Consiglio Risorse

Cagliero11 - marzo 2014

MISSIONI


MISSIONI - Cagliero 11

Cagliero11 SLKDownload file

1 2

Titolo notiziario
Nome società
N. 63 - marzo 2014
Bollettino di Animazione Missionaria Salesiana
Pubblicazione del Dicastero per le Missioni per le Comunità Salesiane e gli amici delle missioni Salesiane
C arissimi Salesiani ed amici delle missioni salesiane,
il Capitolo Generale 27 ha creato una grande comunità di 220 confratelli arriva-
ti da tutto il mondo e che staranno insieme per 6 settimane.
Che ricchezza di culture, di lingue, di esperienze di fede e del carisma: tutti
creano un mosaico del volto di Don Bosco oggi!
In quest’occasione si riflette, si verifica, si sogna e si progetta insieme in tan-
te lingue! L’11 marzo voglio condividere un grazie per i 30 anni trascorsi da
quando sono scappato dalla mia patria per andare in missione. Sono già passa-
ti 12 anni della mia vita nel Consiglio Generale ed anche 6 anni da quando ho
condiviso durante il CG26 il mio motto “Tutto a Gesù, Gesù a tutti!”.
Un grazie dal cuore a tutti coloro che fanno crescere la cultura missiona-
ria nel mondo:
* a tutti i confratelli (ispettori, formatori, confessori, direttori spirituali)
che hanno contribuito a suscitare e accompagnare più di 200 nuovi missionari ad gentes
nelle 56 ispettorie salesiane durante il sessennio;
* a tutti i delegati ispettoriali di animazione missionaria (con le loro equipe) che con entusiasmo
hanno mantenuto accesa (in collaborazione con tanti altri) la fiamma missionaria;
* a tutti i membri della Consulta Mon-
diale per le Missioni che hanno suscitato
e accompagnato diversi processi con i
loro consigli, ispirazioni, verifiche;
* a tutti i direttori e staff delle Procu-
re missionarie, ONG per le missioni
(specialmente di DB Network) e delle PDO
per il loro lavoro instancabile servizio alle
missioni salesiane;
* a tutti i miei predecessori, (D. Ber-
nard Tohil (+2010); Mons. Luc Van Looy;
D. Luciano Odorico e D. Francis Alen-
cherry); a tutti i miei confratelli collabo-
ratori nel Dicastero durante il sessennio
(D. Pietro Santilli, D. Dionisio Pacheco, D. Placide Carava, D. Stanislaw Rafalko, D. Jose Anikuzhikattil e
D. Alfred Maravilla);
* ai tanti confratelli missionari che ho incontrato nelle visite, soprattutto nei luoghi difficili (a causa
del clima, della situazione socio-politica, di discriminazione, di oppressione, o di sicurezza) che ogni
giorno danno il meglio per la missione;
* ai tanti giovani missionari che hanno risposto alla chiamata missionaria con coraggio e generosità;
a quanti tra loro che hanno condiviso la propria testimonianza attraverso il Cagliero11.
* ai tanti confratelli e membri della Famiglia Salesiana grazie ai quali il Cagliero11 è nato e si è svi-
luppato durante gli ultimi 5 anni. In modo speciale ai traduttori (D. Dionisio Pacheco, D. Hilario Passero,
D. Angelo Biz, René Dassy e Renée Sagher...), l’editore (D. Alfred Maravilla), il layout (Luciano Arcare-
se) e tanti altri che aiutano nella diffusione e nella produzione delle versioni locali.
GRAZIE! Così, insieme, abbiamo dato il nostro umile contributo alla trasformazione missionaria della
Chiesa chiesta da Papa Francesco!
D. Václav Klement, SDB
Consigliere per le Missioni

Intenzione Missionaria Salesiana
Mia madre pregò per un ‘figlio missionario’, Mia madre pregò per un ‘figlio missionario’, Mia madre pregò per un ‘figlio missionario’,
e ha avuto un ‘vescovo volante’! e ha avuto un ‘vescovo volante’! e ha avuto un ‘vescovo volante’!
D opo aver preso parte a un ritiro predicato da due missionari, mia madre ha iniziato a
pregare per un “figlio missionario”. Così, la mia vocazione missionaria era seminata
prima ancora del mio concepimento! Forse il Signore si stava preparando ad esaudire le pre-
ghiere di mia madre, ma già il proposito della mia prima comunione era: “Voglio essere un
prete missionario”. Anni dopo, durante il mio noviziato, il servo di Dio don Carlo Braga - sia-
mo entrambi di Cologna di Tirano, nelle Alpi italiane - era venuto a fare una visita e ha
chiesto chi volesse essere missionario per l’incipiente presenza salesiana nelle Filippine. Tra
coloro che si sono presentati 3 di noi sono stati scelti.
Ho vissuto 34 meravigliosi anni come missionario nelle Filippine. Come direttore
dell’Oratorio la mia più grande gioia era lavorare con la comunità per essere una presenza rilevante e significativa tra
i poveri ed i giovani di Mandaluyong, un sobborgo povero di Manila. Più tardi, come incaricato della pastorale
dell’Istituto Universitario Don Bosco ho potuto apprezzare molto la confidenza e la fiducia dei giovani, soprattutto i
più problematici. Ho ascoltato le confessioni degli studenti universitari ovunque, anche sul campo di calcio. Sono gra-
to di aver visto miracoli di conversione e guarigione tra di loro. Nel mio ministero di animazione e di governo
nell’Ispettoria FIN, ho lavorato con confratelli impegnati e collaboratori laici che hanno
lasciato un grande segno sulla vita degli studenti e impostato solide basi per le nostre
presenze salesiane. Il coraggio, l'entusiasmo e il dinamismo missionario dei miei confra-
telli mi hanno incoraggiato ad accettare l'invito dei superiori a lasciare il mio secondo
paese e “prendere il largo” per andare alle Isole Salomone.
Ho lavorato nelle Isole Salomone dal 1999. Nel 2007 sono stato nominato vescovo
di Gizo, una diocesi già interamente sostenuta dall’Ordine Domenicano. La più grande
sfida è l'isolamento delle 7 parrocchie e più di 100 stazioni missionarie. I catechisti han-
no tenuto viva la fede in moltissime di queste comunità dove il sacerdote poteva venire
neanche una volta all'anno. Ho dovuto imparare a pilotare un aereo per poter visitare
regolarmente le stazioni isolate. Così, sono stato conosciuto come “il vescovo volante”.
Dopo 50 anni, la diocesi ha solo 2 sacerdoti diocesani e 6 seminaristi. 10 sacerdoti dio-
cesani sono in prestito da altre diocesi. Tranne i pochi Domenicani e 3 fratelli Maristi,
non c'è altro carisma nella diocesi. Le altre congregazioni che avevo invitato hanno sistematicamente rifiutato l'invito.
I Salesiani devono ancora rispondere al mio continuo invito a venire in diocesi.
Le sfide sono molte. Ma il povero servizio educativo è uno dei più impegnativi. Siccome nessuno raggiunge il
livello minimo per entrare nel pre-seminario, abbiamo pochissimi seminaristi della diocesi. I servizi sanitari sono prati-
camente inesistenti. Il terremoto del 2007 e lo tsunami hanno distrutto chiese, scuole e cliniche della diocesi. Sono
grato, quindi, per la “Corsa dei Santi 2013” organizzata dalla Fondazione Don Bosco nel Mondo per la costruzione e la
gestione dei centri sanitari nella diocesi. Ma soprattutto io sono molto grato al mio popolo. Da loro ho imparato a vive-
re la giornata di oggi, la pazienza e l’accontentarmi di poco, del necessario!
Mons. Luciano Capelli
Italiano, missionario nelle Isole Salomone
(http://www.youtube.com/channel/UC4xYHhr-vFsm_r9-v0XybKg)
Vocazione missionaria nella Congregazione nell' Asia Sud (aspirantati missionari). Vocazione missionaria nella Congregazione nell' Asia Sud (aspirantati missionari). Vocazione missionaria nella Congregazione nell' Asia Sud (aspirantati missionari).
Contesto dell'India: nonostante ci sia una piccola minoranza cattolica (1.8% della
popolazione, cioè 17.5 milioni) perseguitata in varie parti del Paese, la Chiesa vive
un forte spirito missionario. Finora sono stati inviati dall'India migliaia di missionari
ad gentes (solo in Africa ne sono presenti circa 2000!) in 168 diversi Paesi del mon-
do. I Salesiani hanno aperto due aspirantati missionari (giovani di 18-20 anni) per
formare esplicitamente coloro che si sentono chiamati a lasciare il proprio Paese e
lavorare per la diffusione del Vangelo e l’educazione dei giovani in tutto il mondo.
Sia a Sirajuji (Nord Est del paese) sia a Chennai (Sud del paese) ci sono, dal 2011,
decine di giovani in formazione missionaria.

Puoi trovare i numeri precedenti di “Cagliero 11” su purl.org/sdb/sdl/Cagliero


Affinché molti giovani fedeli cattolici siano ispirati dal Signore ad aprire il loro cuore al di là
delle necessità locali e contribuire alla diffusione del Vangelo in altri continenti (includendo
anche i Paesi dell'antica cristianità) con l'autenticità della testimonianza di vita.
Affinché i due nuovi aspirantati missionari in India possano attrarre e formare molte vocazio-
ni da tutte le ispettorie della Regione.