Santità Salesiana

Giuseppe Cafasso

 
ARCHIVIO:

 

 

 

Beatificato nel 1925
Canonizzato nel 1947

Nasce a Castelnuovo d’Asti nel 1811

Giuseppe Cafasso nasce a Castelnuovo d’Asti nel 1811. Figlio di piccoli proprietari terrieri, è il terzo di quattro figli, di cui l’ultima, Marianna, sarà la madre del beato don Giuseppe Allamano. Fin da giovanissimo era stimato dalla famiglia e dall’intero paese come un piccolo santo. Compie gli studi teologici presso il seminario di Chieri e nel 1833 viene ordinato presbitero.

Al Convitto Ecclesiastico...vi resterà tutta la vita

Quattro mesi dopo si stabilisce al Convitto Ecclesiastico per perfezionare la sua formazione sacerdotale e pastorale. Vi resterà tutta la vita, divenendone Rettore. Al Convitto si respirano la spiritualità di sant’Ignazio e gli orientamenti teologici e pastorali di sant’Alfonso Maria de’ Liguori. L’insegnamento viene curato con grande attenzione e si mira a formare buoni confessori e abili predicatori. Giuseppe studia e approfondisce la spiritualità di San Francesco di Sales, che poi trasmetterà soprattutto a uno studente: Giovanni Bosco. Il Cafasso, suo direttore spirituale dal 1841 al 1860, ha contribuito a formare e indirizzare la personalità e la spiritualità di don Bosco.

Accompagnamento spirituale dei carcerati e dei condannati a morte

Tipica del suo insegnamento è la valorizzazione del dovere quotidiano in ordine alla santità. Come ebbe a testimoniare lo stesso fondatore dei salesiani: “La virtù straordinaria del Cafasso fu quella di praticare costantemente e con fedeltà meravigliosa le virtù ordinarie”. Sempre attento alle necessità degli ultimi, visitava e sosteneva anche economicamente i più poveri, portando loro la consolazione derivante dal suo ministero sacerdotale. Il suo apostolato consisteva anche nell’accompagnamento spirituale dei carcerati e dei condannati a morte, tanto da essere definito il prete dei carcerati.

Direttore spirituale... e sostenne anche materialmente don Bosco

Prudente e riservato, maestro di spirito, fu direttore spirituale di preti, laici, politici, fondatori. Pio XI lo definì la perla del clero italiano. Don Cafasso sostenne anche materialmente don Bosco e la Congregazione salesiana fin dalle sue origini. Dopo una breve malattia morì all’età di appena 49 anni il 23 giugno del 1860. Pio XII lo riconobbe un 'modello di vita sacerdotale, padre dei poveri, consolatore degli infermi, sollievo dei carcerati, salute dei condannati al patibolo'.Lo stesso Papa, nell’enciclica Menti Nostrae del 23 settembre 1950 lo propose come modello di sacerdote.

Fu beatificato nel 1925 e canonizzato da Pio XII nel 1947.

 

Risorse in genere
SDL
Varia in tutte le lingue
Scarica il file

 

Liturgia
Colletta e Ufficio delle Ore
IT
Scarica il file Scarica il file

 

Eucaristia
Orazioni
IT
Scarica il file
Letture
IT
Scarica il file

 

Links
Un pensiero al giorno   
IT
Scarica il file
SAN CAFASSO - 2 biografie
IT
Scarica il file
OPERA SAN GIUSEPPE CAFASSO
IT
Scarica il file