Focus

Focus

Pastorale Carceraria - THA01-12-2020

La ripresa della Pastorale Carceraria nelle prigioni di Bangkok

(Bangkok, Thailandia) – Da ormai dieci anni il Parroco della Parrocchia salesiana “Maria Ausiliatrice” a Bangkok e i membri del consiglio parrocchiale animano le attività pastorali con quanti si trovano nelle carceri, e in particolari con i giovani carcerati. Questa missione fa parte del piano pastorale della Chiesa locale ed è un’opera di misericordia che viene realizzata a cadenza fissa, ogni mese. Quest’anno, per la prima volta, a causa della pandemia di Covid-19, le visite ai carcerati hanno subito una pausa; ma dall’inizio di ottobre le autorità carcerarie hanno iniziato nuovamente a permettere le visite e il lavoro pastorale nelle prigioni è ricominciato.

La diffusione del virus in Thailandia, infatti, si è attenuata e questo ha consentito ai salesiani di ricominciare le attività. Solitamente, don Aaron Alcoseba, il parroco, ogni mese visita i tre principali centri di detenzione: Thanyaburi, Min Buri e Pathum Thani.

Lo scopo principale delle visite è quello di assistere i detenuti cattolici attraverso attività di formazione e catechesi, e offrire la possibilità di accostarsi al sacramento della Riconciliazione, di partecipare alla Messa o ad altri servizi liturgici.

In queste settimane anche i prigionieri che professano altre religioni – soprattutto buddisti e islamici – hanno deciso di unirsi alle attività. Hanno infatti affermato di sentirsi particolarmente colpiti da come viene svolta la formazione.

Tutti coloro che partecipano alle diverse iniziative ricevono infine un certificato di presenza, che dà diritto a una riduzione della pena detentiva. Oltre a questo, ci sono anche detenuti che dopo aver partecipato al percorso di catechesi decidono autonomamente di ricevere il Battesimo.

La pastorale carceraria è un’opera per la quale i Figli spirituali di Don Bosco in Thailandia mostrano grande interesse. “Don Bosco è stato per noi l’esempio nella visita ai giovani carcerati e che si trovano ai margini della società”, spiegano.

Queste attività pastorali, infatti, infondono speranza a chi è dietro le sbarre e gli offrono stimoli per iniziare una nuova fase della propria vita. I salesiani sostengono, infatti, che se è vero che non si può fare nulla per rimuovere ciò che è successo in passato, è anche vero che il futuro è ancora tutto da scrivere e che si può lavorare per la prospettiva di un domani migliore.