Conseil Ressources

INCONTRO CIVAM- AFRICA-MADAGASCAR: RELAZIONE CONCLUSIVA (ITA)

COMUNICAZIONE SOCIALE - DOCUMENTI

 

INCONTRO CIVAM

(Conferenza d�Ispettorie e Visitatorie Salesiane dell�Africa e Madagascar)

Addis Ababa, 20-25/10/2003
Dal rapporto presentato in Assemblea si rilevano i seguenti elementi riguardanti alla Comuncazone Sociale:

1 � Sfide:

�         Le notevoli distanze geografiche con relative difficolt� di spostamento per gli incontri.
�         Due problemi incidono nella trasmissione dell�informazione. Un problema tecnico (connessione telefonica) e un problema personale (formazione e sensibilit� di ispettori, direttori, confratelli). Scarso interesse dei confratelli in questo campo.
�         Si ravvisano problemi per l�informazione nelle zone di crisi politico-sociale con conseguente difficolt� nel fare arrivare le informazioni. Si ravvisa l�urgenza dello scambio di informazione e comunicazione.
�         Presa di coscienza da parte di ogni ispettoria della necessit� del servizio del delegato ispettoriale di CS e del corrispondente.
�         L�impegno per sviluppare attraverso la comunicazione sociale in generale e l�informazione in particolare il senso di appartenenza all�ispettoria e alla congregazione.
�         Come portare le linee del dicastero di CS a livello di Regione Africa.
�         Fare incontrare pi� spesso i delegati ispettoriali di formazione e CS.

2 � Suggerimenti:

�         Non si crede ancora opportuno creare una commissione di CS. Si suggerisce l�ipotesi di tre gruppi linguistici (portoghese, inglese e francese) per lavorare interagendo e per favorire lo scambio di materiale e di esperienze.
�         Uscire dallo sbaglio che il delegato di CS debba essere necessariamente uno specializzato. Sceglierne uno che sappia animare in questo campo assicurandogli un equipe di collaboratori.

3 � Proposte Operative:

� 
        GENERALI
a)    Ogni ispettoria abbia ufficialmente il delegato di CS e il corrispondente ANS.
b)    Tra i delegati ispettoriali di CS si creino tre coordinatori, uno per gruppo linguistico (portoghese, francese e inglese).
c)     Ogni ispettoria si impegni nella sensibilizzazione dei confratelli alla CS.
d)    Lavorare in collaborazione con le altre congregazioni.

         FORMAZIONE
a)    Formazione del personale per settori (stampa, radio, media education, ecc.), e per la gestione delle imprese. Come iniziativa, preparare un elenco di possibilit� di formazione esistenti in territorio africano, ed eventualmente nel resto del mondo (tra cui l�UPS).
b)    Curare i contenuti di formazione alla CS nel curriculum di pre-noviziato, noviziato e post-noviziato, privilegiando brevi periodi di laboratorio pratico (per esempio di tipografia, giornalismo, radio, stampa e cartellonistica). Avviare nel tempo della formazione iniziale, nelle case di formazione, piccole strutture di comunicazione sociale.
c)     Preparare al pi� presto salesiani africani nel campo della CS.
d)    Proporre ad ogni consiglio ispettoriale di produrre un piano di formazione dei salesiani in CS (iniziale e permanente). A questo scopo possono collaborare l�incaricato della formazione e il delegato di CS.
e)    Inserire corsi di Media Education nel piano di formazione.
�   
      INFORMAZIONE:
a)    Appoggiare e favorire lo sviluppo del Bollettino Salesiano in Africa.
b)    Scambio dei Notiziari ispettoriali per creare comunione.
c)     Ogni ispettoria crei e curi il proprio sito web.
d)    Pi� collaborazione con l�Agenzia di informazione di Nairobi (CISA) e con ANS.
e)    Rappresentanti dell�Africa salesiana partecipino agli incontri dell�UCIP.
� 
        PRODUZIONE
a)    Scambio delle risorse tra le ispettorie (produzioni, informazioni, ecc.)
b)    Produrre e mettere sul mercato prodotti a basso costo per favorire l�utilizzazione della gente.

4 � CONCLUSIONI: PRIORITA� DELLE ISPETTORIE PER I PROSSINI ANNI:

   1)Delegato ispettoriale preferibilmente a tempo pieno;

   2)Cura dei programmi di CS nelle fasi di formazione specialmente iniziali;

   3)Cura dell�informazione e produzione nell�area della CS con scambio di materiale e informazioni tra gruppi d�ispettorie;

   4)Elaborazione del Piano Ispettoriale di CS (PICS);

   5)Un salesiano avviato nella specializzazione in CS.