SDB Ressources

CG 25 parte 1a

INDICE GENERALE

Scarica il file Scarica il file      

numero         pag.

Indice generale  ............................................................................................................ 5

Abbreviazioni e sigle  ................................................................................................ 11

PRESENTAZIONE ....................................................................... 13

PARTE PRIMA

LA COMUNITÀ SALESIANA OGGI

INTRODUZIONE  ........................................................................ 23

I. VITA FRATERNA DONO E PROFEZIA DI COMUNIONE

A.    Chiamata di Dio e appello dei giovani  ............................. 7-10.......... 27

B.    Situazione  ............................................................................ 11-12.......... 28

C.    Sfide  ............................................................................................ 13.......... 29

D.    Orientamenti operativi  ...................................................... 14-16.......... 30

·  Il Confratello                                                                           14           30

·  La Comunità locale                                                               15           30

·  L'Ispettore e il suo Consiglio                                                 16           31

IL TESTIMONIANZA EVANGELICA

A.    Chiamata di Dio e appello dei giovani  ........................... 17-25.......... 33

B.    Situazione  ............................................................................ 26-29.......... 35

C.    Sfide  ............................................................................................ 30.......... 37

D.    Orientamenti operativi  ...................................................... 31-36.......... 38

·  Primato di Dio e condivisione dell'esperienza spirituale  .................................................................... 31.......... 38

5

numero         pag.

·   Cura della grazia di unità                                                      32           39

·   Testimonianza comunitaria della sequela

radicale di Cristo  .................................................................. 33           39

·   Centralità dell'obbedienza                                                      34          40

·   Concretezza della povertà                                                    35           40

·   Splendore della castità                                                            36          41

III. LA PRESENZA ANIMATRICE TRA I GIOVANI

A.  Chiamata di Dio  ......................................................................... 37......... 43

B.  Situazione  ............................................................................ 38-41           44

C.  Sfide  ....................................................................................... 42-45......... 47

D.  Orientamenti operativi  ........................................................ 46-48......... 49

·   Presenza che accoglie e costruisce comunione                   46          49

·   Presenza che educa ed evangelizza                                      47          51

·   Presenza che accompagna e diventa propo‑

sta vocazionale ...................................................................... 48......... 53

IV. LA COMUNITÀ SALESIANA LUOGO PRIVI­LEGIATO DI FORMAZIONE E ANIMAZIONE

A.  Chiamata di Dio  ................................................................... 49-52......... 55

B.  Situazione  .............................................................................. 53-54......... 56

1. LA COMUNITÀ:

LUOGO DI FORMAZIONE E ANIMAZIONE

SFIDE............................................................................... 55 58

ORIENTAMENTI OPERATIVI...................................... 56-62 59

·   Migliorare l'impegno di tutta la comunità

nella formazione .................................................................... 56......... 59

·   Privilegiare alcuni ambiti di formazione . . .                        57           59

·   Valorizzare il vissuto quotidiano                                           58           60

Per realizzare queste linee si propone

— A livello mondiale                                                                   59           60

— A livello ispettoriale                                                               60          61

— A livello comunitario                                                              61          61

— A livello personale                                                                  62           62

6

2. IL DIRETTORE:

ANIMATORE DELLA COMUNITÀ

numero         pag.

SFIDE................................................................................ 63 63

ORIENTAMENTI OPERATIVI ............................................ 64 63

—                                    A livello ispettoriale                65           64

—                                    A livello locale         65           64

V. CONDIZIONI ORGANIZZATIVE E STRUTTU­RALI PER VIVERE E LAVORARE INSIEME

A.     Chiamata di Dio  ............................................................... 66-67.......... 67

B.     Situazione  .......................................................................... 68-70.......... 67

C.     Sfide  .......................................................................................... 71.......... 69

D.     Orientamenti operativi  ..................................................... 72-84.......... 70

·   Operare secondo un progetto comunitario . .              72-74           70

·   Garantire la consistenza qualitativa e quan‑

titativa della comunità salesiana  ................................ 75-77.......... 71

·   Ridefinire i rapporto tra Comunità ed Opera              78-81           73

·   Elaborare e verificare il Progetto Organico

Ispettoriale  ...................................................................... 82-84.......... 75

CONCLUSIONE.................................................................. 85-86 77

PARTE SECONDA

LA VERIFICA DELLE STRUTTURE DI ANIMAZIONE E DI GOVERNO CENTRALE

Introduzione  ................................................................. 87......... 81

1. Rapporto e collegamento tra il Rettor Maggio­re con il suo Consiglio e le Ispettorie e le Re­gioni, e modalità d'animazione e di governo

Attese  ............................................................................................ 88-92......... 82

Problematiche  ............................................................................. 93-97......... 83

Criteri e linee di azione  ............................................................ 98-107......... 84

7

2.   I Consiglieri di settore                                         numero          pag.

Attese .....................................................................................  108-110.......... 87

Problematiche .......................................................................  110-113.......... 87

Criteri e linee di azione ........................................................  114-117.......... 88

3.   I Consiglieri regionali e i gruppi di Ispettorie

Attese .....................................................................................  118-120.......... 89

Problematiche .......................................................................  121-124.......... 90

Criteri e linee di azione ........................................................  125-130.......... 91

DELIBERAZIONI E ORIENTAMENTI RIGUAR­DANTI COSTITUZIONI E REGOLAMENTI E IL GOVERNO DELLA SOCIETÀ

1.  Limitazione della durata in carica del Rettor Mag‑

giore (Cost. 128)  ........................................................................... 131.......... 95

2.   Limitazione della durata in carica dei membri del

Consiglio Generale (Cost. 142)  .................................................. 132.......... 96

3.   Attribuzione del settore della Famiglia Salesiana al Vicario del Rettor Maggiore e costituzione del Consigliere per la Comunicazione Sociale (Cost.

133. 134. 137)  ............................................................................... 133.......... 97

4.   Modifica dell'articolo 24 dei Regolamenti Generali

(Procure a livello di Congregazione)  .......................................... 134           98

5.   Divisione del Gruppo di Ispettorie Australia-Asia . .                   135           99

6.  Orientamento operativo sulle modalità di funzio‑

namento dei Capitoli Generali  .................................................... 136        100

MESSAGGI

1.   Il CG25 ai Confratelli Salesiani  ................................................... 137        103
Accogliamo la grazia che ci è stata donata nella bea­tificazione del Salesiano Coadiutore Artemide Zatti

2.   Messaggio del CG25 alla Famiglia Salesiana  ............................ 138        106

3.   Messaggio ai giovani  ...................................................................... 139        109

4.   Appello per salvare i giovani del mondo  .................................... 140        110

8

ALLEGATI

numero         pag.

1.   Messaggio di S.S. Giovanni Paolo II per l'inizio del

Capitolo Generale XXV ......................................................  141-146........ 115

2.   Intervento del Card. Eduardo Martínez Somalo . . .......  147-153........ 119

3.   Discorso del Vicario del Rettor Maggiore Don Luc

Van Looy all'apertura del CG25 .......................................  154-164........ 124

4.   Indirizzo di omaggio del Rettor Maggiore in occa‑

sione dell'Udienza pontificia ..............................................  165-168........ 135

5.   Discorso di S.S. Giovanni Paolo II nell'Udienza del

12 aprile 2002 .......................................................................  169-171........ 138

6.   "Buonanotte" di Don Pascual Chà.vez la sera del‑

l'elezione a Rettor Maggiore ...............................................  172-181........ 140

7.   Discorso del Rettor Maggiore Don Pascual Chàvez

Villanueva alla chiusura del CG25  ..................................... 82-198........ 145

ELENCO DEI PARTECIPANTI AL CG25  ................................ 165

CRONISTORIA DEL CG25 ...................................................... 175

INDICE TEMATICO ANALITICO  ............................................. 189

9

ABBREVIAZIONI E SIGLE

art.                       articolo/i

can.                     canone/i

cap.                     capitolo/i

cf.                  confronta

ib.                  ibidem

n.                   numero

nn.                 numeri

pag.                pagina/e

s./ss.               seguente/i

Documenti ecclesiali

EN                 Evangelii Nuntiandi

GS                 Gaudium et Spes

NMI               Novo Millennio Ineunte

VC                 Vita Consecrata

Sigle riguardanti Congregazione e Famiglia Salesiana

ACG              Atti del Consiglio Generale

ACS               Atti del Consiglio Superiore

ANS               Agenzia Notizie Salesiane

CEP               Comunità Educativa Pastorale

CG                 Capitolo Generale

CGS/CGS20 Capitolo Generale Speciale (20)

CG21             Capitolo Generale 21

CG22             Capitolo Generale 22

CG23             Capitolo Generale 23

CG24             Capitolo Generale 24

CG25             Capitolo Generale 25

CIF Commissione Ispettoriale per la Formazione Cost. Costituzioni CS Comunicazione Sociale FMA Figlie di Maria Ausiliatrice FSDB Formazione dei Salesiani di Don Bosco (Ratio) FS Famiglia Salesiana MB Memorie Biografiche MGS Movimento Giovanile Salesiano MO Memorie dell'Oratorio MS Movimento Salesiano PEPS Progetto Educativo Pastorale Salesiano POI Progetto Organico Ispettoriale Reg. Regolamenti SDB Salesiani di Don Bosco VDB Volontarie di Don Bosco

11

PRESENTAZIONE

Cari Confratelli,

stiamo cominciando un nuovo sessennio, che coincide con i primi anni del terzo millennio. Lo facciamo, convinti che il Capitolo Generale XXV è stato una grazia del Signore, e motivati dal suo in­vito ad addentrarci nel vasto oceano della realtà di questo mondo. L'invito a "prendere il largo" è un programma di azione, non un semplice 'slogan' privo di contenuto. Così lo intese lo stesso don Vecchi, lasciandocelo come testamento spirituale nell'ultima sua Strenna. Non è tempo di nostalgia o di ricordi. È, invece, tempo di speranza e di futuro, tempo che chiama ad affrontare con audacia le sfide dell'educazione e dell'evangelizzazione dei giovani.

Non ignoriamo i pericoli che racchiude il mare aperto, ma ci anima in questa avventura la parola del Signore. Che ci chiama a "gettare le reti" là dove la pesca può essere più feconda. Avendo, poi, la Parola come viatico nel cammino, ci disponiamo a guardare avanti ed a prendere il largo, con un rinnovato entusiasmo spirituale ed apostolico.

1. Gli Atti del Capitolo Generale 252

Vi presento qui gli "Atti" del Capitolo Generale 25°. Essi ci of­frono un materiale prezioso per il rinnovamento della nostra vita e della nostra azione educativa-pastorale. Comprendono, nella prima parte, l'introduzione, i cinque moduli operativi e la conclusione di quello che è stato il tema principale del Capitolo e, nella seconda parte, la verifica delle strutture di animazione e del governo cen­trale. Ad essa seguono le deliberazioni e gli orientamenti che si rife­riscono alle Costituzioni e Regolamenti e al Governo della Congre‑

13

gazione, con la interpretazione pratica dei testi della nostra Regola di vita.

Troverete, inoltre, i Messaggi inviati dai capitolari ai Confratelli sulla vocazione del salesiano coadiutore, alla Famiglia Salesiana, ai Giovani, insieme ad un appello per salvare i ragazzi e i giovani del mondo.

A mo' di Allegati, si aggiungono i discorsi ed i messaggi di sa­luto, alcuni dei quali sono particolarmente ricchi di significato, come quelli del Santo Padre all'inizio del Capitolo e durante l'u­dienza, quello di S. Em.za il cardinale Prefetto della Congregazione per gli Istituti di vita consacrata, il discorso iniziale del Vicario del Rettor Maggiore, la prima "Buona notte" del Rettor Maggiore e il discorso finale.

Si tratta di un insieme di documenti che raccolgono il frutto della riflessione dei Capitoli ispettoriali e del Capitolo Generale XXV.

2. Il testo capitolare

L'Assemblea capitolare ha assunto decisamente il compito trac­ciato dal Rettor Maggiore nella lettera di convocazione del CG25, nella quale invitava non tanto a ripetere la dottrina già conosciuta sulla comunità, quanto piuttosto a «trovare vie efficaci per rimoti­vare le comunità a manifestare con semplicità e chiarezza l'identità religiosa nelle nuove situazioni; determinare le condizioni o criteri essenziali che permettano, anzi stimolino a vivere in modo gioioso, umanamente significativo, la nostra professata fraternità al seguito di Cristo»'.

Seguendo le indicazioni della Presidenza e del Regolatore, il la­voro delle commissioni e dell'assemblea si è andato orientando, con sempre maggior chiarezza, alla elaborazione non tanto di un docu­mento organico, articolato, quanto di schede di lavoro indipendenti, alla stregua di moduli operativi. In tal modo, già il genere letterario

I VECCHI JUAN E., Verso il Capitolo Generale 25°, ACG 372, pag. 14

 

del "testo capitolare" è una chiave di lettura per intendere la ma­niera con cui deve essere recepito: come un testo chiaramente ope­rativo. Questo non significa che il testo sia stato privato di ogni fon­damento teologico. Esso appare, di fatto, fortemente concentrato al­l'inizio di ciascuna delle schede, mentre queste, in massima parte, si concentrano sulle sfide e sugli orientamenti operativi.

Mi sembra opportuno, in questo momento, sottolineare alcuni aspetti che possono aiutare la lettura, l'assimilazione e l'applica­zione del testo capitolare.

2.1 A differenza del CG23 e del CG24, che avevano parlato della comunità locale come centro di animazione e come luogo stra­tegico di educazione alla fede dei giovani e di coinvolgimento e for­mazione dei laici, il Capitolo Generale 25° ha voluto mettere la co­munità con tutte le sue caratteristiche e dinamiche al centro della riflessione. Di fatto, il modello di comunità che emerge dal CG25 è quello che fa riferimento alla nostra consacrazione apostolica, così come è espressa nell'articolo 3 delle Costituzioni. Si tratta di una comunità chiamata a realizzare, attraverso la grazia di unità, la sin­tesi vitale tra la vita fraterna, la sequela radicale di Cristo, la dedi­zione alla missione giovanile.

Pertanto, la comunità è — a pieno titolo — il soggetto di questo Capitolo. Non solo per essere il tema dello stesso, ma anche per es­serne agente e protagonista primario. Ogni comunità, perciò, è invi­tata ad accogliere questo testo capitolare come un tesoro prezioso da far fruttificare.

2.2 Lo schema di ogni modulo operativo è identico. Si apre con un testo degli Atti degli Apostoli, che vuol essere una vera fonte di ispirazione affinché ogni comunità riproduca l'esperienza della comunità di Gerusalemme nell'accogliere lo Spirito Santo come guida della propria vita. Si dovrebbe evitare, conseguentemente, di considerare queste citazioni della Scrittura come una semplice ci­liegia sopra la torta. Al contrario, si dovrebbe cominciare a realiz­zare, proprio da qui, la "lectio divina", in modo da imparare a par­tire sempre dalla Parola. Il che comporta lo sforzo di fare davvero

nostre le attitudini della Vergine davanti ed essa: ascoltarla, obbe­dire ad essa, farci suoi discepoli, diventare credenti.

È la stessa Parola che, con questa dinamica, invita la comunità a leggere la storia sociale ed ecclesiale e ad accogliere in essa la chia­mata di Dio e della nostra Regola di vita, le attese dei giovani, le necessità dei laici e della Famiglia Salesiana.

Quindi, la comunità è condotta a fare una verifica della propria situazione, scoprendo le sue risorse e le sue debolezze, le sue dispo­nibilità e le resistenze, le sue possibilità e i suoi limiti. Si tratta qui, di fatto, di una revisione della vita comunitaria.

In tal modo, la comunità impara a scoprire le sfide fondamentali e ad affrontarle con coraggio e con speranza. Impara pure a porsi le necessarie domande ed a cercare le risposte adeguate. È questo l'obiettivo degli orientamenti operativi.

2.3 Per quanto si riferisce ai contenuti fondamentali, questi si riferiscono alla vita fraterna, alla testimonianza evangelica e alla presenza animatrice tra i giovani.

La vita fraterna della comunità si propone di favorire i processi di crescita umana e vocazionale dei confratelli, promuovere rela­zioni interpersonali profonde, rafforzare il senso di appartenenza e lo spirito di famiglia, e aiutare alla costruzione di una visione comu­nitaria più condivisa. Per questo possono essere utili il progetto per­sonale di vita, la pratica del discernimento comunitario, la valoriz­zazione dei momenti di incontro, il progetto della comunità sale­siana.

La testimonianza evangelica ci chiede di manifestare visibil­mente il primato di Dio nella vita di comunità, vivere la "grazia di unità" nelle espressioni comunitarie, rendere radicale, profetica e at­traente la sequela di Cristo, condividere le motivazioni vocazionali e l'esperienza di Dio. La centralità della Parola di Dio, favorita dalla pratica della "lectio divina", la qualità della preghiera comunitaria, l'Eucaristia quotidiana aiuteranno ad approfondire l'esperienza spi­rituale e la manifestazione della centralità di Dio nella nostra vita. Allo stesso modo, la sequela di Cristo, vissuta attraverso la totale

 

disponibilità ad un'obbedienza gioiosa, mediante la concretezza di una povertà austera e lo splendore di una castità vigilante e serena renderanno più trasparente la testimonianza della comunità.

Dove esiste una comunità salesiana, è presente un'esperienza di fede, si costruisce una rete di relazioni, si offrono molteplici forme di servizio ai giovani. La comunità rende visibile la presenza sale­siana tra i giovani, la anima e ne promuove la crescita. È neces­sario, anzitutto, ritornare ai giovani ed essere non soltanto una co­munità per i giovani, ma anche una comunità con i giovani. Per questo la comunità salesiana costruisce una presenza di comunione e di partecipazione, coinvolge i laici e la Famiglia Salesiana, si inse­risce nel territorio e nella Chiesa locale. Si trasforma così in una presenza che "educa ed evangelizza", creando ambienti di forte ca­rica spirituale, prendendo coscienza delle situazioni di povertà dei giovani e reagendo di fronte ad esse con mente e cuore pastorali, mettendo in atto progetti e processi di maturazione dei giovani. In­fine, la comunità promuove una vera cultura vocazionale, per cui ogni giovane è aiutato a scoprire un progetto di vita, propone espli­citamente la vocazione salesiana a quelli che sono più idonei, invi­tandoli a fare un'esperienza vocazionale e accompagnando quelli che l'accettano.

Per essere una comunità che vive la fraternità, che dà una forte e chiara testimonianza evangelica, che diventa presenza animatrice tra i giovani, essa stessa ha necessità di essere animata, motivata, orien­tata e accompagnata. L'animazione della comunità passa principal­mente attraverso la formazione permanente. La comunità può offrire momenti specifici di rinnovamento spirituale e opportunità per l'ag­giornamento educativo e pastorale dei confratelli; ma non c'è dubbio che la prima e più importante fonte di formazione è la qualità della vita quotidiana. Il direttore ha un ruolo fondamentale nell'anima­zione della comunità, coinvolgendo e corresponsabilizzando tutti i confratelli. La sua attenzione deve primariamente dirigersi all'iden­tità carismatica, alla missione comunitaria e alla fraternità.

Da ultimo, il CG25 propone alcune condizioni che rendono pos­sibile ad una comunità salesiana di essere significativa oggi. Si tratta di aiutare ogni comunità ad operare secondo un progetto co‑

munitario, a garantire la consistenza qualitativa e quantitativa della comunità, ad approfondire iígnTorti tra comunità e opera, ad attuare il progetto organico ispettoriale. Alcune di queste condizioni si rife­riscono al livello locale, ma nella maggior parte esigono la respon­sabilità e le scelte della comunità ispettoriale.

Il primo destinatario del testo capitolare è, evidentemente, la comunità stessa, alla quale si offrono questi cinque itinerari, perché li studi, li approfondisca e li renda operativi.

3. L'avvenimento del Capitolo Generale XXV

Evidentemente, il CG25 non si riduce a un documento. Esso è, innanzi tutto, un'esperienza intensa di Congregazione e uno spirito, di cui sono portatori i Capitolari che hanno partecipato a questo grande evento. Essi sono i portavoce migliori di quanto hanno visto e udito!

Fra gli elementi che hanno caratterizzato il Capitolo si evi­denzia, in primo luogo, l'atmosfera di fraternità, che si è creata fin dal principio e che è stata molto apprezzata da tutti. È stato ammire­vole constatare «l'unità della Congregazione nella diversità», come dice l'articolo 146 delle Costituzioni. Questo è stato frutto della vo­lontà espressa dei capitolari di fare della stessa assemblea capitolare un'esperienza di comunità.

Un secondo elemento è stata la presa di coscienza crescente della mondialità della Congregazione, che si manifesta nella sua di­versità culturale. Le "buone notti" degli Ispettori, le celebrazioni animate dalle differenti Regioni, gli interventi in Aula sono una prova che il carisma di Don Bosco, nostro Fondatore e Padre, si è andato inculturando nei contesti più diversi e che gli stessi Capitoli Generali hanno aiutato a realizzare una sintesi feconda tra unità e diversità.

Il terzo elemento straordinario è stata la Beatificazione — nella Piazza di San Pietro — di tre membri della Famiglia Salesiana, il Co­adiutore Artemide Zatti, Suor Maria Romero e Don Luigi Variara, che ha messo in risalto una volta di più che la vocazione salesiana è

18

realmente «una via che conduce all'Amore» (Cost.196), alla santità, e che questa deve esser la nostra maniera naturale di vivere, il mi­glior regalo che possiamo fare ai giovani (cf. Cost. 25), la nostra più significativa proposta educativa.

In modo speciale, la Beatificazione del primo Coadiutore sale­siano non martire ha risvegliato nel Capitolo il desiderio di rilan­ciare questa vocazione, tanto fondamentale per Don Bosco.

Il quarto elemento significativo è stata la presenza del Santo Padre, attraverso il suo Messaggio iniziale e l'Udienza che ci ha concessa, nella quale ci ha invitati a prendere la santità come nostro compito primario.

Un quinto elemento interessante è stata la copertura informativa data attraverso ANS, con la collaborazione dell'équipe video delle Missioni Don Bosco di Torino, a tutto l'evento capitolare, che ha permesso la comunicazione immediata alla Famiglia Salesiana e a tutti gli Amici di Don Bosco di quanto avveniva nella sede del Capitolo.

Infine, va sottolineata la presenza del nostro confratello Mons. Alois Kothgasser, che ha animato gli Esercizi spirituali, assumendo come tema la Strenna del Rettor Maggiore per l'anno 2002 — "Duc in altum!" —, come pure dei nostri confratelli Cardinali e Vescovi che ci hanno visitato durante il Capitolo, evidenziando il carattere ecclesiale della nostra vocazione e missione.

Auguro che lo spirito del CG25 si diffonda in tutte le comunità della Congregazione e ci aiuti a rispondere con generosità alla vo­lontà del Signore, che si è espressa attraverso questo evento pente­costale.

4. L'impegno del sessennio

Come dicevo nel discorso di chiusura, dopo i momenti della preparazione e della realizzazione del Capitolo Generale 25°, è arri­vato il tempo di passare dalla riflessione alla vita. Questa presenta­zione ha precisamente lo scopo di consegnare alla Congregazione il

19

testo capitolare, con l'invito a ciascun confratello e ad ogni comu­nità di studiarlo e di metterlo in pratica.

Facciamo della comunità un progetto personale di vita. Cre­diamo in essa e costruiamola! È un compito di tutti, giovani e an­ziani, sani e ammalati. Mettiamo da parte stanchezze e disillusioni, come fecero gli Apostoli che avevano faticato tutta la notte senza pescar nulla. Il futuro della nostra vitalità si gioca sulla nostra capa­cità di creare comunità carismaticamente significative oggi. La con­dizione di fondo è il rinnovato impegno della santità. Sulla Parola del Signore gettiamo le reti, fiduciosi che il Signore darà fecondità ai nostri sforzi!

Chiediamo a Maria Ausiliatrice, la Stella Maris, alla quale ho affidato la Congregazione fin dall'inizio del mio Rettorato, che ci aiuti a vincere le nostre paure, che ci animi a "prendere il largo", e ci accompagni ad avventurarci nell'oceano immenso di questo mondo, con l'entusiasmo e lo zelo di Don Bosco, contemplando Cristo e cercando la salvezza dei giovani.

Roma, 24 maggio 2002 Festa di Maria Ausiliatrice

D. PASCUAL CHÀVEZ VILLANUEVA Rettor Maggiore

PARTE PRIMA

LA COMUNITA' SALESIANA OGGI

INTRODUZIONE

1Con lo sguardo fisso in Cristo Signore, uniti in preghiera at­torno a Maria, la Madre di Gesù, noi, membri del Capitolo Generale 25°, aperti allo Spirito Santo e al dono della comu­nione, desideriamo costruire la nostra vita secondo il modello della prima comunità apostolica.

Riconosciamo di essere radunati dall'ascolto della Parola di Dio, dalla preghiera comune, dall'Eucaristia e dalla condivi­sione dei beni'. Tendiamo a formare una comunità con «un cuore solo e un'anima sola», significativa tra la gente: con la vita e la parola testimoniamo il Signore risorto2, ricolmi della gioia e del dinamismo dello Spirito3.

Quale frutto del Giubileo, che ha celebrato i duemila anni del­l'Incarnazione del Figlio di Dio, il Papa, nella Lettera aposto­lica Novo millennio ineunte, ci ha invitati a volgere il nostro sguardo alla persona di Cristo, a prendere coscienza della no­stra vocazione alla santità, ad essere «casa e scuola di comu­nione» e ad impegnarci nella nuova evangelizzazione4.

2 Sollecitati dall'Esortazione apostolica Vita consecrata, come religiosi siamo chiamati a metterci in prima linea in questo cammino di rinnovamento e di rifondazione, tornando con fe­deltà creativa alle radici evangeliche e carismatiche che espri­mono il vero significato della nostra vocazione nella Chiesa.

Immersa in un mondo pluralista, alla ricerca di modelli nuovi di vita e di senso, ma anche segnato da situazioni dramma­tiche di povertà e oppressione, la vita consacrata può essere

1 Cf. At 2, 42. 46 - 47

2 Cf. At 4, 32 - 33

3 Cf. At 13, 52

4 Cf. NMI, 16. 43. 58

significativa se, come "casa costruita sulla roccia" 5, è fondata sull' adesione incondizionata a Gesù Cristo, è ancorata alla scelta evangelica della santità, si colloca nelle frontiere della missione ecclesiale.

3 Nella società e nella cultura odierna si sono imposti fenomeni di grande portata che, mentre sembrano aprire nuove possibi­lità di sviluppo umano e sociale, mettono in discussione l'at­tuale modello di realizzazione umana e cristiana.

In molti contesti si afferma sempre più il secolarismo, che rende poco significativa la proposta di fede, mentre — d'altra parte — fa spazio al sacro nelle più diverse forme di religiosità. La globalizzazione dall'ambito economico si dfonde in altri-campi del sociale, creando interdipendenza, ma anche profonde e ingiuste disparità, che danno vita a nuove forma di povertà. La nascita di società plurietniche, pluriculturali e plurireligiose, e contemporaneamente il sorgere di nazionalismi escludenti e di integralismi religiosi interpellano la capacità di convivenza, di tolleranza e di dialogo. Insieme al pluralismo, oggi tanto ap­prezzato in tutti i campi, si diffonde il relativismo, l'individua­lismo, la diversità di punti di riferimento, che sconcertano spe­cialmente i giovani. Mentre la scienza e la tecnica stupiscono per conquiste sempre nuove, suscitano seri interrogativi sul ri­spetto della vita, la dignità della persona, la salvaguardia del creato. La comunicazione di massa e lo sviluppo dell'informa­tica sono veicoli di modelli innovativi e di nuove mentalità, che esigono una accurata attenzione nel campo educativo.

In un mondo così complesso, per alcuni aspetti disattento e per altri inquieto, ci sentiamo chiamati ad accogliere l'invito del Papa ad annunciare Cristo, specialmente ai giovani, come modello perenne di nuova umanità6.

4 La Congregazione Salesiana, sulla spinta degli ultimi Capitoli Generali, vive e sperimenta un forte appello al rinnovamento,

5 Cf. Mt 7, 24

6 Cf. NMI 23 (GS, 22)

per manifestare con più vivacità e chiarezza la sua vocazione: essere scuola di fede e centro di comunione per l'educazione dei giovani7, assumere un compito peculiare di animazione dei laici che condividono lo spirito e la missione di Don Bosco, dando vita a un nuovo modello pastorale8.

La qualità della vita consacrata in comunità, la profondità della spiritualità, la significatività della testimonianza, la ca­pacità di proposta sono fattori determinanti per dare forza evangelica alla realizzazione del Progetto educativo pastorale salesiano (PEPS), alla presenza degli SDB nella Comunità educativa pastorale (CEP) e alla crescita della Famiglia Salesiana.

5 Nella sua riflessione sulla comunità, il CG25 concentra l'at­tenzione su tre aspetti fondamentali: la vita fraterna, la testi­monianza evangelica, la presenza animatrice tra i giovani. Considera inoltre alcune condizioni per la loro realizzazione: l'animazione della comunità salesiana, la formazione perma­nente e l'importante ruolo del direttore, l'organizzazione della vita e del lavoro. Questi elementi sono inseparabili e qualificano la vita comunitaria salesiana9.

Nell'affrontare ciascuno di questi nuclei siamo partiti dalla "chiamata di Dio", che ci ha permesso di leggere le situazioni nelle quali ci troviamo ad operare, raccogliendo e assumendo le principali sfide in esse presenti, al fine di proporre alcuni orientamenti e di suggerire opportune strategie alle nostre co­munità ispettoriali e locali.

6 Il bisogno di rinnovamento ci ha spinto ad attingere alle fonti del Vangelo e del nostro carisma.

Siamo convinti, inoltre, che il Sistema Preventivo di Don Bosco, mantiene ancora oggi la sua validità, non soltanto

7 Cf. CG23

8 Cf. CG24

9 Cf. Cost. 3

come metodo educativo pastorale, ma anche come fonte di spiritualità e perciò come criterio del nostro «vivere e lavorare insieme»lo. Don Bosco lo consegna a noi come esperienza di vita che «permea le nostre relazioni con Dio, i rapporti perso­nali e la vita di comunità, nell'esercizio di una carità che sa farsi amare»". Questo è e diventa per noi scuola di santità e di fraternità.

Il tema di questo Capitolo si inserisce, così, nel cammino ini­ziato dai Capitoli precedenti: rendere più chiara e interpel­lante la forza della comunità religiosa salesiana nell'azione educativa e pastorale tra i giovani e i poveri, divenire centro di animazione e di comunione nella Famiglia Salesiana e nel vasto Movimento che si ispira a Don Bosco, approfondendo le radici della nostra vocazione e rinnovando il dinamismo della vita fraterna.

Io Cost. 49 Cost. 20

 

I. VITA FRATERNA DONO E PROFEZIA DI COMUNIONE

«Erano assidui nell'ascoltare l'insegnamento degli apostoli e nell'unione fraterna, nella frazione del pane e nelle preghiere... La moltitudine di coloro che erano venuti alla fede aveva un cuor solo e un'anima sola» (At 2,42; 4,32).

A. CHIAMATA DI DIO E APPELLO DEI GIOVANI

7 Don Bosco, mosso dallo Spirito e assistito dall'intervento ma­terno di Maria12, ha iniziato, in comunione di vita e di azione con i giovani, i collaboratori e i primi salesiani, un'esperienza di famiglia, ricca di valori umani e spirituali e fortemente pro­tesa al servizio della gioventù. Avvertiamo che il primo ser­vizio educativo che i giovani attendono da noi è la testimo­nianza di una vita fraterna che diventi risposta al loro pro­fondo bisogno di comunicazione, proposta di umanizzazione, profezia del Regno, invito ad accogliere il dono di Dio.

8 Siamo consapevoli che la comunione fraterna è dono del Padre in Cristo Gesù, conseguentemente compito e impegno di ciascuno. Rendiamo visibile e costruiamo la comunione at­traverso la condivisione di vita, la carità fraterna, la partecipa­zione alla missione comune.

9 Ci impegniamo, per questo, a crescere nella spiritualità di relazione coscienti che «Dio ci chiama a vivere in comunità, affidandoci dei fratelli da amare»13.

Lo spirito di famiglia, vissuto secondo il Sistema Preventivo, ci chiede di: coltivare un genuino spirito di fede, vivere rap‑

12 Cf. Cost. 1

13 Cost. 50

porti interpersonali di qualità, crescere nella stima e nell'acco­glienza vicendevole, nella capacità di riconciliazione e nella condivisione.

10 Ogni confratello educa le proprie capacità di relazione, con­vinto della stretta connessione che esiste tra maturazione del singolo e della comunità. Ci sentiamo, perciò, tutti impegnati a non trascurare quanto facilita i processi di crescita indivi­duale e comunitaria.

B. SITUAZIONE

11 Riflettendo sulla pratica della vita fraterna, rileviamo aspetti positivi, come:

—  la crescita del rispetto della dignità delle persone, della stima vicendevole e della qualità dei rapporti interpersonali;

—  la comunicazione più profonda, la condivisione di vita più sentita e ricercata dai confratelli;

—  il bisogno di un confronto personale con la Parola di Dio e il desiderio di condividerne i frutti con altri confratelli;

—  un maggior contatto con le fonti del carisma e una più chiara coscienza della spiritualità salesiana che alimentano l'impegno della fraternità;

—  1' arricchimento che nasce dalla condivisione della vita fra­terna con giovani e laici;

—  la "giornata della comunità" valorizzata e vissuta con crea­tività;

—  la comunicazione sociale, in ambito locale, ispettoriale e mondiale, per una crescita del senso di appartenenza.

12 Constatiamo pure alcune difficoltà:

—  forme di conflittualità che non si sanno gestire positiva­mente, casi di attivismo che allontanano dalla comunità e situazioni di indebolimento nel senso di appartenenza;

28


—situazioni di confratelli che si rifugiano in relazioni com­pensatorie o che ricercano esperienze comunitarie e spiri­tuali alternative alla comunità salesiana;

—l' esistenza di comunità quantitativamente e qualitativa­mente poco consistenti nelle quali risulta difficile organiz­zare la vita fraterna;

—lo scoraggiamento e la demotivazione di alcuni confratelli, dovuti spesso a esperienze negative del passato, difficoltà di adattamento nel presente, scadimento del senso di fede e carenze personali;

—problemi di convivenza tra confratelli distanti per età, for­mazione, cultura e appartenenza etnica;

—la condizione di confratelli anziani o ammalati, che in al­cuni casi trovano difficoltà per condividere la vita e la mis-: sione comunitaria;

—l'invadenza dei mezzi di comunicazione sociale, che tol­gono tempi ai rapporti fraterni comunitari.

C. SFIDE

13 Le difficoltà indicate sono riconducibili a tre ambiti che in­fluiscono, a volte, in modo concomitante:

—scelte individuali e stili di vita che allontanano progressiva­mente dalla comunità;

—un'impostazione della vita comunitaria che non favorisce la crescita umana e vocazionale dei confratelli, pregiudicando la possibilità di "vivere e lavorare insieme";

—la difficoltà della comunicazione interpersonale, per una in­sufficiente condivisione della vita e della missione, che in­debolisce il senso di appartenenza e la identificazione con il progetto di vita salesiana.

Ci domandiamo pertanto:

·    Come favorire i processi di crescita umana e vocazionale dei confratelli in contesti culturali segnati da frammenta­zione, dispersione, relativismo e individualismo?

29

·  Come superare l'inerzia di schemi relazionali inadeguati che indeboliscono il senso di appartenenza e compromet­tono il clima fraterno della comunità?

·  Come organizzare la vita e l'azione comunitarie, per miglio­rare la comunicazione e qualificare i rapporti personali?

·  Quali processi attivare per apprendere ed esercitare il di­scernimento sia individuale che comunitario, così da favo­rire dialogo fraterno e condivisione?

D. ORIENTAMENTI OPERATIVI

Interpellati dalle suddette sfide, indichiamo i seguenti orien­tamenti operativi:

14 Il Confratello, come primo responsabile della propria forma­zione, valorizzi il "Progetto personale di vita salesiana", de­dicando speciale attenzione ad alcuni elementi:

·  la verifica della maturazione umana, spirituale e salesiana, grazie a processi di autovalutazione, di confronto con la Pa­rola di Dio e di accettazione della correzione fraterna;

·  la conoscenza e la pratica della spiritualità del Sistema Pre­ventivo, sorgente di relazioni nuove nella vita fraterna;

·  la progressiva maturazione della identità carismatica sale­siana;

·  la presenza, attiva e cordiale, negli incontri ordinari e straordinari che scandiscono la vita comunitaria;

·  l'apertura all'altro e la disponibilità alla condivisione.

15 La Comunità locale, quale luogo di crescita umana e voca­zionale:

a) Valorizza la pratica del discernimento comunitario alla luce della Parola di Dio e delle Costituzioni. Per questo promuove atteggiamenti che ne favoriscano l'esercizio:

— apertura alla realtà, da vivere con spirito di fede e capa­cità di ascolto;

—    disponibilità al dialogo fraterno, per facilitare e susci­tare la partecipazione di tutti;

—    ricerca paziente della convergenza, dell'unità e della comunione.

b) Cura i momenti specifici della vita comunitaria: la pre­ghiera comune, le assemblee, i ritiri, la revisione di vita, gli scrutini, i consigli, i tempi di distensione, la giornata della comunità. In essi, anche tramite adeguate metodo­logie, aiuta i confratelli a:

—    manifestare la ricchezza dei sentimenti del proprio vis­suto interiore;

—    condividere preoccupazioni e problemi, progetti ed atti­vità educativo-pastorali;

—    praticare l'ascolto, il dialogo, l'accettazione delle diffe­renze e la correzione fraterna.

c) Elabora il Progetto di vita comunitaria salesiana, tenendo conto della situazione esistenziale dei confratelli e dando rilievo agli aspetti della formazione delle persone, della comunicazione e comunione e degli impegni stabiliti dal progetto educativo pastorale salesiano.

16 L'Ispettore e il suo Consiglio, attraverso la Commissione ispettoriale per la formazione (CIF), suggeriscono modalità ed offrono sussidi per elaborare il "Progetto personale di vita salesiana" e il "Progetto di vita comunitaria salesiana".

Il. TESTIMONIANZA EVANGELICA

«Con grande forza gli apostoli rendevano testimo­nianza della risurrezione del Signore Gesù e tutti essi godevano di grande simpatia» (At 4, 33).

A. CHIAMATA DI DIO

17 Chiamati dal Padre, con la forza dello Spirito Santo se­guiamo il Signore Gesù", nostra regola vivente15. Illuminati dal mistero di Dio, che è comunità di Amore, viviamo la se­quela di Cristo in comunità, in cui troviamo risposta alle pro­fonde aspirazioni del cuore, siamo segni di amore e di unità per i giovani16 e la nostra vita comunitaria diventa esperienza quotidiana di spiritualità.

18 La prima comunità apostolica, che a volte con difficoltà cerca il suo cammino, rimane il riferimento fondamentale per tutte le nostre comunità. La sua gioiosa testimonianza del Si­gnore Risorto si esprime nella ricerca del Regno realizzato nel servizio fraterno, vissuto nella comunione e nella condivi­sione, proclamato nell'annuncio salvifico del Vangelo e cele­brato nella preghiera in comune e nella frazione del pane.

19 Allo stesso modo, le nostre comunità diventano profezia per i giovani nel servizio generoso, nella fraternità, nell'annuncio e nella festa. La loro esperienza di Chiesa, fondata sulla Parola e sull'Eucaristia, diviene fermento di comunione e di nuove comunità, attraverso la testimonianza quotidiana di pienezza di vita e di felicità che derivano dal Signore Risorto.

20 La comunità di Valdocco, guidata e animata da Don Bosco, ha cercato di vivere questa testimonianza in forma completa ed armoniosa. Nel sogno dei dieci diamanti Don Bosco stesso,

14 Cf. Mc 3,14

15 Cost. 196

16 Cost. 49

rappresentando l'identità del salesiano, ne ha tratteggiato le caratteristiche fondamentali e i pericoli a cui è esposta. Ogni comunità è formata da uomini, immersi nella società, che esprimono la passione evangelica del "da mihi animas, cetera tolle" con l'ottimismo della fede, con la dinamicità e la creati­vità della speranza e con la bontà e la donazione totale della carità. Questo impegno è sostenuto da una struttura spirituale forte ed essenziale, caratterizzata in particolare dalla dimen­sione ascetica dei consigli evangelici e da uno stile di vita la­borioso e temperante.

21 Seguendo l'esempio di Don Bosco, la comunità testimonia tutta la forza educativa e pastorale della consacrazione, vi­vendo con entusiasmo e con gioia la totale donazione a Dio e ai giovani. Sperimentiamo che la fedeltà alla consacrazione è un processo in crescita costante e si esprime nella continua ricerca dell'ideale evangelico, avendo come modello il per­corso della fede di Maria.

22 L'attuale contesto è segnato dal secolarismo, dall'individua­lismo, dal consumismo e dall'edonismo, ma è anche attraver­sato da una più ampia sensibilità al sacro, da una più chiara apertura al trascendente e da un impegno di concreta soli­darietà.

Perciò, oggi più che mai le nostre comunità sono chiamate a rendere visibile ai giovani specialmente i più poveri e biso­gnosi, il primato di Dio, che è entrato nella nostra vita, ci ha conquistati e ci ha messi a servizio del suo Regno, come segni e portatori del suo amore17.

23 Seguendo Cristo obbediente povero e casto nella radicalità del Battesimo, la comunità esprime le migliori energie della sua libertà, contesta l'idolatria del potere, dell'avere e del pia­cere e si rende in tal modo totalmente disponibile alla mis­sione per i giovani. Nell'obbedienza ricerca la volontà di Dio

17 Cf. Cost. 2

attraverso il dialogo e la fedeltà al progetto comunitario e vive ed accoglie in spirito di famiglia il servizio 411' autorità. Nella povertà mette in Dio tutta la sua fiducia, si apre alla co­munione dei beni e alla solidarietà, promovendo progetti a fa­vore dei poveri e condividendone la condizione. Nella castità esprime il suo amore per Dio e la totale dedizione ai giovani, con quella purezza di cuore che è il distintivo che caratterizza la sua missione educativa e pastorale.

24 Sostenuta dall'esperienza di Dio e dalla totale dedizione per la salvezza dei giovani, la comunità vive la grazia dell'unità, che è dono dello Spirito Santo e sintesi vitale tra unione con Dio e dedizione al prossimo, tra interiorità evangelica ed azione apostolica, tra cuore orante e mani operose18, tra esi­genze personali e impegni comunitari. In tal modo si integrano armonicamente, nell'alleanza con Dio, la missione apostolica, la comunità fraterna e la pratica dei consigli evangelici.

25 Viviamo questa scelta nella certezza che essa concorre a costruire un modello alternativo di umanità e di famiglia umana, nella prospettiva della speranza cristiana.

Rispondiamo così al dono di Dio con un cammino comuni­tario e personale di santità verso la piena maturità di Cristo, per mezzo del quale diventiamo segno e profezia dei valori ultimi del Regno di Dio, nello spirito delle Beatitudini.

B. SITUAZIONE

26 Come frutto degli ultimi Capitoli Generali, le comunità in ge­nere cercano di vivere una spiritualità salesiana sempre più autentica.

Si nota infatti una crescita: — nell'identità carismatica,

18 Cf. CG23, 332

—   nella conoscenza e nell'applicazione del Sistema Preven­tivo, anche fra i laici,

—   nella valorizzazione della vita comunitaria,

—   nell'assiduo lavoro tra i giovani, specialmente quelli a ri­schio,

—   nella cura data alle celebrazioni liturgiche e alle forme di preghiera,

—   nello sforzo messo in atto da molti per vivere la grazia di unità, armonizzando vita fraterna, preghiera e lavoro apo­stolico.

27 Accanto a questi segni di crescita si nota anche la presenza di fenomeni negativi. Tra questi si segnalano:

—   mancanza del senso comunitario della vita spirituale;

—   assenza dai momenti di preghiera comunitaria;

—   osservanza formale delle pratiche di pietà;

—   ritrosia a condividere esperienze spirituali;

—   efficientismo e individualismo;

—   gestione non equilibrata dei tempi di lavoro, di vita comu­nitaria e di preghiera;

—   stanchezza e scoraggiamento di fronte ad un mondo in con­tinuo cambiamento.

28 Nella pratica dei consigli evangelici ci sono esempi di gioiosa testimonianza individuale e comunitaria e di radicalità fino al martirio.

—   L'obbedienza è vissuta in spirito di fede e di umiltà, nell'a­scolto reciproco e nello sforzo di costruire insieme il pro­getto comunitario.

—   La ricerca di uno stile di vita più semplice ed austero è resa visibile nell'accoglienza dei poveri, nel vivere nei contesti di povertà, nella solidarietà e nella trasparenza dell'ammi­nistrazione dei beni.

—   La castità si manifesta nella serena accettazione di sé, nella cordialità dei rapporti, nella generosa disponibilità al ser­vizio, nella fedeltà della vita totalmente spesa per i giovani.

 

29 Allo stesso tempo, si rileva che le comunità non sempre ri­escono a rendere leggibile la loro testimonianza e si notano:

—  difficoltà a lavorare in équipe sia tra gli stessi salesiani, che tra salesiani e laici, talvolta con atteggiamenti di autorita­rismo;

—  difficoltà di alcuni salesiani a cambiare incarico o casa;

—  disparità tra il livello di vita della comunità religiosa e la si­tuazione di vita della gente, tra casa e casa, talvolta con spreco dei beni di cui disponiamo, gestendo male le risorse che sono a servizio della nostra missione;

—  situazioni di freddezza relazionale, incapacità a stabilire rapporti autentici, compensazioni fuori della comunità, am­biguità di vita che compromettono la credibilità delle scelte professate.

C. SFIDE

30 All'origine della situazione precedentemente descritta sem­brano esserci diverse cause, tra le quali le seguenti:

—  indebolimento nel riconoscere il primato di Dio, che porta la comunità e il singolo confratello all'oscuramento delle motivazioni di fede e della coscienza di essere salesiani consacrati;

—  frammentarietà nella vita personale e comunitaria, che si manifesta nel sacrificare l'importante per l'urgente, e nel­l'incapacità di armonizzare essere e fare, lavoro e pre­ghiera, evangelizzazione ed educazione, iniziativa indivi­duale e progettazione comunitaria;

—  mancanza di forza profetica della nostra consacrazione sa­lesiana, che ne offusca la visibilità rendendo le comunità poco significative ed attraenti in senso vocazionale.

A queste cause corrispondono le seguenti sfide:

·   Come ravvivare continuamente ed esprimere il primato di Dio nelle comunità e come condividere l'esperienza spiri­tuale in esse, con i laici e i giovani?

·  Come mettere in atto oggi nuovi equilibri personali e comu­nitari tra i diversi aspetti della nostra vita per viverli nella grazia d'unità in forma completa e armoniosa?

·  Come rendere radicale, profetica ed attraente la nostra te­stimonianza comunitaria della sequela di Cristo?

D. ORIENTAMENTI OPERATIVI

Alle sfide suindicate vogliamo rispondere assumendo, in par­ticolare, i seguenti orientamenti operativi.

31 Primato di Dio e condivisione dell'esperienza spirituale

La comunità, sull'esempio di Maria, si impegna a mettere Dio come centro unificante del suo essere ed a sviluppare la di­mensione comunitaria della vita spirituale:

·  favorendo la centralità della Parola di Dio nella vita co­munitaria e personale, mediante la lectio divina, la medita­zione quotidiana, la Liturgia delle ore, le celebrazioni della Parola, la preparazione in comunità della Eucaristia do­menicale;

·  celebrando l'Eucaristia quotidiana con gioia, creatività ed entusiasmo e favorendo la celebrazione insieme di tutti i confratelli almeno una volta alla settimana;

·  curando la qualità della preghiera comunitaria, fino a diven­tare scuola di preghiera per se stessa, per i giovani, per i membri della Famiglia Salesiana e i collaboratori laici;

·  promovendo revisioni di vita sulle Costituzioni e sugli ele­menti essenziali della spiritualità salesiana;

·  curando l'accompagnamento spirituale con la valorizza­zione delle opportunità care alla nostra tradizione: il sacra­mento della Riconciliazione, la direzione spirituale, il collo­quio fraterno;

·  creando tra i confratelli un clima che favorisca lo scambio delle proprie esperienze di fede;

·    favorendo l'integrazione tra il progetto personale e quello comunitario, curando la loro interrelazione e cogdivisione19.

32 Cura della grazia d'unità

La comunità si impegna ad assicurare condizioni sufficienti perché ogni confratello possa dare al suo essere ed operare un senso di unità profonda:

·    praticando il discernimento evangelico come atteggiamento di ricerca della volontà di Dio, attraverso il dialogo comuni­tario e coerenti processi decisionali ed esecutivi20;

·    verificando periodicamente l'equilibrio tra impegni di la­voro, esigenze di vita comunitaria, tempi di preghiera, di studio e di riposo.

33 Testimonianza comunitaria della sequela radicale di Cristo

La comunità si impegna a garantire che i consigli evangelici rendano trasparente la gratuità, l'offerta incondizionata della vita, l'amore senza misura e senza risparmio, soprattutto per i più poveri:

·    esplicitando il valore umanizzante dei consigli evangelici per viverli con gioia e con coerenza21;

·    verificando in comunità la loro pratica, attraverso periodici scrutini. A tale scopo il Dicastero della formazione prepa­rerà concrete linee guida;

·    educando i suoi membri all'uso appropriato dei mezzi di comunicazione sociale, includendo i più recenti come In­ternet, DVD, ecc. e verificando il loro uso positivo ed apo­stolico.

19 Cf. FSDB 90, 277

20 Cf. Cost. 66

21 Cf. VC 88-92

34 Centralità dell'obbedienza

La comunità favorisce una profonda vita nello Spirito, il senso della missione ed un efficace inserimento di ogni con‑

fratello nel progetto pastorale ed educativo comunitario:

·  promovendo il dialogo tra i suoi membri, attraverso l'as­semblea comunitaria, il giorno della comunità, gli incontri del Consiglio locale ed avvalendosi anche, quando neces­sario, di opportune consulenze;

·  coinvolgendo più efficacemente tutti i confratelli nel nucleo animatore della CEP e nell'elaborazione ed applicazione' del PEPS;

·  orientando i confratelli, nella loro scelta di qualificazione professionale, a conformarsi ai bisogni dell'Ispettoria, in dialogo con l'Ispettore;

·  rilanciando la pratica del colloquio fraterno con il direttore, centro di unità e di orientamento pastorale per tutti i con­fratelli.

35 Concretezza della povertà

La comunità s'impegna a testimoniare uno stile di convivenza ispirato alla povertà di Cristo e al suo Vangelo:

·  manifestando l'austerità profetica attraverso un modo di vi­vere semplice, sobrio e modesto, tenendo conto dell'am­biente in cui si vive22, con un lavoro assiduo, sacrificato e disposto a svolgere anche i servizi più umili23;

·  vivendo lo spirito di distacco e di fiducia nella Provvidenza, con la trasparenza nella disponibilità e nell'uso del denaro e facendo il bilancio preventivo con criteri di austerità;

·  facendo della solidarietà un principio regolatore del proprio vivere ed agire, con un'autentica condivisione nell'ambito della comunità locale ed ispettoriale, venendo anche in­contro ai bisogni di altre Ispettorie;

22 Cf. Cost. 77

23 Cf. Cost. 78

40

 

·  aprendosi ai bisogni dei giovani, soprattutto i più poveri, mettendo vita, tempo e strutture al loro servizio, e collabo­rando con le persone e gli organismi che si impegnano per la promozione sociale e lottano per la giustizia.

36 Splendore della castità

La comunità irradia la sua testimonianza di castità e la offre ai giovani d'oggi come un segno profetico del Regno di Dio e proclamazione della dignità di ogni persona:

·  creando un ambiente di fraternità, sereno e gioioso, che sti­mola la crescita della vera amicizia tra i confratelli e di­venta segno della felicità della donazione per il Regno24;

·  puntando su uno stile di vita temperante e laborioso, nutrito di ascesi e di prontezza al servizio, come espressione con­creta dell'amore illimitato a Dio e ai giovani;

·  proponendo ai giovani programmi di educazione all'amore e di valorizzazione della castità25;

·  stabilendo, sia a livello di Congregazione che a livello di Ispettoria, norme di comportamento, a cui tutti i confratelli si devono conformare, allo scopo di prevenire scandali per abusi sessuali, avvalendosi anche delle opportune consu­lenze legali e scientifiche;

·  offrendo ai confratelli, particolarmente a quelli in difficoltà, accompagnamento, comprensione, spazio di ricupero e quegli interventi, anche a livello ispettoriale, che sono ne­cessari;

·  impegnandosi nella protezione dei minori, collaborando anche con persone ed organismi che lavorano per i diritti dei bambini e giovani che sono vittime di sfruttamento ses­suale.

24 Cf. Cost. 83

25 Cf. CG23 192-202

41

III. LA PRESENZA ANIMATRICE TRA I GIOVANI

«Ed ora, ecco: io vi affido a Dio e alla parola che vi annuncia il suo amore. Egli ha il potere di farvi crescere nella fede e di dare tutto quello che ha promesso a quelli che gli appartengono» (At 20, 32).

A. CHIAMATA DI DIO

37 «Vicino o lontano io penso sempre a voi. Un solo è il mio de­siderio: quello di vedervi felici nel tempo e nell'eternità... Sento, o cari miei, il peso della mia lontananza da voi e il non vedervi e il non sentirvi mi cagiona pena quale voi non potete immaginare... siete l'unico e il continuo pensiero della mia mente»26. Questo sentimento del cuore paterno di Don Bosco, riletto oggi da noi Salesiani del Terzo Millennio, è un ri­chiamo urgente a sognare e progettare con speranza, in fedeltà al "criterio oratoriano"27, la nostra presenza tra i giovani: una presenza fatta di vicinanza effettiva, di partecipazione, di ac­compagnamento, di animazione, di testimonianza, di proposta vocazionale nello stile dell'assistenza salesiana28.

Sulle orme di Don Bosco, vogliamo rispondere alla chiamata di Gesù ad essere, nella Chiesa di oggi, segno profetico e por­tatori gioiosi dell'amore del Padre ai giovani29. Dio ci chiama non soltanto ad essere una comunità per i giovani, ma con i giovani, «specialmente i più poveri, abbandonati e perico­lanti»30. I giovani, ai quali apriamo il nostro cuore salesiano,

26 Due lettere da Roma, 10 maggio 1884, in P. BRAIDO (ed.), Don Bosco edu­catore. Scritti e testimonianze, LAS, Roma 1997, pag. 377

27 Cf. Cost. 40

28 Cf. ACG 372, pag. 25-27

29 Cf. Cost. 2 Cost. 26

ci chiedono di accogliere le loro richieste: essi vogliono che spalanchiamo con semplicità e familiarità le nostre porte e usciamo incontro a loro, che ne condividiamo la vita cammi­nando insieme, ne comprendiamo i valori, ne accogliamo le preoccupazioni e sappiamo offrire loro spazi di partecipazione.

Per questo ci impegniamo a risvegliare nei giovani la ricerca di senso e ad aiutarli a trovare una risposta: ci proponiamo di essere scuola di vita, che solleva interrogativi e dà ragioni di speranza, vive e celebra la presenza di Cristo Risorto, comu­nica la propria esperienza di fede e forma discepoli, accompa­gnando la loro crescita fino a «sviluppare la loro vocazione umana e battesimale con una vita quotidiana progressiva­mente ispirata e unificata dal Vangelo»31.

Animati dalla carità del Buon Pastore32, avendo Maria come Madre e Maestra, ricerchiamo con fiducia un progetto educa­tivo pastorale comune e una metodologia che sappia immet­tere nell'educazione i valori del Vangelo, che ponga atten­zione ai processi educativi più che alle attività, alle persone più che alle strutture, alla fraternità più che alla funzione.

La passione per Dio e per i giovani ci spinge a essere «casa e scuola di comunione»33, vivendo la nostra vocazione che ir­radia gioia e promuove partecipazione, che è capace di susci­tare numerose forze apostoliche, con le quali condividiamo lo spirito e la missione di Don Bosco nella Chiesa locale e nel territorio: i laici della CEP, i gruppi della Famiglia Salesiana, i giovani più impegnati.

B. SITUAZIONE

38 Dove esiste una comunità salesiana, è presente un dono di Dio: esperienza di fede e di comunione, rete di relazioni, mol­teplici forme di servizio ai giovani.

31 Cf. Cost. 37

32 Cf. Cost. 11

33 NMI 43

La comunità rende visibile la presenza salesiana, la anima e ne promuove la crescita. Anche se non è possibile identificare missione ed opera, la presenza salesiana tra i giovani dà forma ad un'opera e può essere da questa manifestata.

La presenza si esprime progressivamente come capacità di accoglienza e comunione, come impegno di educazione ed evangelizzazione, come proposta di accompagnamento e ri­cerca vocazionale.

39 Presenza che accoglie e costruisce comunione

Si avverte la necessità di essere presenti tra i giovani nello stile tipico del Sistema Preventivo, anche in quelle comunità che hanno un numero ridotto di confratelli o sono segnate dal­l'invecchiamento o dalla malattia. Spesso però le preoccupa­zioni organizzative e gestionali fanno sì che, di fatto, alcuni salesiani siano lontani dai giovani. Inoltre, non mancano con­fratelli che per progetti individuali o di comodo si stanno al­lontanando dalla realtà giovanile.

Si riconosce che nelle comunità è presente una positiva atten­zione alle nuove e antiche povertà giovanili, ma si rilevano anche segni di attaccamento al passato, atteggiamenti difen­sivi di fronte alle sfide del presente e del futuro, talvolta una ancor insufficiente sensibilità verso le nuove povertà e man­canza di qualificazione per affrontare le sfide dell'emargina­zione, anche se in questo ambito si sono fatti buoni progressi rispetto al sessennio precedente.

La comunità salesiana, più convinta di avere un compito cari­smatico nel nucleo animatore, ha dato vita a nuove forme di coinvolgimento dei laici, soprattutto attraverso la formazione e l'animazione della CEP, la condivisione con i volontari, l'e­laborazione del PEPS. È anche migliorata la sensibilità per la Famiglia Salesiana, ma si avverte l'esigenza di crescere verso una maggiore corresponsabilità per una più efficace condivi­sione della missione.

40 Presenza che educa ed evangelizza

L'accoglienza della proposta evangelica è favorita dalle risorse presenti nei giovani di oggi, particolarmente dalla ricerca d'in­teriorità, da una speciale adesione ai nuovi valori e da molte­plici forme di servizio nel volontariato. A volte, però, l'inci­denza della nostra proposta è indebolita da comunità che non vivono un'intensa esperienza spirituale con chiaro riferimento alle motivazioni evangeliche e autentica carità pastorale.

Si constata, inoltre, che oggi i rapporti tendono ad essere fugaci e superficiali. La quantità delle possibilità comunicative non sempre corrisponde alla qualità relazionale: ciò si ripercuote anche nelle relazioni della comunità salesiana con i giovani.

C'è anche il pericolo che la missione sia identificata con le opere, e queste con le strutture e i servizi. Allora ai giovani riesce difficile percepire la comunità come forma alternativa di vita, sfida alle proposte della società e concreta profezia di futuro.

La nostra presenza ottiene in molti luoghi una positiva inci­denza sociale, politica e culturale, anche se il nostro servizio educativo e pastorale non sempre raggiunge i risultati spe­rati. Ci sono comunità che hanno difficoltà ad armonizzare la vita comunitaria con un senso aperto di missione, che porti a rispondere alle emergenze e a progettare nuove forme di servizio.

41 Presenza che accompagna e diviene proposta vocazionale

Azione e riflessione hanno dato vita in questi anni a piani vo­cazionali sia locali che ispettoriali; maggior attenzione è stata data alle proposte formative; più ampio è stato il coinvolgi­mento dei giovani nei gruppi e nel Movimento Giovanile Sa­lesiano. Non sempre abbiamo saputo coinvolgere la famiglia, come primo luogo di crescita vocazionale.

È cresciuta l'attenzione nei confronti di tutte le vocazioni della Chiesa e della Famiglia Salesiana in particolare, e la convin­zione che una vera pastorale giovanile è sempre vocazionale.

46

 

Riconosciamo che i nostri ambienti sono ricchi di potenzialità e risorse vocazionali, ma rimane la difficoltà di presentare e di far recepire la vita come vocazione e missione e la fatica di accompagnare personalmente i giovani. Per noi salesiani resta sempre un impegno prioritario testimoniare la vocazione di apostoli consacrati nella sua duplice e complementare forma, sacerdotale e laicale34.

I contesti socio-culturali, l'attuale struttura di alcune opere e una certa stanchezza spirituale di alcuni SDB e comunità, sono all'origine di un indebolimento del cammino di fede e dei pro­cessi formativi e vocazionali dei giovani ed anche del calo nu­merico cui fanno riferimento molti Capitoli Ispettoriali.

C. SFIDE

42 La presenza salesiana è una realtà dinamica, una rete di rela­zioni, un insieme di progetti, e di processi, attivati dalla carità pastorale e realizzati con i giovani, i laici e la Famiglia Sale­siana. Si è reso sempre più palese che il soggetto di tale pre­senza non è esclusivamente la comunità salesiana.

A partire da questa constatazione, sembrano fondamentali le seguenti sfide.

43 Presenza che accoglie e costruisce comunione

La comunità salesiana è chiamata a rinnovare la qualità della sua presenza in mezzo ai giovani, a costruire comunione e par­tecipazione con i laici, ad inserirsi attivamente nel territorio.

·  Quale modello comunitario facilita la nostra presenza tra i giovani?

·  Qual è la nostra presenza nella CEP e nella Famiglia Sale­siana come comunità carismatica, e con quali tempi, quali modalità di intervento e quali compiti?

34 Cf. CG24, 253.

47

·  Qual è la nostra presenza nelle istituzioni dove si decide sulla condizione giovanile?

44 Presenza che educa ed evangelizza

La comunità salesiana è chiamata ad essere presenza che educa ed evangelizza e a diventare annuncio profetico tra i giovani che vivono in contesti di secolarizzazione, globalizza­zione e frammentazione.

In un mondo secolarizzato, pluriculturale e multireligioso, che cerca nuove esperienze spirituali e che vive l'irrilevanza della fede:

·  Come può la comunità contribuire a creare ambienti di forte impatto per fare esperienza dei valori evangelici, per offrire opportunità di dialogo interreligioso, per promuovere mo­menti di interculturalità, che aiutino i giovani a realizzare progressivamente la sintesi tra la fede, la cultura e la vita?

·  Come può la comunità condividere con i giovani esperienze che siano ricche di senso, ma che siano espresse nei loro linguaggi e nelle nuove forme comunicative?

Nella tendenza alla globalizzazione, che genera gravi situa­zioni di povertà e stridenti esclusioni economiche e sociali e che offre nuove opportunità di solidarietà:

·  Come può la comunità rendere significative strutture e ri­sorse nel servizio ai giovani più poveri, per annunciare loro l'amore di Dio e per favorire la loro promozione?

·  Come può la comunità trasmettere ai giovani che vivono in un contesto di benessere il valore della povertà evangelica e della sobrietà di vita, aiutarli nella ricerca delle cause che generano povertà, farli crescere nell'impegno di solida­rietà con gli ultimi?

Nell'attuale cultura complessa e frammentata, che può provo­care dispersione e che valorizza le particolarità e la pluralità:

·  Come può la comunità realizzare processi di discernimento e di conversione pastorale e passare da una pastorale di attività e di urgenze ad una pastorale di processi?

48

 

·    Come può la comunità superare la frammentazione degli interventi e realizzare un lavoro progettuale unitario e or­ganico?

45 Presenza che accompagna e diventa proposta vocazionale

La comunità salesiana è chiamata a farsi proposta vocazionale per i giovani ed a promuovere interventi educativi e pastorali che permettano l'incontro personale con loro.

·    Come può la comunità essere proposta vocazionale per aiu­tare il giovane a cogliere la vita come dono e compito, espressione della "sequela Christi"?

·    Come può la comunità fare la proposta vocazionale al gio­vane, in modo che arrivi alla scoperta e all'accoglienza del progetto che Dio ha su di lui?

·    Come può la comunità realizzare la presenza educativa che promuova l'incontro personale e offrire continuità nell'ac­compagnamento vocazionale?

D. ORIENTAMENTI OPERATIVI

Abbiamo individuato un insieme di orientamenti operativi,
che aiuteranno la comunità a rispondere alle sfide ed a co‑

struire una presenza salesiana secondo la chiamata di Dio.

46 Presenza che accoglie e costruisce comunione

La comunità salesiana è una comunità fraterna ed apostolica, ispirata al criterio oratoriano di Don Bosco35. Con la nostra presenza animatrice tra i giovani e i laici, costruiamo comu­nione e promuoviamo la missione che deve essere sentita da tutti come unica e comune.

La comunità ripensa la sua presenza in mezzo ai giovani, af­finché sia diretta, accogliente, gratuita:

35 Cf. Cost. 40

49

·  organizzando la vita e le strutture della comunità intorno alla presenza dei giovani, rivedendo orari di vita e di pre­ghiera, per creare un ambiente che attiri e faciliti il contatto diretto con loro;

·  recuperando il valore dell'assistenza salesiana, affinché non solo siamo per i giovani, ma con i giovani, privilegiando i compiti propri della nostra responsabilità carismatica;

·  rendendo visibile la comunità salesiana tra i giovani, apren­dola all'accoglienza e alla convivenza per quanti desiderano conoscere più da vicino la nostra vita;

·  attivando iniziative adeguate per andare incontro in modo particolare ai giovani emarginati.

La comunità salesiana diventa fermento di comunione tra i giovani e i laici:

·  programmando e rivedendo le linee essenziali dell'azione educativa pastorale nel progetto comunitario, per garantire l'unità dell'azione, la convergenza dei criteri, l'armonia tra le persone;

·  progettando e verificando il PEPS, secondo una metodo­logia che favorisca la corresponsabilità di quanti a vario ti­tolo condividono la missione educativa;

·  approfondendo l'impegno della formazione insieme, tra sa­lesiani e laici, mediante processi adeguati che promuovano la condivisione di criteri e di obiettivi e il senso organico della nostra azione;

·  vivendo maggiormente la spiritualità salesiana tra i giovani e i laici e assicurando spazi e tempi per i rapporti personali e la condivisione dello spirito salesiano;

·  curando con attenzione particolare la pedagogia di ambiente.

La comunità diventa presenza animatrice nel territorio:

·  dando più attenzione ai nuovi spazi d'incontro dei giovani;

·  promovendo la collaborazione con i vari gruppi della Fami­glia Salesiana, come via per assumere la mentalità della re­sponsabilità comune nella missione giovanile;

·  collaborando con istituzioni ecclesiali e civili nel campo

dell'educazione, della pastorale giovanile, della comunica‑

-

zione sociale;

·  curando un maggiore inserimento in contesti multiculturali e plurireligiosi, attraverso la conoscenza delle lingue, il dia­logo, le esperienze di comunità internazionali;

·  confrontandosi e dialogando con la cultura giovanile del luogo in cui opera.

47 Presenza che educa ed evangelizza

Nella varietà dei contesti la comunità salesiana diventa an­nuncio profetico con la propria vita ed azione e fa crescere una presenza che educa ed evangelizza; essa crea ambienti di forte carica spirituale, prende coscienza della realtà della po­vertà e promuove progetti e processi di crescita per i giovani.

In un contesto secolarizzato la comunità salesiana favorisce la creazione di ambienti di forte carica spirituale:

·  proponendo e vivendo momenti di intensa esperienza spiri­tuale con i giovani: Eucaristia, Riconciliazione, "lectio di­vina", preghiera, incontri, ritiri;

·  coinvolgendo la CEP nell'ideazione, nella conduzione e nella verifica dei processi di educazione e di evangelizza­zione, in vista della coerenza di vita e dell'impegno per il Regno;

·  curando nella CEP la formazione di giovani impegnati nel­l'azione civile ed ecclesiale, così da promuovere una società più giusta e solidale secondo l'ispirazione cristiana;

·  partecipando a momenti di incontro del MGS e valoriz­zando i gruppi quale spazio privilegiato per percorsi di spi­ritualità e di missionarietà giovanile;

·  favorendo la partecipazione attiva dei giovani più maturi, per renderli protagonisti dell'evangelizzazione dei coetanei.

In un mondo globalizzato la comunità salesiana prende co­scienza della realtà della povertà e dell'ingiustizia e si im‑

pegna ad educare ed evangelizzare con metodologie appro­priate i giovani che vivono sia in un contesto di povertà che in un contesto di benessere:

·    assumendo uno stile di povertà e di condivisione con i po­veri;

·    mirando a realizzare trasparenza economica e giustizia nei rapporti di lavoro nella CEP;

·    studiando con i giovani gli elementi essenziali della dottrina sociale della Chiesa per un inserimento responsabile nella società;

·    offrendo proposte di qualità per educare alla giustizia e so­lidarietà i giovani, sia quelli che vivono in contesti di po­vertà, sia quelli che vivono in contesti di benessere, me­diante la ricerca delle cause dell'ingiustizia e in vista del­l'assunzione di impegni concreti.

In una cultura complessa e frammentata la comunità sale­siana si impegna ad operare con progetti e a passare da una pastorale di attività ad una pastorale di processi:

·    superando la visione che riduce la pastorale ad un settore della nostra azione o ad un'attività specifica di formazione religiosa;

·    maturando una concezione di pastorale che comprenda l'in­tegralità dei contenuti, degli interventi, della metodologia; il rispetto dei ritmi di maturazione dei giovani; l'attenzione alle diverse aree di crescita;

·    assumendo la mentalità del lavoro in équipe, per andare oltre la visione settoriale nello svolgimento di ruoli e di compiti;

·    verificando l'assimilazione degli orientamenti del CG23 a riguardo dell'educazione integrale dei giovani e della pro­gettazione e realizzazione dei processi educativi e pastorali;

·    aprendosi a forme di educazione e di evangelizzazione, che valorizzino la comunicazione sociale come nuovo spazio vitale di aggregazione dei giovani.

48 Presenza che accompagna e diventa proposta vocazionale

La comunità salesiana promuove la scelta vocazionale del giovane attraverso la sua testimonianza di vita; anima la co­munità educativa pastorale perché diventi luogo di crescita vocazionale del giovane; attua una metodologia dell'accom­pagnamento e della proposta vocazionale.

La comunità salesiana prende a cuore il suo ruolo nel processo di crescita vocazionale e di accompagnamento del giovane:

·  testimoniando in comunità la vocazione del salesiano prete e del salesiano coadiutore in modo visibile, gioioso e attraente;

·  condividendo con i giovani alcuni momenti della vita della comunità: la festa, l'amicizia, la mensa, la preghiera, la no­stra storia, i progetti, l'impegno missionario;

·  favorendo esperienze di volontariato, come valida opportu­nità di orientamento e discernimento vocazionale;

·  mettendo in atto un piano esplicito di accompagnamento e proposta vocazionale a livello locale, che armonizzi le espe­rienze in modo organico, coinvolga e qualifichi i confratelli per l'accompagnamento spirituale, valorizzi la presenza dei giovani confratelli;

·  avendo speciale attenzione alla figura del salesiano coadiu­tore.

La comunità salesiana anima la CEP come luogo privilegiato dell'accompagnamento e della scelta vocazionale del giovane:

·  facendo della CEP una comunità di fede, che promuova la comunione tra le varie vocazioni e sviluppi una qualificata formazione religiosa;

·  creando un clima di famiglia e di accoglienza;

·  partecipando al MGS mediante la cura degli animatori, l'opzione per adeguati itinerari di fede, la proposta di espe­rienze di apostolato e di servizio missionario;

·  organizzando un'équipe di animatori nell'ambito della CEP, aperta alla Famiglia Salesiana, che motivi, stimoli e accompagni esperienze di sensibilizzazione e di impegno secondo le molteplici vocazioni;

• animando, a partire dalla CEP, un'adeguata pastorale familiare, in particolare per quei genitori che hanno figli impegnati nel cammino di fede e in situazione di discernimento vocazionale. La comunità salesiana mette in atto la metodologia dell'accompagnamento e della proposta vocazionale:

• animando un processo vocazionale che armonizzi le varie componenti: la testimonianza di valori evangelici all'interno della CEP; la presenza in mezzo ai giovani; la proposta esplicita di accompagnamento; il cammino formativo; l'esperienza di Dio vissuta nel servizio; la decisione vocazionale;

• promovendo iniziative che assicurino la continuità del processo: dialogo con gli educatori; gruppi di ricerca vocazionale per fasce d'età; accompagnamento vocazionale dei giovani adulti; formazione degli animatori nel loro discernimento vocazionale;

• rivalutando gli elementi della tradizione pedagogica salesiana: vita di gruppo, dialogo personale, direzione spirituale, discernimento vocazionale;

• proponendo per la crescita vocazionale del giovane alcune esperienze spirituali tipicamente salesiane: l'impegno per la Chiesa, la preghiera personale, la partecipazione assidua ai sacramenti dell'Eucaristia e della Riconciliazione, l'amore a Maria Ausiliatrice e a Don Bosco.

IV. LA COMUNITÀ SALESIANA LUOGO PRIVILEGIATO DI FORMAZIONE E ANIMAZIONE

«Avrete forza dallo Spirito Santo che scenderà su di voi e mi sarete testimoni a Gerusalemme, in tutta la Giudea e la Samaria, e fino agli estremi confini della terra» (At 1, 8).

«Vegliate quindi su voi stessi e su tutto il gregge, sul quale lo Spirito Santo vi ha costituiti...» (At 20,28).

A. CHIAMATA DI DIO

49 Siamo convinti che Dio ci chiama a vivere in comunità fra­terne, seguendo il modello del discepolato vissuto dai dodici e animato da Gesù.

Don Bosco è per noi padre, modello e maestro. Tramite lo studio, la preghiera e l'esperienza concreta egli imparò ad af­frontare la realtà, a valutarla ed a trovare le risposte adeguate agli eventi e alle situazioni nuove. Con le sue doti umane e spirituali, radunò attorno a sé una comunità fraterna ed apo­stolica, in costante crescita vocazionale.

Le comunità salesiane di oggi vogliono continuare lo spirito della comunità di Don Bosco e dei primi salesiani. Per noi la comunità è un vero focolare dove, in clima di fraternità, ci sosteniamo gli uni gli altri nel cammino di crescita personale e vocazionale, secondo le diverse tappe e stagioni della vita. La vita comunitaria è già in se stessa formativa.

50 Interpellati dai giovani e sospinti dal dinamismo di un mondo che cambia, ci sforziamo di aggiornare e approfondire il no­stro impegno vocazionale. In questo contesto, il dialogo con i laici e l'impegno per la crescita della CEP diventano per noi un cammino di formazione e di promozione del nostro carisma.

51          Sollecitate dal vasto movimento di rifondazione della vita

consacrata e in ascolto dei segni dei tempi, le nostre comunità avvertono la necessità di una continua trasformazione di men­talità, degli stili di vita, dei criteri e delle metodologie educa­tivo-pastorali, nonché delle strutture, in costante fedeltà al ca­risma originario. Per questo, si sentono chiamate a uno sforzo solidale di riflessione e di dialogo, di sperimentazione e di confronto, di decisioni e di verifica, che assicuri una forma­zione continua.

52 Il Direttore, padre, maestro, fratello ed amico, è riconosciuto e sostenuto dai confratelli come il punto di riferimento nel vis­suto quotidiano, e animatore della loro fedeltà e crescita voca­zionale. Egli unisce, guida ed incoraggia tutta la comunità a vivere in profondità la propria vocazione alla santità nello spi­rito di Don Bosco36.

B. SITUAZIONE

53 La situazione si presenta con i seguenti aspetti positivi. In molte comunità i confratelli si dimostrano aperti alla for­mazione e al cambiamento. Il desiderio di crescita vocazio­nale si realizza:

—  nell'amore fraterno e vicendevole, nella comprensione e nella mutua accettazione, nella preghiera comunitaria, nella collaborazione per ideare e realizzare il progetto comune, nel dialogo;

—  nella partecipazione a particolari momenti comunitari, come l'assemblea ispettoriale e comunitaria, la giornata della comunità, i ritiri mensili e trimestrali, gli esercizi spi­rituali.

Si evidenziano anche alcune peculiari sensibilità, che contri­buiscono alla formazione:

36 Cf. Cost. 55

56

 

—  la responsabilità per la propria crescita umana e spirituale;

—  la capacità di condividere con i confratelli il proprio vissuto interiore;

—  l'attenzione alla dimensione umana ed affettiva della per­sona;

—  il desiderio non solo di educare i giovani, ma di lasciarsi educare da essi;

—  la mentalità progettuale, che porta ad un sempre più ampio coinvolgimento;

—  l'impegno per l'inculturazione e per l'inserimento nel con­testo sociale ed ecclesiale.

In diverse parti della Congregazione viene data una valuta­zione positiva del ministero del direttore, mentre si segnalano alcune condizioni che ne favoriscono l' esercizio:

—  il suo ruolo come uomo dell'unità e della fraternità;

—  la capacità di condurre la comunità su linee di rinnova­mento e di risposta ai problemi del mondo d'oggi, in sin­tonia con il magistero della Chiesa e con le indicazioni della Congregazione;

—  l'attenzione degli Ispettori e dei loro Consigli e la parteci­pazione dei confratelli nella scelta dei direttori;

—  la preparazione del direttore per il suo ministero;

—  il sostegno personale offerto al direttore da parte dell'Ispet­tore.

54 In alcune comunità si lamentano tuttavia difficoltà e incer­tezze dovute a:

—  l'influsso della cultura odierna, con i suoi fenomeni di se­colarismo, relativismo, edonismo e individualismo;

—  l'indebolimento della fede, che si manifesta nell'affievoli­mento della vita di preghiera, della fedeltà alla celebrazione eucaristica quotidiana e del sacramento della Riconcilia­zione, nella lettura degli avvenimenti della vita e della storia in base a criteri non evangelici, nella diminuzione dell'entusiasmo per 1' evangelizzazione;

57

—l'immaturità umana, la fragilità psicologica, la superficia­lità nelle relazioni, l'insufficiente comunicazione e dialogo;

—l'insufficienza numerica e qualitativa, la poca collabora­zione tra i confratelli, lo scarso collegamento tra i diversi ruoli nella comunità e nella missione, una inadeguata distri­buzione di compiti, la mancanza di equilibrio tra lavoro, studio, preghiera;

—  l'incapacità di accompagnarsi tra fratelli nella crescita, di aiutarsi nelle difficoltà, di sostenersi anche con la corre­zione fraterna;

—  la crisi del "colloquio fraterno" con il direttore;

—  l'insufficiente attenzione ai confratelli giovani e in forma­zione iniziale;

—  la discontinuità tra la formazione iniziale e quella perma­nente;

—  la molteplicità di impegni del direttore o la mancata gerar­chizzazione di essi, che limitano la disponibilità di energie e di tempo a servizio dei confratelli; talora, l'assenza, anche frequente, del direttore dalla comunità;

—  la tendenza da parte del direttore a fare più che a far fare;

—  in alcuni casi, la sua inadeguata preparazione.

C. SFIDE E ORIENTAMENTI OPERATIVI

1. LA COMUNITÀ: LUOGO DI FORMAZIONE E ANIMAZIONE SFIDE

55 L'analisi della situazione evidenzia la presenza di molteplici sfide, tra le quali sembrano prioritarie le seguenti:

·    Quali atteggiamenti favorire per un effettivo cambiamento di mentalità e l'apertura al rinnovamento?

·    A quali condizioni è possibile assicurare e migliorare l'im­pegno di tutti i confratelli alla formazione continua?

58

 

·  Quali esperienze salesiane privilegiare e promuovere per arricchire la formazione in comunità?

·  Come valorizzare il vissuto quotidiano nella sua dimen­sione formativa?

ORIENTAMENTI OPERATIVI

Si indicano particolarmente i seguenti, come risposta alle sfide evidenziate e in prospettiva di futuro:

56 Migliorare l'impegno di tutta la comunità nella formazione:

·  abilitando i confratelli in formazione iniziale ad acquisire le convinzioni e gli atteggiamenti necessari per la formazione permanente;

·  coinvolgendo tutti i confratelli in quei processi che promuo­vono il confronto, il dialogo, la ricerca: programmazione comunitaria, verifica sistematica della vita e dell'azione della comunità;

·  incoraggiando e accompagnando ogni confratello nell'im­pegno per la propria formazione mediante il progetto perso­nale di vita.

57 Privilegiare alcuni ambiti di formazione:

·  la maturazione umana, specialmente quella affettiva;

·  l'identità vocazionale cristiana e salesiana37;

·  la comprensione e l'apprezzamento del Sistema Preventivo come via di santità salesiana;

·  l'abilitazione a lavorare in équipe, anche con i laici, ed a formulare progetti e individuare processi;

·  la conoscenza del contesto culturale e della realtà giovanile, per la inculturazione dei valori evangelici e del carisma sa­lesiano.

37 Cf. FSDB, 26-37

59

58 Valorizzare il vissuto quotidiano:

·  animando la comunità ad una spiritualità di comunione38, prerequisito di ogni collaborazione e condivisione;

·  coinvolgendo tutte le risorse della comunità in vista della missione comune;

·  favorendo la crescita dell'identità religiosa attraverso i mo­menti comunitari, e in particolare gli incontri di program­mazione e di verifica, le assemblee comunitarie, la giornata della comunità;

·  aiutando i confratelli a trovare tempi e ritmi giusti per supe­rare 1' attivismo e la superficialità e programmando con cura momenti per lo studio, la lettura personale, la riflessione co­munitaria, la condivisione, la preghiera, la ricreazione e il riposo.

59 Per realizzare queste linee si propone:

A livello mondiale

Il Consigliere generale per la formazione con la sua équipe:

·  continua a presentare opportunamente e a valorizzare la nuova Ratio;

·  coordina e rafforza i centri di formazione permanente na­zionali ed internazionali;

·  promuove la valorizzazione dei luoghi salesiani per mo­menti di formazione, anche per i diversi contesti culturali e linguistici.

38 Questa spiritualità di comunione «significa innanzitutto sguardo del cuore portato sul mistero della Trinità che abita in noi... Significa inoltre capacità di sentire il fratello di fede nell'unità profonda del Corpo mistico, dunque, come "uno che mi appartiene", per saper condividere le sue gioie e le sue sofferenze, per intuire i suoi desideri e prendersi cura dei suoi bisogni, per offrirgli una vera e profonda amicizia. Spiritualità della comunione è pure capacità di vedere innanzitutto ciò che di positivo c'è nell'altro, per acco­glierlo e valorizzarlo come dono di Dio... Spiritualità della comunione è in­fine sapere "far spazio" al fratello, portando "i pesi gli uni degli altri" (Gal 6,2) e respingendo le tentazioni egoistiche che continuamente ci insidiano e generano competizione, carrierismo, diffidenza, gelosie» (NMI 43).

60

 

60 A livello ispettoriale

·  La Commissione ispettoriale per la formazione elabora il programma annuale per la formazione permanente, con at­tenzione speciale all'area affettiva e alla capacità di rapporti interpersonali.

·  Il delegato per la formazione coordina programmi specifici per rispondere ai bisogni di vari gruppi di confratelli, non trascurando gli ammalati e gli anziani, per aiutarli a vivere con serenità e spirito di fede la loro situazione.

·  L'Ispettore con il suo Consiglio cura l'elaborazione del pro­getto ispettoriale per la qualificazione del personale, d'in­tesa con la commissione della formazione ed in dialogo con i confratelli. Si preoccupa di dare il peso dovuto agli studi filosofici, pedagogici, teologici, salesiani, professionali e accademici.

·  Si predispone e si favorisce da parte di ogni Ispettoria l'effet­tiva possibilità di accedere alle fonti della nostra spiritualità.

·  Dove si giudica conveniente, le case di formazione iniziale siano aperte anche al servizio e sostegno della formazione permanente di altri confratelli, dei membri della Famiglia Salesiana e dei collaboratori laici.

·  I confratelli tirocinanti, i coadiutori che hanno appena com­piuto la formazione iniziale e i sacerdoti nei primi anni del loro ministero pastorale vengano mandati nelle comunità che hanno una sufficiente consistenza, sia qualitativa che quantitativa, e che siano in grado di accompagnarli nella loro crescita.

·  Ai confratelli siano offerti congrui periodi di ricarica ed espe­rienze spirituali atte a sostenerli nelle varie fasi della vita.

·  Sin dall'inizio della formazione i confratelli siano introdotti a diverse forme di apprendimento cooperativo (cooperative leaming).

61 A livello comunitario

·  Fondamentale sorgente di formazione spirituale rimangono: la celebrazione quotidiana dell'Eucaristia, il sacramento

61

della Riconciliazione, la Liturgia delle ore, la meditazione, la devozione a Maria Ausiliatrice e ai santi della Famiglia Salesiana, e altre forme di preghiera.

·  La lectio divina, personale e comunitaria, sia favorita come strumento di crescita della vita della comunità e "scuola di preghiera" per i confratelli, i laici e i giovani, specialmente nei tempi forti dell'anno liturgico.

·  Siano valorizzati la giornata della comunità e i vari raduni comunitari. Queste occasioni siano adeguatamente prepa‑

rate e programmate, in modo che diventino una opportunità efficace di crescita spirituale e di condivisione delle proprie esperienze personali.

·  Il progetto comunitario nasce dall'apporto di tutti i confra­telli, in modo che sia veramente condiviso e puntualmente verificato.

·  Anche agli effetti della formazione, le singole comunità pongano in atto tutte quelle misure ritenute utili alla salva­guardia, al riordino e all'arricchimento delle loro biblio­teche e degli archivi documentari.

62 A livello personale

·  Il confratello dia la priorità ai tempi di preghiera, di rifles­sione personale e di ritiro, alla giornata settimanale della comunità e ai raduni per la programmazione e la verifica.

·  Valorizzi la direzione spirituale, sia personale che comuni­taria.

·  Sviluppi, anche con l'aiuto delle scienze umane, le capacità e gli atteggiamenti di autoconoscenza e autostima.

·  Il progetto personale di vita39 può diventare argomento del colloquio col direttore.

39 FSDB, 277


2. IL DIRETTORE: ANIMATORE DELLA COMUNITÀ SFIDE

63 Nella situazione attuale varie sono le sfide per l'adeguato esercizio del ministero del direttore, tra le quali queste sem­brano le più rilevanti:

·  Come aiutare il direttore perché in comunità possa essere non solo uomo di governo e ultimo responsabile delle atti­vità, ma soprattutto padre, guida, fratello e amico?

·  Come verificare che esistano le condizioni perché un diret­tore possa svolgere convenientemente il suo ministero?

·  Come preparare adeguatamente un confratello ad assumere il ruolo del direttore?

·  Come aiutare i confratelli a riconoscere con fede il ruolo del direttore e sostenerlo nel suo servizio?

ORIENTAMENTI OPERATIVI

64 • Il direttore, sul modello di Don Bosco, sia «una figura pa­terna, allo stesso tempo affettuosa e autorevole... Profonda­mente segnato dal carattere sacerdotale, lo traduce quotidia­namente nel ministero della parola, della santificazione e dell' animazione »4°.

·  Il primo compito del direttore è di animare la comunità nella carità ("studia di farti amare"), facendo attenzione ai confratelli, particolarmente i più fragili e quelli in forma­zione iniziale. L'esercizio del suo ministero, nella situa­zione odierna, richiede che egli tenga conto della scala ge­rarchica dei suoi compiti: servitore dell'unità e dell'identità salesiana, maestro e guida pastorale, orientatore degli im­pegni di educazione, gestore dell'opera'''.

4° Cf. J. Vecchi, Spiritualità salesiana, ed. SDB IVE-IVO, pag. 129-131 41 Cf. CG21, 52

·  Il direttore «vive in una visione di fede, che si traduce nella certezza di aver ricevuto dal Signore quello che può giovare alla comunità. Di conseguenza vive nell'offerta gioiosa delle proprie possibilità e nella tranquillità di fronte ai suoi limiti di temperamento o di capacità»42. Egli gode la fiducia dei confratelli della casa e dell'Ispettoria e viene accettato non solo per quello che fa, ma soprattutto per quello che è e che rappresenta.

·  Dinanzi alla molteplicità e alla delicatezza dei compiti del direttore, è di fondamentale importanza garantirgli una buona preparazione previa e continua, con contenuti e me­todologie utili al suo servizio.

65 Si propone:

A livello ispettoriale

·  L'Ispettore assicura riunioni regolari dei direttori per la for­mazione, lo scambio di informazioni e l'intesa sulle attività e l'animazione ispettoriali43.

·  A livello interispettoriale o regionale vengono organizzati corsi di preparazione e di aggiornamento per i direttori.

A livello locale

·  La comunità, con il coordinamento del direttore, all'inizio dell'anno elabora il progetto comunitario annuale, dove di­rettore e confratelli esprimono le proprie aspettative, condi­vidono obiettivi e criteri di azione e programmano i mo­menti comuni".

·  Il direttore, oltre ad avere l'appoggio dell'Ispettore, sia coadiuvato e sostenuto da una valida figura di vicario e dalla cooperazione costante del suo Consiglio.

42 Cf. J. Vecchi, Spiritualità salesiana, ed. SDB IVE-IVO, pag. 25

43 Cf. Reg. 145

44 Cf. Cost. 181

• Il direttore, sensibile alle necessità dei confratelli e in dia logo con loro, s'impegna a favorire e promuovere il modo più consono di fare il "colloquio", pronto a fare il primo passo.

• Il direttore, con l'aiuto dell'Ispettore, cerca di assicurarsi una adeguata preparazione, anche con l'utilizzo delle scienze umane.

V. CONDIZIONI ORGANIZZATIVE E STRUTTURALI PER VIVERE E LAVORARE INSIEME

«Gli apostoli facevano molti prodigi e miracoli in mezzo alla gente. I credenti, di solito, si riunivano sotto il portico di Salomone. [...] La comunità cresceva sempre di più, perché aumentava il numero di uomini e di donne che credevano nel Signore» (At 5,12.14).

A. CHIAMATA DI DIO

66 Il Signore ci chiama a "vivere e lavorare insieme" nelle diverse situazioni sociali, culturali e religiose nelle quali vivono i gio­vani e ad essere in esse, come comunità salesiana, segni profe­tici del suo amore e testimoni dei valori del Regno dei Cieli.

Siamo coscienti che Dio ci chiede di assumere ed attuare la nostra missione in primo luogo come comunità ispettoriale e locale45.

67 In Congregazione si sono sviluppate diverse modalità di vita comunitaria salesiana. Esse mentre ci impegnano a ripensare e rinnovare le modalità operative e organizzative della comunità religiosa salesiana, ci invitano a verificare continuamente le condizioni fondamentali che rendono possibile una vita comu­nitaria significativa nell'adempimento della nostra missione.

B. SITUAZIONE

68 Le comunità salesiane sperimentano situazioni diversificate ed in parte nuove riguardo al "vivere e lavorare insieme". Le nuove situazioni di vita comunitaria salesiana oggi si presen­tano con le seguenti tipologie:

45 Cf. Cost. 44 e 49

—Comunità con un numero ridotto di confratelli ed impe­gnate ad animare una pluralità di opere e presenze, sia in terra di missione, sia in realtà con carenza di personale;

—Comunità inserite in opere complesse, con sproporzione fra lavoro e risorse e conseguente frammentazione dei ritmi comunitari.

—Comunità inserite pienamente nel tessuto sociale, fino alla condivisione dello stile di vita del popolo; che lavorano in stretta collaborazione con la Chiesa locale; che collaborano con membri di altre religioni.

—Comunità con presenze di laici e di giovani all'interno della vita comunitaria.

In molte comunità sono presenti esperienze positive da cui traspare una vita fraterna di sapore tipicamente evangelico, la condivisione comunitaria ed il senso di responsabilità e di partecipazione alla missione.

69 Ci sono alcuni aspetti che influenzano negativamente la signi­ficatività del nostro "vivere e lavorare insieme". Permane in alcuni casi un modello operativo di comunità che richiede un serio ripensamento del rapporto Comunità-Missione:

—elementi strutturali che influenzano i rapporti comunitari, quali la prevalenza delle relazioni funzionali su quelle fra­terne; la poca valorizzazione del progetto comune e dei mo­menti destinati all'incontro fraterno; la mancanza di orga­nizzazione del lavoro e la sua settorializzazione;

—orari, abitudini, schemi che rendono la comunità assuefatta a modalità d'azione pastorale, a risposte tradizionali che sono molto distanti dalla realtà e dalla cultura dei giovani

d' oggi;

—presenze che non sollecitano alcun interrogativo, che non attivano comunione e collaborazione con quanti condivi­dono lo spirito e la stessa missione salesiana.

Le suddette condizioni costituiscono concreti e reali rischi per alcuni confratelli, favorendo stanchezza fisica e spirituale, si‑

tuazioni di disagio psicologico e relazionale, indipendenza nelle iniziative, frammentazione nell'esercizio delta missione, difficoltà generazionali, accumulo di ruoli e di funzioni.

70 Il processo verso una comunità di salesiani religiosi con il compito di animazione all'interno di una realtà più ampia — la Comunità Educativo Pastorale — è irreversibile46.

Sempre di più al nucleo animatore della CEP partecipano anche altri soggetti (giovani, laici, membri della Famiglia Sa­lesiana, rappresentanti della Chiesa locale e del territorio) che condividono la nostra spiritualità e missione impegnandosi nell'animazione. In esso la comunità salesiana svolge il ruolo di riferimento carismatico a cui tutti s'ispirano.

C. SFIDE

71 In risposta alla chiamata di Dio ed alla situazione sopra illu­strate, quattro sono le sfide che esigono una modalità nuova di organizzare il nostro lavoro apostolico e la stessa vita della comunità salesiana:

·  Come superare la tendenza all'individualismo, al settoria­lismo ed alla scarsa capacità di condivisione, che compromet­tono il nostro vivere e lavorare insieme?

·  Come garantire una consistenza qualitativa e quantitativa della comunità salesiana, quale condizione previa per la vita frater­na, la testimonianza evangelica e la presenza tra i giovani?

·  Come ripensare il rapporto tra le opere e la comunità sale­siana, al fine di assicurare a questa il ruolo di garanzia del carisma, di animazione e di coinvolgimento di quanti condivi­dono lo spirito e la missione di Don Bosco?

·  Come razionalizzare l'insieme delle presenze salesiane in un determinato territorio al fine di assicurare le condizioni suf­ficienti per una vita comunitaria e fraterna e l'animazione della CEP?

46 Cf. Relazione del Vicario del Rettor Maggiore al CG25, n. 321

D. ORIENTAMENTI OPERATIVI

1. Operare secondo un progetto comunitario

72 Ogni comunità condivide ed elabora il proprio progetto comunitario ed annualmente lo verifica.

In tal modo, si dà consistenza alla capacità di "vivere e lavo­rare insieme", superando la progressiva dispersione del lavoro individuale ed il rischio della frammentazione. Si tratta di condurre i confratelli a convincersi della necessità di operare secondo lo stesso progetto, che non significa necessariamente eseguire insieme le stesse cose.

73 La comunità si abilita ad operare secondo una mentalità pro­gettuale:

·  Sviluppando tra i confratelli una visione condivisa del pro­getto comunitario ed aiutando ciascuno a scoprire e valo­rizzare doni e qualità. La comunità accetta ogni confratello con la sua ricchezza ed i suoi limiti e determina ruoli di corresponsabilità per ciascuno47.

·  Vivendo il progetto come un processo comunitario, che parte dal vissuto dei confratelli. L'obiettivo non è solo la stesura finale del progetto, ma soprattutto mettere in atto un confronto continuo su visioni, valori, aspettative che porti i confratelli ad un fattivo vivere e lavorare insieme.

·  Promovendo momenti di dialogo (assemblea dei confratelli, Consiglio locale), di discernimento della volontà di Dio (momenti di preghiera, ascolto della Parola di Dio attra­verso la lectio divina, di confronto con il Magistero della Chiesa e della Congregazione), in sintonia con il Progetto Organico Ispettoriale ogni comunità condivide, elabora e verifica ogni anno il cammino del proprio progetto.

·  Interrogandosi in particolare sui seguenti aspetti: Chi vo­gliamo essere oggi come comunità locale? Come possiamo,

47 Cf. Cost. 52

70

 

in quanto comunità locale, essere presenti in maniera sale­siana e religiosa, animare la CEP e dare una testimonianza evangelica? Quali conseguenze concrete ne scaturiscono per la comunità? Quali scelte dobbiamo fare ora? Di quale formazione personale e comunitaria abbiamo bisogno?

74 L'elaborazione del progetto comunitario impegna la comu­nità nelle sue diverse componenti:

·  Coinvolgendo ogni confratello, al di là del ruolo che ricopre e facendo appello alla sua corresponsabilità. Il dialogo fra­terno facilita la partecipazione di tutti, armonizzando il pro­getto personale di vita e quello comunitario.

·  Individuando, attraverso la programmazione annuale, obiet­tivi, mete ed interventi che la comunità stessa si impegna a conseguire e verificare.

·  Organizzando in modo adeguato e coerente il ritmo della vita comunitaria, le attività e gli orari della vita religiosa e del servizio educativo pastorale, salvaguardandone lo stile salesiano.

·  Garantendo al direttore, cui spetta animare questo processo con aiuto del suo Consiglio, il necessario supporto da parte dell'Ispettore e degli organismi di animazione ispetto­riale, con attenzione ai contributi delle scienze umane.

·  Invitando l'Ispettore con il suo Consiglio alla verifica del cammino di realizzazione dei progetti delle singole comu­nità e della loro consonanza con quello ispettoriale.

75 2. Garantire la consistenza qualitativa e quantitativa della comunità salesiana

La consistenza qualitativa e quantitativa della comunità salesiana è condizione fondamentale affinché ogni comunità renda possibile l'esperienza di vita fraterna, di testimonianza evangelica, di presenza animatrice tra i giovani, di formazione permanente, e realizzi in modo significativo il suo compito

71

animatore nella CEP, secondo il modello operativo descritto dal CG2448.

76      Ciò si realizza:

·  Curando l'equilibrio delle nuove frontiere della missione salesiana e il consolidamento o il ridimensionamento delle attuali, a livello mondiale ed ispettoriale.

·  Promovendo nella comunità ispettoriale e locale la co­scienza di una missione comune, garantendone la qualità spirituale ed educativo-pastorale attraverso la formazione permanente ed il funzionamento degli organismi della co­munità (Consiglio della casa, Assemblea dei confratelli, in­contri fraterni regolari).

77 Per raggiungere questo obiettivo:

·  L'Ispettore ed il suo Consiglio valutano la consistenza qua­litativa e quantitativa delle Comunità esistenti:

—  alla luce del criterio dato dai Regolamenti Generali, arti­coli 20 e 150;

—  verificando le concrete opportunità di sviluppo che con­sentano di giungere, in tempi ragionevoli, ad una vita co­munitaria significativa;

—  definendo, in dialogo con le comunità che vivono situa­zioni particolari riguardo alla consistenza quantitativa, le modalità relative all'esercizio dell'autorità e degli orga­nismi della vita comunitaria.

·  L'Ispettore ed il suo Consiglio, nell'iniziare nuove presenze e nel formare nuove comunità, garantiscono l'adeguata con­sistenza qualitativa e quantitativa, al fine di realizzare:

—  una vita fraterna di qualità, secondo lo stile dello spirito di famiglia;

—  la programmazione e verifica comunitaria della missione affidata alla comunità;

48 Cf. CG24, 159. 173. 174

72

 

— l'animazione delle opere e presenze e delle rispettive CEP.

·  Il Rettor Maggiore ed il suo Consiglio, durante il sessennio, promuovono un processo di valutazione nelle Ispettorie e Regioni che, a causa delle nuove situazioni, devono reimpo­stare la presenza salesiana.

3. Ridefinire il rapporto tra Comunità ed Opera

78 Il rapporto tra Comunità ed Opera deve permettere alla Comunità salesiana di vivere e lavorare insieme ed essere punto di riferimento carismatico nel nucleo animatore della CEP. Il che suppone che il progetto comunitario sia in linea con il Progetto Organico Ispettoriale e con quello di ogni CEP.

79 La Comunità salesiana realizza il suo compito di animazione della CEP maturando nella convinzione:

·  Che tutti i salesiani religiosi, secondo le loro possibilità, sono membri del nucleo animatore, nella consapevolezza che esso non si riduce alla comunità SDB. In linea interpre­tativa con l'art. 5 dei Regolamenti Generali e nello spirito del CG24 e degli orientamenti successivi49, va maggior­mente incentivata la coscienza che la responsabilità dell'a­nimazione della CEP è da condividere con i laici, superando

49 «Che cosa intendiamo per "nucleo animatore"? È un gruppo di persone che si identifica con la missione, il sistema educativo e la spiritualità salesiana e assume solidalmente il compito di convocare, motivare, coinvolgere tutti co­loro che si interessano di un'opera, per formare con essi la comunità educa­tiva e realizzare un progetto di evangelizzazione ed educazione dei giovani. Il punto di riferimento per questo gruppo è la comunità salesiana. Ciò vuol dire che i Salesiani, tutti e sempre, sono parte del nucleo animatore. Cia­scuno, anziano o giovane, direttamente impegnato in funzioni operative o in riposo, dà il contributo che la sua preparazione o situazione consentono. [...] Vuol dire persino, che il nucleo locale può essere formato principalmente da laici, avendo sempre alle spalle un supporto sufficiente, sul posto o nell'I­spettoria, da parte dei Salesiani» (Don J. E. VECCHI, in ACG 363, pag. 8-9).

73

resistenze ed entrando nella prospettiva della corresponsabi­lità carismatica e pastorale.

·  Che tutta la comunità, anche quando è rappresentata da un solo confratello, si sente partecipe del nucleo animatore del‑

l' opera.

·  Che il vivere e lavorare insieme della comunità trova una prospettiva più ampia, a livello di rapporti e di corresponsa­bilità, nel contesto della CEP.

·  Che il rapporto tra le strutture di governo della comunità religiosa e le strutture di governo dell'opera deve essere ar­monizzato, evitando sovrapposizioni.

80 La Comunità salesiana vive la sua vocazione ad essere punto di riferimento per l'identità carismatica del nucleo animatore della CEP assumendo il modello operativo descritto dal CG24. A tal fine la Comunità salesiana cresce:

·  formando i giovani ed i laici al carisma salesiano;

·  condividendo con i laici la propria missione;

·  vivendo lo spirito di famiglia;

·  promovendo una vera corresponsabilità nell' animazione e nel governo;

·  garantendo fedeltà all'intenzionalità pastorale di tutti gli aspetti della vita comunitaria;

·  divenendo promotrice di pace e di giustizia e capace di ri­sposte concrete ai bisogni dei poveri.

81 La Comunità salesiana favorisce il suo rapporto con la CEP:

·  vivendo con fiducia e gioia il dialogo con i giovani nel ter­ritorio;

·  facilitando la partecipazione dei salesiani, dei giovani e dei laici nel lavoro di rete, attraverso il coinvolgimento delle strutture locali ed ispettoriali;

·  operando il discernimento dei segni dei tempi;

·  promovendo l' acquisizione di competenze professionali nella pastorale giovanile, nelle dimensioni dell'evangelizza‑

74

 

zione, dell'educazione, del sociale e della pastorale voca­zionale;

·  organizzando una pastorale che coordini fra loro la CEP ed il suo Consiglio con la comunità locale ed il suo Con­siglio50.

4. Elaborare e verificare il Progetto Organico Ispettoriale

82 La Comunità ispettoriale, attraverso i suoi organismi, studi, elabori o verifichi, nei prossimi tre anni, il Progetto Organico Ispettoriale.

Il Progetto Organico Ispettoriale presenta le opzioni fonda­mentali che guidano lo sviluppo dell'Ispettoria, assicurandone la continuità e la coerenza delle decisioni. Comprende i campi d' azione prioritari per i prossimi anni, i criteri operativi che devono guidare i diversi piani e progetti, le presenze cui pre­stare attenzione, le linee generali per la preparazione delle persone e lo sviluppo economico e strutturale, rispondendo alle urgenze odierne ed alle previsioni future emerse dall' ana­lisi del territorio51.

83 Il Progetto Organico Ispettoriale dovrà perseguire i seguenti obiettivi:

·  il rafforzamento, in ogni confratello ed in ogni comunità, del senso della missione comune e della corresponsabilità in essa;

·  il ridimensionamento o la ristrutturazione dei fronti d'im­pegno e di sviluppo dell'Ispettoria;

·  il superamento di situazioni comunitarie di frammenta­zione, di dispersione ed inconsistenza numerica;

50 CL CG24, 161

51 Cf. La pastorale giovanile salesiana. Quadro di riferimento fondamentale, pag. 132

75

·    la reale priorità delle presenze più significative e profetiche e una più autentica espressione della missione salesiana nel territorio.

84 Nell'elaborazione e revisione del Progetto Organico Ispetto­riale, l'Ispettore e il suo Consiglio, coadiuvato da un'équipe operativa, valutano la significatività della missione delle sin­gole opere/presenze sulla base dei seguenti criteri:

·    la consistenza qualitativa e quantitativa della comunità sa­lesiana;

·    la possibilità di una vita religiosa fraterna secondo lo stile salesiano, leggibile e significativa per i giovani e per i laici collaboratori;

·    la presenza tra i giovani, specialmente i più poveri e biso­gnosi, vivendo intensamente il Sistema Preventivo;

·    la capacità di offrire risposte di qualità educativa ed evange­lizzatrice alle sfide che provengono dal mondo giovanile e dal contesto sociale;

·    la capacità di aggregare altre forze (laici, giovani, Famiglia Salesiana, altre ispettorie ed organizzazioni) e di suscitare vocazioni ecclesiali, con attenzione particolare per la Fami­glia Salesiana;

·    la promozione di presenze agili e leggere, che permettano un dinamico adeguamento al cambiamento delle realtà;

·    la capacità di collaborare e di incidere in modo efficace e profetico nella trasformazione evangelica del territorio.

CONCLUSIONE

85 Al termine dei lavori capitolari, ci ritroviamo con la ricchezza non tanto di un testo scritto, quanto di un'esperienza vissuta: quella di una comunità fraterna che ha saputo accogliere e va­lorizzare le diversità, ravvivare e approfondire le ragioni ideali del vivere e dell'operare, dilatare l'ascolto del mondo soprat­tutto giovanile, assumere le gioie e le preoccupazioni di tanti confratelli, insieme lavorare, insieme pregare, insieme spezzare il pane. È il dono pasquale della comunità che vogliamo condi­videre con tutti, rinnovando la nostra fede:

Crediamo che la nostra comunità

nasce dalla gratuita iniziativa del Padre, affonda le sue radici nella Pasqua del Signore, è un dono sempre nuovo dello Spirito Santo.

Crediamo di essere chiamati a vivere in comunità

al seguito di Gesù obbediente povero e casto

secondo il carisma di Don Bosco,

al servizio dei giovani, specialmente i più poveri,

per camminare insieme verso la piena maturità di Cristo.

Crediamo che la comunità salesiana,

guidata e sostenuta dalla materna presenza di Maria Ausiliatrice, si costruisce attorno alla Parola, al Pane e al Perdono, e che, attraverso l'esercizio della carità e della correzione fraterna, diventa luogo di misericordia e di riconciliazione.

Crediamo che la pratica del Sistema Preventivo,

quale ispirazione e metodo per vivere e lavorare insieme, rafforza le nostre relazioni con Dio,

matura i nostri rapporti fraterni

e unisce in un'unica esperienza salesiani, giovani e laici in un clima di famiglia, di fiducia e di dialogo.

Crediamo che la missione salesiana è affidata alla comunità, per cui tutti ne siamo partecipi e corresponsabili, con la ricchezza dei doni personali,

nella complementarità delle vocazioni laicale e presbiterale, nella valorizzazione di competenze, ruoli e servizi.

Crediamo che ogni nostra comunità,

vivendo lo spirito di famiglia,

facendosi attenta alle necessità del territorio, in unione con tutta la Famiglia Salesiana, diventa per i giovani e per i fratelli

esempio di vita piena di umanità e di grazia, segno luminoso di amore,

scuola di spiritualità,

proposta vocazionale

e profezia di comunione.

86 Ora, come i discepoli di Emmaus, ritorniamo ai nostri luoghi di vita e di azione, sapendo di incontrare comunità di fratelli con i quali condividere questa fede. Confortati dal dono dello Spi­rito, risponderemo insieme all'invito del "Duc in altura!" per una missione ancor più coraggiosa, certi che il primo e fonda­mentale appello è quello della santità: «Cari salesiani, siate santi! È la santità il vostro compito essenziale, come lo è del resto, per tutti i cristiani!»52, e convinti che l'impegno più ur­gente è di vivere e comunicare una spiritualità di comunione: «fare della Chiesa la casa e la scuola di comunione: ecco la grande sfida che ci sta davanti se vogliamo essere fedeli al di­segno di Dio e rispondere anche alle attese del mondo»53.

Santità e comunione: ecco i doni che vogliamo condividere con i giovani.

52 GIOVANNI PAOLO II, Discorso ai partecipanti al Capitolo Generale, in "L'Osservatore Romano" 13-04-2002, pag. 5

53 NMI 43