Santità Salesiana

Alberto Marvelli

 
ARCHIVIO:

 

Morte il 5 ottobre del 1946
Beatificato il 5 Settembre 2004

Braccio destro dei salesiani all'oratorio

Alberto Marvelli nasce il 21 marzo 1918 a Ferrara, secondogenito di sette fratelli. Quando con la famiglia si trasferisce a Rimini inizia a frequentare l’Oratorio salesiano. 

Sempre disponibile, diventa catechista e animatore: il braccio destro dei salesiani. Ama e pratica ogni genere di sport. Prende come modelli Domenico Savio e Pier Giorgio Frassati.

Azione Cattolica, studente d'ingegneria

A 17 anni scrive nel suo diario un progetto di vita che rinnoverà strada facendo. Entra nel gruppo oratoriano dell’Azione Cattolica diventandone in breve tempo il presidente parrocchiale. Presta il suo servizio nella Chiesa di Rimini come vice presidente diocesano di AC. Studente d’ingegneria a Bologna, partecipa attivamente alla FUCI, rimanendo fedele con sacrificio all’eucaristia quotidiana. Nel giugno del 1942 si laurea e inizia a lavorare alla Fiat di Torino.

Svolge il servizio militare a Trieste, e riesce a trascinare all’Eucaristia molti suoi compagni. Durante la seconda guerra mondiale diventa apostolo tra gli sfollati e una vera provvidenza per i poveri.

Assessore comunale a Rimini

Dopo l’entrata degli alleati a Rimini viene nominato Assessore comunale all’Ufficio alloggi e ricostruzione, e ingegnere responsabile del Genio Civile: “I poveri passino subito - diceva -; gli altri possono aspettare”. Accetta di partecipare alle elezioni nelle liste della Democrazia Cristiana. Da tutti è riconosciuto cristiano impegnato, ma non fazioso, tanto che un avversario comunista dirà: “Può anche perdere il mio partito. Basta che diventi sindaco l’ingegner Marvelli”. Il vescovo lo nominò presidente dei laureati cattolici.

“Che mondo nuovo mi si è aperto contemplando Gesù sacramentato"

La devozione mariana e l’Eucaristia furono veramente le colonne della sua vita: “Che mondo nuovo mi si è aperto contemplando Gesù sacramentato - scrive nel suo diario -. Ogni qualvolta mi accosto alla santa Comunione, ogni qualvolta Gesù nella sua divinità e umanità entra in me, a contatto con la mia anima, è un accendersi di santi propositi, una fiamma che brucia e che consuma, ma che mi rende così felice!”. Morì investito da un camion militare il 5 ottobre del 1946. Fu, come voleva don Bosco, un buon cristiano e un onesto cittadino, impegnato nella Chiesa e nella società con un cuore salesiano. In giovinezza fece suo il motto: O vivere salendo o morire.

Venerabile il 22 marzo 1986; beatificato il 5 settembre 2004 da Giovanni Paolo II

 

Risorse in genere
SDL
Varia in tutte le lingue
Scarica il file

 

Liturgia
Eucaristia in onore del Beato A. Marvelli
IT(22 KB)
Scarica il file
EColletta e Ufficio delle Ore
IT
Scarica il file Scarica il file
Ufficio delle Letture (2^ lettura)
IT(13 KB)
Scarica il file

 

Sussidi
Veglia a tappe
IT(107 KB)
Scarica il file
Preghiera di intercessione
IT(20 KB)
Scarica il file

 

Documenti
Profilo Osservatore Romano 4-4-2004
IT(30 KB)
Scarica il file
Avviso per la beatificazione
IT(25 KB)
Scarica il file
Vita e spiritualità
IT(29 KB)
Scarica il file
Bibliografia
IT(72 KB)
Scarica il file

 

Fotografie
Fotografie
Scarica il file

 

Immagini
Immagini
Scarica il file

 

Links
www.isrmarvelli.it
IT
Scarica il file
www.loreto2004.it
IT
Scarica il file
www.diocesi.rimini.it/albertomarvelli
IT
Scarica il file