Santità Salesiana

Dossier Postulazione 2017

StemmaSALESCasa Generalizia Salesiana

Via della Pisana, 1111

00163 ROMA

Postulatore Generale per le Cause dei Santi

 

Roma 24 maggio 2017

zip  zip  zip  

Dossier Postulazione Generale Salesiani di Don Bosco

 

 

“I veri protagonisti della nuova evangelizzazione sono i santi: essi parlano un linguaggio a tutti comprensibile con l’esempio della vita e con le opere della carità” (Benedetto XVI 23.10.2012).

 

Occorre esprimere profonda gratitudine e lode a Dio per la santità già riconosciuta nella Famiglia Salesiana di don Bosco e per quella in via di riconoscimento. L’esito di una causa di beatificazione e di canonizzazione è un evento di straordinaria rilevanza e valenza ecclesiale. Si tratta infatti di operare un discernimento sulla fama di santità di un battezzato, che ha vissuto le beatitudini evangeliche in grado eroico o che ha dato la vita per Cristo.

La celebrazione del Bicentenario della nascita di don Bosco è stata occasione favorevole per approfondire e diffondere la sua esperienza spirituale, fiorita in ricchissimi e diversissimi frutti di santità. Da don Bosco fino ai nostri giorni riconosciamo una tradizione di santità a cui merita dare attenzione, perché incarnazione del carisma che da lui ha avuto origine e che si è espresso in una pluralità di stati di vita e di forme. Si tratta di uomini e donne, giovani e adulti, consacrati e laici, vescovi e missionari che in contesti storici, culturali, sociali diversi nel tempo e nello spazio hanno fatto brillare di singolare luce il carisma salesiano, rappresentando un patrimonio che svolge un ruolo efficace nella vita e nella comunità dei credenti e per gli uomini di buona volontà.


 

Elenco al 24 maggio 2017 

 

La nostra Postulazione interessa 169 tra Santi, Beati, Venerabili, Servi di Dio.

Le cause seguite direttamente dalla Postulazione sono 51.

SANTI (nove)

san Giovanni Bosco, sacerdote (data di canonizzazione: 1 aprile 1934) – (Italia)

san Giuseppe Cafasso, sacerdote (22 giugno 1947) – (Italia)

santa Maria D. Mazzarello, vergine (24 giugno 1951) – (Italia)

san Domenico Savio, adolescente (12 giugno 1954) – (Italia)

san Leonardo Murialdo, sacerdote (3 maggio 1970) – (Italia)

san Luigi Versiglia, vescovo, martire (1 ottobre 2000) – (Italia - Cina)

san Callisto Caravario, sacerdote, martire (1 ottobre 2000) – (Italia - Cina)

san Luigi Orione, sacerdote (16 maggio 2004) – (Italia)

san Luigi Guanella, sacerdote (23 ottobre 2011) – (Italia)

BEATI (centodiciassette)

beato Michele Rua, sacerdote (data di beatificazione: 29 ottobre 1972) – (Italia)

beata Laura Vicuňa, adolescente (3 settembre 1988) – (Cile – Argentina)

beato Filippo Rinaldi, sacerdote (29 aprile 1990) – (Italia)

beata Maddalena Morano, vergine (5 novembre 1994) – (Italia)

beato Giuseppe Kowalski, sacerdote, martire (13 giugno 1999) – (Polonia)

beato Francesco Kęsy, laico, e 4 compagni martiri (13 giugno 1999) – (Polonia)

beato Pio IX, papa (3 settembre 2000) – (Italia)

beato Giuseppe Calasanz, sacerdote, e 31 compagni martiri (11 marzo 2001) – (Spagna)

beato Luigi Variara, sacerdote (14 aprile 2002) – (Italia - Colombia)

beato Artemide Zatti, religioso (14 aprile 2002) – (Italia - Argentina)

beata Maria Romero Meneses, vergine (14 aprile 2002) – (Nicaragua - Costa Rica)

beato Augusto Czartoryski, sacerdote (25 aprile 2004) – (Francia - Polonia)

beata Eusebia Palomino, vergine (25 aprile 2004) – (Spagna)

beata Alexandrina M. Da Costa, laica (25 aprile 2004) – (Portogallo)

beato Alberto Marvelli, laico (5 settembre 2004) – (Italia)

beato Bronislao Markiewicz, sacerdote (19 giugno 2005) – (Polonia)

beato Enrico Saiz Aparicio, sacerdote, e 62 compagni martiri (28 ottobre 2007) – (Spagna)

beato Zeffirino Namuncurà, laico (11 novembre 2007) – (Argentina)

beata Maria Troncatti, vergine (24 novembre 2012) – (Italia - Ecuador)

beato Stefano Sándor, religioso, martire (19 ottobre 2013) – (Ungheria)

 

VENERABILI (diciasette)

ven. Andrea Beltrami, sacerdote, (data del Decreto super virtutibus: 15 dicembre 1966) – (Italia)

ven. Teresa Valsè Pantellini, vergine (12 luglio 1982) – (Italia)

ven. Dorotea Chopitea, laica (9 giugno 1983) – (Spagna)

ven. Vincenzo Cimatti, sacerdote (21 dicembre 1991) – (Italia - Giappone)

ven. Simone Srugi, religioso (2 aprile 1993) – (Israele - Palestina)

ven. Rodolfo Komorek, sacerdote (6 aprile 1995) – (Polonia - Brasile)

ven. Luigi Olivares, vescovo (20 dicembre 2004) – (Italia)

ven. Margherita Occhiena, laica (23 ottobre 2006) – (Italia)

ven. Giuseppe Quadrio, sacerdote (19 dicembre 2009) – (Italia)

ven. Laura Meozzi, vergine (27 giugno 2011) - (Italia - Polonia)

ven. Attilio Giordani, laico (9 ottobre 2013) – (Italia - Brasile)

ven. Giuseppe Augusto Arribat, sacerdote (8 luglio 2014) – (Francia)

ven. Stefano Ferrando, vescovo (3 marzo 2016) – (Italia - India)

ven. Francesco Convertini, sacerdote (20 gennaio 2017) - (Italia - India)

ven. Giuseppe Vandor, sacerdote (20 gennaio – 2017) - (Ungheria - Cuba)

ven. Ottavio Ortiz Arrieta, vescovo (27 febbraio 2017) – (Perù)

ven. Tito Zeman, sacerdote, martire (Slovacchia).

Decreto di martirio: 27 febbraio 2017 – Beatificazione: 30 settembre 2017

 

SERVI DI DIO (ventisei)

 

È stata consegnata la Positio

 

Augusto Hlond, cardinale (Polonia)

Congresso Peculiare dei teologi: 9 marzo 2017 (superato)

 

Elia Comini, sacerdote (Italia)

Congresso Peculiare dei teologi: 4 aprile 2017 (superato)

 

È in corso la redazione della Positio

 

Giuseppe Guarino, cardinale (Italia)

Decreto di validità dell’Inchiesta diocesana: 13 giugno 1998

 

Ignazio Stuchly, sacerdote (Repubblica Ceca)

Decreto di validità dell’Inchiesta diocesana: 29 novembre 2002

 

Antonio De Almeida Lustosa, vescovo (Brasile)

Decreto di validità dell’Inchiesta diocesana: 2 maggio 2003

 

Carlo Crespi Croci, sacerdote (Italia - Ecuador)

Decreto di validità dell’Inchiesta diocesana: 15 febbraio 2010

 

Costantino Vendrame, sacerdote (Italia - India)

Decreto di validità dell’Inchiesta diocesana: 1 febbraio 2013

 

Giovanni Świerc, sacerdote e 8 compagni, martiri (Polonia)

Decreto di validità Dell’Inchiesta diocesana: 10 maggio 2013

 

Oreste Marengo, vescovo (Italia - India)

Decreto di validità dell’Inchiesta diocesana: 6 dicembre 2013

 

Carlo Della Torre, sacerdote (Italia - Thailandia)

Decreto di validità dell’Inchiesta diocesana: 1 aprile 2016

 

Si è in attesa del Decreto di Validità dell’Inchiesta diocesana

 

Anna Maria Lozano, vergine (Colombia)

Chiusura Inchiesta diocesana: 19 giugno 2014

 

 

È in corso l’Inchiesta diocesana

Matilde Salem, laica (Siria)

Apertura Inchiesta diocesana: 20 ottobre 1995

 

Andrea Majcen, sacerdote (Slovenia)

Apertura Inchiesta diocesana: 24 settembre 2010

 

Carlo Braga, sacerdote (Italia – Cina - Filippine)

Apertura Inchiesta diocesana: 30 gennaio 2014     

 

Antonino Baglieri, laico (Italia)

Apertura Inchiesta diocesana: 2 marzo 2014          

 

Antonietta Böhm, vergine (Germania - Messico)

Apertura Inchiesta diocesana: 7 maggio 2017

 

È stato presentato il supplex libellus

 

Rodolfo Lunkenbein, sacerdote (Germania – Brasile) e Simão Bororo, laico (Brasile) martiri

Presentazione del Supplex libellus: 12 novembre 2016

 


 

2 Realismo della fede

La santità rappresenta l’incarnazione del carisma e aiuta a vivere in forma realistica lo spirito salesiano, vincendo la tentazione e il pericolo delle ideologie e delle false giustificazioni, con l’offerta di buone pratiche, incarnazioni autentiche del carisma. C’è un’apologetica della santità che mostra non con le parole o i documenti, ma con la vita, la bellezza e la verità del Vangelo di Cristo e del carisma salesiano.

Ogni nostro Santo, Beato, Venerabile, Servo di Dio è portatore di una ricchezza di aspetti che meritano una maggiore considerazione e valorizzazione. Si tratta di contemplare un diamante dalle molteplici facce, alcune più visibili e attraenti, altre meno immediate e “simpatiche”, ma non per questo meno vere e decisive. Conoscere e far conoscere queste straordinarie figure di credenti genera un progressivo coinvolgimento nel loro stesso cammino, un appassionato interessamento alle loro vicende, una gioiosa condivisione dei progetti e delle speranze che animarono i loro passi.

Facendo alcune esemplificazioni:

-                     La santità giovanile con le testimonianze di Domenico Savio, Laura Vicuña, Zeffirino Namuncurà, 5 giovani oratoriani di Poznan…. In particolare urge sottolineare alcuni aspetti della testimonianza di San Domenico Savio che a mio modesto avviso merita una rinnovata attenzione sotto diversi punti di vista:

· Il richiamo alla realtà preventiva non solo come aspetto pedagogico educativo, ma come fatto teologico. Nella sua vita, come don Bosco stesso testimonia, c’è una grazia preventiva che opera e si manifesta.

· Il valore decisivo che rappresenta la prima comunione.[1]

· Il fatto che costituisca una sorta di capo-fila, una specie di maestro nelle vie di Dio (così come anche don Bosco lo vede nel sogno di Lanzo del 1876) e che viene confermato dalla vita di tanti nostri beati, venerabili e servi di Dio capaci di far propri i propositi di Domenico: Laura Vicuña, Zefirino Namuncurà, Giuseppe Kowlaski, Alberto Marvelli, Giuseppe Quadrio, Ottavio Ortiz Arrieta.

· Il ruolo di Domenico nella fondazione della Compagnia dell’Immacolata, vivaio della futura Congregazione, in rapporto con Giovanni Massaglia, vero amico delle cose dell’anima e di cui don Bosco affermò: “Se volessi scrivere i bei tratti di virtù del giovane Massaglia, dovrei ripetere in gran parte le cose dette del Savio, di cui fu fedele seguace finché visse”.

 

-                     La dimensione missionaria del carisma salesiano, espressa da un numero notevole di uomini e donne con aspetti molto interessanti: annuncio del vangelo, inculturazione della fede, promozione della donna, difesa dei diritti dei poveri ed egli indigeni (Beata Maria Troncatti); fondazione di chiese locali (i Servi di Dio del Nord est dell’India: venerabile Ferrando, Convertini, Vendrame, Marengo)…

 

-                     La dimensione vittimale oblativa che esprime la radice profonda del “Da mihi animas”. In certo modo capo fila di questa dimensione è il venerabile don Andrea Beltrami (1870-1897). Sui tratta di una testimonianza che, sia per la sua singolarità, sia per ragioni in parte legate a letture datate o tramandate attraverso una certa vulgata, è andata scomparendo dalla visibilità del mondo salesiano, ma che ci rende avvertiti di come il messaggio cristiano presenti intrinsecamente aspetti mai compatibili con il mondo: se ignorati, essi rischiano di rendere infecondo lo stesso messaggio evangelico e, nello specifico nostro, il carisma salesiano, non salvaguardato nelle sue radici carismatiche di spirito di sacrificio, di faticosa laboriosità, di rinunce apostoliche. La testimonianza di don Andrea Beltrami è paradigmatica di tutto un filone della santità salesiana che, partendo dalla trilogia Venerabile Andrea Beltrami, Beato Augusto Czartoryski, Beato Luigi Variara, continua nel tempo con altre figure di famiglia quali la Beata Eusebia Palomino, la Beata Alexandrina Maria da Costa, la Beata Laura Vicuña, senza dimenticare la numerosa schiera dei martiri (tra i quali occorre menzionare i 95 martiri della guerra civile spagnola, tra cui molti giovani confratelli in formazione o giovani sacerdoti).

 

-                     La dimensione della “famiglia ferita”: anche la storia della santità salesiana è attraversata da storie di famiglie ferite: famiglie dove vien meno almeno una delle figure genitoriali, oppure la presenza della mamma e del papà diventa, per ragioni diverse (fisiche, psichiche, morali e spirituali), penalizzante per i loro figli. Lo stesso Don Bosco, che aveva sperimentato la morte prematura del padre e l’allontanamento dalla famiglia per la prudente volontà di Mamma Margherita, vuole – non è un caso – l’opera salesiana particolarmente dedicata alla «gioventù povera e abbandonata».

·         La beata Laura Vicuña, nata nel Cile del 1891, orfana di padre e la cui mamma inizia in Argentina una convivenza con il ricco possidente Manuel Mora; Laura dunque ferita dalla situazione di irregolarità morale della mamma e pronta ad offrire la vita per lei.

·         Il Servo di Dio Carlo Braga, valtellinese classe 1889, abbandonato piccolissimo dal padre e la cui mamma viene allontanata perché ritenuta, per un misto di ignoranza e maldicenza, psichicamente labile; Carlo dunque che incontra grandi umiliazioni e vedrà messa più volte in difficoltà la propria vocazione salesiana da quanti temono in lui un compromettente ripresentarsi del disagio psichico falsamente attribuito alla mamma.

·         La Serva di Dio Anna Maria Lozano, che nasce nel 1883 in Colombia, segue con la propria famiglia il papà nel lazzaretto ove è costretto a trasferirsi in seguito alla comparsa della terribile lebbra, sarà ostacolata nella propria vocazione religiosa, ma potrà infine realizzarla grazie all’incontro provvidenziale con il salesiano Luigi Variara, beato.

 

-                     Dimensione vocazionale: nella prospettiva del bicentenario merita ricordare due figure di martiri che incastonano questo evento che ci ha invitato a guardare e attualizzare la storia, la pedagogia e la spiritualità di don Bosco e dei quali la causa di beatificazione è corsa in modo sorprendente

 

·  Stefano Sándor (1914-1953), beatificato nel 2013 (la causa iniziò nel 2006), viene ricordato per richiamare la vitale necessità di complementarietà delle due forme dell’unica vocazione consacrata salesiana: quella laicale (coadiutore) e quella presbiterale. La diminuzione numerica e l’assenza in diverse parti della Congregazione della figura del coadiutore è indice sia della crisi dell’identità della vita consacrata sia del rischio di una sua clericalizzazione. La luminosa testimonianza di Stefano Sándor, come salesiano coadiutore, esprime una scelta vocazionale chiara e decisa, un’esemplarità di vita, un’autorevolezza educativa e una fecondità apostolica, a cui guardare per una presentazione della vocazione e missione del salesiano coadiutore, con una predilezione per i giovani apprendisti e del mondo del lavoro.

 

·  Il Servo di Dio Tito Zeman (1915-1968), il cui processo è iniziato nel 2010 è la cui Positio è stata esaminata il 7 aprile scorso. Quando il regime comunista cecoslovacco, nell’aprile del 1950, vietò gli ordini religiosi e iniziò a deportare consacrati e consacrate nei campi di concentramento, divenne necessario organizzare dei viaggi clandestini verso Torino per consentire ai giovani salesiani di completare gli studi. Don Zeman s’incaricò di realizzare questa rischiosa attività. Il Servo di Dio organizzò due spedizioni per circa 30 giovani salesiani. Alla terza spedizione don Zeman, insieme con i fuggitivi, venne arrestato. Subì un duro processo, durante il quale venne descritto come traditore della patria e spia del Vaticano, e rischiò addirittura la morte. Visse il suo calvario con grande spirito di sacrificio e di offerta: “Anche se perdessi la vita, non la considererei sprecata, sapendo che almeno uno di quelli che ho aiutato è diventato sacerdote al posto mio”.

 

-                     Dimensione “paternità salesiana”: Beato Michele Rua, Beato Filippo Rinaldi, Beato Josè Calasanz, Venerabile Vincenzo Cimatti, Venerabile Augusto Arribat, Servo di Dio don Carlo Braga, Servo di Dio don Andrea Majcen.

 

-                     Dimensione episcopale: nella variegata scia di santità fiorita alla scuola di don Bosco si distingue anche un significativo numero di vescovi, che hanno incarnato in modo speciale la carità pastorale tipica del carisma salesiano nel ministero episcopale a cui sono stati chiamati: Luigi Versiglia (1873-1930), vescovo salesiano, martire, santo; Luigi Olivares (1873-1943), vescovo salesiano, venerabile; Stefano Ferrando (1895-1978), vescovo salesiano, venerabile; Ottavio Ortiz Arrieta (1878-1958), vescovo salesiano, Servo di Dio; Augusto Hlond (1881-1948), cardinale salesiano, Servo di Dio; Giuseppe Guarino (1827-1897), cardinale, salesiano cooperatore. Antonio de Almeida Lustosa (1886-1974), vescovo salesiano, Servo di Dio; Oreste Marengo (1906-1998), vescovo salesiano, Servo di Dio.

 

-                     Dimensione della “filiazione carismatica”. È interessante notare come noi veneriamo alcuni santi che condivisero con Don Bosco alcune stagioni della vita, ne apprezzarono la santità, la fecondità apostolica ed educativa, ma poi percorsero il loro cammino con libertà evangelica, diventando a propria volta fondatori, con le loro perspicaci intuizioni, il genuino amore per i poveri e la sconfinata fiducia nella Provvidenza.

 

·  San Leonardo Murialdo: in collaborazione con don Bosco sceglie subito di impegnarsi nei primi oratori torinesi, tra i ragazzi poveri e sbandati della periferia: prima all’oratorio dell’Angelo Custode, fino al 1857, e poi nell’oratorio di San Luigi, come direttore, dal 1857 al 1865. In seguito fonderà i Giuseppini del Murialdo.

 

·  San Luigi Guanella: desideroso di un’esperienza religiosa più radicale, nel 1875 si recò da don Bosco a Torino, emettendo la professione temporanea nella Congregazione salesiana. Nei primi due anni vissuti da Salesiano, fu direttore dell’oratorio San Luigi in Borgo San Salvario a Torino, mentre nel novembre del 1876 fu incaricato di aprire un nuovo oratorio a Trinità di Mondovì. Nel 1877 gli furono affidate le vocazioni adulte, che don Bosco aveva denominato “Opera dei figli di Maria”. L’ammirazione per don Bosco aveva una profonda radice anche nei loro temperamenti, molto simili fra loro: intraprendenti, apostoli di carità, decisi, autorevolmente padri e con un grande amore per l’Eucaristia, la Madonna, il Papa. La spiritualità e la pedagogia salesiana furono un tassello basilare per la formazione e la missione del futuro fondatore. Alla scuola di don Bosco apprese l’approccio amorevole e fermo con i giovani e la volontà educativa di prevenire piuttosto che curare; e il desiderio di salvare i fratelli con lo slancio di una grande carità apostolica.

 

·  San Luigi Orione: dall’ottobre 1886 all’agosto 1889 fu allievo dell’oratorio di Valdocco in Torino. San Giovanni Bosco ne notò le qualità e lo annoverò tra i suoi prediletti, assicurandolo: “Noi saremo sempre amici”.

 

Altre dimensioni: salesiani soldato; salesiani uomini di scienza (Mons. Cimatti, don Carlo Crespi…); maternità spirituale verso i sacerdoti…

 

Come stelle nel cielo_COPComo estrellas

 

 

 

3. L’impegno a diffondere la conoscenza, l’imitazione e l’intercessione

dei membri della nostra Famiglia candidati alla santità

 

Siamo depositari di una preziosa eredità che merita di essere meglio conosciuta e valorizzata. Il rischio è di ridurre questo patrimonio di santità a un fatto liturgico-celebrativo, non valorizzandone appieno le potenzialità di tipo spirituale, pastorale, ecclesiale, educativo, culturale, storico, sociale, missionario… I Santi, Beati, Venerabili e Servi di Dio sono pepite preziose che vengono sottratte dall’oscurità della miniera per poter brillare e riflettere nella Chiesa e nella Famiglia Salesiana lo splendore della verità e della carità di Cristo.

L’aspetto pastorale tocca l’efficacia che hanno le figure dei Santi, Beati, Venerabili e Servi di Dio come esempi riusciti di cristianesimo vissuto nelle particolari situazioni socio-culturali della Chiesa e della Famiglia Salesiana. L’aspetto spirituale implica l’invito all’imitazione delle loro virtù come sorgente di ispirazione e di progettualità. La cura pastorale e spirituale di una causa è un’autentica forma di pedagogia della santità, a cui dovremmo, in forza del nostro carisma, essere particolarmente sensibili e attenti.

 

 

3.1 Al fine di promuovere la conoscenza, la devozione, l’imitazione del Santo o Beato o Venerabile o Servo di Dio e la richiesta di favori e di grazie celesti si consiglia:

 

-                     Di favorire la preghiera con l’intercessione del Servo di Dio, attraverso immagini (anche reliquia ex-indumentis), dépliant, libri… da diffondere nelle famiglie, nelle parrocchie, nelle case religiose, nei centri di spiritualità, negli ospedali per chiedere la grazia di miracoli e favori attraverso l’intercessione del Servo/a di Dio, del Venerabile e del Beato.

-                     È particolarmente efficace la diffusione della novena al Servo/a di Dio, invocandone l’intercessione nei diversi casi di necessità materiale e spirituale. Si sottolineano due elementi formativi: il valore della preghiera insistente e fiduciosa e quello della preghiera comunitaria.

In tal senso mi piace ricordare l’episodio biblico di Naam il Siro (2Re 5:1-14), dove scorgiamo diversi elementi: la segnalazione dell’uomo di Dio da parte di una fanciulla, l’ingiunzione di bagnarsi sette volte nel Giordano, il rifiuto sdegnato e risentito, la saggezza e l’insistenza dei servi di Naam, l’obbedienza di Naam, l’ottenimento non solo della guarigione fisica ma della salvezza. Si può anche ricordare la descrizione della prima comunità di Gerusalemme, quando si afferma: “Tutti questi erano perseveranti e concordi nella preghiera, insieme ad alcune donne e a Maria, la madre di Gesù, e ai fratelli di lui” (At 1,14).

-                     Si consiglia, ogni mese nel giorno in cui ricorre la data della morte del Servo/a di Dio, ecc. (ad esempio il 12 del mese), di curare un momento di preghiera e di commemorazione.

-                     Curare una volta all’anno una Giornata commemorativa, evidenziando particolari aspetti o ricorrenze della figura del Servo/a di Dio ecc. e coinvolgendo i gruppi che sono particolarmente “interessati” alla testimonianza del Servo/a di Dio ecc. (ad esempio sacerdoti, religiosi, giovani, famiglie, medici, missionari…).

-                     Raccogliere le grazie e i favori che vengono loro attribuiti. È utile avere un quaderno in cui annotare e segnalare le grazie chieste e quelle ricevute, a testimonianza della fama sia di santità sia di segni. In particolare, se si tratta di guarigioni e/o di presunti miracoli è importante raccogliere urgentemente tutta la documentazione medica che dimostra il caso e le prove che attestano l’intercessione del Servo/a di Dio.

-                     Costituire un comitato che si impegni a promuovere tale causa anche in vista della Beatificazione e Canonizzazione. Membri di tale comitato dovrebbero essere persone particolarmente sensibili alla promozione della causa del Servo/a di Dio: rappresentanti della diocesi e della parrocchia di origine, responsabili e gruppi della Famiglia Salesiana, medici (per lo studio dei presunti miracoli), storici, teologi ed esperti di spiritualità…

-                     promuovere la conoscenza attraverso la redazione della biografia, l’edizione critica degli scritti e altre produzioni multimediali.

-                     Periodicamente presentare la figura del Servo/a di Dio nel Bollettino Salesiano, nel Bollettino parrocchiale e nel giornale diocesano.

-                     Collocare nel sito web di ispettoria, parrocchia, diocesi un link dedicato al Servo di Dio ecc. con la sua vita, dati dalla causa di beatificazione e canonzzazione, richiesta di preghiere, segnalazione di grazie...

-                     Rivedere e riordinare gli ambienti dove ha vissuto il Servo di Dio.

-                     Ordinare un archivio con tutta la documentazione catalogata e informatizzata relativa al Servo di Dio.

-                     Creare un fondo economico per sostenere sia le spese della postulazione della causa che l’opera di diffusione della causa stessa.

-                     Promuovere opere di carità e di educazione nel nome dei Servi di Dio, Venerabili, Beati e Santi attraverso progetti, gemellaggi…

 

 

3.2 Discernimento iniziale prima di avviare una causa di beatificazione e canonizzazione.

 

Innanzitutto è necessario investigare e documentare con somma cautela e diligenza circa la fama sanctitatis et signorum del candidato e l’attualità della causa, al fine di verificare la verità dei fatti e la conseguente formazione di una ferma certezza morale. Inoltre è fondamentale che la causa in questione interessi una rilevante e significativa porzione del popolo di Dio e non sia intenzione solo di qualche gruppo, se non addirittura di qualche persona. Purtroppo qualcuna delle nostre cause, al di là della santità dei candidati, soffrono di questo fatto. Spesso sorge la domanda: ma a chi interessa questa causa? Chi la promuove? Chi desidera veramente questo processo? Tutto ciò comporta un più motivato e documentato discernimento iniziale, per evitare dispersione di energie, forze, tempi e risorse. Ogni causa avviata richiede molto impegno, cura e dedizione. Il passare del tempo, il cambio delle persone (postulatore, relatori, vice postulatori, collaboratori…) spesso rallenta, quando non ferma, il processo avviato.

Inoltre talvolta si ha l’impressione che i processi di beatificazione e canonizzazione siano un fatto puramente burocratico e formale, che interessa solo qualcuno, e non un evento ecclesiale, congregazionale e di Famiglia Salesiana che deve suscitare l’interesse, la passione e il coinvolgimento di tanti.

 

3.3 Nella prospettiva del tema capitolare

La santità riconosciuta o in via di riconoscimento, da un lato è già realizzazione della radicalità evangelica e della fedeltà al progetto apostolico di don Bosco a cui guardare come risorsa spirituale e pastorale, dall’altro è provocazione a vivere sia il lavoro come «mezzo di santità», sia la temperanza come condizione indispensabile per la santità, perché generatrice di quella libertà dello spirito che rende disponibili per l’amore sino all’estremo. I nostri Santi, Beati, Venerabili e Servi di Dio sono l’autentica incarnazione del carisma salesiano e delle Costituzioni nel tempo e nelle situazioni più diverse, vincendo quella mondanità e superficialità spirituale che minano alla radice la nostra credibilità e fecondità. Essi sono veri mistici del primato di Dio nel dono generoso di sé, profeti di fraternità evangelica nella pratica della custodia e correzione, servi dei fratelli con creatività.

L’esperienza conferma sempre più che la promozione e la cura delle cause di beatificazione e canonizzazione della nostra Famiglia, la celebrazione corale di eventi inerenti la santità, sono dinamiche di grazia che suscitano gioia evangelica e senso di appartenenza carismatica, rinnovando propositi ed impegni di fedeltà alla chiamata ricevuta e generando fecondità apostolica e vocazionale.

 

 

4. Seminario di promozione delle cause

di beatificazione e canonizzazione

6-9 aprile 2016: un seminario speciale, una Grazia da condividere – Santità salesiana: “Contempliamo e riconosciamo l’azione dello Spirito che compie meraviglie”.

http://www.cgfmanet.org/immagini/editoriale/grandi/_21_1_1_1077_.jpg

Vi hanno partecipato 120 persone tra cui Salesiani, FMA e laici rappresentanti di numerosi gruppi della Famiglia Salesiana o di Paesi di provenienza dei nostri candidati alla santità.

Obiettivi del Seminario: valorizzare il patrimonio spirituale e pastorale dei santi della Famiglia Salesiana; offrire orientamenti e buone pratiche per promuovere le cause dei candidati alla santità; aiutare nell'accertamento e nell'accompagnamento di presunti miracoli; comprendere il vero significato e le finalità di un processo di canonizzazione. La motivazione del seminario è data proprio dalla necessità di una mobilitazione spirituale e pastorale di tutta la Famiglia Salesiana, di tutti gli amici e gli ammiratori di don Bosco e del suo carisma per sensibilizzare alla riscoperta di quei maestri di vita che riflettono in modo originale la luce del Vangelo e del carisma salesiano.

Il cardinale Angelo Amato, Prefetto della Congregazione per le cause dei Santi, ha aiutato i partecipanti a comprendere la rilevanza pastorale e spirituale delle cause dei santi, pilastri solidi della Chiesa, espressione tangibile della bontà di Dio nel cuore del mondo. La relazione di don Pierluigi Cameroni ha offerto una chiara panoramica sullo stato delle cause dei beati e dei santi della Famiglia Salesiana e ha rivolto un esplicito invito ad una maggiore attenzione e un maggiore impegno in questo settore.

Significative, in tal senso, sono state le esperienze di promozione delle cause descritte da suor Sylwia Ciezkowska, Vice postulatrice per le cause delle FMA, da suor Elizabeth Alvarez Pavón FMA che ha presentato il Centro Histórico-Teológico "Beata María Romero" di Costa Rica; da don Paul Ripaud SDB, sul Venerabile Camille Costa de Beauregard, e di Maria Rita Scrimieri, Salesiana Cooperatrice, sul Centro di spiritualità "Da mihi animas, cetera tolle", nato sulla casa natale della Beata Alexandrina da Costa a Balasar (Portogallo).

Arricchenti per la profondità teologica e gli orientamenti illuminanti sono state le relazioni di don Andrea Bozzolo, Preside e docente della Facoltà di Teologia di Torino-Crocetta, sulla Teologia della santità: dinamiche della grazia nel vissuto dei santi e quella della dott.ssa Lodovica Maria Zanet, collaboratrice della Postulazione, sulla Santità dimostrabile e i suoi requisiti. Alcuni officiali della Congregazione delle cause dei Santi, mons. Robert Sarno e mons. Michele Prattichizzo, hanno trattato rispettivamente gli elementi scientifici e teologici necessari per accertare un presunto miracolo, e gli aspetti amministrativi legati alle cause dei Santi, secondo criteri di trasparenza e solidarietà.

Molto ricca e varia è stata la condivisone di esperienze e iniziative per promuovere le cause di beatificazione e di canonizzazione. Nei lavori di gruppo i partecipanti hanno costatato come le testimonianze dei santi toccano la vita delle persone e suscitato conversioni spirituali, iniziative pastorali, opere di carità. Nel suo intervento di domenica 10 aprile, il Rettor Maggiore ha collegato il Seminario con la Strenna di quest'anno, ponendola alla luce della testimonianza di tanti fratelli e sorelle che hanno percorso l'avventura dello Spirito. "In loro contempliamo e riconosciamo l'azione dello Spirito che compie meraviglie: ognuno di essi è una Parola di Dio vissuta, è la visibilizzazione di un atteggiamento, un sentimento, un momento della vita di Gesù. Non basta conoscere vita e opere, bisogna andare in profondità, scoprire la loro ricchezza spirituale, la modalità specifica con cui si sono conformati a Gesù Cristo e hanno vissuto la loro appartenenza alla Chiesa e alla Famiglia Salesiana".

Aspetto caratteristico del Seminario è stata la presenza di numerosi laici, impegnati a promuovere la conoscenza e la devozione della santità nella Famiglia Salesiana e nelle varie comunità ecclesiali. Questo è un grande elemento di novità e insieme una preziosa indicazione di cammino che attualizza l’intuizione di san Francesco di Sales, ripresa e confermata dal Concilio Vaticano II, della chiamata universale alla santità e della complementarietà delle vocazioni.

Tutti i partecipanti hanno coralmente testimoniato di aver vissuto una vera esperienza di Spirito Santo, di intensa comunione fraterna e di autentica amicizia spirituale, confermando come la promozione e la cura delle cause di beatificazione e canonizzazione attivi dinamiche di grazia che suscitano gioia evangelica e senso di appartenenza carismatica, rinnovando propositi ed impegni di fedeltà alla chiamata ricevuta e generando fecondità apostolica e vocazionale. A tutti ha lasciato un impegnativo compito: far conoscere nelle varie Ispettorie i contenuti e il clima del Seminario, perché si potenzi in tutti la responsabilità di rispondere alla comune vocazione alla santità e si possa promuoverla anche attraverso le cause di beatificazione e canonizzazione. Urgente anche con finalità vocazionale è farla conoscere ai giovani, a tutti, come un tesoro della Chiesa e della nostra Famiglia. Come ha ricordato Madre Yvonne Reungoat il primo giorno del Seminario: "è importante esercitare lo sguardo per scoprire i segni di santità in chi ci vive accanto. La santità è il più prezioso tesoro della Chiesa e della Famiglia Salesiana. Vale la pena farla sempre più conoscere e…impegnarci a dimostrarla!".

Il prossimo seminario si terra dal 11 al 14 aprile 2018

Don Pierluigi CAMERONI SDB,

Postulatore Generale per le Cause dei Santi

pcameroni@sdb.org

[1] Questo stupore, nella storia di Domenico Savio, è tipicamente eucaristico e trova il suo momento di grazia nel giorno della Prima Comunione visto come un seme che se coltivato è fonte di vita gioiosa e di impegni decisi: “Quel giorno fu per lui sempre memorabile e si può chiamare vero principio o piuttosto continuazione di una vita, che può servire di modello a qualsiasi fedele cristiano. Parecchi anni dopo facendolo parlare della sua prima comunione gli si vedeva ancora trasparire la più viva gioia sul volto: oh! quello, soleva dire, fu per me un bel giorno ed un gran giorno. Si scrisse alcuni ricordi che conservava gelosamente in un libro di devozione e che spesso leggeva: 1° Mi confesserò molto sovente e farò la comunione tutte le volte che il confessore mi dà licenza. 2° Voglio santificare i giorni festivi. 3° I miei amici saranno Gesù e Maria. 4° La morte ma non peccati. Questi ricordi, che spesso andava ripetendo, furono come la guida delle sue azioni sino alla fine della vita”.