diventato ideologico e dogmatico, e persino è diventato una
religione statale imposta – ricordiamoci dell’“ateismo scientifico” del mar-
xismo. Il vecchio ironista Chesterton, come ho già ricordato, elencava sar-
casticamente in che cosa uno deve credere e quale carico dei dogmi deve
prendere su di sé, per diventare oggi ateo (in questo senso ideologico). Se
noi cristiani avessimo conservato questa critica mordente della religione,
che troviamo nella Bibbia, nei profeti, nei salmi e poi in Gesù e Paolo, non
avremmo dovuto aspettare Feuerbach, Freud e Marx, perché ci dicessero
ciò che leggiamo nella Bibbia: che l’uomo tende a divinizzare le opere del-
le proprie mani, della sua immaginazione, e che dobbiamo stare attenti di
fronte a questi dèi e fabbricatori di dèi. L’ateismo della tradizione illumi-
nista, durante la sua relativamente breve storia, si è appesantito, ingrassa-
to, intontito; ha cominciato a prendersi troppo sul serio, ha perso quella
scintilla di umorismo e d’ironia che aveva ancora nei tempi in cui (spesso
inconsapevolmente) viveva ancora nel substrato cristiano, per esempio in
quella “cultura carnevalesca” che in modo geniale ha analizzato Michail
57
5758
Bachtin. Credo che gli angeli, leggendo per esempio le satire anticlericali
del monaco Rabelais, abbiano dovuto contorcersi dalle risa, mentre i libri
di testo dell’ateismo scientifico in Paradiso probabilmente non siano stati
letti, siano stati immediatamente spediti all’inferno, come strumenti di tor-
tura per i peccatori condannati a una terribile pena di noia perenne.
Temo che nemmeno “il nuovo ateismo scientifico” di Richard Dawkins e
compagni arricchisca questo ramo di ateismo con qualcosa di veramente
nuovo e avvincente; essi piuttosto si conformano mentalmente al bersaglio
della loro critica, alla religione fondamentalista dei creazionisti, che Daw-
kins presenta accanitamente come religione perché tale.
Dove si è prosciugata la sorgente dell’ateismo cristiano? Dopo che
il cristianesimo – originalmente cammino della vita, sequela Christi –
è diventato nell’Impero romano esso stesso religione (religio), un gran
numero di uomini e donne, scontenti di questo sviluppo, ha intrapreso
un esodo relativamente massiccio verso il deserto di Siria, Palestina ed
Egitto, per fondare lì il “cristianesimo alternativo”, una sua versione più
radicale, una controcultura rivolta non solo contro il paganesimo ro-
mano, ma anche contro il cristianesimo di massa troppo affermato nel-
l’Impero. Da questa controcultura sono sorte comunità monastiche;
questo è stato l’ambiente naturale della mistica cristiana, che poi ha in-
trodotto nella teologia una tradizione importante e preziosa: teologia ne-
gativa (apofattica).
Possiamo forse considerare la teologia negativa come erede legittima
dell’autentico “ateismo” cristiano e biblico, che difende il mistero della
divinità non soltanto dall’oggettivazione materiale, ma anche da quella
intellettuale e concettuale. Così come l’ateismo biblico e paleocristiano
difendeva la libertà e la grandezza di Dio dall’imprigionamento del divi-
no nel legno e nel metallo, la mistica e la teologia negativa lo difendeva-
no dal suo imprigionamento nei concetti e nelle teorie.
Forse si può dire che l’ateismo moderno, nella sua forma più interes-
sante, è una certa assolutizzazione della teologia negativa; entrambe le
correnti vanno insieme lungo il cammino della negazione delle affer -
mazioni su Dio, e si dividono solo davanti alla porta del mistero divino.
L’ateismo moderno volge le spalle a questa porta, l’agnosticismo rimane
rispettosamente fermo, ma la teologia negativa nega la negazione, relati-
vizza il relativismo, libera lo spazio alla fede, perché possa entrare umil-
5859
mente nel Mistero, eventualmente saltare coraggiosamente, in modo kier-
kegaardiano, nel cuore del paradosso.
Quando nei secoli XVIII e XIX sembrava che il bastimento della fe-
de stesse affondando, molti trasbordavano nelle barche dell’agnosticismo
o dell’ateismo. Durante il sec. XX tutte le ferme sicurezze, tutti i dogma-
tismi cominciarono a vacillare. Cominciò ad affondare anche la nave del-
l’ateismo dogmatico, sicuro di sé, e molte persone in Europa trasborda-
rono di nuovo all’imbarcazione dell’agnosticismo, che oggi è probabil-
mente quella più occupata. Quando la filosofia e la teologia esistenziale
(i cui precursori furono Pascal e Kierkegaard) hanno reso di nuovo pos-
sibile credere con gli interrogativi, e quindi sulla nave della fede non si è
più controllato se il viaggiatore abbia portato a bordo anche non pochi
dubbi (anzi, si presume che li abbia portati con sé), vi sono abbordate di
nuovo molte persone (me incluso). Il movimento più forte oggi si nota
sullo stretto ponticello tra l’agnosticismo e la fede; entrambi i gruppi han-
no dei dubbi (a differenza degli atei, sicuri di sé, che però sono diminuiti
rapidamente): mentre i credenti credono nonostante i dubbi, l’agnostico,
anche se forse volesse credere, si ferma soltanto sui dubbi.
L’ateismo moderno si è staccato fatalmente dalle sue fondamenta cri-
stiane (criticamente religiose) nel momento in cui ha smesso di essere au-
tenticamente critico; ha cessato di essere una critica della religione, in mol-
te cose in analogia con la teologia negativa, e ha cominciato a costruire
una propria metafisica, una propria fede. Anche se Feuerbach, con la sua
diagnosi della religione, ossia con la sua teoria della proiezione, si è allac-
ciato, come abbiamo già costatato, alla critica biblica della tendenza uma-
na di divinizzare le proprie opere, la sua proposta di terapia – immettere il
divino di nuovo dal cielo nell’uomo – ha avuto conseguenze fatali: l’in-
flazione dell’ego umano. Con questo diede inizio a quel tipo di umanesi-
mo che diventò piuttosto un narcisismo grandioso, e che significativa-
mente segna la nostra cultura e civiltà secolare occidentale, fino ad oggi.
L’influsso culturale dell’ateismo umanistico (soprattutto in seguito
alla popolarità della psicoanalisi di Freud in molti campi della cultura e
della pedagogia) è stato, e in certo senso in vari luoghi è tuttora, così
forte che il concetto di ateismo è diventato nella coscienza comune quasi
sinonimo di questa “religione umanistica”.
Troppo a lungo i teologi hanno cercato la causa dell’incredulità nei de-
5960
ficit intellettuali o morali dei non credenti. Erano convinti che il non credente
sia tale perché non è capace, o disponibile a riconoscere argomenti teologici
sull’esistenza di Dio, e ciò forse perché l’orgoglio gli impedisce di ammette-
re l’autorità di Dio che si rivela, o della Chiesa che trasmette la rivelazione
infallibilmente e autorevolmente. Uno può però essere non credente anche
perché non è disposto ad accettare le esigenze morali, alle quali sarebbe im-
pegnato se accogliesse la fede; oppure si nasconde di fronte alla luce della
Verità perché coscientemente o inconsciamente nasconde nelle tenebre del-
l’eresia il proprio peccato. Troppo a lungo i teologi hanno pensato che se in-
ducono il non credente, il quale ha la capacità e la buona volontà sufficien-
ti per riconoscere almeno le regole del pensiero logico, a sedersi al tavolo di
scacchi della disputa, riusciranno con alcune mosse sperimentate a dare tem-
pestivamente scacco matto alla sua incredulità.
Il Concilio Vaticano II ha segnato, nella diagnosi delle cause dell’a-
teismo un capovolgimento veramente rivoluzionario: i grandi colpevoli
dell’ateismo sono stati dichiarati i cristiani, che non hanno dato ai non
credenti una testimonianza sufficientemente credibile della propria fede;
anzi hanno dato piuttosto scandalo con la propria “controtestimonianza”.
È iniziata l’era delle scuse cristiane che ha avuto il suo apice nella nota
confessione di “Mea culpa” del Papa Giovanni Paolo II alle soglie del
nuovo millennio. Una grande parte del mondo ateo accoglie le scuse del-
la Chiesa come un rituale ovvio, lo aspetta e lo esige sempre di nuovo e
in una misura maggiore; non sembra che sia per questo in qualunque mo-
do scossa nella propria incredulità.
Le cattiverie dei cristiani potevano sicuramente essere, ieri come og-
gi, un ostacolo psicologico al successo missionario della Chiesa. Rigoro-
samente parlando, le cattiverie dei cristiani sono un argomento contro i
cattivi cristiani, ma difficilmente sono un argomento valido contro il cri-
stianesimo, la fede e Dio; il fatto che i pellegrini siano lontani dalla me-
ta, che molti vadano errando in un circolo improduttivo e ancora altri per
vari motivi volgano le spalle alla meta, non dice proprio niente contro la
meta stessa. Gesù non nascondeva che il cammino della sequela è stretto,
ripido ed esigente e che pochi lo percorrono; e nemmeno possiamo leg-
gere da qualche parte che abbia chiamato qualcuno solo perché si mo-
strava santo. In più, la storia vera del cristianesimo non è solo un raccon-
to dei crimini, ma accanto a tutti gli scandali offre anche esempi abbon-
6061
danti di sequela eroica di Cristo e frutti tali della vita della Chiesa, alla
quale chi vuole rimanere onesto non può negare il rispetto.
Forse, più che la bruttura umana dei cristiani, maggiore ostacolo sul
cammino del riconoscimento di Dio è stata una certa teologia e spiritua-
lità, che produceva concezioni di Dio problematiche e a volte persino
patologiche. Questo modo di produzione religiosa ha fornito agli atei
un pantheon degli dei oltremodo variopinto, in cui è troppo facile non
credere. A volte penso che il maggior problema delle proposte ai non cre-
denti – quello che veramente impedisca di trovare la via per accogliere Dio
– consiste nel fatto che loro hanno già il loro dio; quello in cui non cre-
dono. Il non credente è solitamente una persona che nega il concetto di
dio che ha creato lui stesso, o che ha assunto. È difficile parlare con lui di
Dio, non perché il concetto di “Dio” sia per lui vuoto o sconosciuto, ma
perché è riempito di un’idea troppo concreta; l’idea che rifiuta, e aggiun-
giamo che generalmente a tutta ragione!
Se m’imbatto in un credente che è torturato dall’immagine di un dio
come controllore temuto, vendicativo, pedantesco, mi fa più pena che l’a-
teo che proprio questo Dio lo rifiuta; però non posso trascurare che anche
per quell’ateo questa immagine di dio gioca un ruolo importante e simil-
mente negativo: la stessa immagine patologica, infatti, riempie il suo con-
cetto di Dio e gli impedisce di aprirsi a un’altra concezione di Dio. Se una
tale persona legge la Bibbia, la legge con gli occhiali del suo concetto di
Dio e la legge in modo talmente selettivo (come ognuno che ha già
un’immagine di Dio compiuta e fissa) che in questo libro a molti strati, in
cui con un po’ di cattiva volontà e abile estrapolazione delle frasi dal lo-
ro contesto si può trovare una giustificazione per quasi tutto, troveranno
proprio per questa immagine di Dio materiale abbondante.
Perdere una tale fede (piuttosto un sintomo di neurosi, avvolto in una ve-
ste pseudoreligiosa) e la morale da essa derivante (il sistema di divieti, che
in realtà rafforza la forza d’attrazione di ciò che è vietato) è piuttosto un pri-
mo presupposto, perché la persona si apra per il dono di una fede autentica,
sana. La cultura secolare però cerca di farci credere che l’unica possibilità
alla fede neurotica sia l’ateismo, perché essa stessa non conosce altra alter-
nativa; tuttavia l’ateismo, che a volte nasce dalla reazione alla religione com-
pulsiva, neurotica, è molto spesso ugualmente compulsivo, neurotico e spa-
smodico, e ciò è più evidente nel suo carattere militante. L’ateismo militan-
6122 Considerare Dio come “essere sovrannaturale” e tutta la distinzione della realtà in
“naturale” e “sovrannaturale” è estremamente mistificatoria, per lo meno dal momento in
cui è stato generalmente accettato il concetto illuminista della natura che comprende tut-
to ciò che è “reale”. Il “Dio sovrannaturale” si è così trovato, insieme a Gesù Bambino del
Natale e a Santa Claus, in compagnia delle fate, degli spettri e di altri personaggi delle
favole. In modo pregnante ne scrive il filosofo di Cambridge Niklas Lash (cfr. LASH N.;
vedi anche HALÍK T., Noc zpov ě dníka).
te degli ex credenti, “guariti dalla camicia di forza di dogmi e prescrizioni
religiose”, è spesso solo una copia invertita della religiosità patologica, so-
lo un’altra versione della neurosi, da cui in realtà non si sono liberati. Que-
sti antiteisti reattivi sono in realtà sempre determinati dall’oggetto del loro
stesso odio – anche se negativamente – e spesso appaiono come “indemo-
niati”. Qualcosa di simile, nel periodo della mia esperienza clinica, ho os-
servato in quelli che militavano contro l’alcolismo, negli ex alcolizzati, la cui
militanza spasmodica (e a volte una religiosità molto emotiva e fanatica,
che affermavano averli guariti dalla dipendenza) era solo un’altra forma di
dipendenza, una droga alternativa, l’espressione del terrore del diavolo, di
cui giustamente intuivano in modo inconscio di non essersi ancora liberati.
E purtroppo possiamo vedere un fenomeno analogo anche in alcuni antico-
munisti militanti, ex comunisti, compresi alcuni convertiti al cristianesimo,
che hanno inconsciamente trasferito nella loro fede cristiana, dal loro pas-
sato comunista, lo spirito di odio e la visione del mondo in bianco e nero.
Se tralasciamo le immagini di Dio manifestamente patologiche (che
danneggiano l’uomo), troveremo sempre parecchi credenti, e special-
mente moltissimi non credenti, uniti da un’immagine infantile di Dio. (I
credenti in questo caso si distinguono dai non credenti solo perché gli uni
considerano questa caricatura “realtà”, invece gli altri la stessa immagine
“soltanto pensata”). Più spesso si tratta dell’immagine di Dio come un
“essere soprannaturale”, che sullo sfondo del mondo visibile soddisfa le
nostre richieste; e noi secondo l’efficacia della sua prestazione decidiamo
se gli concediamo o neghiamo l’esistenza. Se funziona secondo le nostre
attese, allora esiste e noi “crediamo in lui”; se non corrisponde ai nostri
criteri, allora “non esiste”. Riguardo a un tale dio sono pienamente dalla
parte degli atei; nel mio mondo e nel mondo della mia fede non rientra
nessun “essere soprannaturale” e tanto meno un suo esemplare così triste. 22
Mi dispiace che molti mantengano viva questa immagine di dio e facciano
62
6223 L’esempio significativo è il conflitto del cosiddetto “nuovo ateismo” con il teismo
volgare. Se a R. Dawkinson, e ai simili a lui protagonisti del “nuovo ateismo” militante, di-
te che il Dio in cui credete non è quel Big Daddy dietro le quinte del mondo, lo farete ar-
rabbiare, perché lui ha già scelto il bersaglio che sa colpire e voi glielo fate muovere; il “nuo-
vo ateismo” sembra sapere lottare solo con il suo gemello mentale, cioè con il vecchio fon-
damentalismo cristiano. Non prende in considerazione un tipo di fede radicalmente diverso.
24 JÜNGEL E., Gott als Geheimniss der Welt.
riferimento a essa (sia che in essa credano, sia che la neghino), perché, a
mio avviso, oscura loro una domanda seria su Dio. 23 Per me e per la mia
fede una tale divinità è semplicemente irrilevante, non mi riguarda. Se ri-
conoscessi a un tale dio – anche se adempisse immancabilmente le mie ri-
chieste – l’esistenza e lo status divino, rinnegherei Dio in cui credo, Dio
di cui leggo nella narrazione dell’Antico Testamento, Dio che Gesù chia-
mava Padre e su cui riflettevano Pascal, Eckhart, Luther, Kierkegaard,
Buber a molti altri miei amici sul comune cammino della fede. Il Dio in
cui credo, a differenza di dio-adempitore delle richieste umane, non fun-
ziona (e tanto meno quanto servitore della mia volontà), lui è, ed è così
com’è (Es 3), non come lo desidero io, e sono io colui che cerca (trascu-
ratamente e fiaccamente, lo riconosco) di adempiere la sua volontà. Lui
non è la nostra ombra, creazione, proiezione della nostra fantasia; siamo
noi a essere Sua immagine, opere della sua fantasia creativa.
Alla domanda dei “nostri amici non credenti” se esiste Dio, non ri-
sponderei mai affondando nelle argomentazioni scolasticamente catechi-
stiche, che considero non soltanto inefficaci, ma persino blasfeme. Il
mondo in cui viviamo non è più il “mondo naturale” dell’uomo arcaico o
pre-moderno, e la sua esperienza religiosa, da lui probabilmente speri-
mentata nel suo mondo, non è più la nostra. Noi nasciamo nel mondo che
è mediato dal linguaggio, dalla cultura, dalla tecnologia della nostra ci-
viltà e in questo mondo difficilmente realizzeremo quell’esperienza “na-
turale, immediata” (ossia pagana) con il divino.
Nonostante ciò Dio nel nostro mondo con certezza “esiste”: almeno
come parola nella nostra lingua. (La “morte silenziosa di Dio nel lin-
guaggio”, proclamata nel sec. XX dopo la morte di Dio annunciata da
Nietzche, alla fine non è avvenuta.) Ernst Jüngel avvisava che la frase
“Dio è morto” è stata formulata non come risposta a una domanda se Dio
esiste, ma a quella “dove è Dio”, dove è andato a finire? 24
63
6364
Dove allora esiste Dio, dove lo possono incontrare anche i nostri amici non
credenti? Esiste nei racconti che si narrano di lui. Oggi questo è il cielo in
cui abita Dio, è il cielo che si apre a chi è pronto a “entrare nel racconto”.
Per incontrare il Dio della Bibbia abbiamo bisogno di “entrare nel rac-
conto”, con rispetto e comprensione, abbandonando molto di ciò che por-
tiamo con noi. Tale peso può essere un’interpretazione fondamentalista,
“letterale” della Bibbia, oppure considerare la Bibbia come un libro di
biologia o di storia; entrambi gli atteggiamenti sono in realtà solo un’ap-
plicazione acritica dei criteri del positivismo moderno al testo, cui è com-
pletamente estranea tale comprensione della realtà e della verità. Il fon -
damentalismo è un fenomeno moderno, che a torto considera se stesso
“tradizionale” e antico; all’uomo pre-moderno, non ancora cacciato dal ra-
zionalismo moderno dal mondo mito-poetico del trattare naturalmente i
simboli, non verrebbe mai in mente di leggere la Bibbia come un’enciclo-
pedia positivista delle conoscenze scientifiche sulla natura e sulla storia.
La fede quindi non significa riconoscere al testo lo status di resocon-
to preciso dei “fatti” inconfutabili, ma precisamente entrare nel racconto;
sorge così il cerchio ermeneutico tra la nostra storia e il racconto biblico:
entrambi si illuminano e si interpretano a vicenda. La Bibbia non è una
“fotografia del mondo” che informa l’uomo su com’è il mondo, ma uno
specchio, messo davanti a lui stesso, che lo aiuta a capire se stesso e co-
sì cambiare se stesso e il mondo.
Adesso riguardo alla seconda tesi: è nell’interesse del cristia-
nesimo preservare il carattere secolare della cultura europea?
Alla recente Conferenza internazionale sulla Chiesa in Europa, mi è
stato chiesto chi ha la responsabilità della presenza del cristianesimo nel-
la vita pubblica?
Una domanda posta così suggerisce una risposta piuttosto banale: chi
altro, se non i cristiani coinvolti nella vita pubblica, nella politica, nella
cultura, nei media, nelle imprese e naturalmente i rappresentanti delle
Chiese, che anche nelle società secolarizzate costituiscono parte della so-
cietà civile e della sfera pubblica.
Io ho però cercato di evidenziare che un interesse particolare per la
presenza del cristianesimo in Europa dovrebbe averlo anche e soprattut-
6465
to chi aderisce al “partito” secolare e che noi a volte chiamiamo laici,
laicisti. Ed oggi davanti a voi vorrei sostenere una tesi complementare: i
cristiani hanno interesse e dovrebbero sentirsi responsabili della preser-
vazione del carattere secolare dell’Europa.
Mi pare che il cristianesimo – la religione dell’Incarnazione –
è stato sempre “sincretico”, “molteplice”, incarnato in diverse culture
che non sono mai state areligiose. Sia si trattasse del primordiale
giudeo-cristianesimo o elleno-cristianesimo, o più tardi del cristianesimo di
antichi greci, romani, egiziani, celti, slavi, germani ecc.; anche se la Chie-
sa cercava di eliminare (a volte anzi pure parzialmente battezzare e inte-
grare) l’originario strato religioso della cultura, nei quali la fede s’incarna-
va, probabilmente mai è rimasta completamente esente dal suo influsso.
Ciò che però è degno di nota è la simbiosi, che ormai dura da circa
200 anni, del cristianesimo tradizionale con una sola cultura nella storia
umana che sembra essere secolare, cioè con la modernità europea. Con la
cultura che non conteneva né cercava la propria “areligiosità”, perché cre-
sciuta dalle radici della religione cristiana.
Il cristianesimo che ora viviamo in Europa non è “puro” (come non è
mai stato puro e forse per il suo carattere di “incarnazione” non può nem-
meno esserlo), è profondamente mescolato con la cultura secolare dell’Oc-
cidente. Paradossalmente, solo il cristianesimo impedisce a questa cultura
secolare di diventare pienamente una religione. La cultura secolare del-
l’Occidente è secolare, areligiosa, nella stessa misura in cui è cristiana.
Se l’elemento cristiano sta scomparendo dalla cultura europea, que-
sta, non diventa atea ma religiosa, religiosa nel senso non-cristiano (e
spesso anti-cristiano). Persino il suo stesso ateismo diventa poi una “reli-
gione”, addirittura “religione di Stato”, come l’abbiamo visto nell’esem-
pio del marxismo.
È nell’interesse del cristianesimo e dei cristiani mantenere la secola-
rità della componente secolare della cultura europea, criticare la tenden-
za della secolarità a diventare una religione. Con questo difende sia lo
spazio per il cristianesimo in Europa, sia il carattere autentico della cul-
tura europea, la cui identità già da alcuni secoli sta nella compatibilità del
“laicismo” con il cristianesimo.
La parte cristiana e secolare della cultura europea palesemente non
può mai pienamente fondersi, sempre ci sarà una certa tensione tra di es-
6525 Cfr. TAYLOR, Ch., A Catholic Modernity?
se. Dipende da molte circostanze se sarà una tensione feconda, oppure per
entrambe le parti un’estenuante guerra di posizione. La modernità proba-
bilmente non potrà mai essere pienamente cristianizzata (e nemmeno sot-
to lo slogan suggestivo della “nuova evangelizzazione dell’Europa” non
dovremmo cercare di realizzare quest’utopia).
Charles Taylor ha dimostrato perché il cristianesimo non può affronta-
re la missione della modernità odierna come ad esempio affrontava P. Ric-
ci l’inculturazione del cristianesimo nelle culture dell’Asia. È così perché la
modernità è una cultura già fatalmente penetrata dal cristianesimo, anche se
non può essere chiamata senza riserve cristiana. Ciò che è nella modernità
“non-cristiano” spesso non è neutrale, rispetto al cristianesimo, e potenzial-
mente aperto (com’era nel caso delle lontane culture “pagane”) ma pro-
grammaticamente anti-cristiano. Tuttavia, alcuni valori profondamente cri-
stiani si sono affermati nella cultura moderna dopo la caduta dell’egemonia
del potere politico delle “istituzioni cristiane” e spesso in lotta con loro. 25
Temo che se arrivasse la separazione tra il cristianesimo e la secola-
rità, o se una parte vincesse completamente ed eliminasse l’altra, l’Euro-
pa perderebbe sia il suo impegno verso il proprio passato, sia il suo futu-
ro. Qualunque parte vincesse, qualunque di loro si rendesse indipendente
dall’altra, in ogni caso perderebbero tutte e due. Penso che a una simile
conclusione sia arrivato il famoso dialogo del Cardinale Ratzinger con
Jürgen Habermas all’Accademia Cattolica di Monaco: l’umanesimo se-
colare e il cristianesimo hanno bisogno l’uno dell’altro per correggere re-
ciprocamente le proprie unilateralità. E un simile punto di vista lo trovia-
mo nell’Enciclica Fides et ratio di Giovanni Paolo II: la fede senza il ra-
gionamento è pericolosa, la razionalità senza valori etici e spirituali che
scaturiscono dalla fede, è altrettanto unilaterale e per questo pericolosa.
Come sarebbe il cristianesimo se davvero volesse emanciparsi dall’e-
redità dell’illuminismo, dalla secolarità odierna, lo vediamo nel fonda-
mentalismo e tradizionalismo cristiano contemporaneo. Come sarebbe la
secolarità e la laicità se davvero volessero volgere completamente le spal-
le al cristianesimo, lo possiamo solo intuire da come si manifestano ideo-
logie intolleranti e totalizzanti, come ad esempio il tentativo di imporre il
newspeak della “correttezza politica” o, sotto il motto di “multiculturali-
66
66tà” di fare la castrazione spirituale o la lobotomia della propria cultura.
(Credo, però, che i cristiani nella loro comprensibile e necessaria difesa
contro queste tendenze non dovrebbero estenuarsi in primo luogo con la
lotta per i simboli esteriori, visibili del cristianesimo: le croci sulle mura
di edifici pubblici e “invocatio Dei” nella Costituzione – non per questo
sottovaluto il ruolo dei simboli –, ma dovrebbero impegnarsi in quella
sfera invisibile dei cuori e delle menti a coltivare il ragionamento e il lin-
guaggio di fede, perché di qui può nascere il modo della presenza del cri-
stianesimo in Europa di cui c’è maggiormente bisogno: essere una voce
udibile e comprensibile ma sopratutto credibile e competente nella dis-
cussione delle questioni morali chiave della nostra civiltà.)
Oggi entrambe queste correnti inquietanti – il fondamentalismo cristia-
no e il secolarismo militante – si stanno sfidando a vicenda e così si raffor-
zano, l’uno si legittima con l’esistenza dell’altro, e così non soltanto si man-
tengono in vita, ma attraverso i conflitti incessanti si radicalizzano. Anche
se entrambi affermano la necessità di eliminare l’altro, necessariamente han-
no bisogno l’uno dell’altro; gli estremisti non sono in grado di vivere senza
un nemico. Entrambi hanno ragione dichiarando l’altro un pericolo; il peri-
colo maggiore, però deriva da questa demonizzazione reciproca.
Là dove le persone cominciano a usare nei conflitti politici e ideolo-
gici una retorica religiosa, dove vedono nei propri avversari demoni (il
Grande Satana, l’Impero del male ecc.) – e spesso su di essi scatenano o
proiettano i propri demoni, le proprie “ombre”, le proprie caratteristiche
negative non riconosciute – là gli scontri di opinione rischiano di trasfor-
marsi in conflitti veramente devastanti. Proprio lì dove regna la certezza
che “Dio è morto”, i vari idoli e demoni hanno tanta vitalità.
Vedo il futuro dell’Europa nel mantenere e approfondire la compati-
bilità tra i seguaci del cristianesimo “esplicito” e i custodi dei valori spe-
cifici dell’illuminismo; per questo gli uni dovrebbero essere interessati e
sentire la responsabilità della presenza anche degli altri nella cultura e
nella società europea. I cristiani (come sento da molti discorsi del Papa
Benedetto) sono altrettanto responsabili del mantenimento di una “sana
laicità” dell’Europa e quelli che vogliono un’Europa “secolare” (e temo-
no il clericalismo e il fondamentalismo) dovrebbero essere consapevoli
anche del loro interesse e della corresponsabilità per una presenza credi-
bile del cristianesimo nella vita pubblica dell’Europa unificata.
67
67Risposta alla conferenza di P. Tomáš Halík
Implicazioni per la Missione Salesiana
Luis Fernando Gutierres SDB
Obiettivo del mio intervento è rileggere il testo del Prof. P. Tomáš
Halík rilevando alcuni aspetti interessanti della sua conferenza e giunge-
re ad alcune semplici conclusioni.
Il prof. nel suo intervento utilizza questa espressione “Dobbiamo rin-
novare la tradizione dell’ateismo cristiano”. Si tratta di un’espressione
forte. Oggi, come sempre, ci sono nuovi dèi. La storia del cristianesimo
conosce tanti profeti, martiri, religiosi ... che hanno dovuto confrontarsi
con gli dei ufficiali (= dialogo profetico).
Oggi i nuovi dèi sono la scienza quando è critica fino a giungere al
dogmatismo, il consumismo quando si presenta come modello di vita, il
comunismo quando era una religione dello Stato. Questo ateismo diven-
ta una vera fede. Nel 19° secolo gli autori di questi nuovi dèi sono Feur-
bach, che ha divinizzato l’uomo e ha elevato in modo esagerato l’ego
umano, Freud che ha considerato Dio una proiezione dell’uomo, Spon-
ville che ha proposto una spiritualità senza Dio.
Altro interessante punto è il riferimento alla teologia negativa, che ha
eliminato dal concetto di Dio la dimensione di mistero.
Altra interessante riflessione è legata a quanto è detto nel Concilio
Vaticano II: “I cristiani con la loro mancanza di testimonianza sono re-
sponsabili dell’ateismo moderno”. Questa affermazione rimane attuale se
consideriamo il momento della crisi di credibilità e di fiducia che vive la
Chiesa. Pensiamo alle parole di Papa Benedetto quando dice che a volte
il nemico della Chiesa non è fuori, ma dentro.
Halík inoltre rileva il problema di una teologia e una pastorale che pre-
senta un volto di Dio problematico e patologico. Da qui emerge la necessi-
tà di rivedere le immagini di Dio che utilizziamo quando parliamo di Dio.
Halík nella seconda tesi sostiene che per la cultura europea è impor-
tante che il cristianesimo conservi il carattere secolare: è necessario
essere presenti nella vita pubblica. In questo punto, forse, il professore
enfatizza il potere dei laici.
Il cristianesimo, religione dell’incarnazione, si è inculturata nei di-
68
68versi contesti culturali: è un invito a difendere l’esperienza dei credenti,
a occupare un posto nella pubblica piazza.
Alcuni insegnamenti dalle intuizioni del professor Halík
1. Halík ha dato grande importanza al CONTESTO. Mi domando:
che cosa implica per noi SDB e FMA annunciare Gesù Cristo, oggi, in un
contesto secolarizzato e multietnico?
In alcune parti d’Europa i giovani non conoscono più Gesù Cristo: al-
cuni non hanno sentito parlare di Gesù Cristo, altri hanno solo alcuni va-
ghi concetti sulla sua persona, altri ancora lo considerano come uno dei
grandi uomini. È credibile il volto di Gesù raccontato in un romanzo o in
un film piuttosto che il Gesù del Vangelo? La società postmoderna sem-
bra impegnata nell’eliminare il Figlio di Dio dalla cultura.
2. Halík sottolinea l’importanza della Parola di Dio e focalizza l’at-
tenzione sull’iniziazione cristiana. Tale azione è rivolta a tutti: sia per chi
non ha ricevuto i sacramenti, sia per chi li ha ricevuti ma si sente lontano
da Gesù Cristo.
3. Nel testo prof. Halík rileva la necessità di coltivare un atteggia-
mento di dialogo profetico. Ciò richiede di dare importanza all’annuncio,
alla testimonianza, ai luoghi d’incontro. Questi non sono sempre luoghi
fisici, ma comprende tutte quelle opportunità che la nostra cultura offre
come punti di approccio per un mondo più umano, per una cultura della
tolleranza e della solidarietà.
4. Dall’intervento di Halík emerge che una delle principali sfide del-
l’evangelizzazione sono gli evangelizzatori, i quali devono essere in gra-
do di entrare in dialogo con la cultura di oggi e le comunità che devono
essere credibili per l’uomo moderno.
5. Halík fornisce alcune indicazioni interessanti relative all’utilizzo di
un linguaggio narrativo e autobiografico per parlare di Dio, sia nella teo-
logia sia nella pastorale.
6. Nell’intervento di Halík manca il riferimento alla famiglia come
luogo per la creazione della cultura cristiana. Credo che la famiglia sia
oggi, non solo l’oggetto, ma il soggetto della pastorale. Oggi la famiglia
a volte è un problema, a volte un alleato, ma sempre un’opportunità.
69
6970
Nella realtà pluriculturale, plurietnica e plurireligiosa del continen-
te europeo, quali apporti possono offrire le sensibilità religiose, sia nuove
sia tradizionali, e quali atteggiamenti si possono riscontrare nelle persone
più “emarginate” (culturalmente, economicamente, moralmente)?
PLA - FMA
Nella realtà tanto complessa dell’Europa le sensibilità religiose po-
trebbero:
✓ portare una bellezza affascinante della testimonianza trasparente di
una fede autentica che evidenzi un rapporto significante con la vita
che si traduce in un impegno sociale;
✓ rinnovare interiormente lo spirito dell’Europa, offrendo il Vangelo
della speranza che trova la sua fonte e le sue radici in Cristo;
✓ aiutare le persone a riscoprire il senso del mistero e del sacro e a
leggere in modo cristiano i segni dei tempi nuovi, dal punto di vista
del Vangelo. Nello stesso tempo aiutare a chiamare per nome le
espressioni contemporanee di neopaganesimo e cercare insieme i modi
di superarle;
✓ tendere attivamente a una stretta collaborazione tra i diversi soggetti
responsabili dell’educazione: famiglia, scuola, stato, Chiesa;
✓ sostenere i laici nello scoprire la loro vocazione cristiana e aiutarli a
esprimerla nei diversi ambienti;
✓ sostenere il cammino ecumenico del dialogo interreligioso e
interculturale in vista di una convivenza pacifica tra le confessioni e le
religioni;
✓ aiutare le persone “più emarginate” (culturalmente, economicamente,
Testimoniare e annunciare Gesù,
in Europa, in dialogo con le altre
confessioni cristiane e le altre religioni
Dalle risposte scritte dei partecipanti
7071
moralmente) a ritrovare il senso dell’esistenza umana e della dignità
per:
• sperimentare la grazia dell’amore e del perdono;
• sperimentare l’accettazione della diversità e imparare a compren-
dere e a esprimere in modo giusto il vero atteggiamento di tolle-
ranza.
SBA - FMA
Oggi non è facile evangelizzare in certe situazioni: per molte persone
Dio è morto o non è mai esistito.
Oggi la sensibilità religiosa si esprime in molti modi diversi secondo
i contesti.
Nei nostri contesti di esclusione, piuttosto che offrire alle persone un
“contenuto” evangelico, è preferibile incoraggiare e aiutare a riconoscere
quello che di evangelico c’è in mezzo alla storia umana. Questo proces-
so va unito all’accettazione della diversità dei ritmi personali.
Nel mondo dell’esclusione l’evangelizzazione intende:
✓ trattare le cause che opprimono la persona, qui e ora;
✓ accogliere la persona incondizionatamente com’è e come si trova;
✓ valorizzare lo sviluppo dell’immagine positiva della persona;
✓ creare “links” con modelli di riferimento;
✓ stabilire relazioni come opportunità di apprendimento per la vita della
comunità;
✓ facilitare le domande sul senso della vita;
✓ identificare e promuovere prospettive future di vita per il giovane;
✓ favorire l’integrazione di gruppo;
✓ favorire un’apertura partecipativa alla realtà che lo circonda;
✓ creare spazi per la contemplazione e l’ascolto.
SMA
La Chiesa sta perdendo a poco a poco il contatto con i giovani e il lo-
ro mondo. Non esagero quando affermo che la maggior parte dei giovani
ha unicamente contatti con la Chiesa, o attraverso i mezzi d’informazio-
7172
ne o attraverso ciò che è detto nel gruppo degli amici. È urgente trovare
punti di contatto! Cioè, creare spazi di relazione umana, dove sperimen-
tare la gioia e condividere l’amicizia.
I punti d’incontro non sono solo gli spazi fisici; oggi si ha anche la
possibilità di incontrare la cultura giovanile, utilizzando i nuovi strumen-
ti di comunicazione sociale per parlare di Dio e dell’uomo e quelle espe-
rienze in cui si vive il valore della solidarietà e della tolleranza. Questi
luoghi sono per noi opportunità non sempre sfruttate per seminare il
Vangelo.
È importante sottolineare il valore della testimonianza personale (cre-
denti coerenti e credibili) e comunitaria (comunità coerente e credibile).
7273
Il contesto ecumenico
Il Papa Benedetto XVI nel 2008 ha confermato la direzione per la
Chiesa Cattolica: “La Chiesa cattolica intende proseguire e intensificare
il proprio impegno ecumenico ‘con prudenza e saggezza pastorale’. In
modo particolare:
✓ rilevanti passi in avanti sono stati compiuti nei rapporti con le Chiese
ortodosse e con le antiche Chiese ortodosse orientali;
✓ il confronto con i protestanti si trova “in una situazione intermedia”;
✓ ci sono “divergenze” e “gravi problemi” sulla reciproca conoscenza,
che possono essere superati se si cresce nella conoscenza personale di
Dio in Cristo, scoprendo così la “responsabilità” di diventarne
testimoni;
✓ il progresso ecumenico “non è lineare”, tuttavia numerosi sono i “passi
positivi” compiuti negli ultimi decenni;
✓ il rapporto fra unità e missione rappresenta una dimensione essenziale
dell’intera azione ecumenica;
✓ le questioni che più intimamente toccano le corde del dialogo
ecumenico sono la pastorale, la vita sacramentale e i matrimoni misti;
Il cammino ecumenico
e il dialogo interreligioso in Europa:
sfide e opportunità
James Puglisi SA 26
26 Direttore del Centro Pro Unione di Roma. Ha un B.A. in Sociologia, Licenza in
Teologia liturgica presso l’Università Cattolica d’America, Washington, DC, un dottora-
to di ricerca nella Storia della Religione e Antropologia Religiosa dall’Università di Pari-
gi IV Sorbonne, un dottorato in Teologia sistematica dall’Institut Catholique de Paris, e un
Certificato di Studi Ecumenici dalla Boston University. Attualmente, insegna presso
la Pontificia Università di San Tommaso (Angelicum), presso la Pontificia Università
“Antonianum” (Roma), e presso il Pontificio Ateneo di Sant’Anselmo.
7374
✓ il ruolo:
• giovani – diventare ovunque operatori di pace e di riconciliazione;
• ammalati – offrire le sofferenze per una comunione dei cristiani
sempre più piena;
• nuovi sposi – vivere ancor più la vocazione speciale con un cuore
solo e un’anima sola;
Rapporti Inter-religiosi
Punto fermo nelle relazioni con l’ebraismo: “La Chiesa si oppone a
ogni forma di antisemitismo, di cui non v’è alcuna giustificazione teolo-
gica accettabile”, aggiungendo che essere antisemiti significa essere anti-
cristiani.
Il Papa afferma la necessità del dialogo e la sua finalità:
✓ costruire insieme un mondo di pace e di fraternità
✓ testimoniare a un’epoca segnata dal relativismo il valore della
dimensione religiosa dell’esistenza
Caratteristiche del dialogo:
• sincero e rispettoso
• fondato su una conoscenza reciproca che riconosce i valori religio-
si comuni e prende atto e rispetta le differenze
Alcuni aspetti particolari, come l’esigenza di reciprocità, in partico-
lare per quanto concerne “le libertà fondamentali e più particolarmente la
libertà religiosa”
Viviamo in un “mondo pluralistico” caratterizzato:
✓ dalla rapidità delle comunicazioni;
✓ dalla mobilità dei popoli;
✓ dalla loro interdipendenza economica, politica e culturale.
Il dialogo è necessario su temi d’interesse reciproco come:
✓ la dignità della persona umana;
✓ la ricerca del bene comune;
✓ la costruzione della pace e lo sviluppo.
7475
L’amore di Cristo esorta la Chiesa a raggiungere ogni essere
umano senza distinzione.
Cosa fare?
Sfide ed opportunità
Il dialogo della vita:
✓ esperienze comuni a livello umano di fronte ai problemi quotidiani;
✓ santità della vita;
✓ conversione del cuore;
✓ preghiere private e pubbliche.
Si muove:
• da conversazioni sempre più amichevoli a collaborazioni in vari
campi;
• dal dialogo teologico alla ricerca di concrete forme di comunione e
di collaborazione.
Il mondo soffre per l’assenza di Dio, per l’inaccessibilità di
Dio, ha desiderio di conoscere il volto di Dio: come possono, gli uomini
di oggi, conoscere questo volto di Dio nel volto di Gesù Cristo se noi
cristiani siamo divisi, se uno insegna contro l’altro, se uno sta contro
l’altro?
Solo nell’unità possiamo mostrare realmente a questo mondo il volto
di Dio, il volto di Cristo. È evidente che non con le nostre strategie, con
il dialogo e con tutto quello che facciamo – che pure è tanto necessario –
possiamo ottenere questa unità.
L’unità è un dono di Dio – non una conquista solo umana.
La difficoltà oggettiva per credere al Vangelo: i cristiani sono ancora
divisi tra loro. Conoscere Cristo, come processo intellettuale e soprattut-
to esistenziale, è un processo che ci rende testimoni.
Il primo passo a livello delle comunità locali:
✓ conoscere Cristo di prima mano e non solo da altri, cioè dalla nostra
vita, dal nostro incontro personale con Cristo;
✓ incontrarlo realmente nella nostra vita di fede e poi diventare
testimoni;
✓ essere sempre disponibili per un processo di purificazione, nel quale
il Signore ci renda capaci di essere uniti.
7576
C’è un posto per tutti secondo i propri carismi e posizioni nella
comunità.
È necessaria una riflessione approfondita e condivisa:
✓ sulle basi del battesimo comune e della fede battesimale;
✓ la professione del Dio trinitario e di Gesù Cristo quale unico
Salvatore e Redentore;
✓ unità nell’impegno a vivere secondo i comandamenti di Dio e lo
spirito del vangelo.
Non basta un vago spirito di famiglia, dobbiamo promuovere la
formazione ecumenica su ciò che ci unisce e ciò che ci divide ancora.
L’ignoranza e l’indifferenza della propria fede e altrui sono ostacoli per
un vero ecumenismo.
Chiarire lo scopo delle attività ecumeniche: la comunione piena nel-
la fede, nei sacramenti e nel ministero apostolico non è da confondere con
l’uniformità. L’unità dà spazio a una legittima diversità di espressione, di
spiritualità, di rito, di teologia, di inculturazione ecc. L’ecumenismo non
è fine a se stesso, esso è legato all’evangelizzazione.
Il processo ecumenico è un’avventura dello Spirito Santo e un pro-
cesso spirituale; è conversione e rinnovamento; è santità e vita secondo il
vangelo; è preghiera privata e comune.
Promuovere dei gemellaggi ecumenici, che prevedano l’incontro tra
una parrocchia cattolica e una comunità ortodossa, anglicana o protestan-
te, con reciproco scambio di visite a cadenza regolare, in modo da poter
conoscere le differenze delle tradizioni cristiane nella quotidianità.
Creare una rete di amicizie che favorisca la conoscenza reciproca e la
rimozione di pregiudizi e incomprensioni.
Ambito Interreligoso
Contesto pluriculturale:
✓ definire i fondamenti del rapporto “io - l’altro”;
✓ evidenziare la necessità di rapportarsi con l’altro abbandonando
l’ostilità per arrivare all’ospitalità, fondata sull’amore.
7677
L’importanza dell’identità cattolica nel dialogo interreligioso, al fine
di comprendere il cammino che la Chiesa affronta, per aprirsi al dialogo-
cammino accanto alle altre religioni. I cristiani devono ricordare che è
l’amore di Cristo che esorta la Chiesa a raggiungere ogni essere umano
senza distinzione. In una società multiculturale e multireligiosa, è indi-
spensabile conoscere l’identità dell’altro e dialogare su tutto quello che
ci accomuna.
Avviare una nuova fase della storia per permettere una nuova reda-
zione della storia insieme e la costruzione di un mondo a misura d’uomo.
Bisogna partire con atti di penitenza (teshuvà) che ci portino al perdono.
Il modello del perdono è centrale a una sanazione di memorie. È un nuo-
vo modo di ri-vedere il passato, attraverso il quale è creata un’identità
narrativa di ciascuno.
È uno scambio di memorie delle sofferenze inflitte e sperimentate,
che tocca l’immaginazione, che porta eventualmente a un livello di per-
dono che consiste nel “rilascio del debito”. Questo rompe la legge
dell’“irreversibilità del tempo”, perché rimuove il peso della colpevolezza,
che paralizza i rapporti di uomini e donne nella propria storia. Esso non
abolisce il debito, ma rimuove la pena dovuta al debito.
È necessario illuminare l’ignoranza dell’altro.
Dobbiamo esaminare i testi della catechesi che facciamo e la liturgia
e la predicazione che sono spesso portatori di pregiudizi.
Bisogna studiare i testi sacri delle altre religioni cominciando con
le scritture ebraiche e il Qu’mran e le tradizioni che nascono da esse.
Nostra Aetate n.3, incoraggia la preservazione e la promozione di
pace, libertà, giustizia sociale e valori morali.
77Testimonianza e attuazione della missione
salesiana in ambienti musulmani di Francia
Valentina Delafon FMA
Contesto
Vivo nel Nord della Francia e parlerò in particolare della mia espe-
rienza a Lille. Non sono un’esperta, ma condivido la mia testimonianza.
Contesto della Francia
Per 40 anni, dal maggio 1968, in Francia è stato eliminato ogni segno
religioso. I cristiani hanno vissuto ripiegati su di sé e le generazioni sono
cresciute accompagnate dallo slogan “vietato vietare”. In tale tessuto
sociale molti genitori hanno scelto di non battezzare i propri figli, la-
sciando loro la libertà di scegliere se diventare cristiani o meno; e, la
Chiesa, è stata attaccata soprattutto laddove operava nel campo sociale.
Per esempio, io ho scritto una tesi in cui non ho potuto citare la figura di
Don Bosco. Ciò vale per tutte le religioni, compresi i musulmani, i quali
contestano questa laicità estrema.
Come conseguenza di ciò i giovani sono alla ricerca delle proprie ra-
dici culturali e diventano facile “preda” per le sette o per il fondamenta-
lismo islamico.
Assistiamo a una progressiva confusione tra identità personale, iden-
tità culturale e identità di gruppo in modo particolare per i musulmani
poiché per loro l’Islam è la verità e il Corano non si interpreta, ma è un
codice da rispettare. Essere Tunisino significa essere musulmano.
Infine c’è da rilevare che in Francia è molto forte il fenomeno del raz-
zismo nei confronti degli stranieri e dei cattolici.
78
78Presentazione dell’attività Valdocco
Si tratta di un quartiere di periferia, difficile, multiculturale, dove
vivono numerose persone senza lavoro. Il 50% ha meno di trentacinque
anni. Nelle strade s’incontrano soprattutto persone provenienti dal -
l’Africa: ciò vuol dire che il 95% è musulmano (così si dichiarano).
L’attività consiste nell’animazione di strada, nell’accoglienza per il
dopo-scuola, nella realizzazione di progetti concreti di attività educativo-
culturale del tempo libero con i ragazzi che hanno compiuto il dodicesi-
mo anno di età, nell’accoglienza di chi non frequenta più la scuola, nel-
l’accompagnamento delle famiglie nel loro ruolo di educatori. La nostra
particolarità consiste nell’incontrare i ragazzi nella strada ed essere per
loro una presenza significativa e gratuita.
Tale lavoro è svolto in equipe composta da SDB, FMA e laici i quali
gradualmente assumono la responsabilità di coordinamento. In tal modo,
una volta avviato il lavoro, le FMA e gli SDB possono andare altrove per
fondare altri centri.
Il dialogo è la scelta fondante di tutto il nostro lavoro. Fin dal primo
incontro dichiariamo la scelta di evitare ogni forma di violenza.
Sovente arriviamo al tema del perdono e della riconciliazione che è
un po’ incomprensibile per loro. Quando organizziamo delle esperienze di
campo, diventa difficile dialogare sull’alimentazione (carne di un tipo o
di un altro). Il nostro intento è di educarli al rispetto e alla tolleranza del-
la diversità. Così facendo si giunge a discutere sull’identità comunitaria e
sulle motivazioni sottese alle diverse scelte religiose. Per esempio molti
musulmani fanno il ramadan, senza conoscerne la motivazione.
Ci sono molte possibilità e luoghi d’incontro con i musulmani so-
prattutto con le donne che hanno i bambini piccoli. Con loro cerchiamo di
instaurare un dialogo sull’educazione del bambino.
Vi sono molti gesti di fraternità. Per esempio a Natale e in occasione
del Ramadan noi cerchiamo di farci presenti.
Ogni anno con gli adolescenti cerchiamo di attivare il programma “100%
tolleranza”. Tale iniziativa consiste nell’organizzare un grande gioco attorno
alla figura di Abramo, Padre della fede sia per noi cristiani sia per i musul-
mani. Al termine ci si riunisce prima in una moschea poi in una sinagoga,
dove un Imam e/o un rabbino dialogano su alcuni punti comuni della fede.
79
79Orizzonti di primo annuncio per la Famiglia
Salesiana in Europa oggi: condizioni, strategie,
metodologie, contenuti
Maria Ko FMA
“Va’ avanti, raggiungi quel carro!” (At 8,26-40).
Su una strada deserta che va da Gerusalemme a Gaza, un uomo, se-
duto sul suo carro di viaggio, leggeva la Sacra Scrittura. Non era ebreo,
ma un eunuco venuto dall’Etiopia, una regione situata ai confini dell’im-
pero romano. Lo Spirito dice a Filippo: “Va’ avanti e raggiungi quel car-
ro”. Si avvicina allora Filippo. L’incontro comincia con una domanda di
interessamento, procede con il sedersi l’uno accanto all’altro con la Scrit-
tura in mezzo, si sviluppa in un dialogo, poi in una catechesi e, alla fine,
sfocia nel battesimo.
Conosciamo bene l’episodio raccontato con vivacità da Luca negli At-
ti degli Apostoli (8,26-40). È un esempio di “primo annuncio” della Chie-
sa primitiva.
[26] Un angelo del Signore parlò intanto a Filippo: «Alzati, e và
verso il mezzogiorno, sulla strada che discende da Gerusalemme a
Gaza; essa è deserta». [27] Egli si alzò e si mise in cammino,
quand’ecco un Etiope, un eunuco, funzionario di Candàce, regina
di Etiopia, sovrintendente a tutti i suoi tesori, venuto per il culto a
Gerusalemme, [28] se ne ritornava, seduto sul suo carro da viag-
gio, leggendo il profeta Isaia. [29] Disse allora lo Spirito a Filip-
po: «Va’ avanti, e raggiungi quel carro». [30] Filippo corse innan-
zi e, udito che leggeva il profeta Isaia, gli disse: «Capisci quello
che stai leggendo?». [31] Quegli rispose: «E come lo potrei, se
nessuno mi istruisce?». E invitò Filippo a salire e a sedere accan-
to a lui. [32] Il passo della Scrittura che stava leggendo era que-
sto: Come una pecora fu condotto al macello e come un agnello
80
80senza voce innanzi a chi lo tosa, così egli non apre la sua bocca.
[33] Nella sua umiliazione il giudizio gli è stato negato, ma la sua
posterità chi potrà mai descriverla? Poiché è stata recisa dalla ter-
ra la sua vita. [34] E rivoltosi a Filippo l’eunuco disse: «Ti prego,
di quale persona il profeta dice questo? Di se stesso o di qualcun
altro?». [35] Filippo, prendendo a parlare e partendo da quel pas-
so della Scrittura, gli annunziò la buona novella di Gesù. [36] Pro-
seguendo lungo la strada, giunsero a un luogo dove c’era acqua
e l’eunuco disse: «Ecco qui c’è acqua; che cosa mi impedisce di
essere battezzato?». [37]. [38] Fece fermare il carro e discesero
tutti e due nell’acqua, Filippo e l’eunuco, ed egli lo battezzò.
[39] Quando furono usciti dall’acqua, lo Spirito del Signore rapì
Filippo e l’eunuco non lo vide più e proseguì pieno di gioia il suo
cammino. [40] Quanto a Filippo, si trovò ad Azoto e, proseguendo,
predicava il Vangelo a tutte le città, finché giunse a Cesarèa.
1. Alzati, e va’ ...
Il nostro brano si trova in una posizione di svolta nel piano generale
degli Atti degli Apostoli. Sembra che Luca abbia diviso questo suo se-
condo libro basandosi sulla parola “programmatica” del Cristo Risorto ai
suoi discepoli prima di ritornare al Padre: «Avrete forza dallo Spirito San-
to che scenderà su di voi e mi sarete testimoni a Gerusalemme, in tutta
la Giudea e la Samaria e fino agli estremi confini della terra» (At 1,8).
Si potrebbe vedere un’articolazione della missione cristiana in tre grandi
tappe. Al movimento spaziale si collega il progresso cronologico e la
crescita spirituale della Chiesa sotto la guida dello Spirito.
Cap. 1-7: ambientato in Gerusalemme, descrive la predicazione degli apo-
stoli e il consolidamento della prima comunità, modello ideale della Chiesa.
Cap. 8-12: la diffusione del Vangelo fuori di Gerusalemme, nelle al-
tre parti della Giudea e in Samaria.
Cap. 13-28: l’espansione del Vangelo fuori della Palestina fino a rag-
giungere idealmente gli “estremi confini della terra” passando per l’Asia
Minore, la Grecia, e soprattutto Roma, il centro dell’impero.
81
8182
All’inizio del Cap. 8 la situazione appare deprimente. Dopo la morte
di Stefano l’odio verso i cristiani non è cessato; anzi «scoppiò una vio-
lenta persecuzione contro la Chiesa di Gerusalemme e tutti, ad eccezione
degli apostoli, furono dispersi nelle regioni della Giudea e della Samaria»
(At 8,1). Luca scopre tra le ombre gli spiragli di luce e vede in tutto un di-
segno misterioso di Dio. La “dispersione” dei cristiani segna in realtà l’i-
nizio della diffusione del Vangelo fuori Gerusalemme. Infatti «quelli che
erano stati dispersi andavano per il paese e diffondevano la parola di Dio»
(At 8,4) e si sono così moltiplicati i nuclei cristiani.
L’ardore per il Vangelo spinge ad attraversare le frontiere, non solo
quelle geografiche, ma soprattutto quelle del cuore. E vediamo Filippo
che inizia la missione in Samaria.
Il racconto inizia con una segnalazione che parte dall’iniziativa divi-
na. «Un angelo del Signore parlò intanto a Filippo: “Alzati, e va’ verso il
mezzogiorno, sulla strada che discende da Gerusalemme a Gaza; essa è
deserta”» (v.26). È il Signore che indirizza Filippo sulla strada dove in-
contrerà il futuro cristiano non ebreo, è il Signore che guida la “corsa” e
la “crescita” della Parola di Dio (cfr. At 6,7; 12,24; 13,49; 19,20) oltre Ge-
rusalemme in tutto il mondo. La strada appare deserta, ma è in realtà una
pista di lancio.
L’imperativo iniziale è già indicativo: “alzati e va’”, sembra sentire il
comando di Gesù a un paralitico (cfr. Mc 2,11; Mt 9,6; Lc 5,24; Gv 5,8),
o la parola che ha detto Pietro allo storpio alla Porta Bella (At 3,6). An-
che a Filippo, l’evangelizzatore, e in lui a tutta la Chiesa, è detto: “alzati
e va’”. È un invito a muoversi dalla posizione già raggiunta, a varcare le
soglie e superare i confini, a cercare nuovi terreni per la Parola di Dio,
nuovi popoli da attirare a Cristo. Nell’Antico Testamento Israele era soli-
to pensare che gli altri popoli, per partecipare al dono della salvezza, do-
vessero venire a Gerusalemme. Leggiamo nel profeta Isaia: «Alla fine dei
giorni, il monte del tempio del Signore sarà eretto sulla cima dei monti e
sarà più alto dei colli, a esso affluiranno tutte le genti. Verranno molti po-
poli e diranno: “Venite, saliamo al monte del Signore, al tempio del Dio
di Giacobbe, perché ci indichi le sue vie e possiamo camminare per i suoi
sentieri”» (Is 2,2-4). Ma nella rivelazione del Nuovo Testamento la situa-
8283
zione cambia. La sorgente della vita non viene più dal monte Sion o dal
tempio, ma dal Figlio di Dio incarnato. Egli non dice “venite”, indicando
un luogo, ma piuttosto “andate” in tutto il mondo (cfr. Mt 28,19). Geru-
salemme non è più il luogo di concentrazione; piuttosto è diventato pun-
to di diffusione. Non si tratta più di venire a Gerusalemme per ottenere la
salvezza, ma piuttosto partire da Gerusalemme per portare a tutti la sal-
vezza. La Chiesa non è custode immobile della fede, ma deve “alzarsi e
andare”, perché, come dice Giovanni Paolo II: «La fede si rafforza do-
nandola!» (Redemptoris missio 2) e Benedetto XVI gli fa eco: l’amore
«per sua natura, deve essere ulteriormente partecipato ad altri. L’amore
cresce attraverso l’amore» (Deus caritas est, 18).
2. Disse lo Spirito a Filippo: “Va’ avanti e raggiungi quel carro”
Filippo non si trova per caso su quella strada vero Gaza, ma è lo Spi-
rito che immette la sua persona e le sue azioni nel piano divino. Lo Spi-
rito dice a Filippo: «Va’ avanti e raggiungi quel carro». È un invito, una
spinta a cogliere l’occasione, ad approfittare del momento favorevole, a
non perdere l’opportunità che forse non tornerà più, a fare il primo pas-
so, ad andare incontro all’altro senza aspettare che egli venga. La passio-
ne apostolica spinge ad andare avanti, come dice Paolo: «l’amore di Cri-
sto ci spinge» (2Cor 5,14).
Lo Spirito dice a Filippo di avvicinare il carro, ma non chi vi troverà
dentro o cosa dovrà fare o dire. Lo Spirito, che “soffia dove vuole” (Gv
3,8), che ha dei “gemiti inesprimibili” (Rm 8, 26), non detta comandi con-
creti da eseguire, ma stimola l’intelligenza e la creatività dell’uomo e ac-
cende il suo amore. Egli agisce in modo sorprendente e spinge verso me-
te inaspettate. Egli non ama dialogare con l’uomo nella strettezza dei suoi
schemi e desideri, ma lo lancia verso gli spazi ampi, verso le altezze del
progetto divino.
Lo Spirito dice a Filippo di andare incontro all’ignoto, di affrontare il
nuovo, di lasciarsi sorprendere con la fiducia che è il Signore all’opera.
La passione apostolica spinge a portare Cristo agli altri con creatività e ar-
dore, ma non induce l’evangelizzatore ad attribuire il successo a sé, alla
8384
propria competenza e diligenza, alla bontà dei metodi e delle strategie;
così riconosce Paolo: «Ma che cosa è mai Apollo? Cosa è Paolo? Mini-
stri attraverso i quali siete venuti alla fede e ciascuno secondo che il Si-
gnore gli ha concesso. Io ho piantato, Apollo ha irrigato, ma è Dio che ha
fatto crescere. Ora né chi pianta, né chi irriga è qualche cosa, ma Dio che
fa crescere» (1Cor 3,5-7). Anche il salmista afferma: «Se il Signore non
costruisce la casa, invano vi faticano i costruttori» (Sal 127,1); ma la si-
curezza d’essere chiamati a collaborare con Dio, la coscienza di far parte
di un grande progetto, e il sentirsi spinti dalla passione di Dio ci fanno di-
re con gioia: «Con Dio noi faremo cose grandi» (Sal 108,14).
3. Seduto sul carro leggeva la Scrittura
Nel carro c’era un uomo. Il carro non è la mèta finale cui lo Spirito
dirige Filippo, ma l’uomo seduto dentro. Non le strutture istituzionali,
non i metodi efficienti di evangelizzazione, ma l’uomo «è la prima stra-
da che la Chiesa deve percorrere nel compimento della sua missione»
(Redemptor hominis 14); tutti gli uomini e le donne sono «predestinati
dal Padre a essere conformi all’immagine del Figlio suo, così che sia il
primogenito tra molti fratelli» (Rm 8,29).
L’uomo che Filippo incontra è etiope, per di più eunuco; fa parte del
gruppo umano considerato dal giudaismo ortodosso, estraneo ed escluso
dalla salvezza (cfr. Dt 23, 2). Eppure egli andava in pellegrinaggio a
Gerusalemme e leggeva attentamente la Sacra Scrittura. Lo sforzo era
sincero, l’apertura di cuore ammirevole, la ricerca attenta, tuttavia non ri-
usciva a comprendere. Dalle domande che egli rivolge a Filippo traspare
la sua ansia di cercare la chiave di accesso alla divina rivelazione.
La Scrittura è aperta nelle sue mani, non s’impone né si oppone. La
Parola di Dio trascende le barriere. In che lingua o in che forma l’etiope
leggeva il testo di Isaia? non ci è possibile sapere. Tuttavia quel testo nel-
le mani di uno straniero e pagano sembra molto significativo e carico di
profezia. Esso attesta che la Bibbia è disponibile a farsi comprendere dal-
le diverse culture, che la Parola di Dio accetta volentieri di essere tradot-
ta in diverse lingue, trasformata in diverse modalità di comunicazione
8485
umana. Questo è segno che Dio ama tutti e vuol parlare a tutti, uomini e
donne, senza distinzione alcuna.
Lo Spirito opera non solo nell’evangelizzatore, ma anche nelle per-
sone, di qualsiasi sesso, età, razza e cultura, rendendole aperte, disposte
al Vangelo. Quando Filippo si avvicina al carro, si meraviglia di vedere
l’etiope che legge la Scrittura e di trovarlo desideroso e in qualche modo
già iniziato all’accoglienza della salvezza. Egli si rende conto di non
essere il seminatore, bensì il mietitore. In realtà lo Spirito ha operato in
tutte e due le parti facilitando un incontro. Egli spinge e precede l’evan-
gelizzatore, sostiene la sua passione apostolica, e allo stesso tempo, pre-
para il destinatario all’annuncio, alimenta la sua passione di ricerca della
verità e della pienezza di vita. Né uno né l’altro possono attribuire il suc-
cesso dell’incontro a sé, ma riconosce con stupore l’amore provvidente
di Dio e la bellezza dell’opera dello Spirito.
L’etiope, felice di aver incontrato qualcuno che sospetta il suo anelito
profondo, invita Filippo «a salire e a sedere accanto a lui» (v. 31). Filippo
all’inizio, curioso, corre per avvicinare un carro, ora invece si fa prossi-
mo, si siede accanto ad un amico e discorrono con lui, con franchezza,
ammirazione e cordialità sulle cose di Dio. La parola di Dio crea comu-
nione e sintonia di cuore. La trasmissione del Vangelo non avviene attra-
verso una disquisizione teorica o una speculazione astratta, ma piuttosto
attraverso l’esperienza d’amore, nel rispetto mutuo, nella semplicità del-
lo scambio, nel dialogo e nell’amicizia.
Negli Atti Luca presenta i primi cristiani come una comunità che vive
nella semplicità del quotidiano, totalmente immersa nel popolo. Esterna-
mente non si distinguono dalla gente comune, ma per l’integrità della lo-
ro vita essi «godono la simpatia di tutto il popolo» (At 2, 47; 4, 33). Essi
hanno un rapporto sereno e cordiale con la gente. La predicazione alle
folle, in particolare ai pagani, riscuote generalmente molto entusiasmo.
L’esperienza di Cristo li ha resi autenticamente umani, ottimisti; hanno una
simpatia per tutte le cose e riescono facilmente a scoprire il buono, il bel-
lo e il vero nelle persone che essi incontrano. Luca rileva spesso la fiducia,
la sincera apertura reciproca tra gli annunciatori del Vangelo e i gentili,
facili a lasciarsi «trafiggere il cuore» dalla parola di Dio (At 2, 37-41).
8586
4. Come posso capire se nessuno mi istruisce?
La Scrittura non è automaticamente comprensibile; può apparire
oscura, come ricoperta da un velo (cfr. 1Cor 3,14-16). All’eunuco etiope
non manca l’apertura del cuore, ma egli ha bisogno di una spiegazione
che illumini la mente e faccia ardere il cuore, come quella che ha dato
Gesù ai due discepoli di Emmaus. E Filippo gliela offre, non come mae-
stro di esegesi, ma come qualcuno che suggerisce con la prospettiva di
fede la giusta lunghezza d’onda per sintonizzarsi con l’annuncio cristia-
no, come qualcuno che condivide la propria passione. «Un fuoco non può
essere acceso che mediante qualcosa che sia esso stesso infiammato»
(Ecclesia in Asia 23). Il breve dialogo tra Filippo e l’eunuco etiope illu-
stra alla perfezione l’approccio cristiano alla Scrittura.
Il Vangelo non è un sistema di dottrina da credere, non è un insieme
di prescrizioni morali da osservare, ma è una buona notizia che cambia la
vita, pertanto non va trasmesso attraverso mezzi freddi e tecniche distac-
cate, ma con la testimonianza di vita, con l’amore. Come osserva Paolo
VI, la testimonianza della vita da sola non è sufficiente, «anche la più bel-
la testimonianza si rivelerà a lungo impotente, se non è illuminata, giu-
stificata [...] resa comprensibile da un annuncio chiaro e inequivocabile
del Signore Gesù. La Buona Novella, proclamata dalla testimonianza di
vita, dovrà dunque essere presto o tardi annunziata dalla parola di vita.
Non c’è vera evangelizzazione se il nome, l’insegnamento, la vita, le pro-
messe, il Regno, il mistero di Gesù di Nazareth, Figlio di Dio, non siano
proclamati» (Evangelii nuntiandi 22).
Citando il brano di Isaia (53, 7-8) Luca non era tanto preoccupato di
presentare un testo biblico che anticipasse profeticamente tutto il conte-
nuto del kerygma cristiano, ma voleva dare ai lettori un esempio di an-
nuncio prebattesimale che prende lo spunto dalla scrittura. Ciò che quali-
fica la proposta cristiana che sfocia poi nel sacramento è la buona notizia
riguardante Gesù di Nazaret. La Chiesa primitiva lo annuncia con corag-
gio e franchezza (At 4,29.31; 13,4) e qui vediamo anche con arte. Filippo
inizia il dialogo con una domanda di tipo maieutico: «Capisci quello che
stai leggendo?» e instaura un rapporto interattivo. Questo modo di ap-
proccio alle persone è molto usato anche da Gesù. Si pensi per esempio a
8687
queste domande: «Che cercate?» (Gv 1, 38); «Perché piangi?» (Gv 20,
13); «Che cosa sta scritto nella legge? Cosa vi leggi?» (Lc 10, 26) «Chi
è mia madre e chi sono i miei fratelli?» (Mc 3, 33); «Perché mi chiami
buono?» ( Mc 10, 17); «Perché avete paura? Non avete ancora fede?» (Mc
4, 40); «Sapete ciò che vi ho fatto?» (Gv 13, 12).
L’annuncio del Vangelo dev’essere fatto con passione e bellezza.
Si tratta di presentare il fascino di Gesù da affascinati. La passione apo-
stolica spinge la Chiesa, nei tempi delle origini come oggi, a cercare
incessantemente mezzi e modi di offrire il suo più grande tesoro con gen-
tilezza, con l’arte del cuore.
5. Proseguì pieno di gioia il suo cammino
Dopo il battesimo, l’eunuco non vede più Filippo. Egli prosegue il
suo cammino, quello di prima, ma lui non è più quello di prima, è inte-
riormente trasformato. Questa novità del cuore permea tutta la sua perso-
na e traspare anche all’esterno: è pieno di gioia.
La gioia è un motivo che impregna l’intera opera lucana. Il clima di
gioia che ha pervaso il Vangelo continua nella chiesa primitiva. Nella nar-
razione degli Atti, persino nelle persecuzioni, gli apostoli sono pieni di
gioia, «lieti di essere stati oltraggiati per amore del nome di Gesù» (At
5,41). A ogni tappa della diffusione del Vangelo Luca non manca di mo-
strare la reazione gioiosa, sia di chi lo annuncia come di chi lo accoglie
con cuore sincero. Dopo aver ascoltato la predicazione di Paolo «i pagani
si rallegravano e glorificavano la parola di Dio» (13, 38). Anche Paolo e
Barnaba, pieni di gioia e di commozione, raccontavano con entusiasmo la
conversione dei pagani «suscitando grande gioia tra i fratelli» (15,3).
Il Vangelo è un annuncio di gioia: gioia degli uomini che ricevono il
dono di salvezza, gioia di Dio che dona. Alla gioia del donare gratuito di
Dio, l’uomo risponde con la gioia della gratitudine sincera. Non si tratta
di un’emozione passeggera, ma di un sentimento profondo che coinvolge
e muove tutto l’essere dell’uomo. La gioia è sempre diffusiva, contagiante.
«Chi ha scoperto Cristo – diceva Benedetto XVI ai giovani a conclusione
8788
della Giornata Mondiale della Gioventù in Colonia – deve portare altri
verso di Lui. Una grande gioia non si può tenere per sé. Predicare il Van-
gelo significa quindi condividere con altri questa gioia immensa». Paolo
confessa alla comunità di Corinto: «Noi non intendiamo far da padroni
sulla vostra fede; siamo invece i collaboratori della vostra gioia» (2Cor
1,24). Giovanni confida ai suoi cristiani: «Quello che abbiamo veduto e
udito, noi lo annunziamo anche a voi, perché anche voi siate in comunio-
ne con noi. La nostra comunione è col Padre e col Figlio suo Gesù Cristo.
Queste cose vi scriviamo, perché la nostra gioia sia perfetta» (1Gv 1,3).
La passione apostolica spinge il cristiano a donare agli altri la gioia
che ha nel cuore, a donarla gratuitamente come l’ha ricevuta gratuita-
mente a suo tempo (cfr. Mt 10,8). L’eunuco etiope non vede più Filippo,
ma prosegue pieno di gioia il suo cammino. L’evangelizzatore non stabi-
lisce un rapporto di relazione dipendente. Egli può sparire, ma il seme
della fede continua a svilupparsi, il fuoco acceso continua ad ardere,
l’amore di Dio continua a trasformare la vita e la gioia continua a soste-
nere il cammino.
Anche Filippo parte pieno di gioia, una gioia «dolce e confortante»
(Evangelii nuntiandi 80). Sarà la gioia di vedere un pagano accogliere il
vangelo, la gioia di aver guadagnato qualcuno per il regno dei cieli, ma
soprattutto Filippo si sarà rallegrato perché egli stesso si è avvicinato un
poco al regno dei cieli. Egli avrà sentito raccontare dai testimoni oculari
questa scena: quando i discepoli tornano dal loro tirocinio missionario
«pieni di gioia» per i frutti visibili e i successi immediati ottenuti, Gesù
condivide la loro gioia, ma allo stesso tempo rivela loro un motivo più
profondo per gioire: «non rallegratevi perché i demoni si sottomettono a
voi, rallegratevi piuttosto che i vostri nomi sono scritti nei cieli» (Lc 10,
20). La missione evangelizzatrice benefica non solo i destinatari della
missione, ma prima di tutto l’apostolo.
8889
Verso un punto di arrivo condiviso: proposta di una sintesi.
1. Il senso del nostro convenire
Nel continente europeo, sempre più pluralista, secolarizzato, multi -
etnico e multireligioso, anche a causa dei grandi flussi migratori, le
comunità cristiane d’Europa avvertono oggi l’urgenza di una sempre più
convinta conversione missionaria. Il Sinodo dei Vescovi europei (2-23
ottobre 1999), che aveva tra i suoi obiettivi, proprio quello di «offrire in-
dicazioni per promuovere un nuovo annuncio del Vangelo» (EE, n. 2),
ha evidenziato la necessità e l’urgenza del primo annuncio (EE, nn. 46) e
di un annuncio rinnovato del Vangelo (n. 47) nell’intero continente.
“Quella dell’impegno verso una nuova evangelizzazione e per una qua-
lificazione in tal senso dei suoi membri e dei laici è pure una scelta priori-
taria della Congregazione Salesiana che ha varato il cosiddetto “Progetto
Europa” per tentare di prestare un miglior servizio pastorale ai giovani del
vecchio Continente (cfr. CG26 degli SDB, n. 99) 27 . Un momento partico-
larmente significativo nella presa di coscienza del problema è costituito dal
Seminario: Europa terra di missione (Roma, 16-20 novembre 2006), pro-
Orizzonti di primo annuncio per la Famiglia
Salesiana in Europa oggi: condizioni, strategie,
metodologie, contenuti
Ubaldo Montisci SDB - Lorenzina Colusi FMA
27 «Condividiamo la preoccupazione della Chiesa per le sorti del Vangelo nel mondo
occidentale e, in particolar modo, in Europa. [...] Si apre così una nuova frontiera rispetto
al passato; per noi Salesiani è un invito a “rivolgere un’attenzione crescente all’educazione
dei giovani alla fede” (Ecclesia in Europa n. 61)»; cfr. anche la linea d’azione n. 16. Le mo-
tivazioni e le principali tappe del “Progetto Europa” sono descritte nella Lettera che il Ret-
tor Maggiore ha inviato ai Salesiani il 31 gennaio 2009 (prot. 09/0107); cfr. Pascual CHÁVEZ
VILLANUEVA, Per una rinnovata presenza salesiana in Europa. Intervento del Rettor Mag-
giore nell’incontro con gli Ispettori dell’Europa, in “Vita Consacrata” 45 (2009) 5, 401-420.
8990
mosso e organizzato in modo congiunto dai Dicasteri per la Pastorale Gio-
vanile e per le missioni della Congregazione salesiana. Dobbiamo cioè ri-
prendere in modo attuale la proposta missionaria del Vangelo, che corri-
sponde al mandato di Gesù «andate, annunciate» (cfr. Mt 28, 19-20)”.
In questa scia, convocati dal Dicastero per le Missioni SDB e l’ambi-
to per la Missione “ad/inter gentes” FMA, ci siamo radunati a Praga da
varie ispettorie salesiane dell’Europa, per approfondire le sfide del primo
annuncio in Europa oggi e per individuare alcune strategie fondamentali
per un’azione pastorale più missionaria.
2. Concetto di primo annuncio
Uno dei passi più importanti compiuti è stato quello dell’accordo sul
significato corretto e condiviso di primo annuncio.
È stato necessario richiamare sinteticamente l’evolversi del più ampio
concetto di «evangelizzazione» che, dal Vaticano II a oggi ha avuto in-
terpretazioni eterogenee. È possibile, infatti, individuare due differenti
modi di intendere l’evangelizzazione di cui parlano due importanti docu-
menti magisteriali, l’Ad Gentes (1965) e l’Evangelii nuntiandi (1975),
fino a trovarne nuovi sviluppi nella riflessione contemporanea.
Nel primo documento l’evangelizzazione appare come un “momento”
specifico dell’attività missionaria della Chiesa e, precisamente, l’azione vol-
ta a suscitare la conversione e il primo atto di fede, che precede l’ingresso
nel catecumenato (AG, n. 7); con l’Evangelii nuntiandi si è di fronte a una
svolta rilevante: il documento, che mostra una marcata tendenza alla mis-
sionarietà, offre un concetto più esteso di evangelizzazione e la definisce
come «un processo complesso e dagli elementi vari: rinnovamento dell’u-
manità, testimonianza, annuncio esplicito, adesione del cuore, ingresso nel-
la comunità, accoglimento dei segni, iniziative di apostolato» (EN, n. 24).
In questo modo l’evangelizzazione s’identifica con la missione stessa della
Chiesa: ogni azione ecclesiale può, anzi deve ricadere nel suo ambito.
L’Evangelii Nuntiandi contribuisce più di qualsiasi altro documento
alla comprensione profonda dell’evangelizzazione; ma, paradossalmente,
è con-causa delle difficoltà d’interpretazione di questo termine, anche
perché il suo utilizzo nel senso più ristretto non viene mai del tutto ab-
9091
bandonato. In ogni caso il termine “evangelizzazione” richiede ri-nomi-
nazione, soprattutto in questo momento storico nel quale assume nuova
rilevanza l’azione ecclesiale che intende contribuire a suscitare la fede nei
non credenti e a ravvivare quella dei battezzati.
Sono utilizzate oggi varie formulazioni; ma va subito annotato che gli
stessi aggettivi, o prefissi aggiunti (prima evangelizzazione, pre-evange-
lizzazione, nuova evangelizzazione ri-evangelizzazione) non sembrano
risolvere la questione, mentre finiscono per moltiplicarne le varianti. Tra
le diverse espressioni, “primo annuncio” è probabilmente da preferire per
la presenza costante nel tempo in un gran numero di documenti; per es-
sere la formula più usata tra quelle in parte equivalenti; per il significato
“univoco” che le è attribuito. È comunque la terminologia prescelta dal
Direttorio Generale per la Catechesi (n. 51).
La Redemptoris missio (1990), in particolare, dopo aver distinto alcu-
ne situazioni che riguardano il processo evangelizzatore (n. 33) e aver sug-
gerito l’importanza della missione “ad gentes” in vecchi e nuovi contesti
(n. 37), ripropone la priorità permanente del PA nella vita della Chiesa, il
suo ruolo «centrale e insostituibile» (n. 44) nell’edificazione della Chiesa.
Poiché tutti i popoli hanno il diritto di conoscere la Buona Notizia della
“vita nuova” offerta da Dio in Gesù Cristo, tale annunzio va fatto nel con-
testo della vita di coloro che lo ricevono, in atteggiamento di amore e di
stima verso chi ascolta, con un linguaggio concreto e adattato alle circo-
stanze, nella certezza che lo Spirito è all’opera e instaura una comunione
tra il missionario e gli ascoltatori. Inoltre, anche se il missionario si trova
da solo a operare, l’annuncio non è mai un fatto personale (n. 45).
Alla luce dei documenti ecclesiali e dei risultati della riflessione spe-
cialistica più avanzata, abbiamo considerato due forme principali di pri-
mo annuncio:
– come atteggiamento collettivo e istituzionale della Chiesa in tutte le
sue manifestazioni pubbliche che, pur non volendo, sono l’immagine
e il “primo annunzio” che il mondo riceve e che, proprio per questo,
devono essere curate specialmente in situazioni di frontiera e d’in-
contro con realtà, persone e situazioni esterne ai circuiti abituali;
– come azione concreta individuale o comunitaria, nella pratica quoti-
diana con persone e gruppi particolari.
9128 A. FOSSION, Proposta della fede e primo annuncio, in “Catechesi” 78 (2008-2009)
4, 29-34; 30.
29 X. MORLANS, El primer anuncio. El eslabón perdido, Madrid, PPC, 2009, 29.
La nostra riflessione si è concentrata su questo secondo aspetto. Pur
riconoscendo la complementarità dei diversi momenti del processo evan-
gelizzatore (EN, n. 24), per cui è necessario operare sempre con una vi-
sione d’insieme dell’itinerario e in sinergia di intenti, abbiamo delimita-
to il primo annuncio agli «enunciati della fede cristiana, sotto forme va-
riabili, che, in contesti determinati, favoriscono e rendono possibili i pri-
mi passi nella fede in coloro che ne sono lontani». 28
Pur essendo solamente un momento del processo globale dell’evange-
lizzazione, il primo annuncio ha la sua importanza come porta di accesso e
come fondamento permanente dell’esperienza cristiana: «Non si comincia a
essere cristiano per una decisione etica, o una grande idea, ma per un incon-
tro con un evento, con una Persona che dà un nuovo orizzonte alla vita e, con
questo, la direzione decisiva» (Benedetto XVI, Deus caritas est, n. 1).
Il primo annuncio costituisce semplicemente l’avvio del processo
evangelizzatore, che ha priorità cronologica, ma che non è esteso nel tem-
po, perché il suo obiettivo – «suscitare [in chi ascolta] un interesse per Ge-
sù Cristo che possa portare a una prima adesione o a una rivitalizzazione
della fede in lui» 29 e al desiderio di approfondirne la conoscenza – riman-
da immediatamente al successivo percorso di maturazione nella fede.
Nell’attuarsi della missione sul terreno concreto, il soggetto del primo
annuncio è la comunità cristiana come tale, come presenza reale di Cristo
nella storia, tramite i suoi membri: in questo senso, ogni credente nel suo
ambiente quotidiano può e deve essere un soggetto di primo annuncio. Ci
sono poi membri della comunità, ai quali si affida questa missione in un
modo specifico.
Mentre le comunità cristiane sono obbligate a rendere permanente
l’annuncio di Gesù Cristo, se vogliono essere fedeli al mandato del Si-
gnore (EN, n. 14), occorre precisare che il primo annuncio, in realtà, è pri-
mo per l’uomo o la donna che, in determinate circostanze, di fronte a pa-
role e gesti per loro significativi, per l’azione dello Spirito Santo, sentono
risuonare la Bella Notizia dell’amore di Dio, che giunge attraverso il suo
Figlio fino a incarnarsi, morire in croce e risorgere per la loro salvezza.
92
9230 «In varie parti d’Europa c’è bisogno di un primo annuncio del Vangelo: cresce il
numero delle persone non battezzate, sia per la notevole presenza d’immigrati apparte-
nenti ad altre religioni, sia perché anche figli di famiglie di tradizione cristiana non han-
no ricevuto il Battesimo, o a causa della dominazione comunista, o a causa di una diffu-
sa indifferenza religiosa. Di fatto, l’Europa si colloca ormai tra quei luoghi tradizional-
mente cristiani nei quali, oltre a una nuova evangelizzazione, in certi casi s’impone una
prima evangelizzazione» (EE, n. 46).
31 «Ovunque, poi, c’è bisogno di un rinnovato annuncio anche per chi è già battezzato.
Tanti europei contemporanei pensano di sapere che cos’è il cristianesimo, ma non lo cono-
scono realmente. Spesso addirittura gli elementi e le stesse nozioni fondamentali della fe-
de non sono più noti. Molti battezzati vivono come se Cristo non esistesse: si ripetono i ge-
sti e i segni della fede, specialmente attraverso le pratiche di culto, ma a essi non corri-
sponde una reale accoglienza del contenuto della fede e un’adesione alla persona di Gesù.
Alle grandi certezze della fede è subentrato in molti un sentimento religioso vago e poco im-
pegnativo. Si diffondono varie forme di agnosticismo e di ateismo pratico che concorrono
ad aggravare il divario tra la fede e la vita. Diversi si sono lasciati contagiare dallo spirito
di un umanesimo immanentista che ne ha indebolito la fede, portandoli sovente purtroppo
ad abbandonarla completamente. Si assiste a una sorta di interpretazione secolaristica del-
la fede cristiana che la erode ed alla quale si collega una profonda crisi della coscienza e del-
la pratica morale cristiana. I grandi valori che hanno ampiamente ispirato la cultura euro-
Contenuto del primo annuncio, ordinariamente, è il racconto breve,
gioioso e coinvolgente di Gesù che per la sua morte in croce, per la sua
risurrezione e per la donazione dello Spirito Santo ha risposto alle attese
e alle speranze delle donne e degli uomini di tutti i tempi e alle domande
sul senso della vita e della storia; cioè, ha salvato tutta l’umanità dal
male e dalla morte e ha reso possibile la comunione vitale con Dio, di
modo che Lui, Gesù, è per tutti il Signore, il Cristo, l’unico Salvatore e la
Parola definitiva e irrevocabile di Dio. Quest’annuncio non può essere
disgiunto dall’attestazione esistenziale positiva di chi fa l’annuncio.
Poiché apparteniamo al continente europeo, pur riconoscendo la ric-
chezza di contributi che possono provenire anche da altri contesti, ci sia-
mo soffermati a esaminare quanto ci dice l’esortazione apostolica Eccle-
sia in Europa che, rispetto ai destinatari, parla di “primo annuncio” 30 e
“annuncio rinnovato” 31 (n. 47); il primo annuncio è destinato a coloro
che, a vario titolo, sono estranei alla fede, ne sono lontani, o si sono al-
lontanati dalla pratica cristiana.
Chiunque siano gli interlocutori, comunque, nel primo annuncio si è
di fronte a una proposta che tiene in conto la libertà del destinatario e non
si riferisce a una relazione di forza o di conquista.
93
93pea sono stati separati dal Vangelo, perdendo così la loro anima più profonda e lasciando
spazio a non poche deviazioni. “Il Figlio dell’uomo, quando verrà, troverà la fede sulla ter-
ra?” (Lc 18, 8). La troverà su queste terre della nostra Europa di antica tradizione cristiana?
È un interrogativo aperto che indica con lucidità la profondità e drammaticità di una delle
sfide più serie che le nostre Chiese sono chiamate ad affrontare. Si può dire – come è stato
sottolineato nel Sinodo – che tale sfida consiste spesso non tanto nel battezzare i nuovi
convertiti, ma nel condurre i battezzati a convertirsi a Cristo e al suo Vangelo: nelle nostre
comunità occorre preoccuparsi seriamente di portare il Vangelo della speranza a quanti
sono lontani dalla fede o si sono allontanati dalla pratica cristiana» (EE, n. 47).
32 C. Cacciato, «Prassi catechistica: Documento base, catechismi e nuove indicazioni
per l’iniziazione cristiana» in: Associazione Italiana Catecheti, Il primo annuncio: tra
“kerigma” e catechesi, a cura di C. Cacciato, Leumann (TO), Elledici, 2010, 68.
33 E. BIEMMI, La catechesi in Europa. Una nuova “geografia della fede” per un nuo-
vo annuncio, primo annuncio della fede, in “Catechesi” 79 (2009-2010) 1, 3-15.
3. Il contesto culturale e religioso europeo
Come ogni racconto del NT è strettamente congiunto a un ambiente
culturale che lo supporta e lo spiega, così ogni definizione di primo an-
nuncio è dentro un contesto storico-teologico determinato: «Il principio di
inculturazione è un postulato fondamentale: non è possibile non tener
conto della situazione esistenziale, dell’estrazione sociale, dell’età, della
capacità di accoglienza». 32
Questo ci ha portati ad affrontare il tema del contesto in cui proporre il
primo annuncio. 33 Riteniamo che possa essere condivisibile la “fotografia”
dell’Europa offerta dal Presidente dell’Equipe Europea di Catechesi, a un re-
cente convegno sul primo annuncio.Egli distingue in Europa quattro aree
geografiche: l’area francofona, dove il cristianesimo sembra essere estro-
messo dall’universo culturale e si deve confrontare con amnesie e resi-
stenze diffuse; l’area mediterranea, in cui si assiste sì alla secolarizzazione
della mentalità, non ancora in grado però di soppiantare le tracce dei riferi-
menti cristiani; l’area dei paesi dell’ex Unione Sovietica, nella quale il lun-
go tempo di clandestinità porta a perpetuare il vissuto di una fede piuttosto
privata, fondamentalmente cultuale; l’area dell’ex Germania dell’Est in cui
è diffuso un contesto areligioso stabile e si vive una religiosità pacifica.
Durante le Giornate di studio sono stati frequenti il richiamo al feno-
meno dei flussi migratori e la consapevolezza della destabilizzazione
da essi operata sulle culture preesistenti. Siamo di fronte a variazioni
strutturali delle società, di cui non possiamo non tener conto e di cui dob-
94
94biamo anticipare gli esiti, se vogliamo orientarli.
Nel nostro convegno non ci siamo fermati all’arida contabilità delle
cifre offerte dalle indagini sociologiche, ma, per mezzo di uno sguardo di
fede, abbiamo tentato di cogliere non solo le sfide, ma anche le opportu-
nità di questo tempo difficile e promettente.
Sicuramente, siamo di fronte a formidabili sfide culturali, politiche,
economiche e religiose. Viviamo in un clima di precarietà e timore del fu-
turo, in cui la mancanza del lavoro, la frustrazione per le potenzialità per-
sonali che non trovano opportunità di espressione e per le energie investi-
te nella formazione che non sono valorizzate, si unisce alla sfiducia nella
politica, alla concentrazione sul privato e i suoi interessi, al ricorso a for-
me illegali o clientelari ... A livello culturale, gli strumenti della comuni-
cazione sociale esercitano nella vita dell’uomo contemporaneo una pre-
senza così invasiva e pervasiva che è difficile sottrarsi al loro influsso.
Gli spostamenti interni europei e il crescente flusso migratorio hanno
portato le nostre società a confrontarsi con un “meticciato culturale” im-
pensabile fino a poco tempo fa, venutosi a formare in modo rapido e sen-
za alcuna transizione, che dà opportunità di molteplici forme di incontro,
ma anche a frequenti tensioni e conflitti. Siamo di fronte pure a cambia-
menti radicali nel modo di concepire la famiglia e il suo ruolo nella so-
cietà e nell’educazione alla fede dei figli. In generale, si è di fronte a un
grande smarrimento di valori.
Viviamo in ambienti sempre più secolarizzati, nei quali prende forza
il pluralismo, l’indifferentismo religioso e un laicismo esplicitamente
contrario a ogni forma di manifestazione pubblica della religiosità; in una
cultura che, salvo rare eccezioni, possiede una visione poco significativa
e marginale della Chiesa e della fede, percepite come ostacoli per lo svi-
luppo umano integrale e come un freno alla libertà umana.
Il cristianesimo è sfidato dalla presenza simultanea di altre religioni,
soprattutto l’islam. Si vanno diffondendo forme di “nomadismo” religio-
so, di ricerca, cioè di sempre nuove esperienze ed emozioni religiose che
prescindono dai riferimenti cristiani. La sfida ecumenica e quella del dia-
logo interreligioso sono particolarmente vive.
È un ambiente in cui, tuttavia, la domanda di senso e di identità,
come pure la ricerca di valori autentici costituisce un campo fecondo in
cui seminare il primo annuncio.
95
9596
4. Verso gli aspetti operativi
Le giornate di studio hanno offerto l’occasione per individuare delle
linee di azione che orientino le attività della Famiglia Salesiana.
Si è consapevoli che l’impegno missionario, al di là della responsabi-
lità individuale, chiama in causa la comunità, la sua formazione, la sua
sensibilizzazione verso il primo annuncio. Solo comunità evangelizzate
sono poi capaci di evangelizzare!
Un primo snodo riguarda i destinatari: a chi si fa il primo annuncio?
Dallo scambio di esperienze e dalla riflessione sono emerse le se-
guenti categorie di destinatari:
– chi non conosce Dio: dall’ateo in ricerca sincera oppure in ostilità
esplicita, all’agnostico e all’indifferente.
– chi nella sua ricerca religiosa o spirituale (anche nelle nuove forme di
religiosità, spiritualità senza Dio, new age ...) non si è incontrato tut-
tavia con Gesù.
– chi pur essendo battezzato si è allontanato dalla fede.
– chi è battezzato, ma vive un cristianesimo culturale e sociologico.
– chi pratica la fede cristiana occasionalmente in occasione dei sacra-
menti di passaggio o di atti di religiosità popolare.
– chi pratica la fede abitualmente, e, malgrado questa pratica, ancora
non ha incontrato personalmente Cristo come salvatore personale.
Noi tutti membri della Famiglia Salesiana presenti qui in Praga (Sa-
lesiani, Figlie di Maria Ausiliatrice, Volontarie di Don Bosco, Salesiani
Cooperatori) in questo momento storico, avvertiamo la necessità di foca-
lizzare la nostra riflessione e i nostri interventi sulle prime tre categorie
di destinatari, impegnandoci a fare il primo annuncio secondo le nostre
peculiarità vocazionali.
Tutto ciò, però, deve tenere in considerazione anche la situazione con-
creta della presenza della Famiglia Salesiana in Europa, che manifesta og-
gi segni di stanchezza, demotivazione, inadeguatezza, scarsità numerica.
9697
5. Quali sono le finalità che si prefigge chi fa il primo annuncio?
– Finalità immediata: Suscitare nel destinatario una curiosità e un inte-
resse per Gesù che possa portarlo a un’adesione vitale a Lui, e a una
vera conversione e scelta di fede riconoscendoLo per la prima volta
come il suo Salvatore personale;
– Finalità ultima: Invitare chi ha già manifestato la prima adesione di
fede a Gesù a percorrere l’itinerario della (re-) iniziazione cristiana
con l’ingresso pieno nella comunità ecclesiale, la sequela come di-
scepolo di Gesù e l’impegno per la vita del mondo.
Da questo punto di vista, è fondamentale aiutare i membri della Fa-
miglia Salesiana, attraverso una formazione qualificata, ad abilitarsi come
missionari per il primo annuncio.
6. Quale il tempo del primo annuncio?
– Dal punto di vista della comunità che fa l’annunzio, questo è sempre
da proporre in ogni occasione a quei destinatari che vogliano ascolta-
re, sempre discernendo i tempi e le modalità più adeguate.
– Dal punto di vista dal destinatario non si può dire che lui è in situa-
zione di primo annunzio finché non prende la decisione di accettare
Gesù o di declinare la scelta.
7. Come si fa il primo annuncio?
Vanno distinti i due aspetti: chi annuncia e la forma e l’attenzione per
l’annuncio.
A riguardo dell’atteggiamento di chi annunzia:
– Credendo fermamente in quello che annunzia;
– Con una testimonianza di vita il più coerente possibile;
– Con amore, gratuità, bellezza e stile dialogale (rivisitare S. Francesco
di Sales come missionario e annunciatore nella difficile situazione
storica del Chiablese);
– Rispettando la libertà del destinatario e i suoi ritmi di vita;
– Camminando con lui e condividendo le stesse domande esistenziali
nei momenti centrali della vita (nascita, dolore, lavoro).
9734 Per ognuna di queste modalità sarà molto utile dotarsi degli strumenti pratici (schemi,
protocolli) per sviluppare il primo annunzio d’accordo con la situazione e le caratteristiche
dei destinatari.
35 In Italia uno strumento utile è la Lettera ai cercatori di Dio (12 aprile 2009) che
ha avuto un promettente riscontro di pubblico.
– Discernendo in preghiera quando è arrivato il momento di primo
annuncio;
– Scegliendo il linguaggio e le immagini più adatte al destinatario,
nella consapevolezza che numerosi segni o simboli non sono più im-
mediatamente comprensibili per i giovani di oggi;
– Proponendo apertamente e chiaramente il primo annuncio con l’aiu-
to dello Spirito che dà coraggio e umiltà;
– Facilitando la partecipazione dei giovani a iniziative come la GMG, ad al-
tre celebrazioni a livello nazionale e diocesano, o della famiglia salesiana;
– Facendo in modo che i giovani stessi diventino missionari di primo
annuncio verso i loro compagni;
– Con la testimonianza (narrazione autobiografica) gioiosa e umile
dell’esperienza di incontro personale con Gesù Cristo nella propria
storia di ricerca (e a volte di smarrimento);
– Facilitando l’incontro con persone di altre confessioni e religioni, ri-
conoscendo la propria e l’altrui identità, cercando ciò che unisce più
di quello che divide, studiando le altre religioni.
Per quanto riguarda le forme di proporre l’annunzio secondo il con-
testo e caratteristiche diverse dei destinatari: 34
Bisogna maturare un’attitudine a diventare “annunciatori” perché i luo-
ghi in cui si manifesta la domanda, o si può comunque fare una proposta,
possono essere normali o eccezionali e, questi ultimi, reali o virtuali.
Senza pretesa di esaustività, si elencano alcune situazioni rilevate in
questi giorni in cui si realizza il primo annuncio:
– nel dialogo da persona a persona, in una relazione di amicizia (può essere
utile il richiamo alla “parolina all’orecchio” di tradizione salesiana);
– nei momenti fondamentali della vita: nascita, decisione per il doma-
ni, scelta vocazionale, cammino di fedeltà; e nei momenti “apicali”
(il dolore, il futuro, l’amore, la giustizia, la pace, ...); 35
– in incontri convocati in case private;
98
9836 Sempre in Italia, sono interessanti le esperienze nella Chiesa milanese della “Cat-
tedra dei non credenti”, o del “Portico dei Gentili”.
– in incontri pubblici per dare risposta a qualche evento mediatico
(film, libro, dibattito in TV) in rapporto con la fede o la religione; 36
“cattedra dei non credenti”, “portico dei Gentili” ...
– rivolto a gruppi di destinatari in ambito parrocchiale (famiglia, bam-
bini, giovani, fidanzati, genitori, malati, disoccupati, handicappati,
carcerati, emigrati, emarginati...);
– nell’impegno delle associazioni e movimenti cattolici;
– nella scuola, nei centri educativi;
– nel tempo libero, sport, turismo, pellegrinaggi, spazi aperti;
– come missione in città;
– tramite la cultura e l’arte, la musica ...;
– per mezzo di cantautori, artisti e comunicatori cristiani e i loro CD
e DVD;
– nei mass media e internet.
Dalla riflessione è scaturita l’urgenza di sviluppare una concreta ospi-
talità evangelica nei confronti dei lontani e dei vicini. Inoltre, vanno sem-
pre tenuti presenti i temi fondamentali della libertà, verità, conversione e
che per la Famiglia Salesiana le esperienze vanno arricchite con la quali-
tà della proposta educativa.
8. Strategie
Sono indispensabili la mentalizzazione delle nostre comunità e il loro
coinvolgimento con la preghiera, e la simpatia, che nasce dall’informa-
zione, tenendo presente che la missione è sempre chiamata personale e
comunitaria allo stesso tempo.
Il rinnovamento non può che essere globale e coinvolge quindi anche:
– la pastorale chiamata “tradizionale” (celebrazione di sacramenti, bat-
tesimo dei figli, richiesta di matrimonio cristiano, pellegrinaggi ...);
– la cura privilegiata delle famiglie;
– l’attenzione alle nuove presenze (migrazioni, pluriculturalità e plurire-
ligiosità) e a nuove situazioni spirituali che caratterizzano il nostro cam-
99
99100
biamento culturale (individualismo, fluidità, visione secolaristica...);
– la scelta di una proposta di fede agli adulti, attuando gli itinerari del
catecumenato, cammino progressivo alla fede e modello ispiratore di
tutta la catechesi;
– il potenziamento di una “fantasia comunicazionale” per imparare a
esprimersi in nuovi linguaggi (es. multimedia, ecc...) e con parole
semplici attraverso le quali riformulare i punti fondamentali per an-
nunciare la fede in Gesù;
– Il potenziamento di una pedagogia dell’ambiente in cui il giovane sia
accolto e possa esprimere la domanda.
Occorre poi preparare i/le missionari/e:
– Persone umili, disposte alla rinuncia, a obbedire a ciò che Dio chiede
attraverso la mediazione dei bisogni dei giovani, alle situazioni
ambientali, sociali, economiche;
– Impegnate nella specifica formazione;
– Capaci di andare a cercare i giovani dove sono, anche dentro ma
soprattutto fuori dei nostri ambienti abituali;
– Persone serene gioiose, innamorate di Gesù, non problematiche;
– Pronte a cambiare modalità e linguaggi di fronte alla realtà;
– Con identità chiara di se stesse e della Chiesa;
– Capaci di andare verso l’altro per imparare e non per insegnare;
– Che sanno che la fede cresce ogni giorno e sono convinte che è Dio
che converte e non loro;
– Che si sforzano di aiutare i giovani a pensare; 37
– Capaci di aiutare i giovani a costruirsi un’identità personale che sia
di fondamento alla scelta di fede (annuncio di Gesù Cristo come via
dell’umanizzazione).
37 «La chiave dello sviluppo è un’intelligenza in grado di pensare e cogliere il senso più
pienamente umano dell’agire dell’uomo. Nella cultura contemporanea si è affermata larga-
mente la ragione tecnica che insinua che tutto, ogni problema umano, può essere risolto
con la conoscenza tecnica scientifica. L’effetto di questa mentalità indebolisce nelle perso-
ne, e soprattutto nei giovani, la capacità di pensare, di collegare, mettere insieme ... La ra-
gione si piega così di fronte alla pressione degli interessi e dell’utilità che riconosce come
criteri ultimi e non arriva alla verità ..., non sa andare dentro e in profondità ... a sentire Dio
che chiama a scegliere il bene ed il male» (Benedetto XVI, Caritas in veritate, passim).
100101
Aggiungiamo, per la riflessione personale alcune attenzioni nell’an-
nuncio tratte dalle conclusioni dell’incontro dei vescovi d’Europa a pro-
posito della qualità del “primo annuncio”.
Con un passo paziente e ordinato
La condivisione del cammino di vita degli uomini d’oggi, il rispetto
per la loro libertà, la gradualità paziente nell’entrare nel senso profondo
del progetto di Dio, chiede di adottare il cammino pedagogico di Cristo
sulla via di Emmaus. Si tratta di azione pastorale, un concreto itinerario
modello di iniziazione cristiana, che intesse tra loro “testimonianza e
annuncio, itinerario catecumenale, sostegno permanente della fede
mediante la catechesi, vita sacramentale, mistagogia e testimonianza del-
la carità”.
Attenti alle condizioni dell’annuncio
Collaboratore dello Spirito, l’evangelizzatore è una guida cui è chie-
sta una competenza che nasca sia dallo studio, sia dall’esperienza: una
preparazione in grado di ridire la fede in un mutato contesto culturale e in
rapporto con il vissuto delle persone.
Un esercizio del primo annuncio che non fosse sostenuto da una co-
munità in linea con gli atteggiamenti che animano questo ministero, sa-
rebbe inevitabilmente smentito. Una comunità che accetti di ripensarsi
come comunità di annuncio deve lasciarsi plasmare dalla forza evangeli-
ca ed eucaristica del suo Signore. Come ricordava Paolo VI, solo una co-
munità evangelizzata può diventare evangelizzatrice (Evangelii Nuntian-
di, n. 15); per questo una comunità sostiene l’evangelizzazione e il primo
Vescovi europei sul primo annuncio
101102
annuncio mettendo al centro della sua vita quelle dinamiche “spirituali”
– la Parola, l’Eucaristia, lo Spirito – che, sole, formano i credenti alla
sequela e alla libertà dei discepoli.
Quanto, dopo l’Eucaristia celebrata, sono diventato più corpo di Cristo?
(dalla relazione di G. Puglisi).
Con immaginazione creativa e cuore aperto
Non il disgusto ma l’empatia, la simpatia nel comune vivere la pro-
pria cultura con gli altri uomini. Si tratta di saper stare con positività nel-
la cultura perché essa è vita e progetto, e la fede s’incarna nella cultura
dei popoli. Si richiede di passare ai linguaggi dell’immaginazione e del
cuore, perché attraverso di essi si giunge a percepire il trascendente e ci
si mette in relazione con Dio in un rapporto personale. La fede si colloca
nell’amore. La fede è un “Sì “di amore a Dio che si è rivelato e noi lo ab-
biamo accolto come un “Sì” che ci ama.
Il Vangelo diventa così sorpresa, vita piena e può essere trasmesso
con molteplici linguaggi: la Parola, l’invocazione, la comunione fraterna,
la memoria di Cristo, la condivisione di una storia di fede, ma soprattut-
to l’accoglienza dello Spirito che da nuove parole e dinamismo vitale al-
la Chiesa chiamata al primo annuncio.
È possibile individuare alcune condizioni per garantire la qualità del
primo annuncio. Ne parla il card. Caffarra:
La prima condizione è che sia recuperata la capacità di narrare l’av-
venimento pasquale in modo significativo per l’ascoltatore, così che sen-
ta l’esigenza della conversione.
Essa in primo luogo denota le tre dimensioni essenziali del primo an-
nuncio: la dimensione narrativa [i fatti evangelici della morte-resurre-
zione di Gesù non possono più essere presupposti]; la dimensione rifles-
siva [l’evento pasquale ha un senso: “pro nobis”; questo senso deve esse-
re spiegato]; la dimensione esortativa [ciò che è narrato e interpretato, lo
è in vista di un reale cambiamento di chi ascolta]. Tutte e tre le dimen-
sioni sono essenziali, e quindi devono essere presenti nel primo annuncio.
Si parla di “recupero di capacità” perché l’evangelizzazione sembra
102103
trovarsi in seria difficoltà oggi, nell’articolare in modo corretto il conte-
nuto del primo annuncio: sembra ne abbia smarrito sia la grammatica sia
la sintassi.
La seconda condizione è la condivisione critica dell’attesa dell’uo-
mo di oggi, della sua condizione esistenziale. Essa poteva anche essere
espressa col termine di discernimento. In ogni caso l’incontro è, e deve
essere come percorso da due correnti che s’incrociano: la condivisione e
il giudizio. La condivisione senza il giudizio è cieca; il giudizio senza la
condivisione è spietato. Giudizio qui significa che l’attesa umana di sal-
vezza è sempre ambigua.
È il grande tema della “praeparatio evangelica” su cui la Chiesa dei
Padri ha così lungamente meditato.
La terza condizione riguarda il ministro del Vangelo. Essa può essere
descritta semplicemente nel modo seguente: solo chi è stato salvato può
narrare significativamente la salvezza cristiana, muovendo chi ascolta alla
stessa esperienza; solo chi è stato incontrato può narrare significativamente
che cosa accade nell’incontro, così che anche chi ascolta sia attratto.
In questo senso, la Chiesa non è il tema del primo annuncio, ma è
l’unico contesto vitale in cui il primo annuncio può accadere.
Da questa condizione derivano conseguenze molto profonde per la
nostra vita, che è possibile individuare rispondendo a una sola domanda:
quale posto occupa Gesù Cristo nella mia vita? Essa è veramente “in
Cristo”?
103Esperienze
Pina Bellochi VDB - Italia
1. Evangelizzare con la musica
Da oltre 30 anni, assieme a mio fratello e mia cognata, che sono
SS.CC., portiamo avanti un “Centro giovanile” realizzato in alcuni loca-
li della nostra casa, in cui molti giovani hanno la possibilità di fare espe-
rienza di gruppo e percorrere un cammino di maturazione e formazione
umana e cristiana, sentirsi protagonisti. Ogni giovane arriva con il suo ba-
gaglio delle più svariate esperienze: a livello di fede c’è il credente, ma
anche chi è totalmente “digiuno”, o che non si è mai accostato a questa
realtà; infine, chi ha avuto un’esperienza negativa a livello ecclesiale, e si
è allontanato dalla fede. A tutti è offerta la possibilità di fare un cammino
di fede, pur rispettando i tempi di ognuno. L’interesse che attira i giovani
al gruppo è la musica e lo spettacolo. Il nostro annuncio di Cristo e dei va-
lori della fede avviene, allora, attraverso questo strumento. Scriviamo
canzoni, musicals e montiamo spettacoli con canto, recitazione, balletti,
il cui contenuto ha sempre un esplicito riferimento ai valori evangelici.
C’è anche chi si occupa della parte tecnica: luci, fonica, costumi, scene,
... I testi, gli argomenti, sono sempre oggetto di riflessione, di confronto.
I nuovi arrivati possono confrontarsi con le esperienze di chi ha fatto più
cammino, ma soprattutto con la loro testimonianza nel quotidiano. Suc-
cede, allora, che scoprono pian piano un Cristo che non avevano incon-
trato prima, un Cristo che dà senso alla vita. Coloro che frequentano il
centro sono evangelizzati, ma diventano loro stessi evangelizzatori nel
momento in cui si esibiscono negli spettacoli che realizzano nei teatri e
nelle piazze. Mentre si canta e si danza, si “ruminano” i contenuti della
fede; nel gruppo, poi, si fa esperienza di preghiera (con modalità creati-
va), di comunità, di servizio; si ha la possibilità di incontrare un Dio-Pa-
dre misericordioso, un Gesù giovane che cammina con loro, una Chiesa
che accoglie e che serve, e, infine, anche un don Bosco che insegna a vi-
104
104vere tutto questo nella gioia. Ultimamente, a gruppi, i giovani si sono
fatti “missionari nei pub”: armati di chitarre vanno nei pub a cantare e
discutere con “i giovani della notte”, annunciando il Cristo della gioia.
2. Casa di Don Bosco
Da circa cinque anni in un antico palazzo nel cuore di un paese in pro-
vincia di C. si realizza un’attività salesiana animata da laici consacrati
della FS. Il palazzo, che appartiene a una fondazione, che ha lo scopo di
educare e assistere i ragazzi poveri del paese, è stato messo a disposizio-
ne per attuare una serie di attività. In effetti, l’edificio pian piano si è tra-
sformato in un’autentica Casa di Don Bosco (così è stato chiamato!): si fa
oratorio, ricupero scolastico per ragazzi svantaggiati e immigrati; si fan-
no incontri di preghiera, con formazione dei giovani, gruppi di famiglie,
animatori, ... Il primissimo annuncio è fatto innanzitutto con la testimo-
nianza dell’accoglienza, dell’ascolto, della coerenza, della disponibilità.
Tutto questo apre alla confidenza, alla richiesta di aiuto e di accompa-
gnamento spirituale. Ultimamente, proprio da quest’occasione di ascolto
che si offre a tutti, è emerso il problema della violenza domestica, nelle
coppie e non solo... È difficile per chi ha subito o subisce tutto questo,
credere a un Dio-Padre buono. Ricostruire pian piano in queste persone
il senso della propria dignità, la capacità di perdono, la possibilità di
scoprire Cristo risorto che offre una vita nuova e un senso nuovo alla vi-
ta, è stato e continua ad essere l’impegno primario di chi anima il Centro.
Molte persone hanno non solo trovato un punto di riferimento e un soste-
gno, ma hanno scoperto una fede nuova che le ha portate anche a impe-
gnarsi a servizio degli altri e a portare il Vangelo della gioia. Seguendo
Cristo Risorto, si può risorgere a vita nuova.
3. Tra le ragazze-madri
Franca lavora come responsabile di una Casa-famiglia che accoglie
ragazze-madri con i loro bambini. È un lavoro duro che richiede molta
pazienza e soprattutto un cuore di madre. Le ragazze sono tutte segnate da
105
105106
esperienze negative, da ferite difficili da rimarginare. Spesso sono alla ri-
cerca di un gesto di affetto sincero, come adolescenti che non si sono mai
sentite amate. Eppure hanno tra le braccia dei bambini ai quali insegnare
a vivere. Franca vive accanto a loro e per tutti è la “zia Franca” che sa ac-
cogliere, consigliare, coccolare quando occorre, ma che sa pure correg-
gere e dare dei limiti. È lei, non sposata, che insegna a queste ragazze a
essere madri. Senza avere l’aria di “maestrina”, fa sentire a ognuna di es-
sere amata. E loro ricambiano quest’amore con tutto il cuore. Succede,
allora, che le chiedano perché va a Messa, ... perché la vedono pregare, ...
come riesce ad avere tanta pazienza ... E lì Franca può rispondere che ha
incontrato Cristo Risorto che ha cambiato la sua vita ... e che anche per
loro è possibile risorgere.
106107
Alcune implicanze
per i Salesiani Cooperatori
Petr Imlauf ASC - Praga
Esperienza personale (per 20 anni)
1. L’esperienza
2. Breve descrizione del contesto
3. Chi erano i partecipanti e chi ha
guidato l’esperienza?
4. Le motivazioni per offrire questa
esperienza
5. Che cosa è stato proposto?
6. Come è stato realizzato?
7. Qual è stato il risultato? Quali
cambiamenti hai notato?
Incontro di Coppie impegnate
Preparazione al matrimonio, con circa 10 incontri durante
l’anno scolastico. Di solito dura 6-8 mesi. Un gruppo di 5
coppie si incontra nella casa della coppia sposata che fa da
guida.
Giovani coppie che stano pensando al matrimonio (alcune
non ancora sicure) Con un’età compresa 18-30 anni.
Circa 1/3-1/2 di coloro che frequentano non sono credenti.
Questi incontri sono guidati da cattolici e la maggior parte
di essi sono Salesiani Cooperatori.
La ragione per cui noi offriamo questo corso è quella di ri-
durre al minimo le “scelte sbagliate” e aumentare la proba-
bilità di un matrimonio duraturo.
La abilità di comunicazione di coppia. Una più profonda
conoscenza di se stessi e del proprio partner. Sentire opi-
nioni dei loro coetanei. Durante questi incontri fanno ami-
cizia con altre coppie anche con la coppia sposata-guida.
Il non credente ha una buona possibilità di incontrare gio-
vani amici appartenenti alla chiesa, e così hanno la possi-
bilità di parlare di Dio, del cristianesimo e della Chiesa.
Gli incontri, tenuti in casa delle coppie-leader sono molto
utili per coloro che provengono da famiglie monoparentali.
L’esperienza dell’amore rende le coppie aperte a Dio.
Vivere un vero matrimonio cristiano, che richiede pratica
quotidiana, presentando loro qualche esperienza di matri-
monio e la speranza di un matrimonio felice!
Questo programma è stato realizzato nella Repubblica
Ceca dal 1980. Circa 150 giovani frequentano ogni anno,
questa corso, accompagnati da circa 20 guide.
Molte giovani coppie sposate hanno raccomandato questo
corso ai loro amici. alcuni hanno creato piccoli gruppi
cristiani per incontri regolari nelle loro parrocchie. Dopo
pochi anni, alcuni di loro ritornano con domande circa la
fede, le relazioni, o l’educazione dei propri figli.
107108
Una breve descrizione di altri programmi offerti dalla chiese locale o
altre istituzioni:
Incontro matrimoniale
Campo famiglia
(la mia esperienza personale)
Consulenza coniugale
e prematrimoniale
Animazione per coppie sposate
(durante i primi 5 anni)
Scuola di relazioni per i giovani
che non sono ancora coppia
(la mia esperienza personale)
Lezioni sulla Giornata della Gioventù
(la mia esperienza personale)
Fine settimana, per i padri e figli
adolescenti
Organizzazione Pro-Famiglia
(la mia esperienza personale)
Il Corso Alpha
(Eseguito presso la Parrocchia sale-
siana di Praga Kobylisy)
Incontro Matrimonio (ME) è un programma fondato sulla
fede, progettato per aiutare le coppie sposate a migliorare
la loro vita coniugale, crescendo insieme e rafforzando
l’impegno l’uno per l’altro.
Il corso assume forme differenti nella Repubblica Ceca:
fine settimana o programmi settimanali.
Campi estivi per tutta la famiglia
La consulenza d’ispirazione cristiana coniugale e prematrimo-
niale non è spesso offerta e non è riconosciuta ufficialmente.
I primi cinque anni di matrimonio presentano molte diffi-
coltà. Un posto dove vivere, la nascita del primo figlio, la
maternità ...
Un programma per adolescenti e per i ventenni, che origi-
nariamente iniziò in Slovenia.
Ci vogliono 5 fine settimana, non è una preparazione al ma-
trimonio, ma con alcuni argomenti si tratta questo soggetto.
Gli argomenti più popolari e necessari sono:
– Sesso prima del matrimonio - Perché no?
– Convivenza, o che vivono insieme prima del matrimonio,
aiuta le coppie a sviluppare un matrimonio più appagante.
Vero o Falso?
Fornito dal centro famiglia nella diocesi di Litomerice
Padre + un figlio (16-18 anni)
Ci sono molte organizzazioni pro-famiglia in tutta Europa.
La partecipazione di religiosi in questi programmi è un in-
coraggiamento per gli organizzatori.
Il corso si basa su piccoli gruppi di circa 12 persone.
La maggior parte delle sessioni iniziano con un pasto o un
rinfresco – la possibilità di conoscere gli altri del gruppo.
Durante ciascuna delle dieci settimane di corso, c’è un discorso
che si concentra su un aspetto diverso della fede cristiana.
Questa è seguita da una discussione in piccoli gruppi.
108109
Lo sforzo per aiutare i genitori a diventare veri padri e madri
dei loro figli.
1. Le attività che promuovano le competenze dei genitori sono benvenute.
2. Le attività che rafforzano le relazioni tra i genitori e figli.
3. Abbiamo bisogno di aiutare le madri che vogliono prendere cura dei
loro figli a tempo pieno.
4. Nessuna attività che mette i genitori fuori del loro ruolo. È necessrio
portare i genitori più vicino ai loro figli. Bisogno di aiutarli a essere
più uniti insieme.
Alcuni importanti principi nel campo della pastorale famigliare
Che cosa fare?
Condivisione delle esperienze
Che cosa facciamo per sostenere a
livello personale, di formazione, di
condivisione del primo PROCLA-
MATORE cristiano?
Condivisione delle esperienze
Che cosa facciamo per la formazio-
ne, per sostenere al livello dei pro-
grammi?
Esiste una lista (elenco) dei program -
mi disponibili nella Chiesa cattolica?
Livello personale: personale disponibile
1. Quale esperienza più riuscita – manuale per il battesimo
degli adulti
2. Battesimo dei bambini, parenti non Cristiani: manuale
delle buone pratiche
3. Opportunità della liturgia: Battesimo, Matrimonio, Funerale.
Abbiamo delle pratiche buone al riguardo dei non credenti?
4. Come aiutare i genitori per diventare un buono sposo,
educatore?
5. Aiuto per matrimoni misti: che cosa aiuta a mantenere
la fede?
6. Sappiamo parlare del sesso, anticoncezione, Fertilization
In Vitro d’accordo con la dottrina sociale della Chiesa?
Livello di organizzazione: strutture disponibili
1. Esiste un punto di riferimento per la pastorale delle fami-
glie? (persona...)
2. Abbiamo i gruppi, attività dove i giovani possono invita-
re loro amici che non conoscono Gesù?
3. Abbiamo un programma, un gruppo per i nuovi battezzati?
4. Come funziona una preparazione sistematica al sacra-
mento di matrimonio?
5. Si lavora in rete con altre organizzazioni che sostengono
le famiglie?
6. Sappiamo quali programmi esistono per la famiglia nella
Chiesa? Quali di questi programmi sono svolti nei nostri
ambienti? Quali sono sostenuti da noi? Quali dei program-
mi facciamo conoscere? (Club delle mamme, Catechesi
dell’età prescolare bambini insieme con le mamme...)
7. Dove possiamo essere formati? Dove possiamo essere ag-
giornati al riguardo della dottrina ecclesiale sulla famiglia?
109110
5. Consulenza e counselling
6. Focalizzare la differenza e complementarietà tra l’uomo e la donna
contro l’agenda di genere.
7. Quali uomini e donne, e quale relazione tra di loro, vorrebbe vedere
Gesù nell’Europa d’oggi?
Temi rilevanti per il partnership matrimonio-famiglia
Non basta conoscere “le giuste risposte cattoliche” dal Catechismo!
Dobbiamo imparare COME spiegarlo! Dobbiamo imparare PERCHÉ la
Chiesa cattolica insegna queste cose!
1. Good dating. Importanza della castità prematrimoniale per il matrimonio
2. Vivere insieme. Questo non è un buon punto per la partenza
3. Sessualità - significato unitivo e procreativo, contraccezione, salute
riproduttiva
4. Fertilisation In Vitro (IVF)
5. Agenda di Genere (Gender agenda)
Alcuni possibili strumenti della pastorale famigliare
Lavoro diretto – attività e programma con la gente
1. Essere coinvolti con tutta la nostra persona nelle attività e nei programmi
2. Educazione
a) Creare dei gruppi che sono focalizzati su alcuni temi
b) Famiglia e temi relazionati nella formazione-curricoli degli anima-
tori o educatori
c) Famiglia e temi relazionati nella formazione degli SDB - FMA - ASC
d) Tutti conoscono i documenti del movimento Cattolico Pro-Family?
4. Informazione da condividere
a) Che cosa sono le politiche famigliari? Quali competenze sostengo-
no la famiglia o mettono i genitori fuori (delle dinamiche cateche-
tiche, cura dei bambini, asilo...)
b) Quali organizzazioni PRO FAMIGLIA sono presenti nel territorio?
c) Quale offerta dei validi programmi per le famiglie al livello della
Chiesa cattolica?
d) Documenti della Chiesa sulla famiglia
e) Quali sono le buone pratiche, come il diffonderle o addattarle in
altri posti?
110111
Anzitutto va detto che la situazione concreta delle presenze dei Sale-
siani in Europa risente della scarsità numerica di confratelli, che spesso
sono sovraccarichi di lavoro. Di qui i segni di stanchezza, la demotiva-
zione, l’inadeguatezza che spesso si contato tra i confratelli. Questa si-
tuazione potrebbe costringere anche un’Ispettoria a chiudersi dentro il
proprio territorio, perché il guardare oltre, con senso missionario, richie-
derebbe una nuova forza che non ha. Il chiudersi, di conseguenza, spesso
spegne anche lo zelo apostolico e l’entusiasmo per la vita salesiana.
E questo viene sottolineato dai giovani che fanno il discernimento voca-
zionale con noi.
Dopo questa premessa, i Salesiani partecipanti alle giornate di studio
propongono agli Ispettori salesiani europei le seguenti linee operative:
1. Aprire nuove presenze nei Paesi europei dove non c’è ancora una pre-
senza salesiana, per suscitare senso missionario ed entusiasmo apo-
stolico nei salesiani in Europa.
2. Intensificare e privilegiare la pastorale per le famiglie, specialmente
la catechesi familiare.
3. Seguire più da vicino ed aiutare i nuovi missionari arrivati per il Pro-
getto Europa ad integrarsi.
4. Promuovere con gli Ispettori d’Europa una riflessione per concor dare
una comune linea operativa riguardo ai confratelli europei che hanno
fatto un discernimento riconoscendo di avere la vocazione di essere
missionari in Europa.
5. Rafforzare i processi affinché la pastorale diventi più evangelizzatri-
ce per integrare la pastorale giovanile salesiana.
6. Ogni Ispettoria faccia uno studio per poter iniziare un progetto con-
creto, dove la priorità è data al primo annuncio di Cristo.
Václav Klement SDB
Consigliere per le Missioni
Osservazioni Finali
111 112APPENDICE
113 11438 Cfr. UBALDO MONTISCI e LORENZIANA COLOSI. Sintesi finale. Praga 9 novembre
2010.
39 Cfr. KLEMENT VÀCLAV e ALAÍDE DERETTI. Parole di introduzione. Praga, 4 novembre
2010.
40 Cfr. KLEMENT VÀCLAV e ALAÍDE DERETTI. Parole di introduzione. Praga, 4 novembre
2010.
Scheda 1 - Alzati e va’
La questione
Primo annuncio in Europa?
«In varie parti d’Europa c’è bisogno di un primo annuncio del Van-
gelo: cresce il numero delle persone non battezzate, sia per la notevole
presenza d’immigrati appartenenti ad altre religioni, sia perché anche fi-
gli di famiglie di tradizione cristiana non hanno ricevuto il Battesimo o a
causa della dominazione comunista o a causa di una diffusa indifferenza
religiosa. Di fatto, l’Europa si colloca ormai tra quei luoghi tradizional-
mente cristiani nei quali, oltre a una nuova evangelizzazione, in certi
casi si impone una prima evangelizzazione» (EE, n. 46). 38
Sguardi dalla riva
ALZATI E VA’ è un invito a muoversi dalla posizione già raggiunta,
a varcare le soglie e superare i confini, a cercare nuovi terreni per la Pa-
rola di Dio, nuovi popoli da attirare a Cristo.
L’ardore per il Vangelo spinge ad attraversare le frontiere, non solo quel-
le geografiche, ma anche sociali e culturali, e soprattutto quelle del cuore. 39
Dalla Bibbia
Alzati e va’ è il comando di Gesù ad un paralitico (cfr. Mc 2,11;
Mt 9,6; Lc 5,24; Gv 5,8), o la parola che ha detto Pietro allo storpio alla
Porta Bella (At 3,6). Anche a Filippo, l’evangelizzatore, e in lui a tutta la
Chiesa, viene detto: “alzati e va”. 40
115
115116
Appelli
La Chiesa non è custode immobile della fede, ma deve “alzarsi ed
andare”. «La fede si rafforza donandola!» (Redemptoris missio 2) e,
l’amore «per sua natura, deve essere ulteriormente partecipato ad altri.
L’amore cresce attraverso l’amore» (Deus caritas est, 18); 41
– abilitarci a saper dare ragione della nostra fede e speranza con lin-
guaggi comprensibili alla gente, perché siamo con loro;
– privilegiare i cammini concreti incarnati nella storia delle persone,
nella fragilità e nelle conquiste umane;
– rinascere di nuovo, come Nicodemo, per scoprire l’evento e la sor-
presa di Dio, il soffio dello Spirito, le diverse e misteriose maniere
con le quali Egli si interessa di noi. 42
Domande
In un’Europa sempre più postmoderna, sempre più plurale per culture,
per religioni e sensibilità intellettuale e umana, cosa dice di Gesù di Nazaret?
1. Nella metamorfosi dell’Europa, iniziata da parecchi secoli e in conti-
nua evoluzione dovuta anche ai grandi flussi migratori c’è posto per
una nuova testimonianza e un primo annuncio di Gesù?
2. Il Dio di Gesù sta giocando un ruolo significativo nella costruzione
della nuova Europa?
3. Interessa agli uomini e alle donne la ricerca di senso, di verità, di vita
eterna?
4. Se sì, a quali condizioni? 43
Musica.
Torna alla vita! Giovanni Allevi
41 Cfr. KLEMENT VÀCLAV e ALAÍDE DERETTI. Parole di introduzione. Praga, 4 novem-
bre 2010.
42 Cfr. MARIA KO. Lectio divina. Praga, 9 novembre 2010.
43 Cfr. ALAÍDE DERETTI. Parole di introduzione. Praga, 4 novembre 2010.
116117
Il Concetto del Primo Annuncio
La guida invita un volontario a leggere un estratto della sintesi delle
Giornate di Studio, qui sotto riportato. Alla lettura segue un breve mo-
mento di silenzio per la riflessione personale:
«Pur riconoscendo la complementarità dei diversi momenti del pro-
cesso evangelizzatore (EN, n. 24), per cui è necessario operare sempre
con una visione d’insieme dell’itinerario e in sinergia di intenti, abbiamo
delimitato il primo annuncio agli «enunciati della fede cristiana, sotto
forme variabili, che, in contesti determinati, favoriscono e rendono pos-
sibili i primi passi nella fede in coloro che ne sono lontani». 44
Pur essendo soltanto un momento del processo globale dell’evange-
lizzazione, il primo annuncio ha la sua importanza come porta di acces-
so e come fondamento permanente dell’esperienza cristiana: «Non si co-
mincia a essere cristiano per una decisione etica o una grande idea, ma
per un incontro con un evento, con una Persona che dà un nuovo oriz-
zonte alla vita e, con questo, la direzione decisiva» (Benedetto XVI, Deus
caritas est, n. 1).
Il primo annuncio costituisce semplicemente l’avvio del processo
evangelizzatore, che ha priorità cronologica, ma che non è esteso nel
tempo, in quanto il suo obiettivo – «suscitare [in chi ascolta] un interes-
se per Gesù Cristo che possa portare a una prima adesione o ad una ri-
vitalizzazione della fede in lui» 45 e al desiderio di approfondirne la cono-
scenza – rimanda immediatamente al successivo percorso di maturazio-
ne nella fede.
Scheda 2 - Il Primo Annuncio: cos’è?
44 A. FOSSION, Proposta della fede e primo annuncio, in “Catechesi” 78 (2008-2009)
4, 29-34; 30.
45 X. MORLANS, El primer anuncio. El eslabón perdido, Madrid, PPC, 2009, 29.
117118
Nell’attuarsi della missione sul terreno concreto, il soggetto del pri-
mo annuncio è la comunità cristiana come tale, come presenza reale di
Cristo nella storia, tramite i suoi membri: in questo senso, ogni credente
nel suo ambiente quotidiano può e deve essere un soggetto di primo an-
nuncio. Ci sono poi membri della comunità ai quali si affida questa mis-
sione in un modo specifico».
L’Importanza della Testimonianza
Giovanni Paolo II nella Redemptoris Missio (42) sottolinea l’impor-
tanza della testimonianza personale e comunitaria nella proclamazione
del Vangelo oggi.
La guida invita un volontario a leggere il testo qui sotto riportato.
Segue un momento riflessione personale:
«L’uomo contemporaneo crede più ai testimoni che ai maestri, (69)
più all’esperienza che alla dottrina, più alla vita e ai fatti che alle teorie.
La testimonianza della vita cristiana è la prima e insostituibile forma della
missione: Cristo, di cui noi continuiamo la missione, è il «testimone» per
eccellenza (Ap 1,5); (Ap 3,14) e il modello della testimonianza cristiana.
Lo Spirito santo accompagna il cammino della Chiesa e la associa alla
testimonianza che egli rende a Cristo (Gv 15,26). La prima forma di testi-
monianza è la vita stessa del missionario, della famiglia cristiana e della
comunità ecclesiale, che rende visibile un modo nuovo di comportarsi. Il
missionario che, pur con tutti i limiti e difetti umani, vive con semplicità
secondo il modello di Cristo, è un segno di Dio e delle realtà trascenden-
ti. Ma tutti nella Chiesa, sforzandosi di imitare il divino Maestro, possono
e debbono dare tale testimonianza, che in molti casi è l’unico modo pos-
sibile di essere missionari. La testimonianza evangelica, a cui il mondo è
più sensibile, è quella dell’attenzione per le persone e della carità verso i
poveri e i piccoli, verso chi soffre. La gratuità di questo atteggiamento e
di queste azioni, che contrastano profondamente con l’egoismo presente
nell’uomo, fa nascere precise domande che orientano a Dio e al vangelo.
Anche l’impegno per la pace, la giustizia, i diritti dell’uomo, la promozione
umana è una testimonianza del vangelo, se è segno di attenzione per le
persone ed è ordinato allo sviluppo integrale dell’uomo».
118119
Le nostre esperienze
Condividi esempi positivi che tu conosci o che hai sentito in cui qual-
cuno ha deciso di diventare cristiano o cattolico a causa della testimo-
nianza cristiana di una persona o della comunità cristiana.
➣ Qual è stata la tua comprensione iniziale del primo annuncio? Qual è
la tua comprensione, adesso? Quale cambiamento di comprensione
hai avuto riguardo al primo annuncio?
Condividere per approfondire
➣ Come possiamo favorire il Primo Annuncio (come inizio del proces-
so di evangelizzazione), soprattutto con i giovani nel nostro contesto?
➣ In quale modo lo stile di vita di ciascuno e di tutta la comunità con-
tribuisce al Primo Annuncio tra le persone che incontriamo e con cui
lavoriamo ogni giorno?
➣ Quali sono le sfide e le opportunità del Primo Annuncio per la nostra
comunità religiosa?
Pregare
Concludiamo affidando alla preghiera spontanea tutte le nostre
speranze e paure per rispondere alle sfide e alle opportunità del Primo
Annuncio nel nostro contesto.
119La Parola di Dio
« 35 Il giorno dopo Giovanni stava an-
cora là con due dei suoi discepoli 36 e, fis-
sando lo sguardo su Gesù che passava,
disse: “Ecco l’agnello di Dio!”. 37 E i
suoi due discepoli, sentendolo parlare
così, seguirono Gesù. 38 Gesù allora si
voltò e, osservando che essi lo seguiva-
no, disse loro: “Che cosa cercate?”. Gli
risposero: “Rabbì – che, tradotto, signi-
fica Maestro –, dove dimori?”. 39 Disse
loro: “Venite e vedrete”. Andarono dun-
que e videro dove egli dimorava e quel
giorno rimasero con lui; erano circa le
quattro del pomeriggio.
40 Uno dei due che avevano udito le
parole di Giovanni e lo avevano seguito,
era Andrea, fratello di Simon Pietro.
41 Egli incontrò per primo suo fratello Si-
mone e gli disse: “Abbiamo trovato il
Messia” – che si traduce Cristo – 42 e lo
condusse da Gesù. Fissando lo sguardo
su di lui, Gesù disse: “Tu sei Simone,
il figlio di Giovanni; sarai chiamato
Cefa” – che significa Pietro. 43 Il giorno
dopo Gesù volle partire per la Galilea;
trovò Filippo e gli disse: “Seguimi!”.
44 Filippo era di Betsàida, la città di An-
Scheda 3 - Condivisione della parola:
ecco, l’agnello di Dio!
Sette Passi di Condivisione
della Bibbia
PRIMO PASSO: Invochiamo il Padre
Chiediamo al Padre attraverso il canto e la
preghiera di inviarci il suo Spirito per aiutar-
ci a comprendere la sua Parola.
SECONDO PASSO: Leggiamo Il testo
La guida invita un volontario a leggere il te-
sto. Segue un momento di silenzio, quindi
la guida invita a leggere personalmente il
testo in silenzio.
TERZO PASSO: Ci soffermiamo sul testo
Ogni partecipante legge ad alta voce tre o
quattro volte la parola o le parole (solo bre-
vi frasi o singole parole) che lo colpisce o
colpiscono.
QUARTO PASSO: Rimaniamo in silenzio
La guida invita un volontario a dire la sua ri-
flessione sul testo. Seguono circa tre minu-
ti di silenzio per la riflessione personale.
QUINTO PASSO: Condividiamo quello
che abbiamo sentito nei nostri cuori
Dopo il tempo di silenzio condividiamo bre-
vemente fra noi quello che abbiamo sentito
nei nostri cuori e la nostra esperienza
di fede, per aiutarci a crescere nella fede.
SESTO PASSO: Cerchiamo insieme
Che cosa significa questa Parola per noi
missionari salesiani di oggi?
SETTIMO PASSO: Preghiamo insieme
La guida invita tutti a dire una preghiera
personale.
120
120drea e di Pietro. 45 Filippo trovò Natanaele e gli disse: “Abbiamo trovato
colui del quale hanno scritto Mosè, nella Legge, e i Profeti: Gesù, il figlio
di Giuseppe, di Nàzaret”. 46 Natanaele gli disse: “Da Nàzaret può venire
qualcosa di buono?”. Filippo gli rispose: “Vieni e vedi”. 47 Gesù intanto, vi-
sto Natanaele che gli veniva incontro, disse di lui: “Ecco davvero un Israe-
lita in cui non c’è falsità”. 48 Natanaele gli domandò: “Come mi conosci?”.
Gli rispose Gesù: “Prima che Filippo ti chiamasse, io ti ho visto quando eri
sotto l’albero di fichi”. 49 Gli replicò Natanaele: “Rabbì, tu sei il Figlio
di Dio, tu sei il re d’Israele!”. 50 Gli rispose Gesù: “Perché ti ho detto che
ti avevo visto sotto l’albero di fichi, tu credi? Vedrai cose più grandi di
queste!”. 51 Poi gli disse: “In verità, in verità io vi dico: vedrete il cielo
aperto e gli angeli di Dio salire e scendere sopra il Figlio dell’uomo”».
Riflessione
Leggiamo un estratto della Lectio che Sr. Maria Ko ha guidato il se-
condo giorno delle Giornate di Studio:
«È un dato che colpisce spontaneamente chi legge con attenzione i
Vangeli: Gesù appare come “il grande ricercato”. Lo cercano infatti mol-
te persone, singolarmente o in gruppo, con motivazioni svariate e con in-
tensità diverse. Lo cercano in molte circostanze e in molti luoghi. Conti-
nuamente in tutte le fasi della sua vita. Alla sua nascita è cercato dai ma-
gi venuti da lontano per adorarlo, dai pastori invitati dal messaggero ce-
leste e da Erode che lo voleva uccidere. Adolescente, a Gerusalemme i
suoi genitori lo cercano con ansia credendolo smarrito nella confusione
dei pellegrini. Durante il suo ministero pubblico egli è cercato dai disce-
poli affascinati, dai parenti preoccupati, dai sofferenti desiderosi di aiuto
e dagli avversari pronti a coglierlo in fallo. Verso la fine della sua vita è
cercato dai sacerdoti e dagli scribi per eliminarlo, da Giuda per tradirlo,
dai soldati per catturarlo. Anche dopo la morte lo cercavano amici e ne-
mici al suo sepolcro.
E Gesù si fa trovare? Non sempre.
A chi lo cerca con la pretesa di trovarlo a modo proprio Gesù reagi-
sce sistematicamente con un rifiuto netto. Quando i discepoli, visto il de-
121
121122
siderio pressante degli abitanti di Cafarnao, fanno notare a Gesù: “Tutti ti
cercano!” Egli risponde ironicamente: “Andiamocene altrove per i vil-
laggi vicini, perché io predichi anche là, per questo infatti sono venuto!”
(Mc 1,38). Gesù si sottrae ad ogni ricerca captativa, rifiuta chi pretende di
possederlo, di sistemarlo nei propri schemi mentali. Si oppone a chi vuol
restringere l’orizzonte universale della sua missione riducendolo a una
specie di guaritore a buon mercato, un taumaturgo del paese.
Similmente egli risponde con parole taglienti alla folla che lo cerca
dopo il miracolo della moltiplicazione dei pani: “Voi mi cercate non
perché avete visto i segni, ma perché avete mangiato dei pani”. Gesù sma-
schera la falsa ricerca per scopo egoistico e meschino. Egli sa che la fol-
la in realtà non cerca lui, ma il vantaggio che deriva nell’averlo a propria
disposizione.
Alle volte Gesù frustra le attese immediate di coloro che lo cercano
non per rifiutarle in assoluto, ma per sollevarle, dilatarle, purificarle e tra-
sformarle. Egli si fa trovare, ma altrove, su un altro piano, in un modo di-
verso. “Perché mi cercate? Non sapevate che io devo occuparmi delle co-
se del Padre mio?” (Lc 2,49). Con questa domanda ai suoi genitori Gesù
riconosce la sincerità della ricerca, l’accoglie e la ricolloca su un piano
più alto. Egli configura la loro ricerca di lui alla sua continua ricerca del-
le cose del Padre. Egli li associa nella tensione comune verso la stessa
mèta.
Molte volte Gesù risponde con un dono sorprendente, una risposta
che trascende la domanda. Egli non solo “adempie” le attese, ma le dila-
ta, non solo “soddisfa” la ricerca, ma la trascende, si fa trovare in un mo-
do originale, impensato, più grande e più bello di quanto l’uomo osa so-
gnare.
Arrampicato su un albero Zaccheo “cerca di vedere” passare Gesù,
ma lui sorprende la sua attesa e si fa trovare a casa sua. Le posizioni
sono rovesciate: in realtà non è Zaccheo che cerca Gesù, ma è Gesù che
lo cerca, perché è “venuto a cercare e a salvare ciò che era perduto”.
La donna emorroissa cerca timidamente di toccare di nascosto la veste di
Gesù, ma riceve la guarigione e un elogio pubblico.
122123
Verso la fine del Vangelo troveremo di nuovo Gesù a porgere la
stessa domanda. È rivolta alla Maddalena davanti alla tomba vuota:
“Perché piangi? Chi cerchi?” (20,15). Maria cerca un corpo morto, trova
invece il vivente.
La domanda: Che cosa, chi cerchi? fa da inclusione che inquadra tut-
to il Vangelo.
12346 Cfr. TOMÁŠ HALIK. L’annuncio e la testimonianza di Gesù Cristo nell’ambiente
dell’Europa postmoderan, secolarizzata: sfide e opportunità. Praga, 6 novembre 2010
(Leggi anche EE, n. 47).
47 Cfr. ALAÍDE DERETTI. Parole di introduzione. Praga, 4 novembre 2010.
Scheda 4 - Va’ avanti
La questione
Rinnovare la tradizione dell’ateismo cristiano
Uno dei compiti del cristiano di oggi è rinnovare la tradizione del -
l’ateismo cristiano.
Troppi santi martiri cristiani furono giustiziati nell’Impero romano
per il loro ateismo (rifiuto degli dèi romani) perché possiamo abbando-
nare, dimenticare e tradire con leggerezza questa tradizione dell’ateismo
cristiano. (...) verso certi dèi il cristiano deve essere “ateo”. Oggi, nell’e-
poca del “ritorno della religione” la critica della religione è molto attua-
le; e chi dovrebbe assumere questo compito, se non i cristiani?
Da tempo l’ateismo della tradizione illuministica non è più critico:
spesso è diventato ideologico e dogmatico, e persino è diventato una re-
ligione statale imposta – ricordiamoci dell’“ateismo scientifico” del mar-
xismo. (...) Se noi cristiani avessimo conservato questa critica mordente
della religione, che troviamo nella Bibbia, nei profeti, nei salmi e poi in
Gesù e Paolo, non avremmo dovuto aspettare Feuerbach, Freud e Marx
perché ci dicessero ciò che leggiamo nella Bibbia: che l’uomo tende a
divinizzare le opere delle proprie mani, della sua immaginazione, e che
dobbiamo stare attenti di fronte a questi dèi e fabbricatori degli dèi. 46
Sguardi dalla riva
VA’ AVANTI E RAGGIUNGI QUEL CARRO è un invito a coglie-
re l’occasione, ad approfittare del momento favorevole, a non perdere
l’opportunità, ad entrare nella storia e nel racconto biblico... Abbiamo bi-
sogno di abbandonare molto di ciò che portiamo con noi. 47
124
12448 Cfr. MARIA KO. Lectio divina. Praga, 9 novembre 2010.
49 Cfr. ALAÍDE DERETTI. Parole di introduzione. Praga, 4 novembre 2010.
Dalla Bibbia
Lo Spirito dice a Filippo di avvicinare il carro, ma non chi trove-
rà nel carro o cosa dovrà fare o dire.
Lo Spirito, che “soffia dove vuole” (Gv 3,8), che ha dei “gemiti ine-
sprimibili” (Rm 8,26), non detta comandi concreti da eseguire, ma stimo-
la l’intelligenza e la creatività dell’uomo e accende il suo amore. Egli agi-
sce in modo sorprendente e spinge verso mete inaspettate. Egli non ama
dialogare con l’uomo nella strettezza dei suoi schemi e desideri, ma lo
lancia verso gli spazi ampi, verso le altezze del progetto divino. 48
Domande
1. Molti autori affermano che la crisi attuale non è di fede ma di forme.
Quali forme sono da abbandonare?
2. Davanti alla frammentazione sociale e all’incertezza del futuro tante
persone cercano proposte e sicurezze nei movimenti religiosi. Non do-
vremmo noi trovare in questo un’opportunità per il primo annuncio?
A quali condizioni? 49
Preghiera
Va’ avanti! Non da solo/a!!!!
125
125126
Scheda 5 - Condividere il dono della fede
Vivere
Condividiamo in piccoli gruppi le nostre esperienze:
• Quali sono le mie esperienze di condivisione della fede tra i nostri
giovani europei?
• Quali sono le mie esperienze nel condividerla con i giovani di altre re-
ligioni che frequentano la nostra scuola o il nostro oratorio?
Discutere
Leggere e discutere l’estratto dell’intervento di Tomáš Halík, «L’an-
nuncio e la testimonianza di Gesù Cristo nell’ambiente dell’Europa post-
moderna, secolarizzata: sfide e opportunità».
«Le cattiverie dei cristiani potevano sicuramente essere, ieri come
oggi, un ostacolo psicologico al successo missionario della Chiesa. Pe-
rò, rigorosamente parlando, le cattiverie dei cristiani sono un argomen-
to contro i cattivi cristiani, ma difficilmente sono un argomento valido
contro il cristianesimo, la fede e Dio; il fatto che i pellegrini siano lonta-
ni dalla meta, che molti vadano errando in un circolo vizioso e ancora al-
tri per vari motivi volgano le spalle alla meta, non dice proprio niente
contro la meta stessa. Gesù non nascondeva che il cammino della sequela
è stretto, ripido ed esigente e che pochi lo percorrono; e nemmeno possiamo
leggere da qualche parte che abbia chiamato a sé soltanto chi fosse per-
fetto oppure che abbia fondato una fabbrica dei santi. In più, la storia ve-
ra del cristianesimo non è solo un racconto di crimini, ma accanto a tut-
ti gli scandali offre anche esempi abbondanti di sequela eroica di Cristo
e frutti tali della vita della Chiesa ai quali chi vuole rimanere onesto non
può negare il rispetto.
«Forse, più che la bruttura umana dei cristiani, maggiore ostacolo
sul cammino del riconoscimento di Dio è stata una certa teologia e spi-
126127
ritualità, che produceva concezioni di Dio problematiche e a volte persi-
no patologiche. Questo modo di produzione religiosa ha fornito agli atei
un pantheon degli dei oltremodo variopinto, in cui è troppo facile non
credere. A volte penso che il maggior problema nelle proposte ai non cre-
denti – quello che veramente loro impedisce di trovare la via per acco-
gliere Dio – consiste nel fatto che loro hanno già il loro dio; quello in cui
non credono. Il non credente è solitamente una persona che nega il con-
cetto di dio che ha creato lui stesso, o che ha assunto. È difficile parlare
con lui di Dio, non perché il concetto di “Dio” sia per lui vuoto o scono-
sciuto, ma perché è riempito di un’idea troppo concreta; l’idea che rifiu-
ta, e aggiungiamo che generalmente a tutta ragione!»
Scoprire
Che cosa ha detto la Chiesa su questo tema?
Giovanni Paolo II, Esortazione Apostolica post-Sinodale Ecclesia in
Europa (2003)
46. «In varie parti d’Europa c’è bisogno di un primo annuncio del
Vangelo: cresce il numero delle persone non battezzate, sia per la note-
vole presenza di immigrati appartenenti ad altre religioni, sia perché an-
che figli di famiglie di tradizione cristiana non hanno ricevuto il Battesi-
mo o a causa della dominazione comunista, o a causa di una diffusa in-
differenza religiosa» [...]
47. «Ovunque, poi, c’è bisogno di un rinnovato annuncio anche per
chi è già battezzato. Tanti europei contemporanei pensano di sapere che
cos’è il cristianesimo, ma non lo conoscono realmente. Spesso addirittu-
ra gli elementi e le stesse nozioni fondamentali della fede non sono più
noti. Molti battezzati vivono come se Cristo non esistesse: si ripetono i
gesti e i segni della fede, specialmente attraverso le pratiche di culto, ma
ad essi non corrisponde una reale accoglienza del contenuto della fede e
un’adesione alla persona di Gesù. Alle grandi certezze della fede è sub-
entrato in molti un sentimento religioso vago e poco impegnativo; si dif-
fondono varie forme di agnosticismo e di ateismo pratico che concorro-
127no ad aggravare il divario tra la fede e la vita; diversi si sono lasciati
contagiare dallo spirito di un umanesimo immanentista che ne ha in -
debolito la fede, portandoli sovente purtroppo ad abbandonarla comple-
tamente; si assiste a una sorta di interpretazione secolaristica della fede
cristiana che la erode ed alla quale si collega una profonda crisi della
coscienza e della pratica morale cristiana. I grandi valori che hanno
ampiamente ispirato la cultura europea sono stati separati dal Vangelo,
perdendo così la loro anima più profonda e lasciando spazio a non poche
deviazioni».
• Che cosa ha detto la conferenza episcopale del nostro Paese su questo
tema?
(se esiste un documento si legge un numero o parte del documento)
• Che cosa dicono le nostre Costituzione su questo tema?
Condividere
Condivisione in piccoli gruppi
➣ Come si può fare il primo annuncio nel mio contesto oggi?
➣ Quali sono le sfide ed opportunità che il nostro contesto offre?
➣ Quali sono le sfide ed opportunità per questa nostra comunità
salesiana?
Celebrare
(fare un cerchio grande di tutti i partecipanti)
• Canto
• Preghiera iniziale
• Vangelo: Mt 28, 19-20
• Intercessioni (interventi liberi)
• Padre Nostro (cantato)
• Conclusione
128
128Scheda 6 - Seduto sul carro
leggeva la scrittura
L’ecumenismo e il dialogo interreligioso
Dalla propria esperienza
Quali sono gli elementi che ti hanno facilitato condividere la fede con
giovani di altre confessioni cristiane e di altre fedi?
Dialoghiamo
“Le cattiverie dei cristiani potevano sicuramente essere, ieri come
oggi, un ostacolo psicologico al successo missionario della Chiesa. Però,
rigorosamente parlando, le cattiverie dei cristiani sono un argomento con-
tro i cattivi cristiani, ma difficilmente sono un argomento valido contro il
cristianesimo, la fede e Dio; il fatto che i pellegrini siano lontani dalla
meta, che molti vadano errando in un circolo vizioso e ancora altri per
vari motivi volgano le spalle alla meta, non dice proprio niente contro la
meta stessa. Gesù non nascondeva che il cammino della sequela è stretto,
ripido ed esigente e che pochi lo percorrono; e nemmeno possiamo leg-
gere da qualche parte che abbia chiamato a sé soltanto chi fosse perfetto
oppure che abbia fondato una fabbrica dei santi. In più, la storia vera del
cristianesimo non è solo un racconto di crimini, ma accanto a tutti gli
scandali offre anche esempi abbondanti di sequela eroica di Cristo e frut-
ti tali della vita della Chiesa ai quali chi vuole rimanere onesto non può
negare il rispetto.
Forse, più che la bruttura umana dei cristiani, maggiore ostacolo sul
cammino del riconoscimento di Dio è stata una certa teologia e spiritua-
lità, che produceva concezioni di Dio problematiche e a volte persino pa-
tologiche. (...) A volte penso che il maggior problema nelle proposte ai
non credenti – quello che veramente loro impedisce di trovare la via per
accogliere Dio – consiste nel fatto che loro hanno già il loro dio; quello
129
12950 Cfr. TOMÁŠ HALIK. L’annuncio e la testimonianza di Gesù Cristo nell’ambiente del-
l’Europa postmoderna, secolarizzata: sfide e opportunità. Praga, 6 novembre 2010.
51 Cfr. MARIA KO. Lectio divina. Praga, 9 novembre 2010.
52 Cfr. ALAÍDE DERETTI. Parole di introduzione. Praga, 4 novembre 2010.
in cui non credono. Il non credente è solitamente una persona che nega
il concetto di Dio che ha creato lui stesso o che ha assunto. È difficile
parlare con lui di Dio, non perché il concetto di “Dio” sia per lui vuoto
o sconosciuto, ma perché è riempito di un’idea troppo concreta; l’idea che
rifiuta, e aggiungiamo che generalmente a tutta ragione!” 50
Sguardi dalla riva
Il Dio di Gesù è un Dio incarnato in diverse culture, implicato nel-
la storia.
Di qui l’atteggiamento positivo di fiducia e di speranza nell’esisten-
za umana, nell’esperienza delle singole persone, della situazione concre-
ta dei giovani “altri”, i “lontani” (diversi per fede, per etnia, per cultura,
per sensibilità) dell’evoluzione della storia e della scienza. Questa realtà
ha bisogno di persone nuove, con una fede più personale e adulta che con-
sentano di discernere e di confrontarsi criticamente con gli altri
e di mantenere il carattere secolare dell’Europa. 51
Dalla Bibbia
Nel carro c’era un uomo.
Il carro non è la mèta finale a cui lo Spirito dirige Filippo, ma l’uomo
seduto dentro. Non le strutture istituzionali, non i metodi efficienti
di evangelizzazione, ma l’uomo «è la prima strada che la Chiesa deve
percorrere nel compimento della sua missione» (Redemptor hominis 14),
tutti gli uomini e le donne sono «predestinati dal Padre a essere conformi
all’immagine del Figlio suo, così che sia il primogenito tra molti fratelli»
(Rm 8,29). 52
130
13053 Cfr. MARIA KO. Lectio divina. Praga, 9 novembre 2010.
54 Cfr. MARIA KO. Lectio divina. Praga, 9 novembre 2010.
Appelli
Attuare in maniera nuova la testimonianza/annuncio di Gesù di
Nazaret nella prassi educativa o nelle occasioni di vita quotidiana, in
dialogo con le situazioni socio/culturali/religiose dei giovani e degli adul-
ti, è contribuire a declinare il Sistema Preventivo in Europa rendendolo
sempre più attuale. 53
Domande
1. Nel nostro contesto quale particolare attenzione viene riservata
all’annuncio di Gesù come unico vero salvatore del mondo, nonostante
la reale validità di altre vie religiose? 54
131
131Scheda 7 - Come posso capire?
55 Cfr. D. KLEMENT e Sr. ALAÍDE DERETTI. Parole di introduzione. Praga, 4 novembre 2010.
56 Cfr. D. KLEMENT e Sr. ALAÍDE DERETTI. Parole di introduzione. Praga, 4 novembre 2010.
La questione
Testimoniare e dire Dio
Il Vangelo non è un sistema di dottrina da credere, non è un insieme
di prescrizioni morali da osservare, ma è una buona notizia che cambia la
vita, pertanto non va trasmesso attraverso mezzi freddi e tecniche distac-
cate, ma con il calore umano, con la testimonianza di vita, con l’amore.
Ma, come osserva Paolo VI, la testimonianza della vita da sola non è
sufficiente, «anche la più bella testimonianza si rivelerà a lungo im -
potente, se non è illuminata, giustificata [...] esplicitata da un annuncio
chiaro e inequivocabile del Signore Gesù. La Buona Novella, procla mata
dalla testimonianza di vita, dovrà dunque essere presto o tardi annunziata
dalla parola di vita. Non c’è vera evangelizzazione se il nome, l’insegna-
mento, la vita, le promesse, il Regno, il mistero di Gesù di Nazareth,
Figlio di Dio, non siano proclamati» (Evangelii nuntiandi 22). 55
Sguardi dalla riva
L’annuncio del Vangelo dev’essere fatto con passione e bellezza.
Si tratta di presentare il fascino di Gesù da affascinati. La passione apo-
stolica spinge la Chiesa, nei tempi delle origini come oggi, a cercare in-
cessantemente mezzi e modi di offrire il suo più grande tesoro con calo-
re umano, con gentilezza, con l’arte del cuore. 56
Dalla Bibbia
Filippo inizia il dialogo con una domanda di tipo maieutico: «Capisci
quello che stai leggendo?» e instaura un rapporto interattivo.
132
13257 Cfr. D. KLEMENT e Sr. ALAÍDE DERETTI. Parole di introduzione. Praga, 4 novembre 2010.
58 Cfr. UBALDO MONTISCI e LORENZINA COLOSI. Sintesi finale. Praga 9 novembre 2010.
59 Cfr. UBALDO MONTISCI e LORENZINA COLOSI. Sintesi finale. Praga 9 novembre 2010.
Questa modalità di approccio alle persone è molto usato anche da Ge-
sù. Si pensi per esempio a queste domande: «Che cercate? » (Gv 1, 38);
«Perché piangi?» (Gv 20, 13); «Cosa sta scritto nella legge? Cosa vi leg-
gi?» (Lc 10, 26) «Chi è mia madre e chi sono i miei fratelli?» (Mc 3, 33);
«Perché mi chiami buono?» (Mc 10, 17); «Perché avete paura? Non ave-
te ancora fede?» (Mc 4, 40); «Sapete ciò che vi ho fatto?» (Gv 13, 12). 57
Appelli
Si è consapevoli che l’impegno missionario, al di là della responsabi-
lità individuale, chiama in causa la comunità, la sua formazione, la sua
sensibilizzazione verso il primo annuncio. Comunità cristiane missiona-
rie che testimoniano la carità di Dio a tutti gli uomini. Cfr. EE n. 50.
“... è fondamentale aiutare i membri della Famiglia Salesiana,
attraverso una formazione qualificata, ad abilitarsi come missionari per il
primo annuncio”. 58
Con immaginazione creativa e cuore aperto
Non il disgusto ma l’empatia, ci vuole la simpatia nel comune vivere
la propria cultura con gli altri uomini. Si tratta di saper stare con positivi-
tà nella cultura perché essa è vita e progetto, e la fede s’incarna nella cul-
tura dei popoli. Si richiede di passare ai linguaggi dell’immaginazione e
del cuore, perché attraverso di essi si giunge a percepire il trascendente e
ci si mette in relazione con Dio in un rapporto personale. La fede si col-
loca nell’amore. La fede è un “Sì” di amore a Dio che si è rivelato e noi
lo abbiamo accolto come un “Sì” che ci ama.
Il Vangelo diventa così sorpresa, vita piena e può essere trasmesso
con molteplici linguaggi: la Parola, l’invocazione, la comunione fraterna,
la memoria di Cristo, la condivisione di una storia di fede, ma soprattut-
to l’accoglienza dello Spirito, che dà nuove parole e dinamismo vitale al-
la Chiesa chiamata al primo annuncio. 59
133
13360 Cfr. ALAÍDE DERETTI. Parole di introduzione. Praga, 4 novembre 2010.
PROSEGUI PIENO DI GIOIA.
Condividere e celebrare
La passione apostolica spinge il cristiano a donare agli altri la gioia
che ha nel cuore, a donarla gratuitamente come l’ha ricevuta gratuita-
mente a suo tempo (cfr. Mt 10,8). L’eunuco etiope non vede più Filippo,
ma prosegue pieno di gioia il suo cammino. L’evangelizzatore non stabi-
lisce un rapporto di relazione dipendente. Egli può sparire, ma il seme
della fede continua a svilupparsi, il fuoco acceso continua ad ardere,
l’amore di Dio continua a trasformare la vita e la gioia continua a soste-
nere il cammino. 60
134
134Scheda 8 - San Francesco di Sales:
la vera libertà e il primo annuncio
Introduzione
Durante le giornate di studio era stato suggerito di rivisitare S. Fran-
cesco di Sales come missionario e annunciatore nella difficile situazione
storica del Chiablese per illuminare il nostro impegno salesiano di Primo
Annuncio. Il santo vescovo era nato il 21 agosto 1567. Fu ordinato sacer-
dote il 18 dicembre 1593. Come giovane sacerdote ha cercato di conqui-
stare di nuovo i Cattolici che erano diventati Protestanti. Fu eletto e con-
sacrato Vescovo di Ginevra nel 1602. Come missionario nel Chiablese, e
poi come Vescovo, Francesco ha guadagnato la gente mediante il dono di
sé, delle sue doti personali di carità, di serenità e apertura al dialogo, in-
sieme alla sua capacità di guida spirituale. Affermava che ogni essere uma-
no sente nella sua anima la nostalgia di Dio. Il suo Dio è padre e signore,
sposo e amico, ha caratteristiche materne e di nutrice, è il sole di cui persi-
no la notte è misteriosa rivelazione. Un tale Dio trae a sé l’uomo con vin-
coli di amore, cioè di vera libertà: “poiché l’amore non ha forzati né schia-
vi, ma riduce ogni cosa sotto la propria obbedienza con una forza così de-
liziosa che, se nulla è forte come l’amore, nulla è amabile come la sua for-
za” (Trattato dell’amore di Dio, libro I, cap.VI). Così ha saputo trovare la
vera libertà nell’amore incondizionato di Dio, la nostra vera gioia e la no-
stra piena realizzazione. Morì a Lyon il 28 Dicembre 1622. Durante l’U-
dienza Generale del 2 Marzo 2011 Papa Benedetto XVI ha sottolineato che
oggi l’umanesimo cristiano di San Francesco di Sales non ha perso nulla del-
la sua attualità. Si riporta qui di seguito un estratto del discorso del Papa.
Istruzioni per la Condivisione di Gruppo
Qualcuno legge ad alta voce il testo, qui sotto riportato, per la com-
prensione generale. Poi ognuno lo rilegge personalmente in silenzio per
135
135136
dare attenzione ai particolari. Nella seconda lettura ognuno sottolinea pa-
role e frasi che considera importanti, e prende appunti a margine di qual-
siasi cosa non capìta, o di una domanda che uno vorrebbe fare al gruppo,
o di esempi, o applicazioni che vengono in mente.
Il Testo
«“Dio è il Dio del cuore umano” (Trattato dell’Amore di Dio I, XV):
in queste parole apparentemente semplici cogliamo l’impronta della spi-
ritualità di un grande maestro, di San Francesco di Sales, Vescovo e Dot-
tore della Chiesa... Nel 1602 divenne Vescovo di Ginevra, in un periodo
in cui la città era roccaforte del Calvinismo, tanto che la sede vescovile si
trovava “in esilio” ad Annecy. Pastore di una diocesi povera e tormenta-
ta, in un paesaggio di montagna di cui conosceva bene tanto la durezza
quanto la bellezza, egli scrive: “[Dio] l’ho incontrato pieno di dolcezza e
soavità fra le nostre più alte e aspre montagne, ove molte anime semplici
lo amavano e adoravano in tutta verità e sincerità; e caprioli e camosci
correvano qua e là tra i ghiacci spaventosi per annunciare le sue lodi”
(Lettera alla Madre di Chantal, ottobre 1606). E tuttavia l’influsso della
sua vita e del suo insegnamento sull’Europa dell’epoca e dei secoli suc-
cessivi appare immenso. È apostolo, predicatore, scrittore, uomo d’azione
e di preghiera; impegnato a realizzare gli ideali del Concilio di Trento;
coinvolto nella controversia e nel dialogo con i protestanti, sperimentan-
do sempre più, al di là del necessario confronto teologico, l’efficacia del-
la relazione personale e della carità; fu incaricato di missioni diplomati-
che a livello europeo, e di compiti sociali di mediazione e di riconcilia-
zione. Ma soprattutto San Francesco di Sales è guida di anime [...]. [...]
Della parola “umanità” egli ha incarnato diverse accezioni che, oggi
come ieri, questo termine può assumere: cultura e cortesia, libertà e tene-
rezza, nobiltà e solidarietà.
Si avverte bene, leggendo il libro sull’amore di Dio e ancor più le tan-
te lettere di direzione e di amicizia spirituale, quale conoscitore del cuo-
re umano sia stato San Francesco di Sales. A santa Giovanna di Chantal,
scrive: “[...] Ecco la regola della nostra obbedienza che vi scrivo a carat-
teri grandi: FARE TUTTO PER AMORE, NIENTE PER FORZA -
AMAR PIÙ L’OBBEDIENZA CHE TEMERE LA DISOBBEDIENZA.
136137
Vi lascio lo spirito di libertà, non già quello che esclude l’obbedienza,
ché questa è la libertà del mondo; ma quello che esclude la violenza,
l’ansia e lo scrupolo” (Lettera del 14 ottobre 1604). Non per niente, al-
l’origine di molte vie della pedagogia e della spiritualità del nostro
tempo ritroviamo proprio la traccia di questo maestro, senza il quale
non ci sarebbero stati San Giovanni Bosco, né l’eroica “piccola via” di
santa Teresa di Lisieux.
Cari fratelli e sorelle, in una stagione come la nostra che cerca la li-
bertà, anche con violenza e inquietudine, non deve sfuggire l’attualità di
questo grande maestro di spiritualità e di pace, che consegna ai suoi di-
scepoli lo “spirito di libertà”, quella vera, al culmine di un insegnamento
affascinante e completo sulla realtà dell’amore. San Francesco di Sales è
un testimone esemplare dell’umanesimo cristiano; con il suo stile fami-
liare, con parabole che hanno talora il colpo d’ala della poesia, ricorda
che l’uomo porta iscritta nel profondo di sé la nostalgia di Dio e che solo
in Lui trova la vera gioia e la sua realizzazione più piena».
Domande per la Discussione e la Condivisione
1) Che cosa ti ha toccato del discorso di Papa Benedetto? Secondo te
qual è l’attualità della sua parola nel rispondere alla sfida del Primo
Annuncio nel tuo contesto?
2) Il pensiero di Papa Benedetto è in conflitto con le altre idee o senti-
menti che hai su Primo Annuncio? Perché?
3) Hans Urs von Balthasar scrisse che solo l’amore è credibile. Nella
vita di San Francesco di Sales la cortesia e tenerezza erano il suo mo-
do di annunciare credibilmente il Vangelo. Quali sono le importanti
intuizioni, sentimenti, verità che hai scoperto adesso e che si potreb-
bero integrare nel tuo impegno per il Primo Annuncio?
4) Secondo te come “l’umanesimo cristiano di Francesco di Sales” può
essere un approccio importante al Primo Annuncio?
5) “Fare tutto per amore, niente per forza” aveva consigliato S. France-
sco de Sales. “La Chiesa propone, non impone nulla” ha sottolineato
il Beato Giovanni Paolo II in Redemptoris Missio 39. Che cosa signi-
ficano queste parole nel tuo impegno di favorire il Primo Annuncio?
137Preghiera
Dio grande e misericordioso,
tu hai suscitato nella Chiesa San Francesco di Sales,
pastore zelante e amabile maestro:
concedi a noi di operare assiduamente nella missione giovanile
con il suo medesimo spirito apostolico.
Te lo chiediamo per Cristo nostro Signore. Amen
138
138Scheda 9 - La Vita Consacrata ed il dialogo
ecumenico e interreligioso
Introduzione
Durante le Giornate di Studio Padre James Puglisi ha parlato delle sfi-
de e delle opportunità del dialogo ecumenico ed interreligioso in Europa
oggi. Il Vaticano II afferma che «la verità non si impone che per la forza
della verità stessa, la quale si diffonde nelle menti soavemente e insieme
con vigore» (Dignitas Humanae, 1). Quindi, il dialogo ecumenico ed
interreligioso deve fondarsi sulla ricerca comune della verità. In questa
luce è utile ricordare le parole di Papa Benedetto XVI sulla ricerca di
Sant’Agostino della verità: «la sete, la ricerca inquieta e costante della
Verità è una delle caratteristiche di fondo della sua esistenza; non, però,
delle “pseudo-verità” incapaci di dare pace duratura al cuore, ma di quel-
la Verità che dà senso all’esistenza ed è “la dimora” in cui il cuore trova
serenità e gioia. ... ha saputo guardare nell’intimo di se stesso e si è ac-
corto, come scrive nelle Confessioni, che quella Verità, quel Dio che cer-
cava con le sue forze era più intimo a sé di se stesso, gli era stato sempre
accanto, non lo aveva mai abbandonato, era in attesa di poter entrare in
modo definitivo nella sua vita» (Udienza Generale, 25 Agosto 2010).
Istruzioni per la Condivisione
Qualcuno legge ad alta voce il testo, che segue, per la comprensione
generale. Segue un breve momento di riflessione silenziosa.
Il Nostro Testo
Nell’Esortazione Apostolica Vita Consacrata il Beato Giovanni Paolo
II incoraggia i consacrati e le consacrate ad essere attivamente coinvolti
in forme concrete di dialogo ecumenico e interreligioso.
139
139140
«101. La condivisione della lectio divina nella ricerca della verità,
la partecipazione alla preghiera comune, nella quale il Signore garantisce
la sua presenza (cfr. Mt 18, 20), il dialogo dell’amicizia e della carità che
fa sentire come è bello che i fratelli vivano insieme (cfr. Sal 133[132]),
la cordiale ospitalità praticata verso i fratelli e le sorelle delle diverse
confessioni cristiane, la mutua conoscenza e lo scambio dei doni, la col-
laborazione in iniziative comuni di servizio e di testimonianza, sono
altrettante forme del dialogo ecumenico, espressioni gradite al Padre
comune e segni della volontà di camminare insieme verso l’unità perfet-
ta sulla via della verità e dell’amore. Anche la conoscenza della storia,
della dottrina, della liturgia, dell’attività caritativa e apostolica degli altri
cristiani non mancherà di giovare ad un’azione ecumenica sempre più
incisiva. Voglio incoraggiare quegli Istituti che, per nativo carattere o per
successiva chiamata, si dedicano alla promozione dell’unità dei cristiani
e per essa coltivano iniziative di studio e di azione concreta. In realtà,
nessun Istituto di vita consacrata deve sentirsi dispensato dal lavorare
per questa causa.
«102. Dal momento che il dialogo interreligioso fa parte della mis-
sione evangelizzatrice della Chiesa, gli Istituti di vita consacrata non pos-
sono esimersi dall’impegnarsi anche in questo campo, ciascuno secondo
il proprio carisma e seguendo le indicazioni dell’autorità ecclesiastica. La
prima forma di evangelizzazione nei confronti di fratelli e sorelle di altra
religione sarà la stessa testimonianza di una vita povera, umile e casta,
permeata di amore fraterno per tutti. Nel medesimo tempo, la libertà di
spirito che è propria della vita consacrata favorirà quel «dialogo di vita»in
cui si attua un modello fondamentale di missione e di annuncio del Van-
gelo di Cristo. Per favorire la mutua conoscenza, il vicendevole rispetto e
la carità, gli Istituti religiosi potranno inoltre coltivare opportune forme di
dialogo, improntate a cordiale amicizia e reciproca sincerità, con gli am-
bienti monastici di altre religioni.
Un altro ambito di collaborazione con uomini e donne di diversa tra-
dizione religiosa è costituito dalla comune sollecitudine per la vita uma-
na, che va dalla compassione per la sofferenza fisica e spirituale, all’im-
pegno per la giustizia, la pace e la salvaguardia del creato. In questi set-
tori saranno soprattutto gli Istituti di vita attiva a cercare l’intesa con i
140141
membri di altre religioni, in quel «dialogo delle opere» che prepara la via
ad una condivisione più profonda. Un campo particolare di incontro
operoso con persone di altre tradizioni religiose è pure quello della ricer-
ca e della promozione della dignità della donna. Nell’ottica dell’ugua-
glianza e della giusta reciprocità tra uomo e donna, un servizio prezioso
può essere reso soprattutto dalle donne consacrate. Questi e altri impegni
delle persone consacrate a servizio del dialogo interreligioso esigono
un’adeguata preparazione nella formazione iniziale e nella formazione
permanente, come pure nello studio e nella ricerca, dal momento che in
questo non facile settore occorre profonda conoscenza del cristianesimo
e delle altre religioni, accompagnata da fede solida e da maturità spiri-
tuale ed umana».
Comprendere il Testo:
1) Secondo te perché Giovanni Paolo II ha messo per prima la lectio
divina nella ricerca della verità?
2) Quali sono gli esempi di dialogo, di amicizia e di carità dati da Gio-
vanni Paolo II?
3) Perché i dialoghi di vita e di azione sono importanti nel dialogo in-
terreligioso?
4) Secondo te perché il dialogo ecumenico ed interreligioso richiedono
lo studio e la ricerca?
Approfondire il Testo:
1) Qual è il legame tra vita consacrata e dialogo ecumenico ed interreli-
gioso, espresso in Vita Consecrata 101 e 102?
2) Qual è il rapporto della ricerca di Sant’Agostino con quella Verità
che dà senso alla vita ed il dialogo ecumenico e interreligioso?
3) Come possiamo promuovere nei nostri giovani la voglia e la sete
della verità?
Le Nostre Esperienze:
Condividere esempi positivi di un fecondo dialogo di vita e di azione
con altri Cristiani e con i seguaci di altre religioni.
141142
Tra gli esempi positivi che abbiamo sentito, quali di questi potreb bero
essere utili nel nostro contesto attuale? Come si potrebbero adattare nel
nostro contesto?
Conclusione
Ognuno è invitato a dire una breve preghiera di ringraziamento.
L’attività si conclude con una canzone.
142143
FMA
1. Sr. Alaíde DERETTI CG fma24@live.it
2. Sr. Lorenzina COLOSI CG appianuova@fmairo.net
3. Sr. Maria KO CG kohafong@hotmail.com
4. Sr. Mercedes ALVARES CG alvares@cgfma.org
5. Sr. Elena RASTELLO CG elenarastello@cgfma.org
* CII
6. Sr. Elena CAVALIERE ILO elena.cavaliere1969@gmail.com
7. Sr. Anna Maria GEUNA IPI geuna_annamaria@yahoo.fr
* CIEP
8. Sr. Maria AURINDA POR aurindamaria@gmail.com
9. Sr. Raquel NOAIN SBA pastoral@salesianas.net
* CIEM
10. Sr. Olga LANDROVÁ CEL olandrova@sesnam.cs
11. Sr. Valentine DELAFON FR v.delafon@gmail.com
12. Sr. Stella PETROLO BEB stellapetrolo@hotmail.com
13. Sr. Lucyna MATEJKOWSKA PLA sekretariat@cmw.osw.pl
14. Sr. Gabriela ROHDE EEG gabrielarohde@yahoo.it
15. Sr. Connie CAMERON GBR conniefma@googlemail.com
16. Sr. Bernadette CASSIDY GBR berniefma@hotmail.com
SDB
17. Don Václav KLEMENT RMG vklementsdb@gmail.com
18. Don Luis Fernando GUTIERRES SMA misionjoven@pjs.es
19. Don Flaviano D’ERCOLI ICC fdercoli@donbosco.it
20. Don Alberto MARTELLI ICP amartelli@valdocco.it
21. Don Luca BARONE ICP donluca@valdocco.it
22. Don Gerard O’SHAUGHNESSY GBR gerryosdb@aol.com
23. Don Tomass KIJOWSKI PLS kiju@sdb.krakow.pl
24. Sig. Michal SVOBODA CEP svobodamsdb@sesnam.cs
Giornate di Studio
Missione Salesiana in situazione di frontiera
e primo annuncio cristiano in Europa oggi
Praga (Repubblica Ceca)
4 - 10 Novembre 2010
APPENDICE 2 - Partecipanti
143144
25. Sig. Flavio DEPAULA UNG sdbung@mailbox.hu
26. Don Jorge BENTO POR jorgebentosdb@yahoo.com.br
27. Don Ubaldo MONTISCI UPS umontisci@gmail.com
28. Don Stanisław RAFAŁKO RMG srafalko@sdb.org
29. Don Alfred MARAVILLA RMG amaravilla@sdb.org
FS
30. Sig. Petr IMLAUF ASC petr.imlauf@sesnam.cs
31. Sig.ra Pina BELLOCCHI VDB pinabellocchi@hotmail.com
144145
1. Il Missionario (1980).
2. Salesian Africa (1986).
3. Pastoral Amazonica. Semana de Estudos Missionarios - Camp Grande (1986).
4. Evangelization in India. Study sessions for the Salesian Family on Evangelization in
Tribal Areas of India - Shillong (1987).
5. Africa Salesiana. Visita d’Insieme - Lusaka (1988).
6. Spiritualità Missionaria Salesiana I. La Concezione Missionaria di Don Bosco
(1988).
7. Spiritualità Missionaria Salesiana II. L’Educazione Cristiana e Missionaria di Don
Bosco (1988).
8. Salesian Missionary Spirituality III. Prayer and the Salesian Missionary (1988).
9. Espiritualidad Misionera Salesiana IV. The Ideal of Mission (1988).
10. Spiritualité Missionnaire Salésienne V. The Missionary Project of the Salesians of
Don Bosco (1988).
11. Pastorale Salesiana in Contesto Islamico (1989).
12. Animazione Missionaria Salesiana II. Secondo Incontro di Studi per DIAM - Madrid
(1989).
13. Pastoral Mapuche. Encuentro DIAM Salesiano - Junin de los Andes (1989).
14. The Far East. Cultures, Religions, and Evangelization - Hua Hin (1989).
15. Lettura Missionaria di “Educate i Giovani alla Fede” CG XXIII. Incontro di
Procuratori e DIAM dell’Europa - Roma (1991).
16. Animación Misionera Salesiana. Primer Encuentro de DIAM de America Latina -
Lima (1991).
17. Missionary Animation. First Meeting of the PDMA for Asia and Australia - Bangalore
(1992).
18. Spiritualité Missionnaire Salésienne, Les Jeunes Africains en Quête de Leur Identité.
Séminaire d’Animation - Yaounde (1992).
19. Evangelización y Cultura en el Contexto de Pastoral Amazonica. Seminario de
Animación - Cumbayá (1993).
20. Evangelización y Cultura en el Contexto de Pastoral Andina. Seminario de Animación
- Cumbayá (1993).
21. Evangelización y Cultura en el Contexto de Pastoral Mapuche. Seminario de
Animación - Ruca Choroi (1993).
22. Evangelization and Interreligious Dialogue. Missionary Animation Seminar - Batulao
(1994).
23. Evangelization and Interreligious Dialogue. Missionary Animation Seminar -
Hyderabad (1994).
24. Evangelización y Cultura en el Contexto de Pastoral. Seminario de Animación -
Mexico (1994).
(titolo e anno di pubblicazione)
APPENDICE 3 - Pubblicazioni del settore
per le Missioni
145146
25. The Volunteer Movement and Salesian Mission (1995).
26. Educare alla Dimensione Missionaria (1995).
27. Presenze dei Salesiani in Africa (directory published annually from 1986 to 1996).
28. Church - Communion and Mutual Missionary Relationship. Missionary Animation
Seminar - Addis Ababa (1997).
29. Incontro Europeo DIAM - Roma (1997).
30. National Missionary Animation Meeting for PDMA - Mumbai (1997).
31. Manual for the Province Delegate for Missionary Animation (1998).
32. Uniqueness of Salvation in Jesus Christ and Need of Primary Evangelization.
Animation and Missionary Formation Seminar SDB-FMA East Asia Oceania - Hua
Hin (1998).
33. Missionary Praxis and Primary Evangelization. Animation and Missionary
Formation Seminar SDB-FMA - Calcutta (1999).
34. Seminário de Pastoral em Contexto Afro-Americano. Seminario de Animação e
Formação Missionária - Belo Horizonte (1999).
35. G. BALLIN, I Fioretti d’un Missionario. Paraguay Cuore d’America (1999).
36. Le Projet-Afrique face au Defi de la Première Evangelisation et de la Phase de
Consolidation. Seminaire d’Animation et de Formation Missionnaire - Yaounde-
Mbealmayo (1999).
37. La Primera Evangelización en Diálogo Intercultural. Experiencias y Formación de
Catecquistas. Seminario de Animación y Formación Misionera en el Contexto
Pastoral Andino y Mesoamericana - Cumbayá (2000).
38. Seminário Sobre a Práxis Missionaria na Região Amazônica. Seminario de Animação
e Formação Missionária - Manaus (2000).
39. Missionari nel Paese del Sol Levante Discepoli di Don Cimatti. Figure che Parlano
ancora (2000).
40. P. BALDISSEROTTO, Rio de Agua Viva. Cartas de Pe. Antonio Scolaro Para a Missão
e Testemunho (2000).
41. Sprazzi di Vita. Figure che parlano ancora (2000).
42. Project Africa Between the Challenges of First Evangelization and the Phase of
Consolidation. Animation and Missionary Formation Seminar SDB-FMA - Nairobi
(2001).
43. Seminario di Animazione e Formazione Missionaria. SDB-FMA in Contesto Islamico
- Roma (2001).
44. Presenza Salesiana SDB-FMA in Contesto Ortodosso. Seminario di Animazione e
Formazione Missionaria - Roma (2002).
45. Salesian Family Missionary Seminar. Mission Animation Notes 1 - Port Moresby
(2005).
46. East Asia and the Challenges of Mission Ad Gentes. Salesian Family Missionary
Seminar. Mission Animation Notes 2 - Hua Hin (2005).
47. Planning and Development Office. Proceedings of the Seminar - Rome (2005).
48. Les Defis de la Mission Ad Gentes en Afrique. Seminaire de Missiologie de la Famille
Salesienne. Animation Notes 3 - Kinshasa (2006).
49. Mission Ad Gentes Today in Africa. Challenges to Mission Ad Gentes in the English
Speaking Provinces of Africa in the Light of the Apostolic Exhortation Ecclesia in
Africa. Mission Animation Notes 4 - Nairobi (2006).
50. Pueblos Indigínas y Evangelización. V Encuentro de Misioneras y Misioneros
Salesianos en Contextos Pluriculturales - Cumbayá (2006).
146147
51. Project Africa [1980-2005] (2006).
52. Impegno Salesiano nel Mondo Islamico. Dossier (2008).
53. Voluntary Service in the Salesian Mission (2008).
54. Mantén Viva tu Llamada Misionera. II Seminario Americano de Animación Misionera
SDB-FMA - Cumbayá (2012).
55. Planning and Development Office at the Service of the Salesian Charism in the
Province - Hyderabad (2012).
56. Provincial Mission Office at the Service of the Salesian Charism - Bonn (2012).
57. Study Days on the Salesian Mission and Frontier Situations and Initial Proclamation
in Europe Today - Prague (2013).
58. Study Days on the Salesian Presence Among Muslims (2013).