PG Zasoby

Don Filippo Rinaldi Rettor Maggiore 1929: Don Giovanni Bosco è Beato

II.•
COMUNICAZIONI E NOTE
DECRETUM
TAURINEN.
BEATIFICATIONIS ET CANONIZATIONIS
VEN. SERVI DEI
JOANNIS BOSCO
SACERDOTIS
FUNDATORIS PIAE SOCIETATIS SALESIANAE
ET
INSTITUTI FILIARUM B. MARIAE VIRG.
AUXILIATRICIS
SUPER DUBIO
An et de quibus miraculis constet in casu et ad e ff ectum de quo agitur?

Quam large et copiose Deus omnipotens benedictiones suas effuderit. super famulum suum Ioannem Bosco ac super Piam Societatem ab eodem institutam in populorum emolumentum et praesidium, perspicue enitescit ex naturae et gratiae donis mi uberrime elargitis, e rebus ab ipso praeclare gestis, ex Piae Societatis progressibus novisque domibus in pluribus regionibus, etiam in dissitis Orbis partibus fundatis et firmiter communicatis, nullis ferme suffragantibus opportunis auxiliis. Namque humili loco natus Dei Famulus ab-ineunte aetatnmultis se exornatum egregiis dotibus praebuit, eaque aggressus est perfecitque opera, apprime in adolescentibus instituendis, quae absque facultatum copia et auctoritatis imperio sustineri nequivissent. Ipse autem in obstaculis superandis, in contrarietatibus vincendis, in adversariorum animis demuleendis strenue pugnavit, segue magnum virum exhi- buit, una animarum Iuerandarum cupidine motus ac fretus.
Ita exordientem Piam Societatem probe instruere sategit, eamdem augere et propagare feliciter contendit, nedum in plures Europae partes, verum et in longinquas Americae regiones transvexit. Nunc vero sodales eius ulterius progressi ad extremi etiam Orientis plagas missionali munere cum maximo animarum lucro apostolica constantia et laude late funguntur.
Liberalitate et ,caritate perlibenter utebatur, etiam in rebus angustis, Ven. Dei Famulus, et nullum unquam egenum dimittebat inauditum. Quan- doque etiam cordium arcana rogatus pandebat, futura praecinebat, et pacem anxiis animis restituere adamabat. ,Corporis quoque morbos efficaciter curabat, cunctisque benefacere in deliciis iugiter habuit. Hoc sanctissimo desiderio ductus sacrarum virginui i godalitatem condidit, quas Filias Mariae Auxiliatricis nuncupavit; qnarum etiam Institutum longe diffusum praeclaros edit in Ecclesia salutis fructus.
Dilectus Deo et hominibus occubuit, quin benefacendi voluntatem amitteret, dulcissimamque beneficentiae suae memoriam in quovis• civium ordine relinquens. Statim post eius funus circumferri coeperunt prodigia, praesertim sanationum a morbis, e quibus Bina facta selegerunt studiosissimi causae"Actores et, conditis super iisdem Apostolicis tabulis, sacrorum Rituum Congregationi; proposuere, ut de assertorum prodigiorum veritate proferret iudiciu u.!Prima sanatio est Sororis Provinae Negro, quae ulcere rotundo in stoui.uìi+ho terebatur acribusque doloribus cruciabatur. Comperta morbi indole ac malitia, qui vis curationem post diuturnum tempus suscipere poterat, aegra divinum auxifium experiri cogitavit, atque Ven. loannis Bosco ope implorata eiusque reliquiis summa cum fiducia sumptis, illico se morbo liberam perfecteque sanatam sensit. Eius valetudo prodigiosa ala omnibus declarata est, atque in primis ab artis salutaris cultoribus.
Altera sanatio contigit in Teresia Callegari, pluribus afflictata morbis internis, qui rebelles omnigenis curationibus eam ad marasmum adduxerant, ac prope decessura a medentibus aestimabatur. Neque errabant egregii viri, namque gravissimus morbus quo ipsa laborabat vere organicus erat pluribus anatomicis constabat laesiouibus, prout evidenter ostenderunt tres. periti viri, iuramento obstricti, a` sacra Rituum Congregatione adsciti. Implorata itaque Ve». Ioannis Bosco interventione, non ab una, sed a cunctis. morbosis affectionibus sanata est, uno temporis momento, Teresia Callegari, quae prodigium asseruit et conclamavit. Apostolicis autem adornatis inquisitionibus super duabus sanationibus, iisque sedulo discussis legitimisque declaratis, die 24 lanuarii anno 1928 habita est Congregatio Antepraeparatoria in Aedibus Reverendissimi Cardinalis cl. me. Antonii Vico, Causae Relatoris; dieque 11 mensis;Decembris eiusdem anni coacta fuit Congregatio Praeparatoria in Palatio Vaticano. Die vero 5 'vertentis mensis Martii uni-versus Disceptantium coetus congregatus est coram Sanctissimo Domino nostro Pio Papa XI, et proposito Dubio a Reverendissimo Card. Alexandre Verde, causae Relatore, an, et de quibus miraculis constet in casu et ad effectum, de quo agitur, quotquot intervenerant tum Reverendissimi Cardinales tum Patres Consultores omnes ex ordine responderunt; Beatissimus vero Pater suum proferre iudicium distulit, animi tamen sui laetitiam haud obscure pandidit. Interim precibus splendidiorem divini luminis claritatem in', re tam gravi esse impetrandam, omnes est cohortatus.
Quum autem suam decretoriam edere sententiam statuisset, hodiernam auspicatissimam diem, qua festum agitur sancti Ioseph, totius Ecclesiae universalis Patroni, quem peculiari cultu Ven. Ioannes Bosco maxime prosequebatur, designavit, et divina Hostia ferventer oblata, accitisque Reve-. rendissimis Cardinalibus Camillo Laurenti, sacrorum Rituum Congregazioni Praefecto, et Alexandro Verde, causae Ponente, una cum 'R. P. D. Carolo Salotti, S. Fidei Promotore generali, meque infrascripto a secretis, iisque praesentibus, nobiliorem ingressus est aulam, solioque Pontificio sedit, atque solemniter decrevit: Constare de instantanea perfectaqaye sanatione sororis Provinae Negro ab ulcere rotondo stomachi; itemque de instantanea perfectaque sanatione Teresiae Callegari a poli-artrite acuta post-in f ectica, aliisque laesionibus, quae aegrotam ad statura marasmi adduxerant. Atque hoc decretum evulgari et in acta sacrorum Rituum Congregationis ref erri iussit, quarto decimo Calendas Aprilis anno millesimo nongentesimo vicesimo nono.
CAMILLUS CARD. LAURENTI, S. R. C. Praefectus,

L.+ S.

ANGELUS MARIANI, Secretarius.


Decreto della Beatificazione e Canonizzazione del Ven. Servo di Dio Don Giovanni Bosco, fondatore della Pia Società Salesiana e delle Figlie di Maria Ausiliatrice.
Con quanta copiosa abbondanza l'onnipotente Iddio abbia benedetto il suo Servo Giovanni Bosco e la Pia Società da lui istituita a vantaggio ed in aiuto del popolo è messo chiaramente in luce dai doni di natura e di grazia onde lo volle arricchito, dalle opere insigni da lui compiute, dallo sviluppo e dalle nuove case della sua Pia Società aperte e consolidate in tante regioni, anche delle più lontane parti del mondo, non ostante la quasi assoluta mancanza dei mezzi occorrenti.'
Poichè il Servo di Dio, nato di povera famiglia, fin dalla prima età, si dimostrò ornato di numerose ed egregie doti, ed incominciò e condusse a compimento tali e tante opere, specialmente per l'educazione della gioventù, che non avrebbero potuto sostenersi senza ricchezza di mezzi e prestigio di autorità. Ed egli strenuamente si affaticò a superare ogni ostacolo, a vincere ogni contrarietà, a cattivarsi colla dolcezza l'animo ed il cuore degli avversari, mostrandosi così uomo di alti sensi, non da altro mosso e sostenuto che dall'ardente desiderio della salvezza delle anime. Così si adoperò bene a formare la sua incipiente Pia Società, lavorò felicemente a svilupparla e propagarla non soltanto in più parti di Europa, ma la trapiantò perfino nelle lontane regioni dell'America. Ed ora i suoi figli, progredendo ancor più lontano fino nelle piaghe dell'Estremo Oriente, largamente compiono opera di evangelizzazione con costanza apostolica e degna di lode.
Il Venerabile Servo di Dio, anche nelle maggiori strettezze amava usare una generosa carità, nè rimandava alcun indigente senza averlo. soccorso.
Spesso, quando ne era richiesto, svelava anche i segreti delle coscienze, prediceva il futuro, e godeva di ridonare la pace alle anime angustiate. Guariva anche le infermità corporali ed era sua delizia fare continuamente del bene a tutti. Spinto da questo santissimo desiderio, fondò anche un Istituto di sacre Vergini che intitolò Figlie di Maria Ausiliatrice, istituto anch'esso assai diffuso e che dà alla Chiesa nobili frutti di salute.
Trapassò, diletto a Dio ed agli uomini, conservando il suo ardente desiderio di fare del bene e lasciando dolcissimo ricordo di sè in ogni ceto di persone. Subito dopo la sua morte, cominciò a correre la fama dei suoi prodigi, specialmente di guarigioni, tra cui i diligentissimi attori della causa ne scelsero due, e fattone il processo apostolico li presentarono alla Sacra Congregazione dei Riti perchè pronunciasse il suo giudizio sulla verità degli asseriti miracoli.
La prima guarigione riguarda Suor Provina Negro, la quale affetta da ulcere rotondo allo stomaco era tormentata dai più atroci dolori. Conosciuta la maligna natura della malattia ce, difficilmente sarebbe guarita anche in lungo spazio di tempo, l'ammalata pensò di sperimentare l'aiuto divino, e dopo avere invocata l'intercessione del Venerabile Giovanni Bosco ed averne inghiottito con somma fiducia una reliquia, si trovò immediatamente libera e perfettamente guarita. La sua guarigione fu dichiarata prodigiosa da tutti e sopratutto dai medici.
La seconda guarigione riguarda Teresa Callegari, afflitta da più malattie interne, che ribelli ad ogni cura l'avevano condotta allo 'stato di marasma, ed era dichiaratala' medici in fine di vita. Nè mal s'apponevano gli egregi dottori, poichè.-,la gravissima malattia onde ella era travagliata, era veramente organica, comportante varie lesioni anatomiche come evidentemente dimostrarono e déposero con giuramento tre periti, all'uopo chiamati dalla S. Congregazione dei Riti. In tale congiuntura invocata l'intercessione del Venerabile Giovanni Bosco la predetta Teresa Callegari rimase all'istante guarita non da una, sibbene da tutte le sue gravi infermità, asserendo subito e proclamando essa stessa il prodigio.
Istituito il processo apostolico sulle due guarigioni, fattane accuratissima discussione e dichiaratane la legittimità, il giorno 24 gennaio 1928 si tenne la Congregazione antipreparatoria presso il Reverendissimo Cardinale Antonio Vico di felice memoria, Relatore della Causa, e l'11 dicembre dello stesso anno fu radunata la Congregazione preparatoria nel Palazzo Vaticano. Di poi, il 5 del correntfe°marzo, vi fu la Congregazione generale, alla presenza del Santissimo Signor Nostro Pio Papa XI e, proposto dal Reverendissimo Cardinale Alessandro Verde, Relatore della Causa, il quesito: Se e di quali miracoli consti nel caso ed al fine di cui si tratta, tutti gli intervenuti, sia i Reverendissimi Cardinali, che Padri consultori, per ordine, diedero la loro risposta. Dopo di che il Santo Padre si riserbò di proferire il suo giudizio, mostrando però non dubii segni della letizia dell'animo suo. Frattanto esortò tutti ad impetrare colla preghiera maggiore chiarezza di luce divina in cosa di tanta importanza.
Avendo dipoi stabilito di render pubblica la sua sentenza decretoria, designò questo auspicatissimo giorno della festa di S. Giuseppe, Patrono Universale della Chiesa Cattolica, venerato con particolare devozione dal Venerabile Giovanni Bosco, e dopo aver celebrato con fervore il divin Sacrificio, chiamati a sè i Reverendissimi Cardinali Camillo Laurenti, Prefetto della S. Congregazione dei Riti ed Alessandro Verde, Ponente della Causa, insieme col Rev. Mons. Carlo Salotti, Promotore Generale della Fede e l'infrascritto Segretario, alla loro presenza passò in un'altra nobile aula, sedè sul trono e decretò solennemente: constare della istantanea e perfetta guarigione di Suor Provina Negro da un ulcere rotondo allo stomaco e così pure della

istantanea e perfetta guarigione di Teresa Callegari da poliartrite acuta postinfettiva e da altre lesioni che avevano ridotta la malata allo stato di marasma. E ordinò di pubblicare il presente decreto, e di inserirlo negli atti della Sacra Congregazione dei Riti, il 19 marzo 1929.
CAMILLO CARD. LAURENTI, Prefetto della S. Congregazione dei Riti

ANGELO MARIANI, Segretario.


Indirizzo del Rev.mo Don Francesco Tomasetti
Procuratore Generale della Società Salesiana e Postulatore della Causa.
Beatissimo Padre,

Mi gode infinitamente l'animo nel porgere oggi alla Santità Vostra a nome .del Rev.mo Rettor Maggiore e della intera Famiglia Salesiana i più sentiti e vivi ringraziamenti per esserSi degnata di ordinare il Decreto con cui si approvano i due miracoli proposti per la Beatificazione del Venerabile Don Giovanni Bosco, Fondatore della Pia Società di San Francesco di Sales, dell'Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice e della Pia Unione dei Cooperatori Salesiani.
Questo Decreto riempie di gioia i figli del Servo di Dio, di questo gigante propugnatore dell'educazione cristiana », « ome a Vostra Santità piacque chiamarlo in altra solenne cir- costanza, ma non li sorprende. Essi ben sanno, specialmente coloro che ebbero la fortuna di vivere qualche tempo vicino a cui, come la sua vita fosse talmente intessuta di fatti prodigiosi, che si poteva dire il soprannaturale intorno a Don Bosco essere ldiventato cosa naturale. Tantb che lo stesso Padre nostro, già fino dal 1867, all'epoca del suo secondo viaggio in Roma, come si legge in una sua lettera « fece speciali preghiere affinchè Dio non concedesse niuna cosa clamorosa che facesse parlare del povero Don Bosco ».
E come durante la sua vita, così dopo la sua morte ha continuato ad assistere i suoi figli ed 'i suoi amici con soavi e mirabili ispirazioni, a beneficare con miracoli •e grazie innumerevoli i fedeli che con fiducia ricorrevano a lui.
Ma la nostra gioia si fa ancora più viva quando, riflettendo alle mirabili vie della Provvidenza, vediamo che questo auspicato Decreto, che preludia alla solenne Beatificazione del nostro Venerabile Padre, viene ordinato dalla Santità Vostra all'indo- mani del grandioso e storico avvenimento della Composizione. della Questione Romana, che formò l'ansia, il crésiderio, e, perchè non dirlo? il tormento di tante anime buone, ed alla quale. il Venerabile Don Bosco cooperò non poco, con tutto l'affetto e lo zelo di Sacerdote, interponendo in momenti critici, penosissimi e delicati, la sua apprezzata e felice mediazione per rendere meno tesi i rapporti tra: il Governo del suo tempo e la Santa Sede. E per condurre ia: 'buon porto la sua mediazione,. anch'egli saliva ed incitava a"'salire a più grandi altezze «per giungere ai più bei punti di vista », a guadagnare i fastigi e le sommità dove la visione diventa — sono parole recentissime. della Santità Vostra, — grande e sublime.
« La mia politica, egli rispondeva al glorioso Predecessore della Santità Vostra Pio IX, è quella di Vostra Santità, e quella del Pater noster. Nel Pater noster noi supplichiamo ogni giorno che venga il Regno del Padre Celeste sulla terra, che si estenda cioè sempre più potente e glorioso: adveniat regnum. tuum: ed è ciò che più importa ». Ed insisteva che si anteponesse. sopratutto il bene delle anime.
Godo sperare che tornerà gradito alla Santità Vostra il ricordo di questo documento, non a tutti noto, della conformità, delle alte vedute e  dei sentimenti superiori del nostro Venerabile Fondatore con i supremi altissimi ideali che hanno guidato e condotto così felicemente la Santità Vostra a superare le immense difficoltà che si opponevano alla grande opera, che,, suonata l'ora di Dio e non invano lasciata trascorrere, finalmente si è pel bene dell'Orbe universo compiuta, ridonando l'Italia a Dio, Dio all'Italia e la pace serenatrice alla coscienza. di tante anime buone del mondo intero.
Oh quanto esulterà per l'avvenuta composizione e per i grandi frutti di bene che da essa scaturiranno, il nostro Venerabile Padre, che al disopra « di ogni gloria poneva quella di essere il fedele servitore di Gesù Cristo, della sua Chiesa, delsuo Vicario! ».
E quanto esultano insieme con lui, e .per la conseguita composizione e per la felice coincidenza dell'attuale Decreto, tutti i suoi figli e « le centinaia di migliaia, i milioni oramai di giovani, di uomini fatti in tutte le posizioni sociali, in tutte le più svariate condizioni della vita, che alle sorgenti del Ven. Don Bosco hanno attinto i tesori della cristiana educazione! ».
A nome anche di tutti questi ex-allievi, di questa più grande Famiglia Salesiana che « si gloria dell'impegno e del proposito di conservare in sè inviolati i  beni della cristiana educazione e di propagarli con l'esempio della fedeltà generosa ed animosa a Gesù Cristo, e al suo Vicario in terra », rinnovo alla Santità Vostra nell'entusiasmo di quest'ora tanto attesa ed auspicata. i nostri più caldi, più vivi, più fervidi ringraziamenti.

Discorso del Santo Padre.

A tale indirizzo il Santo Padre rispondeva con un discorso, iniziandolo con la affermazione essere la voce, la grande voce dei miracoli che scendeva oramai sul sepolcro del fedele Servo di Dio per aggiungergli gloria, per rendere sempre più grandi e più splendidi gli splendori della sua gloria. Ed era veramente mirabile (per dire quello che balza agli occhi del cuore) come, nella sua delicatezza, e, si direbbe, anche eleganza, la Divina bontà sa così bene disporre, combinare, e far incontrare le cose.
Il decreto dei miracoli del Ven. Giovanni Bosco, di questo. grande divoto di San Giuseppe, doveva pubblicarsi proprio nel giorno della festa di San Giuseppe, e quando questa festa è felicemente e senz'altro un giorno di festa per tutti, nel medesimo modo e nel medesimo senso, in piena unità di menti e di cuori. Si poteva pensare che San Giuseppe medesimo si sia in qualche modo incaricato di concorrere a premiare così il grande, grandissimo Servo di Maria, della sua castissima Sposa, alla quale il Ven. Giovanni Bosco procurò sempre tanto tributo di pietà e di devozione in quel culto particolare di Maria Ausiliatrice, indivisibile oramai dal suo nome e dall'opera sua e dalle innumerevoli diramazioni di questa in tutte le parti del mondo.
Ed altrettanto bella, delicata, significativa appariva — continuava il Santo Padre — quell'altra coincidenza di. cose che -era stata così opportunamente ricordata. All'indomani di quell'avvenimento di cui oggi, e certamente, per lungo tempo ancora, tutto il mondo gode e ringrazia il Signore; all'indomani di quell'evento risuona la proclamazione dei miracoli di Don. Bosco, di questo grande, fedele e veramente sensato servo della Chiesa Romana, della Santa Sede, di questa Santa Sede Romana: perchè egli tale fu sempre veramente. Il Santo Padre lo aveva potuto attingere da lui, dalle stesse sue labbra: questa composizione del deplorato dissidio stava veramente in cima -ai pensieri e agli affetti del suo cuore, ma come poteva esserlo in un servo veramente sensato 'é 'fedele; non col desiderio di una conciliazione come che fisse, così come molti erano andati arruffando e confondendo le cose; ma in modo tale che innanzi tutto si assicurasse l'onore di Dio, l'onore della Chiesa, il bene delle anime.
Diceva Sua Santità di aver ciò attinto dalle stesse sue labbra perchè (ed anche in questo riconosceva un'altra mirabile disposizione di pio, un'altra delle sue delicatissime combinazioni), sono ormai quarantasei anni e Gli pare ieri, anzi oggi, di vederlo ancora così come allora lo aveva veduto e lo aveva ascoltato, passando qualche giorno della Sua vita con lui, sotto lo stesso tetto, alla stessa mensa, ed avendo più volte la. gioia di potersi trattenere lungamente con lui, pur nella ressa indescrivibile delle occupazioni del Servo di Dio; giacchè questa era una delle caratteristiche più impressionanti in Don Bosco: una calma somma, una padronanza del tempo, da fargli ascoltare tutti quelli che a lui accorrevano con tanta tranquillità, come se non avesse null'altro dà fare. Era questa non ultima tra le perfezioni che fu dato di ammirare nella sua vita, alla quale non mancò neanche il dono della profezia, che però — aggiungeva sorridendo Sua Santità — non si manifestò nel prevedere quello che è oggi avvenuto. Chi avrebbe mai detto allora che dopo tanti anni, dopo un avvenimento così grande, come quello ' che or ora era stato ricordato alla presenza del Papa, Iddio Lo avrebbe chiamato a proclamare nella solennità e nell'autorità dei Decreti della Chiesa, quei miracoli la cui luce ora risplende sul sepolcro di Don Bosco, preparando i sommi onori dell'altare?
E quei miracoli — proseguiva Sua Santità — tutti sanno ormai che non sono altro che un supplemento di quelli che sotto ogni rispetto rifulgono nella figura di Don Bosco. Sono innumerevoli infatti i miracoli che già in vita sua e dopo la sua mort€ con la meravigliosa continuazione dell'opera sua Iddio è venuto operando nel nome del fedele suo Servo. Quelli che sono stati scelti fra i molti per essere sottoposti all'indagine più accurata e alle prove giudiziarie più rigorose, non sono che una rappre- sentanza, nelle forme giuridiche che non poteva mancare. Sono bellissimi, ma tanti altri ve ne sono non meno belli e splendidi, fino ad avere una cotale divina eleganza nelle circostanze. Ma vi sono ancora tante altre mirabili cose; e tutti coloro che hanno letto qualcuna delle tante vite di Don Bosco, che finora furono pubblicate, ed in tante diverse lingue, quelli che le leggeranno in " appresso, possono ben rendersi conto di quanto sia stato vero — come così opportunamente poco prima era stato detto — che nella vita del Servo di Dio il soprannaturale era quasi divenuto naturale, lo straordinario era quasi divenuto l'ordinario. Gli è che questi doni soprannaturali erano come altrettante stelle scintillanti sopra un cielo tutto splendido e sereno, quasi a dare risalto sempre maggiore ad una.vita che era, già per sè, tutto un miracolo.
Nella Bolla di canonizzazione di San Tommaso d'Aquino, notava l'Augusto Pontefice, è detto che, seppur nessun altro miracolo vi fosse stato, ogni articolo della sua Somma era un miracolo. Ed anche ora si può ben dire che ogni anno della vita di Don Bosco, ogni anno, ogni momento di questa vita furono un miracolo, una serie di miracoli. Quando si pensi alla campagna solitaria di Becchi, dove il povero fanciullo pasceva il gregge paterno, ai primi piccoli inizi dell'opera di Santa Filomena e poi agli altri più gravi e pensosi (per quelli che sapevano pensare) di Valdocco, quando si pensi alle grandi opere a cui egli dava vita proprio dal niente, come al tempio di Maria Ausiliatrice che egli cominciò con venti centesimi in tasca; e poi si guardi allo sviluppo meraviglioso delle sue imprese, a quelle tre famiglie dei Salesiani propriamente detti, delle Suore di Maria Ausiliatrice ed a quella mirabile legione di Cooperatori che egli stesso soleva chiamare la e longa manus » di Don Bosco e veramente (il Santo Padre lo aveva sentito dalle stesse labbra sue) egli aveva le mani lunghe e le sapeva estendere ad abbracciare tutto, a penetrare tutto il mondo, a moltiplicare le cose in modo magnifico — quando si pensi alle centinaia e centinaia (e Sua Santità non risaliva con la memoria ai ricordi di quarantasei anni fa, ma a altri più vicini che arrivavano ad una ventina di anni addietro) di chiese e cappelle salesiane delle quali ben 300 già ne erano aperte or è un ventennio; quando si pensi alle centinaia di migliaia e certamente a qualche milione di ex-allievi usciti dalle diverse case di Don Bosco, da quelle della più alta.. "istruzione, fino alle scuole professionali per i più umili mestieri; quando si ponga mente a tutto questo non si potrà che ii1.nanere veramente attoniti come davanti ad uno dei più straordinari miracoli. E da 20 anni in qua, fino a questo momento, a qual numero mai sono giunti i Figli di D. Bosco, le Figlie di Maria Ausiliatrice, i Cooperatori salesiani?
Quando si riflette — continua Sua Santità, accennando ad una delle più caratteristiche forme di apostolato del Servo di Dio — che Doni; Bosco era un uomo che sembrava avere tutt'altro -da fare, ttt'altro che il tempo per lo studio propriamente detto, e che pp.re tanti libri uscirono dalla sua penna, perchè sono almeno settanta i libri e libretti di educazione popolare di cui egli fu l'autore; quando si pensa che la sua Storia d'Italia ha avuto finora ventisei edizioni e trenta o quaranta ne ha avuta la sua Storia Sacra, e i suoi libri di pietà Il giovane provveduto, La figlia cristiana, venti anni fa, già erano alla loro seicentesima edizione; e poi alle letture popolari, alle letture cattoliche che già venti ° anni fa avevano raggiunto dieci milioni di esemplari; e al Bollettino Salesiano, che vede la luce in tante lingue, ed allora era pubblicato in trecento mila esemplari, e adesso certamente molto di più; quando si osserva una così immensa messe di bene, viene da chiedersi: come mai tutto ciò è potuto avvenire? E la risposta non può essere che questa: è la grazia di Dio, èla mano di Dio Onnipotente che ha disposto tutto questo. Ma donde questo gran Servo di Dio ha attinto l'energia inesauribile per bastare a tante cose? C'è il segreto ed egli stesso lo ha continuamente rivelato in un motto che assai spesso nelle opere salesiane ricorre"; è la frase dettata' dal cuore del Venerabile Fondatore: Da mihi animas, cetera tolte, dammi le anime e prendi tutto il resto. Ecco il segreto del suo cuore, la forza, l'ardore della sua carità, l'amore per le anime, l'amore vero, perchè era il riflesso dell'amore verso Nostro Signor Gesù Cristo e perchè le anime stesse egli vedeva nel Pensiero, nel Cuore,- nel Sangue prezioso di Nostro Signore; cosicchè non v'era sacrificio o impresa che non osasse affrontare per guadagnare le anime così intensamente amate.
Questa — esclama commosso il Santo Padre — è appunto la bellissima particolarità di questa figura di grande amatore delle anime (amator animarum) proprio come fu detto che risorge oggi al mondo nella luce del miracolo e s'impone ora più che mai all'attenzione, all'ammirazione, all'imitazione di tutti. Perchè se non tutti possono aspirare a far tanto — per quanto un grande amore, una grande sollecitudine, un grande impegno in ogni direzione e in ogni condizione sarebbe capace di fare miracoli; e quanti avessero nel cuore 'un po' di quella abnegazione, di quel sacrificio che sa ispirare la carità vera, potrebbero operare dei veri prodigi per il bene delle anime — se non tutti possono mirare tanto alto, chi è che non può fare qualche cosa di bene, quando si vede il male dilagare in misura così spaventosa, quando si vedono tante anime trascinate dalla sensualità, quando si vedono tante anime, specialmente giovanili, travolte da quel miraggio fascinatore della vanità che fa perdere il senso del bene? E questa appunto è quella partecipazione all'apostolato alla quale il Santo Padre continuamente chiede a tutti coloro che, hanno un cuore o un sentimento, quella partecipazione all'apostolato gerarchico che è lo scopo e l'anima dell'Azione Cattolica e che deve tutta penetrarla in ogni sua attività.
Ma il Papa voleva ancora trarre un altro pensiero dalle meraviglie di Don Giovanni Bosco altamente bello e consolante. Ed è intorno alla fedeltà di Dio verso il suo umile, fedele, generoso servo. Poichè questa è veramente tra le più belle e più consolanti promesse della bontà di Dio verso le sue creature. Quel servo fedele che ha risposto nella sua semplice, umile fedeltà al suo Signore, quel povero figlio, buono a nulla secondo il mondo, ecco che Iddio lo ha scelto per far risuonare la sua voce fin nelle parti più remote del mondo ed oggi lo chiama per aprire la sua tomba, rivolge la pietra che chiude quel sepolcro e un giorno di gloria e di risurrezione, proprio in questi giorni che preannunziano a ricordo della stessa divina resurrezione sua.
È un pensiero che dobbiamo ricordare specialmente quando Dio ci domanda qualche lavoro, qualche abnegazione, qualche sacrificio per la gloria sua. E quello che noi dobbiamo rispondere ben lo sappiamo quando ricordiamo che il- Divino Redentore ha detto: « Qui confitebitur me ,coram hominibus, confitebor et ego eum ante Patrem meum; chi mi avrà confessato davanti agli uomini, lo confesserò anche io davanti al Padre mio ». Don Bosco con tutta la sua vita e con l;opera delle istituzioni che hanno continuato l'attività sua ;l a realmente confessato Iddio davanti agli uomini, ed ecco elle Iddio lo riconosce e lo glorifica davanti a tutto il mondo.
Il Santo Padre termina dicendo che con questi pensieri e sotto questi alti luminosi riflessi, non Gli restava che impartire la Benedizione Apostolica, innanzi tutto ai figli di Don Bosco, alle figlie di Maria; Ausiliatrice, ai cooperatori salesiani, a tutte le loro Case e Missfoni sparse per tutto il mondo. Su tutto questo insieme così vasto, fervido e fecondo di opere sante e poi ancora, su tutti i presenti e su tutto quello e tutti quelli che ciascuno di loro aveva nel pensiero e nel cuore, Egli impartiva la Benedizione Apostolica.

9 Luglio 1929
La solenne Beatificazione di D. Bosco: I. Nella luce della Parola del Papa. - 2. Il 2 giugno a Roma. - 3. La vera gloria del Beato. - 4. Le moltitudini attorno al Beato. - 5. Il trionfo del 9 giugno in Torino. - 6. Per i figli del, popolo e per le .Missioni. - Le nostre responsabilità.

ATTI DEL CAPITOLO SUPERIORE
Il Rettor Maggiore.
J. M. J.

Carissimi Confratelli e Figli in, N. S. Gesù Cristo,

l: Il nostro Padre e Fondatore è Beato!

La voce di Dio lo ha proclamato solennemente in Roma per la bocca del magistero infallibile della sua santa Chiesa; e la voce del popolo ha fatto eco con entusiasmo spontaneo, generale, indescrivibile, a Roma, a Torino principalmente, e dovunque fiorisce in qualche modo la sua Opera. Ed io sento il bisogno ed il dovere di ripetere la notizia ad uno per uno a tutti i miei confratelli e di consegnare negli Atti del Capitolo Superiore il grande avvenimento che segna una epoca nuova alla nostra cara congregazione.

Il cielo e la terra hanno riconosciuto il culto filiale che era! . tributato privatamente nell'intimo dei nostri cuori alla santità del Padre, dal giorno fortunato in cui l'abbiamo conosciuto personalmente, o da quando la divina Bontà ci ha chiamati a rivestirci del suo spirito e a divenire suoi figli.

L'altare alla santità del Padre era finora eretto solo nei nostri cuori: invece adesso è inalzato nel cuore medesimo della santa Chiesa, al cospetto di tutto il mondo.

Non desistiamo, o carissimi, dall'esultare, giubilando l'inno del più fervido ringraziamento, dinanzi al Signore che, mirabile .sempre nei suoi santi, s'è degnato coronare quaggiù il nostro Don Bosco del diadema della santità e della gloria con tali e tante singolari finezze della sua infinita Bontà da superare ogni nostra più ardita previsione ed aspettazione. Possiamo veramente dire che la divina Bontà s'è profusa per impreziosire la Beatificazione del nostro Padre, già di per se stessa infinitamente preziosa, circondandola di luci e di splendori non comuni, che resteranno indelebili nelle nostre menti e nei nostri cori.

Come non riconoscere ora chiaramente la squisita finezza della divina Bontà che nel 1883 avvicinava in Valdocco, per alcuni giorni, a .D. Bosco, nell'ospitalità la più intima dei cuori, Colui che gli avrebbe decretato l'onore degli altari, dopo averne messa la vita nella pienezza della luce con discorsi inspirati, che saranno tra i- tesori più preziosi della nostra Società?

Di D. Bosco s'è parlato e scritto molto, prima e dopo la morte, ma nessuno aveva ancora parlato come il S. Padre Pio XI. Alle allocuzioni sopra l'eroismo delle virtù e sopra i miracoli (Ved. Atti del Capitolo No 38, pag. 552 e No 48 pag. 748)g che ci delineavano al vivo la vera figura attivo-soprannaturale di D. Bosco, il S. Padre ha aggiunto tinte e riflessi più luminosi nell'allocuzione pronunziata dopo la lettura del Tuto e nell'inno trionfale sgorgato dal Suo gran Cuore- paterno là nel Cortile di S. Damaso, il giorno dopo la Beatificazione compiutasi in S. Pietro. Son sicuro che voi, o miei cari, li avete già letti questi tesori; ma gli Atti del -Capitolo ve li recano nella loro integrità ufficiale perchè li possiate meglio gustare e approfondire di quando in quando.

Il S. Padre dopo aver proclamato che « ogni anno, ogni momento .della vita così operosa, così raccolta, così operante e così pregante » (20 - 2 - 927) del nostro Padre era « un miracolo, una serie di miracoli, succedentisi ininterrottamente nell'insieme dell'opera sua, che è uno dei più straordinari miracoli » (19 - 3 - 929), ha additato, alla lettura del Tuto (21 aprile), il segreto di queste meraviglie: «La .fiducia immensa, inesauribile nella fedeltà di Dio, salita fino alla grandezza di un continuo miracolo morale, che ha lasciato un giorno ai suoi figli ed ora, può ben dirsi, a tutto il mondo cattolico... ».
« Badate bene — aveva detto, conversando, l'umile Servo di Dio, al futuro Papa -- badate bene, quello che più spesso ci manca è la fiducia nella fedeltà l'Dio, così com'essa è veramente, vale a dire senza limiti le senza misura ». Parole per noi ora di valore doppiamente ineliminabile!

Allora e poi sempre, D. Bosco parve al futuro Papa, «invincibile, insuperabile, appunto perchè fermamente, solidamente fondato in una fiducia piena, assoluta della divina fedeltà ». L'insistente, augusta Parola del Vicario di Gesù C. — trasmessa all'orbe'cattolico nella pienezza della sua letizia e nella giocondità del suo gran Cuore, con l'edificazione degli esempi, dello spirito e della memoria di D. Bosco — animò tutti a fare ricorso con più - fiducia all'intercessione di Lui, e rese più vivo l'universale desiderio della sua Beatificazione.

« Ci sembra ancora di vederlo con i nostri occhi » aveva ripetuto più volte la voce del S. Padre, celebrando le virtù, gli eroismi e le meraviglie compiute dal Signore in D. Bosco: e da tutte le parti del mondo accorsero a Roma le moltitudini dei fedeli per acclamare al « Papa di D. Bosco » e ..per dirgli, nel momento medesimo della glorificazione del Servo di Dio, con la loro presenza — così numerosa. de' essere quasi innumerabile, così fitta e compatta da apparire come un sol corpo mosso da un'anima sola — tutta la gratitudine immensurabile che Gli serberanno perennemente nei loro cuori e che tramanderanno ai loro posteri; per averli donati del nuovo sospiratissimo Beato.

Il Papa ha proclamato la Sua antica conoscenza, la sua antica amicizia sacerdotale con D. Bosco, ornai vicino al Suo luminoso tramonto, mentre Egli allora era al principio del Suo sacerdozio: ed ora, alla distanza di poco più di nove lustri, innumeri moltitudini di figli s'assiepano frementi di gioia attorno al trono di Lui, Vicario di Gesù C., per attestarGli tutto l'alletto filiale e ripeterGli: « Anche' noi abbiamo conosciuto e conosciamo il Beato D. Bosco nelle sue Opere; anche noi siamo amici di Lui da lunga data perchè facciamo parte della sua famiglia ».

2. Per questo, mai forse vi fu un santo, un eroe della fede, la cui santità sia stata proclamata con maggior entusiasmo, con maggiore consenso di quello che ha accompagnato la Beatificazione del nostro Padre e Fondatore.

Non è la descrizione particolareggiata dell'indimenticabile avvenimento che devo darvi, o miei cari, perchè la rileggerete iutiera sul Bollettino »: qui intendo farvi rilevare solo alcune delle tante bellezze e magnificenze che l'accompagnarono. Mai il cuore di tanta moltitudine di figli ha battuto così all'unisono con quello del Santo Padre di tutta la cristianità: mai entusiasmi e applausi furono così sinceri, frenetici, gioiosi/, pioni di luce e di sole sul volto di tutti: mai la commozione e le lagrime si sono impossessate così della moltitudine, giubilante l'inno del ringraziamento sotto le volte del maggior tempio della cristianità, veramente stipato: mai preghiera è salita in alto, attraverso la cupola di S. Pietro, fino all'altissimo dei cieli, così viva, così palpitante, così ardente di tutte le fiamme, così parlante tutti i linguaggi nell'unica lingua della Chiesa, come è avvenuto la mattina del 2 giugno nella Basilica Vaticana, al momento in cui per la prima volta la Gloria del nuovo Beato apparve splendente nello sfondo d'oro della raggiera Berniniana: e nel pomeriggio al momento in cui il Papa fece il Suo emozionante ingresso nella Basilica, per venerare il Beato. La realtà • impressionante di questi due indimenticabili momenti resterà sempre immensamente superiore a qualsiasi descrizione verbale o scritta. Il S. Padre medesimo, nell'udienza privata del 3 giugno, manifestando il Suo alto compiacimento per la solennità e grandiosità eccezionali della Beatificazione di D. Bosco, asserì di non avere mai veduto S. Pietro così affollato.

Il tempio e la piazza furono veramente affollati tutto il dì, dalle prime ore del mattino fin oltre la mezzanotte: sia per le funzioni, attese le lunghe ore per non perdere il posto: e sia — cosa veramente eccezionale -= per l'illuminazione della Basilica, voluta dal S. Padre, per rendere la Beatificazione del Nostro Fondatore' affatto straordinaria. Perchè l'artistica, indescrivibile, 'inimitabile, dispendiosa e faticosa illuminazione della Cupola, della facciata e del colonnato che recinge la Piazza di 8. Pietro, suol essere riservata solo per le Canonizzazioni dei santi più celebri. Ma ben si conveniva al novello Beato, che è stato sempre luce nella sua vita e banditore di luce alle anime, anche al presente coi suoi esempi e con le sue Opere.

Durante tutto quel dì è stato un continuo flusso e riflusso di gente d'ogni ceto, sesso, grado, età e condizione sociale, mossa unicamente dal desiderio di essere ,tra i primi a venerare, uniti al Papa, il novello Beato tanto caro e amato: — una ressa impressionante, ma calma, composta, prégante: — una ressa la cui nota dominante erano le fiorenti giovinezze dei nostri Oratori festivi, collegi e pensionati; erano le balde falangi dei nostri ecc allievi, dalle fronti serene, aperte, gioiose e dal portamento risplendente della familiarità salesiana, che li faceva distinguere tra mille; erano le rappresentanze dei nostri Cooperatori, Direttori, Decurioni, Zelatori e ,Zelatrici di ogni paese e nazione, che si distinguevano per la  stessa allegra familiarità salesiana: i quali tutti, assieme al restante popolo, fecero arbitrariamente valere dei diritti di salesianità per meglio vedere e godere.

La conseguenza fu che il popolo invase i posti riservati ai Membri principali della Congregazione nelle medesime funzioni del mattino e della sera, impedendo così ai figli prediletti di' potere godere l'intimità della festa, di avvicinare meglio l'altare del Beato e il S. Padre. Fu questo l'unico inconveniente e va rilevato. Credo però che questo sacrifizio, involontariamente imposto a tanti nostri Ven. di Confratelli — i quali o per la carica, o per la conoscenza personale del Beato, o per le fatiche apostoliche sostenute nelle lontane missioni ben si meritavano un posto speciale — sarà nelle lor mani moneta assai preziosa per intercedere con più efficacia dal Beato Padre, grazie e favori segnalati per sè e per la Congregazione.

3. Ho già accennato sopra all'udienza particolare concessa dal S. Padre a me e agli altri membri del Capitolo Superiore, il 3 giugno. Il Papa era raggiante e ancor tutto commosso per l'esito della, Beatificazione di ieri. Si mostrò particolarmente soddisfatto dell'ordine e della precisione con cui tutte le diverse fasi delle cerimonie si erano svolte, nonostante l'immensa marea di popolo la quale parve rendesse piccola la grandissima Basilica, al tempo stesso che con le vive e frementi sue acclamazioni a D. Bosco e al Papa dimostrava tutta l'anima salesiana che la pervadeva e la mondiale popolarità che già possedeva il novello Beato fin dalla sua prima aurora all'onore degli altari.

Pio XI, che è veramente il « Papa di D. Bosco » ha voluto dedicare a noi quasi tutta la prima giornata dopo la Beatificazione. Si sperava perciò di potere in qualche modo avvicinare al Papa anche i salesiani cha avevano conosciuto il Beato con gli Ispettori e missionari anziani, nell'udienza generale concessa all'intera famiglia salesiana presente in Roma.

Ma se la cosa fu solo possibile in modo globale, stante il numero di oltre dodici mila tra salesiani, Figlie di ,Maria Ausiliatrice, ecc allievi giovani, cooperatori e cooperatrici, vi supplì l'inspirato, meraviglioso discorso del S. Padre.

Dopo le filiali acclamazioni, con canti e indirizzo, il Papa parlò, o meglio effuse tutto il Suo gran ;Cuore in un inno trionfale al Beato D. Bosco, inarrivabile, indimenticabile e commoventissimo. Leggendolo ora, come è stato stenografato, quasi parola per parola, si prova ancora una viva emozione, ma vi manca l'anima, la vita della viva Parola di Pio Xl, tutta fuoco e tenerezza paterna.

L'imponenza dell'adunanza che ha dinanzi a Sè, le entusiastiche dimostrazioni di pietà filiale verso la Sua Persona « sono nel nome tanto illustre e glorioso in tutto il mondo, nel nome e nella gloria non solo terrena e mondiale, ma celestiale ed eterna del Beato D. Giovanni Bosco », del quale Egli si gloria potersi annoverare « tra i suoi conoscitori personali, tra quelli che ebbero da lui stesso vivi e paterni segni di benevolenza e di paterna amicizia ».

La nostra partecipazione al Suo Giubileo con la presente manifestazione e più ancora con le preghiere, Gli è tornata graditissima. Plaude agli antichi discepoli del Beato e a quanti son venuti da lontano per rendere più grandiose le primizie della sua venerazione. « Noi per grazia di Dio l'abbiamo potuto elevare come segno alle genti, all'onore degli altari. Voi da tutte le genti siete venuti a rendergli tributo raramente così universale nell'attualità della Beatificazione, nella gloria così splendida di S. Pietro in Vaticano... ».

E tutta questa gente attratta ai Suoi Piedi per la glorificazione f di D. Bosco, Gli fa sentire la pienezza della Paternità universale della quale è rivestito, facendoGli vedere in una grande apocalittica visione tutti i salesiani dispersi per il mondo, ma presenti nel Cortile di S. Damaso, nella magnifica rappresentanza che ha dinanzi a Sè.

Centinaia di migliaia d'anime hanno dovunque pregato e venerato con voi il Beato D. Bosco: ma voi dovete pensare che la gloria più vera del Beato su questa terra è nelle vostre mani e dipende da voi... Se voi sarete i figli sapienti di tanto Padre, se saprete sempre meglio intendere lo,'spirito suo e dell'Opera sua; se saprete continuarla senza misurare il lavoro; se (come voleva Don Bosco) saprete essere sempre all’avanguardia del progresso quando si tratta del bene, della verità, dell'onore di Dio e della Chiesa, del Regno di Gesù C., della salvezza delle anime, allora la gloria del Padre sarà piena e completa su la terra come lo è già in cielo. « Sarà questa la vostra parola d'ordine, sarà l'eccitamento continuo a procedere sempre, più animosi per quelle belle vie alle quali vi avviano la parola l'esortazione, l'esempio ed ora l'intercessione del Beato Giovanni Bosco! ».

4. L'apoteosi romana della glorificazione di D. Bosco non avrebbe potuto essere nè più solenne, nè più commovente. La voce di Dio che ha beatificato il suo Servo fedele, è stata raccolta entusiasticamente e devotamente dai figli e ammiratori di Lui, perchè non era altro che la voce dei loro cuori, cioè la voce del popolo. Questa voce del popolo erosi già fatta sentire durante la vita del Servo di Dio attraverso lo splendore delle sue virtù e delle sue opere, che la profonda sua umiltà non riusciva a nascondere. Era scattata più solenne irti' le lagrime e le salmodie del corteo funebre imponentissimo che aveva accompagnato la Salma venerata nel riposo di Valsalice. E poi, continuò a farsi sentire dappertutto, anche nelle contrade più remote, con le preghiere, con i voti, con i pellegrinaggi, con le grazie, impetrate e ottenute e con la misteriosa attrattiva dei cuori verso il santo ch'era vissuto e continuava a vivere d'amore per la gioventù, anche nel suo sepolcro. Così in appena quattro decine d'anni, questa voce del popolo fu più solo un coro universale di suppliche impetratorie, coronate ora dai canti trionfali della gioia dell'amore, indescrivibili.

I festeggiamenti torinesi per la Beatificazione di D. Bosco sono la magnifica espressione di questa voce del popolo fiorita sul sepolcro di Valsalice che per noi è sempre stato un altare! Quante volte ci siamo prostrati dinanzi a quell'altare sepolcro per intrattenerci in intima conversazione con il Padre che ci rispondeva in modo meraviglioso nella maggiore comunicazione del suo spirito, nei lumi alle nostre perplessità e negli aiuti sensibili al momento opportuno! Quante volte voi pure, o miei cari, avete fatto altrettanto, ascrivendo a grazia segnalata la fortuna di potere passare qualche giorno nella preghiera e nel raccoglimento lassù, accanto al Padre sempre vivo ed operante come quando era ancora nella mortalità della carne! Là, sotto quell'altare, Bravi il nostro tesoro: anche le genti lo intuivano e vi accorrevano per averne qualche piccola parte. Perchè era nostro sì, ma nel tempo stesso quel tesoro già apparteneva di pien diritto alla cattolicità, alla santa Chiesa, la Madre dei Santi!

E la Santa Chiesa, il 17 maggio scarso, l'ha fatto levare di là dalla competente Autorità venuta da Roma unitamente a quelle della Città e della Congregazione. « Ossa o semplici ceneri, esse ci rappresenteranno l'Uomo di Dio che ha vissuto il Vangelo... », ha esclamato Mons. Salotti nel discorso pronunziato prima di ordinare la ricognizione della salma. Il Vangelo è la vita, è la santità, è la gloria nel Regno di Dio, che è la Santa Chiesa del cielo e della terra: e chi ha vissuto la pienezza del Vangelo durante la sua vita mortale deve vivere pure la pienezza della Vita nel Regno di Dio. Per questo D. Bosco è stato ora annoverato dal nostro « dolce Cristo in terra » tra i Beati della Chiesa; e le genti accorrono a venerarne la Salma, che è divenuta il trono terreno dal quale egli dispensa le grazie, i favori e i miracoli che il Signore ha messo a sua disposizione. Questo spiega le migliaia e migliaia di pellegrini che salirono giornalmente a Valsalice prima del 9 giugno e che ora continuano a riversarsi nel Santuario di Maria Ausiliatrice dove questo trono della Salma benedetta del Padre è stato portato in un trionfo più straordinario tra tutti gli straordinari.

L'abbiamo visto con i nostri occhi, l'abbiamo goduto con la gioia commoventissima delle lagrime, l'abbiamo scolpito indelebile nel più intimo del nostro spirito, il trionfale corteo che accompagnò a Valdocco il Corpo beatificato del nostro Padre. Non è stato opera degli uomini,  ma del Signore: da noi s'è fatto del nostro meglio perchè riuscisse imponente e ben ordinato: ma lo straordinario, che è stato l'anima di tutto, è Dio che ce l'ha messo: A Domino factum est! In questa luce il trionfo del Beato Padre manderà i suoi splendori a quelli che non l'hanno potuto vedere e ai nostri posteri ancora.

5. L'aspettazione generale, di oltre due mesi, nel mondo intero, ha riversato a Torino. più di cento mila pellegrini, solo per la giornata del 9 giugno. Fin dalla vigilia e da tutte le parti son venute le moltitudini per il trionfo, di D. Bosco; e, senz'essersi mai conosciuti si sono trovati tutti, in famiglia, tanto a Valsalice come a Valdocco e nella Città ospitalissima e piena di delicate attenzioni.

I pellegrini impazienti di vedere e avvicinare la Salma del Beato, sfilarono tutta la mattina dall'Ausiliatrice a Valsalice e viceversa, così da parere quasi già iniziato il corteo. Questo però, preordinato diligentemente in ogni suo più minuto particolare, non doveva cominciare che alle ore 15.
Formato da,, una massa imponente di ben 70 mila persone — che erano divise in 1.8 Gruppi, aventi ciascuno il proprio posto di partenza e di arrivo — il corteo si mosse allora, compatto e devoto, dal Seminario delle Missioni Estere di Valsalice, e, per oltre quattro ore, sfilò ritmicamente attraverso il Ponte Umberto, il Corso Cairoli, la Via Diaz, la Piazza Vittorio Veneto, la Via Po, la Piazzetta Reale, la Piazza S. Giovanni, la Via Venti Settembre e il Corso Regina Margherita fino alla Basilica di Maria Ausiliatrice, in una magnificenza' unica di luce, di fiori, di profumi, di preghiere, di canti, di musiche, di evviva e di applausi irrefrenabili.

Due compatte ali di popolo stipavano all'inverosimile gli ampi Corsi, le vaste Piazze, e le targhe Vie del percorso, mentre sopra le balconate e le finestre dei, palazzi circostanti, bellamente pavesati, fiorivano fitte aiuole di teste protese nell'aspettazione di una visione imminente e pronte a lanciare sopra l'urna del Beato, baci, preghiere, rose e fiori a profusione. Chi da un posto di osservazione ha assistito allo svolgimento di tutto l'interminabile corteo, può bensì aver goduto della grandiosità e magnificenza dei Gruppi succedentisi ininterrottamente, ma non può aver provato i sentimenti e le emozioni di chi era nel corteo e poteva a suo agio contemplare lo spettacolo della massa, aggirantesi tra i quattro e cinque cento mila spettatori, in devoto contegno, con il volto raggiante di gioia non comune e gli occhi imperlati di lagrime e le mani giunte a pregare o pronte ad applaudire e l'estasi beata che si trasmetteva, da scaglione a scaglione, man mano che questa immensa marea umana, si faceva avanti al nostro sguardo ancora assorto nella contemplazione del precedente. Era cosa talmente impressionante da far trattenere quasi il respiro per raccogliere le preghiere che quelle centinaia di migliaia di cuori facevano salire al Beato con un milione di occhi e di mani commossi e frementi.

Dietro a tale spettacolo e canti e ,preghiere e voti formulati con tutti i sensi e le potenze umane di' tanta gente, la Salma del Beato incedeva viva e commossa sull'alto suo trono, mentre le mani, che la pietà filiale aveva composte a preghiera, parevano elevarsi a benedire, come avevano fatto durante tutta la vita. E veramente una delle caratteristiche più belle del nostro Beato è stata quella di benedire: egli è stato la benedizione vivente e lo sarà ancor più d'ora innanzi. Non dimentichiamo, o miei cari, che noi anche siamo stati chiamati all'eredità di questa benedizione: in hoc vocati estis, ut benedictionem haereditate possideatis (I, S. PIETRO, 3, 9).
E tutta l'immensa moltitudine attendeva pazientemente, in posizioni incomode, sotto i dardi del sole, bellamente allineata, raccolta, come se fosse in un vastissimo tempio, senza dare noie alle poche guardie che presiedevano all'ordine: e man mano che il carro maestoso del Beato si avvicinava, gli occhi di tutti si fissavano in alto, in lui, e le mani plaudenti facevano tosto devoti segni di Croce. Linguaggio e comunicazioni misteriose tra il Beato e il suo popolo, del quale aveva compresi i bisogni e le miserie, alleviandole con le sue carità inesauribili.

Rivolgeva queste cose dentro di me, mentre seguendo Vescovi e Cardinali precedevo passo passo il nostro Beato. Dietro veniva il carro del suo trionfo e dopo l'Em.mo sig. Card. Gamba, nostro Arcivescovo, il quale ha voluto riserbare a sè l'onore di accompagnare il Beato D. Bosco alla sua definitiva gloriosa dimora. Come Egli ama D. Bosco e l'Opera sua! Anch'Egli ha conosciuto il nostro Padre, qui all'Oratorio, dove trascorse un anno: ne ricevette le carezze dello sguardo di Lui e la parola buona, che più non si dimenticano. In Lui, fanciullo ancora, il Beato aveva riscontrato una « buona stoffa »: ma la Provvidenza lo guidava per altre vie, affinchè un giorno gli rendesse il suo filiale tributo nella maestà della Sacra Porpora. Altri quattro Eminentissimi Principi di Santa Chiesa, oltre 60 Arcivescovi e Vescovi e tutte le maggiori Autorità e Rappresentanze cittadine, del Piemonte, dell'Italia e dell'estero, hanno partecipato all'imponente corteo, pure onorato dall'augusta presenza delle LL. AA". RR. i Principi di. Casa Savoia, i quali ne attesero l'arrivo al Santuario di Maria Ausiliatrice, abbellito e ornato con tutto' lo sfarzo possibile per ricevere convenientemente il suo D. Bosco!

Maria SS. Ausiliatrice lo ha richiamato, nella gloria dei Beati, accanto a Se, quasi compartecipe dello stesso suo trono di grazie e di gloria, nella « stupenda ed alta chiesa » erettale dal Beato e solennemente consacrata il 9 giugno del 1868. Ed ora la Provvidenza ha disposti che la sera dello scorso 9 giugno, la sua Salma benedetta venisse 'esposta alla pubblica venerazione nel presbiterio dell'Altar Maggiore, proprio nel luogo preciso dove il Beato 64 anni prima aveva avuta l'Apparizione della « Matrona magnificamente vestita di indicibile avvenenza, maestà e splendore » la quale, chiamatolo a Sè, con un incantevole sorriso sulle labbra e con affettuose parole l'aveva incoraggiato a non abbandonare i suoi giovani... pronunziando infine con voce infinitamente armoniosa: «haec domus mea: inde gloria mea? ».
Così il nome del Beato D. Bosco è divenuto realmente indivisibile da quello della sua potente Ausiliatrice.

Le centinaia di migliaia di popolo che l'avevano trionfalmente accompagnato fino alla sua Casa, presero parte al suggestivo insediamento del Beato nella Basilica per mezzo degli altoparlanti che funzionarono egregiamente. Erano state agglomerate, accatastate lungo i Corsi: Regina Margherita, Valdocco, Principe Eugenio; e per le vie: Caselle, Cigna, Cottolengo, Salerno; e su la imponente Piazza di Maria Ausiliatrice. Nessuna chiesa del mondo potrà mai contenere tanta gente quanto era quella che ha partecipato a questo magnifico finale del trionfo del Padre, mentre tutta la cupola, i campanili, la facciata, i fabbricati circostanti, il monumento di D. Bosco, e la piazza e le vie e le case, grandi e piccole, cantavano il loro inimitabile inno della luce al novello Beato. L'illuminazione riuscitissima è stata anche qui il simbolo più espressivo di ciò che fu ed è tuttora il nostro Beato!

6. Però il trionfo del nostro Padre a Roma e a Torino, non poteva restringersi alle sole funzioni, 'direi, ufficiali, e neppure limitarsi al relativo Triduo solenne, riuscitissimo qui e là, per intervento di popolo, per magnificenza di funzioni religiose; per nuove, geniali, grandiose esecuzioni musicali; e per l'eloquente, augusta parola degli Eminentissimi ed Eccellentissimi panegiristi delle virtù del nostro Beato. A questo riguardo non si poteva desiderare nè di più, nè di meglio.    .

Ma se ci fossimo limitati solo a questo, alle nostre feste sarebbe mancata la nota propriamente salesiana, e al Beato Padre il vero e più gradito omaggio dei figli. Questo e quella dovevano essere espresse in modo concreto con l'inizio di una nuova fondazione a Roma e a Torino che ricordasse il faustissimo avvenimento in una più fervida esplicazione di quella parte dell'apostolato educativo che stava più a cuore a D. Bosco. Egli ha dato sempre le sue preferenze alla formazione religiosa, civile e morale della gioventù del popolo attraverso gli Oratori festivi e le Scuole professionali d'arti e mestieri. Ora quelle di Roma non potevano svilupparsi in modo adeguato per la ristrettezza dei locali all'Ospizio del Sacro  Cuore; e da più tempo si pensava a un radicale provvedimento con la fondazione di un apposito Istituto professionale sulla via Tusculana, nelle vicinanze della Colonia agricola del Mandrione., Un nostro buon Confratello ne procurò i mezzi per erigerlo nel .Nome del S. Padre Pio XI, a ricordo perenne del Suo Giubileo sacerdotale d'Oro. Il S. Padre gradì vivamente l'omaggio con approvare il progetto in modo regale mediante l'offerta di un milione per la chiesa di Maria Ausiliatrice da inalzarsi accanto all'Istituto Professionale Pio XI per i bisogni spirituali della popolazione operaia che va addensandosi in. quella località e quale vivo monumento della Beatificazione di D. Bosco.

I lavori di costruzione dell'Istituto sono già bene avviati e la posa della prima pietra del nuovo tempio di Maria Ausiliatrice è stata compiuta il 4 giugno con tutta la solennità degna dell' Urbe. e quale si prevedeva, data la presenza di numerosissimi pellegrini italiani ed esteri, venuti per la- Beatificazione di D. Bosco.

Similmente a Torino il 13. giugno è stata benedetta la prima pietra dell'Istituto Professionale Missionario « Conti Rebaudengo », destinato a Casa di perfezionamento per i nostri cari Coadiutori e come vivaio delle vocazioni missionarie ira i medesimi Coadiutori. L'Istituto è dono munifico del Presidente Generale dei nostri Cooperatori, l'Ill.mo Sig. Conte Senatore Eugenio Rebaudengo, il quale non poteva dare prova più luminosa della nobiltà del Suo cuore, onorando i suoi cari defunti con la creazione di quest'Istituto, di cui sentivamo tanto la necessità. Sorgerà presso la piazzetta della nuova barriera di Mirano, cioè poco oltre la cinta daziaria. Sarà capace di ben 300 allievi interni, oltre l'Oratorio festivo, la chiesa e tutte le altre istituzioni moderne per l'elevazione del popolo.

7. Eccovi, carissimi confratelli e figli, le piccole cose che ho creduto bene scrivere in margine al magnifico poema della Beatificazione di D. Bosco. E stato un trionfo dei più straordinari, che la mia povéra circolare ha appena sfiorato per sommi capi, e neppure in tutte le sue linee generali. Come di solito, anche stavolta, non ho avuto altra intenzione che di mettervi a parte delle cose che mi sono sembrate più opportune ad animarci reciprocamente a divenire migliori e più degni del nostro Beato Padre.

Ora le cose vedute e provate sono tali da segnare un'epoca nuova per noi e per la nostra Society. Finora eravamo solo i poveri figli di D. Bosco e si andava avanti alla meglio sénza tante pretese: adesso ch'egli è Beato, siamo in certo modo saliti anche noi di Ì grado, ma con nuove responsabilità, per l'onore e le grazie venuteci  in vista del Padre.

Quando il 2 giugno, in S. Pietro, apparve D. Bosco nella Gloria del Bernini fra angeli e luci senza fine, e vidi i Cardinali, i Vescovi, i Prelati e il popolo plaudente inginocchiarsi tutti a pregare, la mia commozione fu estrema perchè vedevo tutta la Chiesa che prestava il primo ossequio al Beato. Tutti allora abbiamo pregato e venerato D. Bosco! E quando nel pomeriggio, il S. Padre, il Capo della Chiesa, in un subbisso di irrefrenabili applausi, discese dalla portantina, direi, dal suo trono, e s'inginocchiò davanti le Reliquie del Beato D. Bosco e le venerò e pregò a lungo divotamente, la mia commozione fu pure estrema, e compresi Chi diventava allora D. Bosco per noi.

Senza punto cessare d'essere quello che per noi è stato sempre, cioè il Padre tenerissimo — che ama quanti vengono man mano chiamati dal Signore ad ascriversi tra i suoi figli, con le medesime finezze di dedizioni che usava in vita verso i primi che gli vissero al fianco: -- il Padre sempre presente, sempre operante al nostro fianco, con noi e in noi — D. Bosco in quell'istante era divenuto il modello sicuro della nostra vita di religiosi e di educatori: — la lucerna posta sul candelabro per illuminare il mondo: - il ministro fedele preposto dal suo e nostro Signore Gesù C. alla distribuzione dei suoi beni agli indigenti: — il nostro particolare intercessore presso la Vergine Ausiliatrice: — era insomma divenuto secondo l'angusta parola di Pio XI, «la, gloria d'Italia, e cosa immensamente più grande, gloria di tutta la Chiesa » (20 aprile 1929).
Compresi che la sua sacra Salma era realmente risuscitata alla gloria dell'immortalità anche nella Chiesa militante, per essere stimolo alla nostra attività, alla nostra mortificazione, alla nostra santità: compresi quale doveva essere il nostro spirito, quale la vita del nostro corpo individuale e sociale.

Perchè nel fremito immenso della gioia che in quei due momenti indimenticabili prorompeva da tutti i cuori nella grande Basilica mi parve che una voce, dolce e paterna, già udita in altri tempi, scendesse dalla Gloria a dirmi: « Exemplum dedi vobis!... Imitatores mei estote! Fate com'io ho fatto e allora la mia cara Congregazione sarà sempre fiorente quale m'era apparsa, quand'ero ancora in carne mortale, nella visione avuta a S. Benigno , ... LA CARITÀ CAPISCE TUTTO, SOPPORTA TUTTO, VINCE TUTTO: PREDICHIAMOLA CON LE PAROLE E CON I FATTI... La meditazione del; mattino e della sera versi sempre sull'osservanza delle Regole. Se questo farete non vi verrà mai meno l'aiuto dell'Onnipotente. Diverrete spettacolo al mondo e agli angeli ed allora sarà gloria vostra la gloria di Dio... Coloro che vedranno questo secolo tramontare e principiare l'altro, diranno di voi: DAL SIGNORE È STATA FATTA TAL COSA ED É MERAVIGLIOSA AGLI OCCHI NOSTRI. Allora tutti i vostri fratelli e figliuoli vostri canteranno all'unisono: NON A NOI, O SIGNORE, NON A NOI, MA AL NOME TUO DA' GLORIAI ».
Così facendo saremo sempre all'altezza della nostra missione e formeremo la vera gloria del nostro Beato Padre. Gloria patris, filii sapientes, ha detto il Papa. Ma sapienti della vera sapienza che ci stimoli ad essere più puri, più mortificati, più laboriosi, più caritativi, più devoti di Gesù Sacramentato e di Maria SS. Ausiliatrice: — che ci ecciti ad attaccarci e a fare ricorso con illimitata fiducia al nostro Beato orde''' i ottenga tutto questo dal Signore: — che ci faccia conoscere, 'assieme alla grandezza della nostra missione, la nostra miseri : è. distanza da Lui; e così ricorreremo a Lui, penseremo a Lui, imiteremo Lui per continuare l'opera sua a noi affidata.

Se la nuova epoca della nostra vita salesiana, testè iniziata, avrà sempre per norma gli esempi del Beato; se la nostra missione educatrice, si svolgerà ininterrottamente sotto la sua protezione, allora accresceremo ,e moltiplicheremo all'infinito, conforme l'inspirato augurio del S. Padre, «l'immenso tesoro dell'educazione cristiana come.D. Bosco la intendeva, cioè, profondamente, completamente, Squisitamente cristiana e cattolica ».
Mentre questo numero degli Atti stava per andare in macchina, a Valsalice presso la tomba di D. Rua e di D. Albera si procedeva alla elezione dei membri del Capitolo Superiore a norma delle nostre Costituzioni e furono confermati gli attuali vale a dire il Sig. D. Ricaldone Pietro a Prefetto - D. Tirone Pietro a Direttore Spirituale - D. Giraudi Fedele ad Economo - D. Fascie Bartolomep , a Consigliere Scolastico - D. Vespignani Giuseppe a Consigliere Professionale e D. Candela Antonio a Consigliere.

.Non ho bisogno quindi: di presentarveli — continuate loro l'affetto e la sottomissione finora addimostrata e pregate perchè il Signore li assista nel disimpegno del rispettivo ufficio.

Compia il nostro celeste Patrono l'augusto augurio facendo scendere sopra, tutte le Case e sopra ciascuno di noi la pienezza della Benedizione di Maria SS. Ausiliatrice che quotidianamente invoca il

Vostro aff.mo in C. J.

Sac. FILIPPO RINALDI.

II.
COMUNICAZIONI E NOTE
Atti e Documenti riferentisi alla Beatificazione di Don Bosco.
I. - Decreto, così detto, del "Tutti'.
DECRETUM
TAURINEN.
BEATIFICATIONIS ET CANONIZATIONIS
VEN. SERVI DEI
JOANNIS BOSCO
SACERDOTIS
FUNDATORIS PIAE SOCIETATIS SALESIANAE
ET INSTITUTI FILIARUM B. MARIAE VIRG. AUXILIATRICIS
SUPER DUBIO

An, stante virtutum et duorum miraculorum approbatione tuto procedi possit ad solemnem eiusdem Ven. Servi Dei beatificationem?

Multa sane praeclara et mirabilia gessit operatusque est Ven. Servus Dei loannes Bosco pro divina provehenda gloria et humano generi aeterna salute comparanda. Tamquam vir missus a Deo ad hanc duplicem mis- sionem perficiendam, ab excolenda iuvenili aetate initium duxit, quam reHgionis praeceptis ac officiis imbuere sategit, bonis moribus instruere, eiusque civili institutioni alacriter incubuit, contenditque ut beneficium redemptionis quam pluribus proficeret. Eius voluntas animar quot plures posset Deo lucrandi nullis limitibus coércebatur, omnesque gentes apostolico quo aestuabat zelo complecti et allicere contendebat. Opes deerant, contrarietates non pance etiam a viris auctoritate pollentibus fotae, difficultates ex rerum natura partae, obstacula plura animum deiicere debuissent; at Ioannes inceptis alacriter institit, Deoque fortunante, opera suscepta ad optatum exitum perduxit, sibique nomen immortale comparavit, omasi commendatione dignurn. Plures etiam scripsit vulgavitque libros, ad pietatem inter gentes excitandam et christiana praecepta recolenda valde idoneos, qui hac quoque aetate magno in :pretio habentur. Porro siquis conferat humanorum subsidiorum inoparu/in qua saepe versabatur, cum magnitudine rerum gestarum et bene.;ficiis; cuivis civium ordini illatis, novum quasi prodigium in eo videbiturjini.acri. Prodigium, inquam, siquidem divina largitas cum firmissima Ioalniis fiducia et liberalitate quasi certatim contender, istius vires augere, facultates multiplicare, foecundare labores mirifice visa est.
Sed longe mirabilius aestimari potest, istiusmodi virum cernere arduis in negotiis operantem, periculis non paucis obiectum frequenter, cum pueris aliisque diversae indolis agentem, numquam a virtutum christianarum exercitatione diverti, imo earum fastigium esse adeptum, ceu agnitum ac definitum fuit post iuridicas severasque disceptationes decreto solemniter edito die 20 mensisebruarii anno 1927. Plura interim accesserant post Ven. Servi Dei fugar prodigia e quibus duo, quot nimirum causae indoles postulabat, rite disdussa et ad suetum iuris rigorem expensa, inter miracula recensita sunt' per decretum die 19 superioris mensis Martii latum. Unum tamen adhue discutiendum supererat, videlicet num tuta animo procedi posset ad solemnem Ven. Ioannis Bosco beatificationem. ld praestitum est in generalibus Comitiis postremo coactis coram Sanctissimo. Domino nostro Pio Papa XI, in quibus Rev.mus Card. Alexander Verde, causae Relator, sequens proposuit dubium: An stante virtutum et duorum miraculorum approbatione tuto procedi possit ad solemnem Ven. Servi Dei beatificationem. Qui convenerant omnes tum Reverendissimi Cardinales tum Patres Consultores ex ordine suam•suffragationem propitiarn protulerunt, qua laetatus est Sanctissimús Pater, sed decretoriam edere sententiam in alium diem difPétre ratus est, ut tempus ad divinum implorandum lurnén Sibi suppeteret. Quum vero mentem suam pandere statuisset, hodiernam diem, Dominicam III a gaudiis paschalibus selegit, divinaque Hostia ferventer oblata, ad se vocari voluit Reverendissimos Cardinales Camillum Laurenti, sacrorum Rituum Congregationi Praefectum, et Alexandrum Verde, causae Ponentem, itemque R. P. D. Carolum Salotti, sanctae Fidei Promotorem generalem, meque infrascriptum Secretarium, quibus adstantibus, nobiliorem hanc ingressus est aulam et pontificio solfo sedit, solemnique decreto declaravit: tato procedi posse ad solemnem Ven. loannis Bosco beatificationem. Atque hoc decretum publici iuris fieri et in acta sacrorum Rituum Corígregationis inceri, Litterasque Apostolicas in forma Brevis de beatificationis solemnibus quantocius in Patriarchali Basilica Vaticana celebrandis expediri mandavit; undecimo kalendas Maii, anno millesimo nongentesimo vicesimo nono.
L. S.                               CAMILLUS CARD. LAURENTI, Praefectus.

ANGELUS MARIANI, Secretarius.

 

 

II. - Discorso pronunciato dal Santo Padre Pio XI dopo la lettura dei Decreti sopra il Martirio del Ven. Cosma da Carboniano e del "Tuto" per la Causa di Beatificazione del Ven. D. Bosco. 21 aprile 1929.
Avete udito, dilettissimi figli, e con noi accolto con pietà e giubilo, con intimo senso delle cose sante, i due decreti or ora letti, il primo per la proclamazione del martirio di Cosma da Carboniano, gloria dell'Armenia, e l'altro per il potersi con sicuro animo procedere alla solenne Beatificazione del Ven. Servo di Dio sacerdote Giovanni Bosco, gloria d'Italia, e cosa immensamente più grande, gloria di tutta la Chiesa cattolica.
In queste due enunciazioni è già tanto splendore, tanta altezza, tanta edificazione di grandi e sante cose che veramente la tentazione sarebbe di lasciarle parlare tutte sole con il loro inimitabile significato. Ma è pur delle grandi cose richiedere un qualche commento, un commento che corrisponda al dovere di aggiungere alle cose stesse qualche casa per la maggiore fruttificazione spirituale di esse. E qui dobbiamo anche aggiungere il bisogno del cuor nostro, vogliamo dire della nostra personale, profonda, cordiale simpatia versoi due temi del duplice decreto. La diremo dunque questa parola, anche, lo sappiamo bene, per rispondere al desiderio vostro o dilettissimi figli. E sarà una sola fulgente parola, in una grande ricchezza e varietà di cose; una parola sulla divina fedeltà, e sulla incomparabile saviezza di quella grande Madre e Maestra che è la Chiesa; una parola di ammirazione è adorazione per tutte quelle finezze di infinita bontà e, stavamo per dire, infinita eleganza onde la divina Provvidenza sa impreziosire le cose già per se stesse infinitamente preziose.
Diciamo divina fedeltà. E ci sembra davvero che sia questa l'idea che s'impone all'udire (come abbiamo udito nel Decreto e nell'eloquente calda parola del suo interprete, nel quale ci piace di vedere quasi tutta l'Armenia qui presente) la rievocazione del Servo di Dio Cosma da Carboniano risalente fino alla lontana data della sua nascita nel 1658 ed a quella, di poco meno lontana, della sua morte nel 1707. Siamo a distanza di secoli, dilettissimi figli, ma anche a distanza di secoli la divina Bontà, la divina Fedeltà non ha dimenticato quel servo fedele, generoso, eroico fino alla morte. Si direbbe che si è data essa medesima la cura di andare a riaprire la sua tomba gloriosa e che sembrava quasi dimenticata, e di chinarsi a far quasi rivivere quelle ossa, proclamando la loro gloria al cospetto degli uomini, coram Ecclesia e chiamando l'antico martire agli splendori dei più alti onori. È costume di Dio questo, è il costume della sua divina volontà. Può sembrare talvolta che Iddio non pensi più a noi, come talvolta dice qualche anima caduta nel fondo della tristezza, che Dio di noi non si curi. Ma è proprio allora che il Signore dimostra nei modi più evidenti la cura costante che ha delle cose sue. Fidelis Deus, è questa la parola che il martire ci grida dal suo sepolcro glorioso. E noi, dilettissimi figli, avremo sempre torto, sempre, inevitabilmente, in ogni circostanza di cose, quando la nostra fiducia in Dio anche per poco vacilli. Ed è proprio questo che un santo sacerdote, un umile Servo di Dio ci diceva nei primordi del nostro sacerdozio oramai arrivato ai suoi 50 anni: « badate bene, quello che più spesso ci manca è la fiducia nella fedeltà di Dio, così come essa è veramente, vale a dire senza limiti e senza misura ».
Dilettissimi figli, vi lasciamo, con la memoria che ci viene dalla tomba del martire e delle parole del buono ed umile Servo di Dio, perchè non è soltanto un'utile lezione che spesso ci viene in tanta amara lezione di cose, in tanto buio del presente e in tanta tenebra di avvenire, ma diventa anche in questi casi una grande consolazione e un grande conforto. E poi dobbiamo aggiungere che è precisamente questa fiducia immensa, inesauribile, salita fino alla grandezza di un continuo miracolo morale, quella che ha lasciato un giorno ai suoi figli ed ora;,,può ben dirsi, a tutto il mondo cattolico, il ven. don Giovanni Bosco., Basta confrontare gli umili inizi dell'opera sua con gli splendori che. e;sa oggi ci offre, basta riflettere sulle difficoltà di ogni genere, materiali./ e' morali, da nemici e talvolta anche da amici, alle infinite difficoltà che egli dovette superare e poi alla magnificenza e all'eleganza del trionfo mondiale, ancor lui vivente, per comprendere quanto possa la fiducia in Dio, la fiducia nella fedeltà di Dio, allorchè un'anima sa dire veramente: scio cui credili.

È proprio questa l'impressione che abbiamo ancor viva nell'animo e che riportammo negli anni nostri giovanili dalla conoscenza che per divina Bontà e disposizione, potemmo avere col Ven. Servo di Dio, un uomo che parve allora o poi: sempre invincibile, insuperabile, appunto perchè fermamente, solidamente fondato in una fiducia piena, assoluta nella divina fedeltà.
Accennammo poi all'insuperabile sapienza di questa grande Madre e Maestra che è la Chiesa, poichè è essa che viene come Madre benigna, riconoscente al figlio che l'ha glorificata, viene a deporre questa grande corona del proclamato martirio sulla tomba di Cosma da Carboniano; è essa, la grande maestra che viene a proporre all'ammirazione e all'imitazione di tutti. Grande onore, grande gesto questo della Chiesa, ma veramente e sapientemente proporzionato alla grandezza del merito. È sapiente la Chiesa quando, trattandosi di un martire non cerca altro: dixi martyrem, satis est. Riconosciuto il martirio non occorrono più altri miracoli, perchè basta questo che la miseria umana, con l'appoggio della grazia divina, ha saputo produrre. E la Chiesa se, ne accontenta, gloriosa nella sua sapienza, anche in questa sobrietà di esigenze che in altri eroi di santità, come fu teste udito per don Bosco, è così scrupolosa ricercatrice non solo della verità, ma anche delle prove della verità discussa, controllata, dimostrata non solo con qualunque certezza, ma con la certezza giuridica e piena, piena anche nelle prove. Davanti al martirio invece, la constatazione di questo basta, perchè la Chiesa nella sua sapienza sa che veramente una grande e straordinaria cosa è nel martirio. Fu ben detto con parola veramente degna del genio che la debolezza umana, anzi l'umana grandezza non potrebbe, non potrà mai fare gesto più fastoso di quello che fa avvolgere un pover'uomo nella porpora del proprio sangue e assidersi così come testimone, difensore, assertore della verità e della giustizia, di quella verità e di quella giustizia che tutto giudica e tutto misura e di cui il martire sorge a difesa e riprova. È questo il magnifico spettacolo che ci dà l'umile sacerdote armeno.
Ma si direbbe che questa Madre santa, la Chiesa, venisse meno alla sua saggezza allorchè propone tale grandezza e fastosità di cose all'imitazione. Come si proporrebbe cose così grandi ed eroiche all'imitazione comune? Eppure la Chiesa sa, che questi esempi sono sufficienti, al momento necessario, a suscitare gli eroi, una vera folla di eroi, una vera folla di eletti,
parole che potrebbero sembrare una contraddizione in termini, ma che corrisponde perfettamente alla realtà a quella realtà, che è una delle prove più divinamente splendide nella storia della santità della Chiesa.
Ma c'è 'pure un'altra imitazione ché la sapienza della Chiesa Madre suggerisce nel proporre i martiri all'imitazione dei fedeli, giacche non c'è soltanto il martirio cruento del sangue, ma c'è anche il martirio incruento, anzi c'è un'infinità di incruenti martirii attraverso le diverse condizioni e tutti i diversi gradi della scala sociale. Ed anche qui c'è una bella parola di un antico santo e dottore che dice che le celebrationes martirum sant exhortationes martyriorum, le celebrazioni dei martiri sono esortazione ai martirii. Ci sono infatti le anime, le vite cristiane che, infiammate dagli esempi del martirio, volontariamente si consacrano al prezioso martirio incruento, necessario per custodire inviolata, la castità. C'è il martirio incruento di tante anime che volontariamente, anche quando tutto è loro offerto e tutto sta nelle loro mani, tutto abbandonano .e a tutto rinunciano per abbracciare tutte le privazioni della poveri à. C'è il martirio incruento di tante volontà che nella piena consapevolezza dei propri diritti e della propria dignità, rinunciano alla propria libertà per sottoporsi interamente, inviolabilmente all'ubbidienza, anche quando questa viene avvolta nelle tenebre di consigli non bene conosciuti e non bene potuti comprendere. Ci sono infine tanti e. tanti altri martirii incruenti nella semplicità delle più umili case e famiglie cristiane; quanti veri martirii affrontati per custodire la purezza e la dignità delle famiglie! Quante lotte talvolta veramente sanguinose, di quel sangue morale che sono le privazioni e le lacrime per non acquistare a prezzo di onestà dei vantaggi troppo cari! Quanti martirii incruenti per mantenersi puri, illibati, degni del nome di uomini e di cristiani in mezzo a così profonda depravazione, per conservarsi giusti in mezzo a tanta e così sfrenata corsa al danaro, per conservarsi umili, di vera, cristiana umiltà di spirito e di cuore in mezzo a tanta superbia di vita e a tanta sfrenata corsa al potere e al prepotere! E la Chiesa da tutti i suoi figli si aspetta l'eroismo del martirio, perchè davvero chi può sottrarsi a tali martirii incruenti? Giacche dovunque sono doveri da compiere, dovunque sorgono difficoltà ed ostacoli al compimento del dovere, è lì che il martirio incruento delle anime deve generosamente affrontarsi in modo degno della gloria di Dio e della sua Chiesa.
E vogliamo finire nel ricordo delle finissime ed elegantissime combinazioni e disposizioni della Provvidenza divina. Questo umile martire già così glorioso che dopo tante difficoltà e contrarietà di uomini, di tempi, di cose, viene, per così dire, alla ribalta della storia proprio oggi, viene dalla disunione di prima all'unione voluta, cercata, effettuata nell'unità della Chiesa cattolica e confermata col sangue, viene a dirci tutte queste cose proprio in un momento nel quale per tutta la Chiesa cattolica vige tanto studio, con zelo superiore ad ogni elogio, per l'unità. Ed ancora questa nostra antica conoscenza di don Bosco e (possiamo pur dirlo) antica amicizia, benchè noi fossimo al principio del nostro sacerdozio ed egli fosse oramai vicino al suo luminoso tramonto, questa nostra amicizia sacerdotale che ce lo fa rivivere nei cuor nostro con tutta la letizia, la giocondità, l'edificazione della sua memoria, si ravviva proprio in questi giorni e in queste ore, mentre la figura del gran Servo di Dio si profila all'orizzonte non solo di tutto il suo paese, ma anche di tutto il mondo, proprio mentre avvenimenti di così
particolare e solenne importanza sono stati registrati nella storia della Santa Sede, della Chiesa, del Paese. Poichè è bene ricordare quelle che già abbiamo ricordato _ con qualche cognizione di causa come don Bosco fosse proprio uno dei primi e più autorevoli e più considerati a deplorare quello che un giorno avveniva, a deplorare tanta manomissione dei diritti della Chiesa e della S. Sede, a deplorare che quelli che allora reggevano le sorti del Paese non fossero rifuggiti tanto spesso da cammini che non si potevano percorrere che calpestando i più sacri diritti,. Ed aera anche tra i primi lo stesso don Giovanni Bosco ad implorare da' Dio e dagli uomini un qualche possibile rimedio a tanti guai, una qn;4lhc possibile sistemazione di cose, cosicchè tornasse a splendere col sole della giustizia la serenità della pace negli spiriti. La divina Provvidenza'lo conduce, lo propone alla pienezza dei sacri onori proprio in quest'ora, e la Beatificazione di don Bosco sarà la prima che avremo la consolazione di proclamare in faccia al mondo dopo la conclusione degli avvenimenti già da lui auspicati. Non resta che ringraziare ed ammirare. Quando abbiamo da fare con un Signore così fedele, con la Provvidenza così squisitamente ed elegantemente generosa nelle sue disposizioni, che cosa possiamo temere o che cosa non possiamo sperare, confidare, nella certezza di essere esauditi?
È con questi Sentimenti che vi impartiamo la Benedizione Apostolica anche per rispondere alla filiale richiesta che ce ne è stata fatta. La impartiamo a tutti e singoli i presenti e a tutto ciò che ognuno di essi rappresenta: in modo tutto particolare alla grande famiglia di Don Bosco, a tutti i suoi figli e a tutte le sue figlie, a tutte le loro case ed istituti, tanto largamente diffusi in tutto il mondo, che ben può dirsi che per mezzo di loro a tutto il mondo giunga questa nostra stessa benedizione.
E poi una benedizione veramente paterna ed affettuosa è quella che diamo a tutta questa cara Armenia nostra, a tutti questi cari figli armeni, dovunque li abbia dispersi la bufera, la tempesta sanguinosa della guerra, una benedizione piena di desiderio paterno, pastorale, di vedere finalmente sollevati e consolati da tante loro pene e sacrifici e sangue, tanti dilettissimi figli, e di vedere altresì, (come il venerabile martire ce ne dà sì bello auspicio) anche i dissidenti tornare all'ovile e realizzarsi, nel giorno che egli ha segnato, il voto e la profezia del divino Pastore, che si farà un solo ovile ed un solo pastore. Questa benedizione che diamo a tutta l'Armenia, vada innanzi tutto alla veneranda gerarchia, ai Vescovi, ai sacerdoti, dovunque essi siano insieme ai loro fedeli. Ed è una benedizione piena di paterna ammirazione e fierezza, quale si conviene a tutte quelle grandi e preziose cose che si ricordano nell'onore che oggi si tributa al santo martire Gaumida.
XII. - Lettere Apostoliche con le quali si proclama Beato il Venerabile Don Bosco.
LITTERAE APOSTOLICAE
QUIBUS
VENERABILIS DEI FAMULUS IOANNES BOSCO
PRESBYTER SAECULARIS
ET SOCIETATIS A SANCTO FRANCISCO SALESIO
NEC NON FILIARUM SEU SORORUM BEATAE MARIAE AUXILIATRICIS
FUNDATOR,
BEATUS RENUNTIATUR.
PIUS PP. XI
AD PERPETUAM REI MEMORIAM.
Mirabilis Deus in Sanctis suis, qui, dlim vitam vivunt in terris, divinae provehendae gloriae atque aeternae hominum saluti comparandae suam operam navant; eisdemque Deus Israel ipse dabit virtutem et fortitudinem (Ps. 67, v. 36) ut, de nullis huius mundi difficultatibus adversisque hostibus pertimescentes, res sibi sanctas propositas consegui valeant. Quod pio Salesianorum conditori presbytero Ioanni Bosco bene atque feliciter evenit. Decimo septimo Kalendas Septembris anno MDCCCXV prope Castrumnovum Astense in parvo atque agresti vico Ioannes Bosco ex piissimis parentibus natus est ac postridie Sacro Fonte ablut:us; at, mox patre orbatus, plenam difficultatibus pueritiam in patrio loco transegit. Mater, virtutibus insignis atque in exemplum adducenda educatrix, christianam catechesim docuit puerulum, qui iam a teneris unguiculis pietate, morum castitate atque indole suavi omnibus se praeditum ostendit. Acuto íngenio ac memoria tenaci ornatus adhuc puer quae a parocho vel a contionatoribus sacris audivisset mirabiliter repetebat aequalibus suis, quos iam tum quasi futura praecurrens, diebus festis ad ludos congregans, ca-, th.olica religione erudire piisque ad Deum et Deiparam precibus expetebat. A presbytero cappellano patrii loci de primis litterarum elementis prius edoctus, postea Castrinovi, quod multa millia passuum aberat, demum Cherii scholas frequentavit; atque alumnum in exemplum adducendum continenter se praebuit, quamvis ad vitae necessitates sublevandas, tanquam agricola, operarius famulusque in onerosos labores multos quoque annos intenderet. Aetatis suae vicesimum annum agens clericalem habitum induit, seminariumque cherense archiepiscopale ingressus est, opera praesertim et consilio adiutus Beati Cafasso, quem postea continenti observantia atque amicitia prosecutus est. Eodem itaque in seminario fructuosam philosophiae ac theologiae operam dedit, ac postea, Sacerdotio iam auctus, in Conlegio ecclesiastico a Sancto Francisco Assisiensi, Augustae Taurino-rum, theologiae moralis studio ac sacrae eloquentiae denuo atque amplius per triennium se tradidit. Anno tandem MDCCCXLI, in vigilia SS.mae Trinitatis presbyteratus ordine initiatus, Augustae Taurinorum, ad S. Francisci praefati silentio humiliterque primum Sacris operatus est; atque in seguenti tantum Corporis Christi sollemnitate omnibus, qui adstabant frequentissimi e vico patrio, maxime animo commotis, Castrinovi in tempio piissime sollemni ritu Missam litavit. Presbyter novensilis summo animo-rum salutis studio et caritate magna quinque menses parochi adiutoris munere Castrinovi functus est; sed Spiritus Domini erat in illo atque eum ad ampliorem excolendam vineae suae regionem provide vocabat. Ingressus enim Conlegium ecclesiasticum taurinense S. Francisci Assisiatis, beato Cafasso moderatore ac duce, in sacerdotalia munera explenda in carceribus nosocomiisque, uberrimis exinde fructibus, perceptis, toto animo incumbit; in confessionibus audiendis assiduus, quid:quid ageret in sacro tribunali, quid-quid loqueretur, ad animorum tantuilsalutem continenter intendit; Sanetum Salesium, iam sibi propositum il exemplum, secuutus, suavitate ac patientia mirabili ad Deum peccatores trahere et ad poenitentiam reducere conatus est. Nihil praetermisit ad sanctos huiusmodi fines attingendos aptum; ut Germanorum Inilitum confessiones exciperet theutonicam linguam de industria ac brevi tempore didicit; ut popularibus hominibusque rudibus ignarisque placeret, multa ae varia eruditione ornatus, ad scientiam apologeticam atque historiam suum peculiari modo ingenium contulit. Sed puerorum ae,iúvenum, qui, omni educatione christiana destituii, in viis locisque publieis procul a Deo atque a semitis veritatis et iustitiae crescebant, iam tÚil+ impense sollicitudine angebatur. Per triennium propterea a festivitate ,Immaculatae Conceptionis anno MDCCCXLI, quos miris artibus et patientia ad se alliciebat pueros in ecclesiam taurinensem Sancti Francisci Assisiatis congregavit, ita ut inibi sua habuerit initia primum Oratorium quod Dei Famulus, humilitatis ac devotionis causa, a Saneto Francisco Salesio « Salesianum » nuncupabit. Mox euiusvis generis difficultates frugifero operi vix inchoato, ut ipsum de medio tolleretur, adversantur. Sed erat hic digitus Dei! Primum quidem Oratorium, a sua prima sede translatum ad templum Sancti Martini, postea ad S. Petri in Vinculis, dein ad domum vocatam della Moretta, tandem an. MDCCCxLVi mense Aprili in quoddam confugit aedificium regiouis, tune temporis suburbanae Taurinensis, quam Valdoeco, nuncupant. Ibi Dei Famulus, Dei ac Deiparae continenti manifestoque auxilio adiutus, res mirabiles explevit. Ieuiusmodi Oratorium, iugiter Saneto Francisco Salesio dicatum, eiusdemque fundatorem ac moderatorem Archiepiseopus Taurinensis opportunis privilegiis auxit, idemque Rex Carolus Ajbertus in fidem suam ac tutelam excepit. Brevi alla, simili forma, oratoria constituuntur; alterum Saneto Aloysio inseriptum an. MDCCCXLVII; tertium, post biennium, Angelo tutelari dicatum; aliquot alios post annos' quartum titulo Sancti Iosephi; atque in iisdem Dei Famulus novam educandi pueros iuvenesque methodum, quam, a Saneto Philippo Nerio repetens, praeventivam vocabat, concepit atque efformavit. Adiuvante vero piissima ne forti matre, quam ex patria Augustam Taurinorum consulto ad se arcessiverat, ut sibi esset auxilio in opere suo gerendo, prope Oratorium atque in ipsam suam domum pro adulescentibas derelictis tectoque carentibus ac peculiari educatione christiana donandis primum an. MDCCCXLVII hospitium instituit, ex quo, tanquam e bono frugiferoque semine, innumerabilia Conlegia atque Instituta proveniunt, quae tum Presbyteri Salesiani tum Filiae Mariae Auxiliatricis moderantur. Nam ne opus, quod ad iuvenum emolumentum Dei Famulus conceperat, progressu temporis deficeret, auditis multorum consiliis et praesertim Beati Iosephi Cafasso, suasore quoque, vivae votis oraculo, Decessore Nostro ree. mem. Pio Pp. IX, piam antea Societatem Presbyterorum a Sancto Francisco Salesio ac deinceps Congregationem etiam Filiarum Mariae Auxiliatricis Dei Servus fundavit. Presbyterorum a Sancto Francisco Salesio Societatem, cuius iam anno MDCCCLVIII principia exstabant, in dies auctam Sacra Congregatio Episcoporum et Regularium, nomine Apostolicae Sedis, anno MDCCCLXIV laudavit et commendavit, eidem statuto qua moderatore generali seu Rectore maiori ad vitam Dei Famulo, qui valde temporibus accommodatas conscripsit Regulas seu Constitu- tiones, quae anno millesimo octingentesimo septuagesimo quarto, post quinquenniun a generali confirmatione ipsius Piae Societatis, approbatione menioratae Sacrae Romanae Congregationis donatae fuere. Anno vero MDCCCLXXII Dei Famulus alterum Institutum Filiarum sive Sororum Beatae Mariae Auxiliatricis efformavit, quae, votis. paupertatis, castitatis et obedientiae adstrictae, puellas more Salesianorum educandas curarent. Pro utriusque autem Institutionis Presbyterorum Sororumve firmitate ac diffusione loannes Bosco labores multos exaistlavit, ardua quaeque alacri fortique animo aggressus est, et molesta plura atque ingrata patienter toleravit. Neque eidem haec sufficiunt! Sed iugiter in salutem animorum intentus atque in laboribus impiger, incultis etiam gentibus, quae longe lateque positas ac ferme inhospitales orbis regiones inhabitant, Christiano veritatis lumine bonoque humanioris vitae excolendis, sacras quoque missionariorum expeditiones ad extremam Americae Meridionalis partem misit, apto opportunoque praeterea sacerdotibus ad hoc instruendis Seminario Augustae Taurinorum constituto, quod volgo Valsalice vocatur. Denique ut tantorum Dei Famuli inceptorum quodammodo recensio expleatur, memorare est institutiones tum Cooperatorum Salesianorum, qui res Salesianas quoquo patto adiuvent, tum operi Beatae Mariae Auxiliatricis ad vocationes ecclesiasticas provehendas, tem ecclesiarum, quas, stipe undique colletta, Dei Servus exaedificavit; quarum in numero hac Alma in Urbe Nostra paroecialis basilica a Sacratissimo Corde Iesu in Castro Pretorio atque Augustae Taurinorum Sanctuarium Beatae Maria Auxiliatricis praecipue laudantur. Quae cuncta cum Dei Famulus non ad lucrum voi ad humanam laudem captandam, sed ad gloriam Dei tantum et ad animorum salutem procurandam suscepisset, prospero et felici exitu cumulavit. Usque ad ohitum quidem mirabili constantia susceptos labores implevit; virtutibus omnibus in exemplum fulgens, nitida Me et christiana fortitudine clarus, pietate in Deum ac Deiparam conspicuus, erga Romanum Pontificem et Apostolicam hanc Sedem acerbis temporibus observantissimus fuit; continenti humilitate sui contemptor, paupertatis amantissimus nil cibi quaerens, spiritu semper promptus in studio salutis animorum assiduus, in difficillimis negotiis, etiam pro Ecclesiae bono gerendis, prudentissimus, sobrius omnino a vitae commoditatibus abhorrens, non suis tantummodo alumnis sed omnibus etiam Christifidefibus talia facinora imitanda reliquit, ut vivus adhuc ab omnibus merito sanctus haberetur. Pridie Kalendas Februarii, anno millesimo octingentesimo octogesimo ottavo piissime in Domino obdormivit. Mortales Ven. Dei Famuli exuviae primum in cubiculo, ubi animam ipse efflaverat, dein, sacerdotalibus vestibus tectae, in tempio Sancti Francisci. Salesii expositae sunt; eademque in ecclesia sollemne funus celebratum est, cui devotissime adstiterunt plusquam centum millia civium, Episcopi pedemontani, canonici, parochi etiam e longinquis regionis oppidis, cum ingenti multitudine alumnorum e Seminariis, qui ex Galliae quoque atque Helvetiae dioecesibus ad funus confluxerant. In Seminario Missionum Vallis Salicis Dei Servus in pace compositus est, ad eiusque tumulum frequens usque adhuc fit peregrinorum concursus, qui charismatum, quibus iam in vita mortali Dei Famulus erat donatus, nec non sanctitatis, qua enituerat, fama commoti sunt. At huiusmodi Ioannis Bosco sanctitatis fama nunynam deferbuit, quin etiam magis magisque in dies vivida effulsit. Qúaprópter penes Sacrorum Rituum Congregationem causa agitari coeptastde Beatorum coelitum honoribus ipsi Famulo Dei tribuendis, et Decesfrir• Nostrr rec. mem. Pius Pp. X per decretum editum die xxzv mensis Iuln,, anno MCMVri, Introductionis Causae Commissionem signavit. Probationibús dein legitime sumptis riteque expensis de virtutibus heroicis ipsius Servi Dei, Nos, sollemni decreto decimo Kalendas Martias anno millesimo nongentesimo vicesimo septimo edito, Venerabilis Dei Famuli Ioannis Bosco virtutes heroicum attigisse fastigium sancivimus. De miraculis postea, quae ipso intercedente patrata a Deo ferebantur, quaestione suscepta, rebus omnibus severissimo iudicio ponderatis, cum duo ex multis prodigiis, post eiusdem Dei Famuli funus relatis, plane vera ai;qifè explorata Incrini iudicata, Nos alio decreto, quarto decimo Kalendas Aprilis huius anni millesimi nongentesimi vicesimi noni edito, de eorum véritate constare suprema Nostra Auctoritate declaravimus. Cum igitur esset de gradu heroico virtutum ac de miraculis prolatum consilium, illud tantum supererat discutiendum, num Venerabilis Famulus Dei inter Beatos coelites tuto foret recensendus. Hoc dubium propositum est a diletto filio Nostro Alexandro Sanctae Romanae Ecclesiae Cardinali Verde, Causae Relatore in Comitiis generalibus coram Nobis habitis, die nona mensis Aprilis vertentis anni, omnesque qui aderant tam Cardinales, quam Sacrorum Rituum Consultoren unanimi consensione affermative responderunt. Nos tamen in re tanti momenti Nostrani aperire mentem distulimus donec fervidis precibus a Patre, luminum subsidium posceremus. Quod cum impense fecissemus, tandem die dominica tenia a gaudis paschalibus huiusmet anni, Fu'cliaristico Sacro rite litato, adstantibus Dilectis Filiis Nostris Camillo S. R. E. Cardinali Laurenti, Sacrorum Rituum Congregationis Praefecto, nec non Alexandro S. R. E. Cardinali Verde, Causae Ponenti, itemque dilectis fili.is Angelo Mariani, Congregationis Rituum Secretario, et Carolo Salotti, Sahetae Fidei Promotore, ad so]lemnem Venerabilis Dei Famuli toannis Bosco Beatificationem tuto procedi posse auctoritate Nostra pronunciavimus. Quae cum ita sint, uuiversae Presbyterorum a Sancto Francisco Salesio Societatis, itemque Sororum Congregationis Beatae Mariae Auxiliatricis, omniumque Cooperatorum atque alumnorum Salesianorum vota ímplentes, Auctoritate Nostra Apostolica, praesentium Litterarum tenore facultatem facimus ut Venerabilis Dei Servus. Ioannés Bosco,, presbyter saecularis taurinensis, Beati nomine in posterum nuncupetur; atque eius corpus ac lipsana, seu reliquiae, non tamen in sollemnibus supplicationibus deferendae, publicae fidelium venerationi proponantur; eiusque imagines radiis decorentur, Praeterea eadem Nostra Apostolica Auctoritate coneedimus ut de illo recitetur Officium ac Missa celebretur, singulis annis de Communi Confessorum non Pontificum, cum orationibus propriis, per Nos adprobatis, iuxta Rubricas Missalis et Breviarii Romani. Huiusmodi vero Officii recitationem, Missaeque celebrationem fieri dumtaxat concedimus in archidioecesi Taurinensi, in qua natus est Dei Famulus ac migravit ad Dominum; itemque in templis ac sacellis ubique terrarum sitis, quibus utuntur Societas Presbyterorum a S. Francisco Salesio et Congregatio Sororum seu Filiarum Beatae Mariae Virginis Auxiliatricis, ab omnibus fidelibus qui horas canonicas recitare teneantur et, quod ad Missas attinet, ab omnibus Sacerdotibus tam Saecularibus quam Regularibus ad ecclesias in quibus festum agitur convenientibus. Demum facultatem impertimur ut sollemnia Beatificationis Venerabilis Servi Dei Ioannis Bosco supradictis in templis celebrentur, diebus legitima auctoritate designandis, intra annum, servatis servandis, postquam eadem sollemnia in Patriarchali Vaticana Basilica peracta fuerint. Non obstantibus Constitutionibus et Ordinationibus Apostolicis ac Decretis de non cultu editis ceterisque contrariis quibiuscumque. Volumus autem ut harum Litterarum exemplis etiam impressis, dummodo manu Secretarii enunciatae Sacrorum Rituum Congregationis súbscripta sint et sigillo Praefecti munita, eadem prorsus fides etiam in adisceptationibus iudicialibus adhibeatur, quae Nostrae voluntatis significationi, hisce Litteris ostensis, haberetur.
Datum Romae, apud Sanctum Petrum, sub anulo Piscatoris, die II'. mensis Iunii anno MDcccCxXIx, Pontificatus Nostri ottavo.
P. CARD. GASPARRI, a Secretis Statue.

IV. - Devoto indirizzo di omaggio letto dal Rev.mo Don Filippo Rinaldi nella solenne Udienza che il Santo Padre Pio XI accordò il 3 giugno 1929 ai Salesiani, alle Figlie di Maria Ausiliatrice, agli Allievi, Ex-Allievi e Cooperatori Salesiani, convenuti in Roma per la solenne Beatificazione di Don Bosco.
Beatissimo Padre,

Tutta la Famiglia Salesiana è nella pienezza della gioia e dell'esultanza intorno al suo Padre Fondatore, che ieri la Santità Vostra ha innalzato al- l'onore degli altari, venerandone le Sacre Reliquie.
Al  faustissimo memorando avvenimento accorse numerosa rappresentanza di Salesiani, di Figlie di Maria Ausiliatrice, ex-allievi, cooperatori ed ammiratori del nuovo Beato, la quale ora ha con me la fortuna di trovarsi ai Piedi della S. V. per ripetere l'unanime consenso dell'affetto filiale della Famiglia Salesiana verso la Vostra Augusta Persona.
Essi vennero da tutte le contrade, anche dalle più remote ed inospitali missioni attratti dall'amore tenerissimo che fin dalla giovinezza hanno nutrito verso il Beato nostro Padre. Mi pare degna di essere messa in speciale rilievo la presenza dei pochi primissimi figli, testimoni oculari, poichè la stessa Santità Vostra « in una visione non breve, in una conversazione non momentanea » ha finalmente intuito il fascino con cui il Beato sapeva creare i suoi primi apostoli e lanciarli alla conquista delle anime. Ora questi venerandi decani della Famiglia Salesiana, che hanno veduto con i loro occhi e quasi palpato con le loro mani la santità di Don Bosco, son venuti ad acclamare alla proclamazione ufficiale di questa santità paterna che è stata sempre la fiamma animatrice del loro apostolato.
Questo affetto verso il Padre, come si è sapientemente espressa la S. V., « continua a fare sì che egli non solo sia il Padre lontano, ma il Direttore di tutto, l'Autore sempre presente, sempre operante nella vitalità perenne dei suoi indirizzi, dei suoi metodi, e sopra tutto dei suoi esempi ».
Beatissimo Padre, se noi siamo andati avanti per più di 42 anni nella certezza confermata dagli avvenimenti cine Don Bosco continuava ad essere il Direttore, l'Autore, il Padre dei Salesiani, ciò sarà ancora più, dacchè la S. V. con atto sovrano del Suo Apostolato potere ce l'ha presentato circonfuso dell'aureola dei Beati, quale modello e protettore della nostra vita spirituale e della nostra missione educativa.
Da parte nostra, coll'aiuto celeste, faremo del nostro meglio per non renderci indegni. « Con la sua calma sempre dominatrice, e sempre sovrana, e con il lavoro divenuto efficace preghiera » anche in noi il nostro Beato farà sì, che si continui degnamente il magnifico edilizio dell'educazione cristiana della gioventù, da Lui intrapreso e fondato unicamente sulla carità benigna e paziente; Solo questa carità divina può educare, cioè edificare nelle tenere anime, patrimonio inalienabile della S. Chiesa, le virtù soprannaturali che creano la santità quaggiù in terra prima che brilli eternamente negli splendori dei santi. Caritas aedificat!

In questo proposito e in questa preghiera al Beato si compendia, Beatissimo Padre, tutta la nostra gratitudine, il grazie più vivo dei nostri cuori per la Vostra paterna benevolenza verso di noi, che siamo gli ultimi dei Vostri figli. Di questa Vostra benevolenza abbiamo luminose prove nelle commoventi allocuzioni intorno al Beato Giovanni Bosco e nella solenne Beatificazione di lui, che la S. V. ha voluto innestare, quasi gemma preziosa, nei festeggiamenti dell'Augusto Giubileo Sacerdotale.
Questa data, così cara al cuore della S. V. lo è pure per tutti i figli del Beato Don Bosco, i quali procurano di commemorarla degnamente dovunque, con la preghiera, con la carità e con l'azione. La numerosa rappresentanza della Famiglia Salesiana qui presente ai piedi della S. V. ne rende testimonianza, e per mezzo mio fa salire all'Augusto Vostro Trono gli auguri ed i voti più fervidi, che il Signore Vi conservi ad multos annos per il bene della Chiesa.
Infine quanti sono qui presenti fanno proprii i sentimenti di sudditanza, di devozione, di ossequio e di amore filiale del Beato Don Bosco verso il Vicario di Gesù Cristo,, e serberanno indelebile ricordo di quest'ora soave e dell'ineffabile bontà della S. V. dalla quale attendono ancora una specialissima benedizione per sè, per i giovani affidati alle loro cure, per le opere di bene che devono compiere, e per quanti si sono raccomandati ad essi per avere una benedizione particolare del Santo Padre.
Benediteci dunque ancora una volta Beatissimo Padre, e teneteci sempre per i vostri più umili figli, affezionatissimi alla Vostra Sacra Persona e pronti ognora ad ogni Vostro cenno o desiderio.

V. - Discorso pronunciato dal Santo Padre Pio XI nella solenne Udienza predetta.
« Sia lodato Gesù Cristo » — comincia con alta voce il S. Padre, e dopo che tutto l'uditorio ha risposto: « Sempre sia lodato », continua: « Ore belle, solenni, gloriose, questo ambiente, questo, che ben può dirsi famoso in tutto il mondo, Cortile di S. Damaso ne ha vedute, anche a non contare se non quelle alle quali la divina Bontà ha voluto concederci che Noi assistessimo, sopratutto nell' Anno Santo, ed ancora in altre circostanze. Ma rare volte Ci è avvenuto di vedere e di contemplare quello che oggi vediamo e I contempliamo, una tale, una così grande, così fitta folla di eletti figli del Papa e della Chiesa, tanta gloria e tanta gioia di carità vera, tanto entusiasmo i di filiale pietà, tante dimostrazioni di fede, di vero amore alla Santa Chiesa, a questa antica Santa Romana Chiesa, Madre di tutte le chiese e al Vicario di Cristo, Padre delle anime, Padre comune di tutti i credenti. E tutto questo nel nome già tanto illustre e glorioso in tutto il mondo, nel nome di don Giovanni Bosco, ora nel nome e nella gloria non solo terrena e mondiale, ma celestiale ed eterna, nel nome e nella gloria del Beato don Giovanni Bosco (applausi).

Voi sapete, sanno forse quasi tutti i presenti; con quanta partecipazione di cuore, di tutta l'anima Noi dividiamo la vostra gioia e la vostra esultanza perchè anche Noi (lo abbiamo tante volte e sempre con tanta consolazione ripetuto) siamo non solo tra gli ammiratori di don Bosco, ma siamo stati ancora per grande grazia di Dio, tra i suoi conoscitori personali, tra quelli che ebbero da lui stesso vivi e paterni segni di benevolenza e saremmo per dire di paterna amicizia, come poteva esservi tra un veterano glorioso del sacerdozio e dell'apostolato cattolico ed un giovane sacerdote, giovane allora e, come ben sapete, ora invecchiato, che voi stessi venite a consolare con queste vostre dimostrazioni di filiale pietà (applausi vivissimi).

Ve ne ringraziamo, dilettissimi figli, e sappiamo che voi avete partecipato al Nostro Giubileo Sacerdotale in modo infinitamente più importante che con i vostri graditi applausi, con la vostra preghiera cioè, della quale vi rendiamo particolari grazie. Siamo particolarmente lieti, in questo richiamo di vecchie memorie, di vedere intorno a Noi quei veterani degli alunni salesiani, quegli operai delle prime ore, di quelle prime ore che sono sempre le più difficili e le più ardue quando si tratta di aprire solchi, di strappare a terre ancora inesplorate il primo frutto e inaugurarne la coltivazione; onore a voi antichi soldati dell'istituzione salesiana, a voi primi compagni del Beato Giovanni Bosco!
E ben venuti tutti voi che siete accorsi da tutte le parti del mondo a rendere più gloriose e grandiose le primizie di venerazione, al vostro, anzi al Nostro. glorioso Beato. Noi, per grazia di Dio, l'abbiamo potuto elevare come segno alle genti, all'onore degli altari. Voi da tutte le genti siete venuti a rendergli tributo, raramente così universale nell'attualità della Beatificazione, nella gloria così splendida di S. Pietro in Vaticano. E voi non solo Ci avete fatto più vivamente gustare, con la vostra presenza questa elevazione agli onori dell'altare, aria Ci avete fatto anche più vivamente sentire e gustare quella universale paternità che la divina Provvidenza volle nella sua divina bontà e negli arcani suoi imperscrutabili, affidare al Nostro povero cuore. Mai come in questi momenti nei quali vediamo intorno a noi anime così ferventi di carità cristiana come le vostre, anime venute da tutte le parti del mondo, mai come in questi momenti sentiamo di essere veramente il Padre di tutti i credenti, di tutta la grande famiglia cattolica che voi rappresentate così veramente, così grandiosamente, così degnamente, che già sarebbe in questa sola vostra presenza una testimonianza eloquentissima dei meriti del Beato Giovanni Bosco e della fecondità e preziosità dell'opera sua.
Quando pensiamo che voi, salesiani e salesiane, allievi ed allieve, ex allievi e cooperatori, Vescovi, prelati, Cardinali, non siete che una rappresentanza, una debole rappresentanza dei tanti e tanti che in ispirito, come una grande apocalittica visione vediamo dietro a voi, sopra voi, insieme con voi, l'animo Nostro è veramente rapito di ammirazione e di esultanza.
Quanti sono i figli di Don Bosco e coloro che partecipano dell'opera sua?
Anche solo a contarli nel momento presente, sono a migliaia e migliaia: i Salesiani da otto a nove mila, le brave Figlie di Maria Ausiliatrice da sette ad otto mila. E quanti sono gli allievi salesiani? Non risponderemo a quest'ultima domanda che con la risposta del vostro stesso Superiore maggiore il quale, domandandogli Noi se potesse darci almeno con una globale approssimazione il totale degli alunni salesiani in questo momento, modestamente ci rispondeva che non lo sapeva e non poteva darcelo. Ecco una bella testimonianza di modestia, ed ecco ancora, lasciateci dire, una superba affermazione (applausi vivissimi), perchè in sostanza il buon padre voleva dire che essi sono tanti che neanche sappiamo quanti siano.
Ci congratuliamo con' voi, dilettissimi figli, in qualunque posto, in qualunque ufficio, in qualunque anche più umile grado vi troviate di questa grande famiglia, di questo grande esercito, di questa grande vera armata del bene e della verità. Quando si pensa che cosa è il valore di un'anima sola, quando si pensa che immenso tesoro è una sola educazione cristiana, una educazione cristiana come don Bosco l'intendeva, cioè profondamente, completamente, squisitamente cristiana e cattolica; quando si pensi a questo tesoro moltiplicato per dei moltiplicatori così grandi, è veramente una esaltazione di gioia e di gratitudine verso Dio che sa suscitare così grandi. le opere sue e sa mantenerle vive in questo mondo, in questo misero mondo, in cui è pur sempre così pertinace la lotta del male contro il bene, contro la verità cristiana.
Ci rallegriamo con tutti e ciascuno di voi, o diletti figli, con tutta la grande famiglia salesiana, e troviamo in questa rassegna, in questa consolante constatazione di un passato così fecondo di bene, la sicurezza più solida per un avvenire sempre più splendido, sempre più ricco di spirituali tesori, tesori di gloria di Dio, tesori di consolidamento ed estensione del Regno di Cristo, tesori di salvezza e di santificazione delle anime, tesori di onore e gloria per la Santa Chiesa Sposa di Gesù Cristo. Non potremmo farvi, diletti figli, altro nè più paternamente amorevole augurio di questo, nel momento in cui l'opera vostra si illumina di riflessi così belli, così ammirevoli, così gloriosi di luce divina, mentre abbiamo potuto per grande misericordia di Dio innalzare il vostro e Nostro Beato don Bosco agli onori dell'altare e sollevare il lembo del velo d'oro che ci nasconde gli splendori del Cielo, cercando di mostrare in qualche modo, anche visibilmente qui sulla terra, qualche cosa della grande gloria che lo circonda lassù, giusto premio ai suoi immensi meriti.
Alla gloria celeste deve corrispondere la gloria terrestre e voi siete venuti appunto per stabilire questa corrispondenza con l'espressione di quella mondiale venerazione per la quale centinaia di migliaia di anime hanno dovunque pregato e venerato con voi il Beato don Bosco. Ma voi dovete ancora pensare che la gloria più vera del Beato don Bosco su questa terra è nelle vostre mani e dipende da voi. Non è parola Nostra quella che Noi ora pronunciamo, ma è parola di Dio: Gloria pairis fili sapientes, il vostro padre sarà glorificato con la gloria più bella che anche umanamente gli può arridere, se voi sarete i figli sapienti di tanto padre; se saprete come ora, anzi sempre più e sempre meglio intendere lo spirito suo e dell'opera sua, se saprete sempre meglio continuarla, precisamente come egli voleva, senza misurare il lavoro (ricordiamo quello che egli stesso diceva, gloriosa divisa: Chi non sa lavorare non è salesiano) senza misurare (Ci sembra ancora di vederlo con gli occhi Nostri) la dedizione, anzi l'abdicazione intera di tutto quanto riguardava la propria persona ad ogni cosa che potesse contribuire al bene delle anime. E ricordiamo Noi stessi le belle parole che egli stesso, guardando all'avvenire con geniale intuizione, Ci diceva allorchè Ci congratulavamo con lui per aver visto ,tante belle cose nelle sue case, nelle sue officine, nelle sue scuole. E badate che neanche si trattava del bene in se stesso, ma semplicemente dell'attrezzatura del bene, nella quale egli procedeva con sicurezza di felicissima inspirazione. Alle Nostre congratulazioni egli che, come ben sapete, quando parlava di se stesso usava sempre la terza persona, rispondeva: v Quando si tratta di qualche cosa che riguarda la grande causa del bene, don Bosco vuol essere sempre all'avanguardia del progresso ».
Questa parola che abbiamo raccolta un giorno dalle labbra del padre vostro, dilettissimi figli, pensiamo di lasciarvela come ricordo, come frutto, come proposito di lavoro, come la più bella conclusione di quest'ora magnifica che Ci avete procurato. Quando si tratta del bene, della verità, dell'onore di Dio e della Chiesa, del Regno di Gesù Cristo, della salvezza delle anime, sempre all'avanguardia del progresso! Sarà questa la vostra parola d'ordine, sarà l'eccitamento continuo a procedere sempre più animosamente per quelle belle vie alle quali vi avviano la parola, l'esortazione, l'esempio ed ora l'intercessione del Beato Giovanni Bosco.
È in questa magnifica visione del passato e previsione dell'avvenire che vi impartiamo l'Apostolica Benedizione, tutte quelle benedizioni che siete venuti a chiedere al vostro Padre in un momento così bello; tutte quelle benedizioni che per ciascuna delle sue famiglie Ci ha domandato il vostro felicissimo interprete; tutte quelle benedizioni che in questo momento a voi, a tutti e a ciascuno, giovani e non più giovani, impartiamo di tutto cuore, insieme a tutti quelli e a tutto quello, care cose, care persone, istituzioni, opere, aspirazioni, case, collegi, missioni, che ciascuno di voi porta nel pensiero e nel cuore e desidera che sia con sè benedetto. Su tutto questo scenda le paterna Nostra benedizione e rimanga per sempre ».

VI. - Decreto della S. C. dei Riti, col quale si concede di poter celebrare entro l'anno, dal giorno della Beatificazione, un Triduo o un Ottavario solenne nelle chiese o principali oratorii della Società Salesiana e dell'Istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice, oppure, col consenso del rispettivo Ordinario del luogo, nelle chiese pubbliche, specialmente parrocchiali, quando le chiese od oratorii dei Salesiani o delle Figlie di Maria Ausiliatrice siano ritenute insufficienti,, a' contenere il concorso del popolo.
TAURÍNEN.
BEATIFICATIONIS ET CANONIZATIONIS
VENERABILIS SERVI DEI
JOANNIS BOSCO
SACE.RDOTIS, FUNDATORTS PIAE SOCIETATIS SALESIANAE
ET FILIARUM MARIAE AUXILIATRICIS.
Quum auspicata dies immineat solemnis Beatificationis Venerabilis Servi Dei Joannis Bosco sacerdotis fundatoris Piae Societatis Salesianae et Instituti Filiarum B. Mariae Virginis Auxiiiatricis, siquidem jam evulgatum sit decretum Sacrae Rituum Congregationis super Tuto procedendi ad eamdem Beatificationem, Rev.mus Dominus Franciscus Tomasetti ipsius Piae Societatis Salesianae Procurator generalis et huius Causae Postu- lator Sanctissimum Dominum nostrum Pium Papam XI supplicibus votis deprecatus est, ut privilegia et indulgentias quae pro triduanis festivitatibus elargiri solent in honorem novensiiium Beatorum intra annum peragendis, impertire dignaret) ,te etiam pro Venerabili Servo Dei Ioanne Bosco postquam eidem venero rite indulta fuerit. Sacra porro Rituum Congregatio, vigore facultatum cibi speeialiter ab Ipso Sanctissimo Domino Nostro tributarum, benigne annuit pro gratia iuxta petita cum facultate celebrandi triduanas festivitates in' honorem Venerabilis Joannis Bosco non solum in Ecclesiis seti Oratoriis praecipuis utriusque Instituti sed etiam ubi Ecclesia aut Oratoria minus ampia sine pro adstantium concursu, in Ecclesiis publicis praesertim 'parochialibus de consenso respectivi Ordinarli Mei, cervata tamen Instructione Sacrae Rituum Congregationis huic Rescripto adiecta. Valituro praesenti Indulto pro triduanis festivitatibus intra annum a die solemnis Beatificationis in Basilica Vaticana peractae computandum. Contrariis non obstantibus quibuscumque.
Die 22 Maii 1929.
C. CARD. LAURENTI
L. S.                                              S. R. C. Praefectus.

ANGELUS MARIANI, S. R. C. Seeretarius

VII. - Istruzione della Sacra Congregazione dei Riti sopra i privilegi, che si sogliono concedere dal Sommo Pontifice per il triduo od Ottavario solenne sopra detto.
INSTRUCTIO
SACRORUM RITUUM CONGREGATIONIS
SUPER PRIVILEGIIS
QUAE IN TRIDUO VEL OCTIDUO SOLEMNITER CELEBRANDO INTRA ANNUM
A BEATIFICATIONE VEL CANONIZATIONE PER RESCRIPTUM SACRAE
IPSIUS CONGREGATIONIS A SUMMO PON,TIFICE CONCEDI SOLENT.

  1. In solemniis, sive triduanis sive octiduanis, quae in honorem alicuius Sancti vel Beati celebrari permittuntur Missae omnes ob peculiarem celebritatem dicantur cum Gloria et Credo, et cum Evangelio S. Ioannis in fine, nisi legendum sit aliud Evangelium iuxta rubricas.
  2. Missa solemnis seu cantata, ubi altera Missa de Officio currenti celebretur, dicatur cum unica Oratione; secus fiant tantummodo commemorationes de duplici secundae classis et omnes alice quae in duplicibus primae classis permittuntur. Missae vero lectae dicantur cum omnibus commemorationibus occurrentibus, sed orationibus de tempore et collectis exclusis. Quoad Praefationem serventur Rubricae Missalis ac Decreta.
  3. Missam cantatam impediunt tantum Duplicia primae classis, eiusdemque classis Dominicae, nec non Feriae, Vigiliae et Octavae privilegiatae, quae praefata Duplicia secundae classis, et eiusdem classis Dominicae, nec non Feriae, Vigiliae atque octavae quae eiusmodi Duplicia primae et secundae classis itero excludant. In his autem casibus impedimenti, Missae dicendae sunt de occorrente Festo, vel Dominica, aliisve diebus ut supra privilegiatis, pronti ritus diei postulat, entri commemoratione de Sancto vel Beato et quidem sub unica conclusione cum prima Oratione. Haec tamen commemoratio omittatur, si occurrat Duplex primae classis Domini primarium universalis Ecclesiae, praeterquam Feriae II et III Paschatis et Pentecostes, in quibus ea permittitur.
  4. In Ecclesiis, ubi adest onus celebrandi Missam quamlibet Conventualem, eiusmodi Missa nunquam omittenda erit.
  5. Si Pontificalia Missarum de Sancto vel Beato ad thronum fiant, baud Tertia canenda erit, Episcopo paramenti sumente, sed Hora Nona: quae tamen Hora de ipso Sancto vel Beato semper erit, eaque, ad implendam divini Officii obligation.em, substitui non poterit Horae Nonae de die currenti.
  6. Quamvis Missae omnes, vel privatae tantum, impediri possint, semper nihilominus secundas Vesperas de Sancto vel Beato solemniores facere licebit absque ulla commemoratione, quae Vesperae tamen de novo Sancto vel Beato ,pro satisfactione inservire non poterunt.
  7. Aliae functiones ecclesiasticae, praeter recensitas de Ordinarli consensu, semper habere locum poterunt, uti Homilia inter Missarum solemnia, vel vespere Oratio panegyrica, analogae in honorem . Sancti vel Beati fundendae preces, et maxime solemnis cum Venerabili Benedictio.
  8. Postremo vero tridui vel occidui die Hymnus Te Deum cum versiculis Benedicamus Patrem..., Benedictus es..., Domine, exaudi..., Dominus vobiscum... et oratione Deus, cuius misericordiae... cum sua conclusione nunquam omittetur ante Tantum ergo... et orationem de SS.mo Sacramento.

  9. Ad venerationem autem et pietatem in novensiles Sanetos vel Beatos impensius fovendam, Sanctitas Sua, thesauros Ecclesiae aperiens, omnibus et singulis utriusque sexus Christif delibus qui, vere poenitentes, confessi no Sacra Synaxi refecti, ecclesias „vel oratoria -publica, in quibus praedicta triduana vel octiduana solemnia peragentur, visitaverint, ibique iuxta mentem eiusdem Sanctitatis Sua ,4 per aliquod temporis spatium pian ad Deum preces fuderint, indulgentiam; plenariam in forma Ecclesiae consueta, semel lucrandam, applicabilem quoque animabus igne piaculari detentis benigne concedit: iis vero qui, corde saltem contrito, durante tempore enunciato, ipsas ecclesias vel oratoria publica inviserint, atque in eis uti supra oraverint, indulgentiam partialem centum dierum semel unoquoque die acquirendam, applicabilem pari modo animabus in purgatorio existentibus, indulget.
  10. Ex Secretaria ,Sacrorum Rituum Congregationis, die 22 Maii 1929.

  11. In tutti è ancor viva la memoria cara di D. Barberis Giulio, di D. Piscetta Luigi e di D. Concili Arturo che tanto hanno lavorato per il bene della nostra Congregazione. Il Rev.mo Sig. D. Rinaldi vorrebbe che il ricordo delle loro virtù si perpetuasse in mezzo a noi mediante un'accurata biografia. A questo fine prega quindi i carissimi confratelli di stendere i loro ricordi e di raccogliere quelle notizie che potessero servire allo scopo e inviarli quanto prima a Don Gusmano, Segretario del Capitolo Superiore, che coordinate le trasmetterà agli incaricati della biografia.


24 Ottobre 1929
Feste in onore del B. D. Bosco Capitolo Generale XIII - D. Candela Antonio ° Incaricato della sorveglianza degli Oratori festivi e dell'Associazione degli Antichi Allievi - Preghiere per il Beato D. Bosco - Strenna per il 1930
TEMI TRATTATI NEL XIII CAPITOLO GENERALE.
1° Tenia. Degli studi     .    .           .     .       805
2°        Scuole Professionali ed Agricole. . . . ,                     808
3°  Missioni - Appendice: prospectus missionum.            814
4°        Proposte varie.  .    .     .     .     .    .        .         823
IL CONSIGLIERE CAPITOLARE: (Servizio militare: ritardo, esenzione). 823
ATTI DEL CAPITOLO SUPERIORE
Il Rettor Maggiore.
J. M. J.
Carissimi Confratelli e Figli in N. S. Gesù Cristo,

I. Da oltre quattro mesi le feste in onore del nostro Beato Padre Don. Bosco si proseguono quasi ininterrottamente dappertutto si trovano Figli, ammiratori, allievi e Cooperatori di Lui, rinnovando nei loro cuori le stesse soavi impressioni di gioia, di fraternità, di carità, di laboriosità, di pratica della vita cristiana, di perfezione e di zelo , per le anime che avevano già riportate quanti parteciparono agli inarrivabili primi festeggiamenti di Roma e di Torino. Perchè queste nostre feste non sono una semplice esteriorità del momento, ma una nuova, copiosa e permanente effusione dello spirito del nostro Beato sopra tutti. i suoi figli, dovunque sono, onde possano compiere con più ardore e frutto la missione loro affidata.

Siccome non era possibile che tutti i figli intervenissero alle feste romane e torinesi e neppure che si recassero a Valdocco per onorarne la salma preziosa e respirare alcun poco l'atmosfera ancor tutta profumata dall'olezzo delle virtù e degli eroismi paterni, cos, il Beato Padre, rinnovando le antiche finezze d'amore, si diede a godere ad essi, volta per volta, nelle feste locali con identità di effusioni e di impressioni soavissime, come risulta luminosamente dalle numerose- relazioni che pervengono a ripetere il lor grazie appiè dell'altare e dell' Urna che racchiude la sua sacra Spoglia, nel Santuario della Sua è nostra potente Ausiliatrice. In tal modo le feste in onore del nostro Beato, che vanno ripetendosi in tutto il mondo, assumono una luce loro propria e sona l'espressione reale dell'attività del Beato in favore dei suoi figli e della gioventù loro affidata. Ho voluto accennarvi, o miei cari, questa singolarità fattiva delle nostre feste, affinchè, fìnchè, partecipandovi con vivezza di fede, con sentita divozione e con tenero affetto filiale, sappiate tesoreggiare meglio le inspirazioni del Beato Padre per il maggior bene vostre e della Congregazione.

II. Ora mi preme dirvi. alcune esse intorno al XIII Capitolo Generale tenutosi in Valsalice lo scorso luglio. Di lassù era partita pochi dì prima la preziosa Salma del Beato Padre per scendere a Valdocco in un trionfo senza. pari: - ma il suo .spirito è rimasto là a presiedere l'imponente consesso -dei suoi figli maggiori per illuminarli, incoraggiarli, sostenerli e guidarli. in mezzo alle-- non lievi difficoltà della loro missione, La sua presenza era quasi. visibile .in tutti e -i,n ciascuno degli 88 venerandi Confratelli che- erano .venuti. dalle regioni più lontane appositamente per portare il contributo della lor scienza, provata al fuoco  dell'esperienza, in questa.: magnifica adunanza nella quale si sarebbero trattati argomenti vitali  per la nostra Congregazione. Le indimenticabili solennità in onore del- Beato Padre, a Roma e a Torino, avevano contribuito fortemente a formare realmente in ciascuno di essi un cuor solo e un'anima sola, cioè il cuore e l'anima stessa del Beato riflessa e vivente in ciascuno e in tutti. Unico il pensiero di tante menti. e unico il palpito di tanti cuori: fare vivere D. Bosco in sè per potere farlo poi vivere ne-i propri dipendenti e nell'intera Congregazione.

Sotto i raggi di quest'unica luce, i nostri Capitolari iniziarono loro lavori, senza` attaccamento alle proprie idee, senza ricerca di novità, ma solo desidererei d'imitare il Padre nell'operare il bene come Lui,. con i mezzi e i metodi da .Lui indicati, e fino all'immolazione totale di se, qualora io richiedesse la gloria di Dio e la salvezza delle anime. ‑
- La santa Regola, vivificata dagli esempi e dalle tradizioni paterne — contenute .nella vita del Padre, nei Regolamenti e nelle- piccole consuetudini introdotte dal Beato e tramandate oralmente come patrimonio di- famiglia -- sono stati i punti di riferimento per- constatare se le. proposte, le -variazioni, le sostituzioni e le deliberazioni fossero consone alla spirito ricevuto dal Padre. Anche quando si sostenevano opinioni opposte, era in tutti la retta.,intenzione e il fermo proposito di non dipartirsi dalle Regole; degli esempi, e dalle buone tradizioni di famiglia. Con  queste norme si- sono svolti esaurientemente i -temi proposti,, riguardanti la formazione intellettuale-religiosa dei nostri Chierici. E quella professionale-religiosa: dei confratelli Coadiutori; come pure il tema delle Missioni, affatto nuovo nel senso di riuscire ad applicare in esse i nostri metodi e le. nostre risorse educative-professionali per formare un po' per volta, chierici, sacerdoti, coadiutori e maestri d'arte indigeni.

- Ho detto che si sono trattati esaurientemente questi temi importantissimi per- la nostra Congregazione; ma ciò non toglie che gli stessi temi presentino ancora numerose questioni e necessità contingenti, che, più tardi suggeriranno modificazioni alle valutazioni e deliberazioni presenti, le quali ora ci sono parse le meglio adatte e sicure per raggiungere le finalità proposte. Leggerete. più oltre la relazione di quanto si è discusso e deliberato. Non occorre vi raccomandi di applicare. Tosto i punti riguardanti le vostre mansioni ed occupazioni, perchè mi pare non siano altro che una esplicazione, più conforme alle esigenze attuali;, di quanto abbiamo ricevuto dal nostro Beato.

III. Per parte mia ho creduto conveniente che tutte le discussioni e deliberazioni di questo Capitolo Generale fossero circondate, avvolte, illuminate e fortificate dall'unico pensiero che ha circondata, avvolta, illuminata e fortificata  l'intera vita del nostro Beato. Ho già insistito in precedenti Circolari su questo pensiero; tuttavia mi pare utile ritornarvi sopra alquanto, sia per i Confratelli che presero parte all'ultimo Capitolo e sia per tutti gli altri. Anche il S. Padre Pio XI l'ha ripetuto più volte nelle sue inspirate allocuzioni, Chiamandolo il segreto dal quale (il Beato) ha attinta l'energia inesauribile per bastare a tante cose, quali sono le opere meravigliose da Lui compiute. Per me questo pensiero è la nostra parola d'ardine e di combattimento, sgorgata dal cuore del Padre: Da mihi animas, caetera .tulle: dammi le anime e prendi tutto il resto! Le anime, nel senso più nobile della parola, cioè, lo spirito immortale che vivifica- ogni creatúra umana e che è destinato alla felicità del Paradiso! Salvar le anime vuoi dire renderle felici per tutta l'eternità: Da mihi animas! Tutte le aire cose, per quanto belle e nobili siano, devono essere sacrificate, quando si tratta della salvezza dell'anima: caetera tolle! Quando si comprende il valore d'un'anima, allora il sacrificio di tutte le altre cose, compresa la vita medesima, • non ammette più discussione alcuna: caetera tolle!
Tutta la vita del nostro Padre si assomma in questa frase e la sua Opera è stata e dev'essere sempre la continuazione precisa. Egli, fanciulletto appena, si prese per missione la salvezza delle anime e per compierla ha immolato tutto se stesso, l'anima con le sue nobili facoltà, e il corpo con le sue generose energie: e questa sua immolazione l'ha cominciata, si può dire, quasi con l'uso della ragione. Come il S. Vangelo ci, presenta Gesù, fin dal suo primo ingresso nel mondo, unicamente intento a fare la .volontà del suo Eterno Padre, che non era altro che la salvezza delle anime; così la vita del nostro Beato ce lo presenta in un ininterrotto apostolato per la salvezza delle anime. Provatevi a sopprimere questo filo d'oro della sua vita ed essa non avrà più consistenza alcuna: analizzatela in tutti i suoi più minuti particolari e vi balzerà sempre fuori la sintesi radiosa del: Da mihi animas! e del: caetera tolle! Riassumetela in un piccolo volume, contenente più solo i punti essenziali, e avrete tra le mani un Vangelo salesiano che comincia con l'ordine divino, dato al pastorello castelnovese, di salvare le anime dei fanciulli, e prosegue, senza interruzione, nella narrazione delle cose successivamente richiestegli dalla divina volontà, nei più multiformi modi, fino all'ultimo respiro, che domanda ancora anime: « Di' ai giovani che  io li attendo tutti in Paradiso! ». E solo, dopo averci data questa luminosa traduzione del suo grido di sete d'anime, rimette la sua nelle mani del suo Signore.

Dei 73 anni di sua vita, più di 63 li ha impiegati letteralmente nel salvar le anime della gioventù, che era _il campo assegnatogli dal divino agricoltore. Vi .lavorò umilmente cd eroicamente, non trascurando le altre anime che incontrava ai margini del suo apostolato e quelle, più numerose ancora, che accorrevano a Lui con l'insistenza degli abitanti della Palestina, affollantisi attorno a Gesù di- Nazareth. Ma il suo centro- naturale erano le anime_ dei giovani; e per salvarle, secondo la bella espressione del Card. Alimonda, « si sovrappose -alla debolezza del suo secolo, divinizzando quanto esso teneva di più pregiato e di più pericolante: le tendenze, i bisogni, le imprese ». E vi riuscì santificando la letteratura, le scienze, le arti, i mestieri, i divertimenti, il teatro e tutto ciò che nella vita, pur non essendo cattivo in se, lo era-divenuto a causa della malizia umana che le cose per sè buone. o per lo- meno indifferenti suole usare per scopi cattivi.

Questa divinizzazione del suo seeplo, questa sana modernità di fare il bene anche con l'uso di mezzi! i-ii sè non cattivi, ma che venivano pure adoperati da altri per finalità-' ben diverse, questa forza di attrazione, entro l'orbita della sua missione, di tutto ciò che poteva servire a ricreare, istruire, educare, nobilitare ed elevare le anime Ilei suoi giovani, gli hanno procurato contrarietà, opposizioni e sofferenze innumerevoli, dolorosissime. Ma Egli sapeva fare le cose con tanta naturalezza da lasciare trasparire raramente l'interno martirio del suo gran cuore che palpitava <solo per le anime, senza nessuna mira umana, e trovava tuttavia ,tanti impedimenti da parte di quelli- che meno si pensava e che piuttosto' avrebbero dovuto aiutarlo! Leggete la vita di lui con l'intento di'penetrare le profondità misteriose di. queste sue sofferenze; e allora, o miei cari, vi assicuro che vi sarà dato meglio comprendere i suoi ardori per la salvezza delle anime: le fatiche sostenute per fare amare la religione e la morale cattolica: la sua decisa opposizione a. tutto ciò che non fosse cristiano e di pericolo per le anime; e la sua irremovibile avversione per la politica, i partiti e le polemiche con tutta la serqua delle- loro tristi conseguenze. Povero com'era, sacrificava i mezzi materiali e l'amicizia dei benefattori piuttosto che cedere dinanzi alle verità e ai principii della ,santa Chiesa cattolica e del suo Capo augusto, il Papa!

Tutto per le anime e niente per sè fu sempre l'ideale del Beato D. Bosco: ma in pari tempo franco, irremovibile e saldo più che torre dinanzi ai principi cattolici e nell'applicazione del suo metodo educativo.

IV. Questo disadorno schizzo del nostro Beato, vero amatore  delle anime, amator animarum, come l'ha felicemente chiamato il S. Padre in uno dei suoi discorsi, attende che ciascuno di voi, o carissimi, lo completi nella sua mente con la lettura assidua e lo studio amoroso della vita di Lui. Tuttavia vi presento ancora alcune delle conclusioni pratiche che mi venivano spontanee nelle conversazioni capitolari di Valsalice.

« Occupatevi .sempre e incessantemente a salvar le anime », ci -raccomandava D. Bosco dal suo letto di morte. Perciò sull'esempio di lui facciamoci uno studio particolare di orientare tutta la nostra vita alla salvezza delle anime, vedendole, come faceva lui, nel Pensiero, nel Cuore,e nel. Sangue di N. S. perchè allora non ci sarà più grave qualsiasi sacrificio per guadagnarle a Gesù Cristo. Ma ricordiamoci bene che la prima anima-che dobbiamo salvare è la- nostra. «Voi mi farete la cosa piùcara del mondo, se mi aiuterete a salvare l'anima vostra'».
« Chi salva l'anima salva tutto:- chi -perde l'anima perde tutto! ». Se risuoneranno sempre alle .nostre - orecchie  e al nostro  cuore questi  moniti paterni, non faremo mai troppe preghiere, sacrifizi e mortificazioni per la salvezza dell'anima nostra.

Però la salvezza della nostra anima dipende principalmente dalla salvezza delle anime giovanili, perchè questo- è il primo e massimo dovere della nostra vocazione. L'essenza della Congregazione a cui apparteniamo sta appunto nella generosa consacrazione dei soci alla salvezza delle anime sull'esempio, con lo spirito e i metodi del Fondatore, il quale è stato il più grande amatore e salvatore di anime- dei nostri tempi. .

Ora questo dovere professionale esige ché; facciamo -come ha fatto il Modello, mettendo in cima a tutti i nostri pensieri, alle nostre aspirazioni, alle nostre parole ed opere il desiderio vivo, ,anzi la passione delle anime. Ma non basta questo desiderio, questa passione di anime. Per essere veri salesiani di D. Bosco dovunque andiamo, dōbbiamo consacrarci a lavorare incessantemente e precipuamente intorno alla formazione cristiana della gioventù affidata alle nostre cure. In questo lavoro dobbiamo usare i -metodi, le industrie, l'amore, le  finezze, lo zelo di D. Bosco, evitando con sollecite cure di cambiarli o trasformarli, sotto pretesto che gli altri non fanno ciò che facciamo noi, che i nostri metodi, le nostre industrie non sono ben visti e non piacciono, che si mormora intorno al nostro operare e si criticano le nostre intenzioni medesime, che perciò è giuoco f orza adattarsi alle esigenze e alle abitudini dei tempi -e dei luoghi dove lavoriamo.

La nostra missione, non dimentichiamolo, non è di essere trascinati, ma di trascinare gli altri, non di ricevere le impressioni del luogo e delle persone dove andiamo, ma di imprimere noi il nostro spirito salesiano nella formazione cristiana dei giovani e nell'ambiente .the ci attornia.

. Il nostro sistema di educazione che porta in sè il secreto della modernità, accetta tutto ciò che è veramente cristiano, ma esclude con energia quanto lo devia e lo corrompe. Il resto, o-lo battezziamo, cioè lo facciamo nostro, o lo abbandoniamo agli altri:  caetera tolle! Così il footbal, la radio, il cinema, il fonografo e simili altre novità ricreative e sportive, finchè sono di danno alle anime dei -giovani, dobbiamo trattarle allo stesso modo con cui N. S. ci comanda di trattare l'occhio che ci è di scandalo: projice abs te! (MATT. V, 30).
Invoco qui la vigilanza più scrupolosa degli Ispettori e Direttori: non si vada alla cieca, ma si rifletta seriamente, dinanzi al Signore, se la tale o tal'altra cosa, se questo o quell'altro divertimento, non abbia a recare più danno che bene alle anime affidateci.

La nostra missione è di portare la vita cristiana, per insinuarla nell'animo dei giovani, facendola praticare tutta iutiera nella chi,.sa, nello studio, nel lavoro, nelle ricreazioni e nei divertimenti; e sentire e gustare nella frequenza e pratica dei Sacramenti, ,nelle feste della Chiesa,  nella sua ,liturgia con- la grandiosità delle funzioni sacre che parlano al cuore meglio di ogni discorso.

Quanta importanza dava il nostro Beato a tutte queste cose! Nei suoi Oratori, Ospizi e Collegi il punto centrale-di tutto, la leva di volta per operare dei veri prodigi di trasformazioni, erano le 'pratiche -di pietà e le funzioni della chiesa. Allegria, divertimenti,-.teatrini, giuochi, passeggiate, studio e lavoro; non erano fine a sè, ma mezzo per fare amare la pietà e la religione. Queste avevano la preminenza in tutto nel suo sistema educativo messo in pratica da 'lui medesimo con tanti sacrifizi e privazioni e mortificazioni Molti su questo punto non capiscono ancora D. Bosco, nè la sua v,nostra, missione. Essi danno poca importanza alla partecipazione dei giovani al clero, al canto sacro, alle accademie e teatrini religiosi, alle Compagnie e alle funzioni sacre. Si ha paura di annoiare i ragazzi con le funzioni in chiesa, con tenerli un po' di più, con farli cantare la santa Messa, l'Ufficio della B. V., i Vespri., Il tempo. delle pratiche di pietà lo si riduce ai .minimi termini sotto pretesto che,i giovani si stancano: perchè essi amino le cose  di Dio bisogna farle gustare dai giovani; non si fanno nè gustare, nè amare, facendole.,,; fretta e furia e nel minor tempo possibile. Si direbbe quasi che si ha paura della chiesa per guadagnare tempo di recarsi ai divertimenti, allo studio. Questo non è certo il sistema  di D. Bosco e non può recare buoni frutti.

Quanta importanza dava inoltre il nostro Padre al trattenere i giovani per le grandi solennità, facendoli partecipare al clero, alla musica, alle recite sacre, all'allegria cristiana delle nostre Case! Oh! come mi auguro che ogni Ispettore e direttore, che ami realmente i suoi giovani, imiti D. Bosco in questo con tenere con sè i giovani durante le feste e non li, getti nella strada, nei pericoli, dei divertimenti mondani! Le pretese diffìcoltà., che si sogliono 'accampare per fare lo strappo più dannoso e doloroso al nostro sistema educativo, esistevano pure, e forse in Maggior numero e più gravi, ai tempi di D. Bosco. Ma egli perchè amava teneramente e fortemente l'anima dei suoi figliuoli, le ha superate tutte con. immenso vantaggio e gioia dei giovani medesimi. Desidero che questi pensieri diventino comuni a tutti, perchè così preserveremo con frutto i giovani dallo spirito pagano e formeremo nelle nostre Case dei veri cristiani.

La nostra missione non è solo di fare evitare dai giovani il male; declina a inalo, ma di fare il bene: fac bonum. Anzi dobbiamo far fare principalmente il bene, affinchè i giovani abbiano al tempo opportuno la forza di evitare il male, anche quando non saranno più sotto sorveglianza.

V. Nell'accennare qui per sommi capi le cose dette- nelle -conversazioni.' di Valsalice, ho rigoduta tutta l'indimenticabile soavità di quei giorni memorandi. I Capitolari accoglievano le mie- povere parole con 'visibile -soddisfazione della più intima gioia perchè io non facevo che tradurre alle loro orecchie quanto essi avevano già scolpito nel cuore. Nè poteva essere altrimenti se si pensa che i membri di quel venerando consesso erano già tutti ripieni dello spirito del nostro Beato e ardenti dei suoi medesimi ardori apostolici. Mi sia permesso ringraziarli di nuovo della loro bontà e del loro affetto verso di D. Bosco e sopratutto dell'edificantissima regolarità alla vita comune, specie alle pratiche di pietà. Com'era edificante vedere gli Ecc.mi Vescovi e Prefetti Apostolici confusi con tutti gli altri e senz'ombra di distinzione, durante la meditazione, la lettura spirituale e le altre preghiere comuni! Questo è caparra che nelle Case precedono con il buon esempio: Deo gratias!
Come sapete nelle elezioni vennero confermati in carica i precedenti Superiori, i quali continuarono tosto il loro lavoro con nuova lena per arrivare a tutto e a tutti. Anche - voi continuate a pregare il Signore di benedire e avvalorare le loro fatiche per il maggior bene della Congregazione.

Da parte mia ho pensato di dare un po' di riordinamento al lavoro che fanno, ed in particolare di convergere l'a"itenzione, le cure e le fatiche di uno di essi sopra gli Oratori festivi. Perciò il Consigliere Don Candela si occuperà d'ora innanzi degli Oratori festivi e dell'Associazione degli Antichi Allievi, essendo D. Ricaldone già troppo onerato con la carica di Prefetto Generale, delle Missioni e dei Cooperatori,

Il motivo che mi spinse a ciò sono le parole del Padre: Si tenga per base che il nostro scopo principale sono gli Oratori festivi. h oi, o miei cari, conoscete l'importanza che gli Oratori festivi hanno nella Congregazione. Sono la prima opera del Beato, l'arca di salvezza per tanta gioventù, e il mezzo, se non unico, certo il più efficace per allontanare una, quantità sterminata di giovani dalla via del male, facendone dei buoni cristiani, e, per loro mezzo, giungere a un maggior numero di anime. Bisognerà però trovare nuovi mezzi per attirare più numerose falangi giovanili, per istruirli più sodamente nella religione, per avviarlialla frequenza costante dei Sacramenti, mettendo in azione tutte le meravigliose risorse delle quali è ricca la vita del Padre, .e il metodo infallibile della sua gioiosa familiarità.

Il Consigliere incaricato si sforzerà di ottenere che tutte le Case abbiano l'Oratorio festivo, che tutti i Direttori di esse abbiano i mezzi, che tutti i giovani siano avviati al bene ed educati secondo i criteri di D. Bosco e non del mondo. Contemporaneamente stimolerà e richiederà che i nostri Oratori, Ospizi, Collegi e Convitti facciano fiorire l'Associazione degli Antichi Allievi,, aiutandoli a perseverare nella via del bene, dei buoni principii e dell'educazione cristiana ricevuta. Chi è incaricato di essi ponga tutto il suo studio per servirsi, come faceva il Padre, dell'affetto, dell'interessamento, delle buone maniere per legarli a sè e quindi a Dio. Una volta che si è acquistata la loro fiducia si potrà fare ritolto bene anche in questo campo.. Confido che questa nuova disposizione a riguardo degli Oratori festivi e degli Antichi Allievi darà a suo- tempo frutti copiosi per le anime e per la Congregazione.

Vi comunico pure quanto si è stabilito per l'uniformità delle preghiere al Beato Padre. Prima della sua Beatificazione si cantava il Veni Creator e l'Ave maris Stella e si diceva un Pater, Ave e Gloria nelle orazioni della sera. D'ora innanzi è invece stabilito così:

1° Si canterà o si reciterà il Veni Créator e l'Ave maris Stella per la Beatificazione dei nostri Servi di Dio;

Si dirà durante le orazioni della sera un Pater, Ave e Gloria al Beato D. Bosco con la giaculatoria: Beate Joannes, ora pro nobis.
Nel Santuario di Maria Ausiliatrice, si dirà prima della Benedizione con il Santissimo, tutte be 'volte che il rito lo permette, l'Oremus al beato D. Bosco, quello: iIe Comuni, finchè non sia approvato il suo proprio.

La stessa cosa si farà pure nelle altre Case, tutte le volte che si dà la Benedizione, sempre che sia esposta la Reliquia ex corpore del Beato.

VI. Mi resta ora più solo d'inviarvi, o carissimi, la Strenna per il 1930 con tutti i migliori auguri che il padre possa fare ai suoi figli dilettissimi. La Strenna è una cara tradizione che abbiamo avuta dal nostro Beato,,'ch',e dobbiamo conservare gelosamente e sempre in fiore per i tesori'di,4benedizioni che suole far scendere sopra chi la pratica fedelmente durante tutto l'anno.

Nel giorno indimenticabile della solennissima cerimonia della Beatificazione di D. Bosco in S. Pietro, quando vidi la paterna Immagine nella gloria del Bernini e cadere in ginocchio Cardinali, Arcivescovi, Vescovi e tutto il popolo ad invocare pubblicamente il neo-Beato, allora, io pure prostrato con tutta la Chiesa Cattolica, inalzai al Padre dolcissimo la mia umile preghiera chiedendogli queste- quattro cose: che la Congregazione sia sempre divota di Gesù Sacramentato e di Maria Ausiliatrice; che i Salesiani amino Onora la gioventù come l'ha amata Lui; che lavorino indefesssamente come Lui e che come Lui siano sempre uniti con Dio. -Di questa preghiera ne feci dopo una specie di litania pér supplicare sopra di noi a mezzo del nostro Beato queste quattro cose, che mi pare contengano le principali caratteristiche della Vita del Padre, e per distribuire, stampata, in molte mute di Esercizi spirituali come ricordo.

Ora la Strenna la ricavo da queste quattro invocazioni. Raccomando L'invocazione:

AI GÌOVANI: Perchè possiamo essere divoti di Gesù Sacramentato e di Maria Ausiliatrice, o beato D. Bosco, pregate per noi!

AGLI ANTICHI ALLIEVI: Perchè possiamo essere assidui al lavoro nel senso e nel modo che lo siete stato voi, o beato D. Bosco, pregate per noi!

AI CONFRATELLI: Perchè possiamo amare la gioventù come l'avete amata voi, o beato D. Bosco, pregate per noi!

Ecco, o carissimi, tutto il succo di questa mia circolare: amare la gioventù come l'ha amata D. Bosco! Egli amò in particolare gli orfani, i poveri, gli abbandonati; ma amò l'anima dei suoi giovani, e non il resto: caetera tolle! Egli li amò con una purezza angelica che rivelò riel tratto, negli scritti, nelle parole: purezza che molti confratelli mi assicurano di sentire crescere in lor stessi quanto più l'invocano e si raccomandano a Lui. E non potrebbe essere altrimenti, trattandosi dei suoi figli e dell'opera sua. Invochiamolo dunque in modo particolarissimo perchè conservi ciascuno di noi e tutte le nostre Case negli splendori della purezza che rifulsero in Lui mirabilmente durante tutta là sua vita.

Questi pensieri ed auguri arriveranno a voi prima che termini l'anno fortunato della Beatificazione del nostro Padre e Fondatore. Il nuovo anno sia tutto impiegato per rendere noi e le nostre opere conformi alla fede, alla carità e alla santità del Padre. Teniamo lo sguardo sempre fisso in Lui e questo nostro voto e proposito sarà un fatto compiuto. Ed ora, come caparra della' sua paterna benedizione e di quella della potente nostra Ausiliatrice;' ascoltiamo la voce stessa del Padre che ci dice: « io vi attendo al Cielo. Là parleremo di Dio, di Maria, Madre e sostegno della nostra Congregazione: là benediremo in eterno questa nostra Congregazione, la osservanza delle cui Regole contribuì potentemente ed efficacemente a salvarci. ` Sit no-men Domini benedictum, ex hoc nunc et usque in saeculum! In le, Domine, speravi, non confundar in aeternum!'».
Pregate per me, che io non vi dimentico dinanzi al Signore.

Vostro aff.mo in C. J.

Sac. FILIPPO RINALDI

Temi trattati nel XIII Capitolo Generale i
PRIMO TEMA — DEGLI STTTDII.
La trattazione di questo tema si svolse con speciale riguardo agli studii che si riferiscono alla formazione del personale salesiano, e procedette secondo l'ordine progressivo degli studii come sono presso di noi odinati e cioè:
1° Corse preparatorio al Noviziato.
2° Noviziato.
3° Corso Filosofico.
4° Triennio pratico.
5° Corso Teologico.
6° Quinquennio dopo l'ordinazione sacerdotale.
A) Pel Corso preparatorio si mise in rilievo la sua capitale importanza e si insistette assai perchè esso sia compiuto con sempre maggior regolarità e serietà, essendó questi studii la base e il fondamento della formazione culturale dei confratelli; e se la base non è solida e sicura non potrà l'edificio essere stabile e consistente per quanti ripari e puntelli si vogliano mettere in seguito.
Per questo si deve prima di tutto usare tutta la diligenza dovuta e la giusta rigorosità nell'ammettere gli alunni a questo corso, al quale non devono essere ammessi se non dimostrano di aver disposizioni naturali sufficienti é cioè specialmente memoria e attitudine a capire (si ricordi come soleva comportarsi il Beato Don Bosco nell'esaminare i giovanetti che gli si presentavano, ad es. Savio Domenico, Don Albera, ecc.); e se non hanno ancora tanta istruzione quanta ne deve avere chi abbia compiuto in forma regolare gli studii elementari.
E quando si fosse costretti o si credesse bene per ragioni locali. di accettare degli alunni prima che essi abbiano questo grado di istruzione, si istituisca per loro un corso speciale di compimento e di. integrazione di questa istruzione elementare e si aspetti ad. ammetterli al corso preparatorio finchè non si abbia prova che essi siano sufficientemente atti e preparati; e il tempo che si passa in questo corso integrativo non deve essere computato fra gli anni che appartengono al corso preparatorio.
La durata di questo corso preparatorio sia di non meno di quattro anni: si intende sempre per quelli che vengono colla sola istruzione elementare, ma quelli che venissero già da scuole secondarie potranno essere ascritti già all'anno del corso pel quale si mostrano atti dopo le dovute prove di esame. Ma non si facciano eccezioni e non si creda che qualunque ragione speciosa, autorizzi ad abbreviare il corso, perchè in meno di quattro anni non si può avere una formazione che dia affidamento, anche se gli alunni riescono a superare gli esami con disinvoltura, perchè qui non si tratta di semplice riuscita agli esami ma di formazione che richiede necessariamente il suo tempo.
Tanto meno deve tentarci la ragione' della scarsezza del personale, perchè sarebbe un rimedio peggiore del male il tentar di rimediare alla scarsezza del personale con degli elementi informi o mal formati.
Fondamento e sostanza del Programma siano la Religione, la lingua latina e la lingua patria; alle quali si accompagneranno in giusta misura quelle altre materie letterarie e scientifiche che rispondono in ciascuna regione al programma del corso che generalmente si conosce sotto il nome di ginnasio classico. Per questa seconda parte del programma non si può venire a indicazioni particolareggiate perchè fra regione e regione corrono diversità e varianti notevoli. Parve però che non si possa omettere la lingua greca nei corsi superiori e su questo si insiste nonostante le difficoltà prospettate da alcuni capitolari perchè non si capisce come, nelle condizioni attuali, possa mancare alla coltura clericale una sufficiente cognizione della lingua greca anche come elemento formativo.
Lo studio delle lingue però non deve contentarsi di semplici risultati pratico-commerciali, ma deve tendere alla formazione letteraria per la quale la lingua è organo del pensiero e ginnastica della mente per renderla atta, nel caso nostro, all'apprendimento e alla trattazione delle discipline scientifiche, filosofiche e teologiche.
Tutto l'insegnamento poi si conformi a quel sano spirito cristiano, tanto inculcato dalle direttive e dall'esempio del Beato Don Bosco.
B) Per gli studii durante il noviziato basta richiamare l'attenzione sul comma 30 del Can. 565 in forza del quale il Noviziato non può assolutamente considerarsi come un anno di corso di studio, e ci si deve limitare, sempre nei confini consentiti dalla natura del Noviziato, a quegli esercizi scolastici che valgono a rassodare e maturare il frutto degli studii fatti antecedentemente. Si consenta però che possa concedersi l'insegnamento dei principii elementari della lingua italiana nelle nazioni che parlano altra lingua sempre che si usino come libri di lettura la Vita del Beato Don Bosco e altri scritti che trattino argomenti riguardanti la vita della nostra Società. Non si permette invece lo studio della Logica, dell'Etica o di altra disciplina, anche se per il passato si fosse fatto.

  1. Pel Corso Filosofico dopo ampia e matura discussione si venne a queste conclusioni:

1° che il Corso Filosofico biennale come ora è stabilito e regolato continui e si rassodi in tutti gli studentati della nostra Società per ottenere la concorde Uniformità nella formazione dei nostri chierici;
2° si propose l'aggiunta cfi  uri terzo corso nel quale i chierici siano direttamente e convenientemente preparati per essere in grado di conseguire i titoli opportuni di insegnamento dove la necessità e le circostanze lo richiedano. Sentiti e vagliati i vari pareri dei capitolari pro e contro a questa proposta si conchiuse la trattazione col seguente ordine del giorno approvato a votazione segreta:
«Si stabilisca dove e nella forma che il Rettor Maggiore, uditi gli Ispettori interessati, lo crederà necessario un terzo anno il .oui programma.;ri sponda alle esigenze delle varie regioni pel conseguimento dei titoli legali di insegnamento. In questo caso il Rettor Maggiore determinerà le condizioni di vita pratica a cui i chierici dovranno assoggettarsi perchè questo anno di studii supplementari sia considerato come un anno di tirocinio pratico ».
Per ciò che riguarda il programma e i libri di testo pel biennio filosofico si stia a quanto è già fissato nel programma, e pel metodo di insegnamento, per la filosofia si segua il metodo tradizionale della scolastica e per le altre materie valgono le osservazioni fatte sopra per il corso preparatorio.

  1. Per l'apprendimento del nostro metodo educativo, che forma lo scopo principale del triennio pratico, si insiste- sulla necessità della lettura e dello studio di quanto il Beato Don Bosco e i suoi commentatori hanno lasciato scritto su questo argomento; ma sopra tutto si richiede l'opera viva, paziente ' e perseverante del Direttore e degli altri superiori.

Per lo sviluppo dell'istruzione dei  confratelli durante questo periodo si raccomanda l'adempimento di quanto venne disposto a questo riguardo, e non si ammettano al corso teologico quei chierici che colpevolmente non tenessero conto di queste disposizioni.
La formazione religiosa dei chierici durante il triennio pratico è sopratutto nelle mani del Direttore, il quale li deve guidare nell'adempimento delle pratiche di pietà, di osservanza religiosa, di studio e degli uffici loro affidati. Si ricordi che i mezzi più facili ed efficaci sono il Rendiconto, la Scuola di Catechismo e la spiegazione del Nuovo Testamento fatta possibilmente dal Direttore.

  1. Pur tenendo conto - della buona volontà che è viva in tutti di ottenere che i nostri studii teologici siano fatti in piena regolarità e riconoscendo che molti e buoni provvedimenti si sono presi perchè questa diventi una consolante realtà, si vede però che molto resta ancora a fare; ed è necessario, anche a costo di sacrifizi, procedere ad una sistemazione definitiva, eliminando tutte quelle forme di scuola che non rispondono adeguatamente al loro scopo, non parlando più di scholae minores che non hanno nessuna forma definita, provvedendo, in una parola, perchè il corso sia regolare ed effettivo a cominciare dal primo anno e prosegua normalmente per tutti gli anni seguenti.

Per questo si provveda perchè a cominciare da quest'anno e poi in seguito tutti i chierici che devono cominciare il corso teologico siano inviati ad uno studentato regolare cioè conformato a norma dei Canoni 587 e seg. (come ad esempio l'Istituto Internazionale Don Bosco, la Università Gregoriana o ;altra Università Teologica o Istituti similari), oppure a quelle altre, case di studio che siano istituite o per singole ispettorie o per reg.oni in conformità dell'ordine del giorno votato dal Capitolo nei termini seguenti:
« Gli Ispettori che intendono fondare uno studentato teologico ne faranno domanda al. Rettor Maggiore specificando la località, il programma, l'orario di scuola e di studio, i nomi e le doti degli insegnanti (Can. 537, 2; Can. 976, 3; Can. 136, 2, 3) ».
Per i chierici che sono ora oltre il primo anno di corso si provveda perchè possano proseguire colla necessaria regolarità e di questo si tenga conto per la loro ammissione agli ordini sacerdotali.
Per l'ordine del programma e la distribuzione delle materie e dei trattati nei singoli corsi si stia a quanto è indicato nei programmi perchè gli studii procedano concordemente in tutti i nostri studentati e i chierici possano, quando la necessità e l'opportunità lo richiedano, passare da uno studentato all'altro, senza trovarsi a disagio.
F) Pel quinquennio dopo l'ordinazione sacerdotale è dovere degli Ispettori il provvedere e curare che si eseguisca quanto è stabilito nel programma a norma del Can. 590.

SECONDO TEMA
SCUOLE PROFESSIONALI ED AGRICOLE.
I. - LE SCUOLE PROFESSIONALI ED AGRICOLE SIANO VERE SCUOLE SECONDO LO SPIRITO DELLE COSTITUZIONI (ARTICOLO 5) E LE NORME DEI REGOLAMENTI..
a) Esse devono avere per base la formazione religiosa.

Infatti le Costituzioni all'art. 5 dicono: Questi Ospizi abbiano di mira, non solo l'istruzione religiosa dei giovani, ma anche di abilitarli a guadagnarsi onestamente il pane. Nei Regolamenti poi (Parte 2a, Sez. 2a, Cap. 20, in 9 articoli 127-135) si spiegano i criteri ed il metodo, che debbono caratterizzare tutti i nostri Istituti.
b) Conservare il carattere di beneficenza.

Il carattere della beneficenza è essenziale ai nostri Ospizi per la loro origine ed il loro scopo, secondo l'art. 50 delle nostre Costituzioni.
Quindi si raccomanda di seguir» la tradizione salesiana appoggiata nella Divina Provvidenza:,; :come fece sempre il Beato Don Bosco. Tuttavia, siccome nei nostri Ospizi si ammettono pure i figli della borghesia operaia, che,possono e debbono pagare secondo la loro condizione; così prevale l'idea fra i Capitolari che anche nei programmi degli Ospizi convenga fissare una modica retta o pensione.
A questo proposito il Rev.mo Don Rinaldi espone due punti tradizionali riguardanti i nostri programmi: 1° Il tipo di Collegio per la classe media con modica pensione. « Noi, dice, non dovremmo mai fare concorrenza alle scuole aristocratiche di altri Istituti Religiosi ». — 2° «Noi, aggiunge, dobbiamo avere ospizi dove si eserciti specialmente in beneficenza salesiana, almeno uno per ogni Ispettoria: la Provvidenza ci aiuterà ».
Trattandosi di Collegi di studenti si stia alla pensione: Don Bosco generalmente per questi non faceva riduzioni notevoli; ma chi non poteva soddisfare la retta, era indirizzato ad un Ospizio. Negli Ospizi poi con facilità ammetteva l'eccezione ».
Il Rev.mo Don Rinaldi poi insiste perchè nelle nostre Scuole Professionali ed Agricole ci sia sempre il posto per il poverello! « Stiamo alle origini, più che possiamo; togliendo la beneficenza ne scapita il concetto e la stima del nome salesiano! ».
c) Essere provviste di buon personale in conformità agli articoli 161, 198, 200 dei Regolamenti.

Questo comma serve a: mettere in evidenza tre articoli importantissimi dei Regolamenti, che in generale sono alquanto dimenticati e trascurati.
L'articolo 161 ci stimola a formare dei buoni Maestri di scuola (di cultura) e dei valenti Capi d'arte salesiani, e raccomanda specialmente che gli Assistenti dei nostri 'artigiani siano salesiani; dà le norme per fare, in caso di necessità, una buona scelta di Capi esterni, ai quali vuole il nostro Regolamento che si facciano opportune conferenze circa il metodo nostro di assistere ed istruire gli allievi.
L'articolo 198 anzitutto esige che ogni Scuola Professionale ed Agricola abbia il proprio, Consigliere, incaricato non solo di vigilare sull'ordine, la disciplina e l'orario dei giovani, ma di eseguire il programma delle scuole di cultura, dei distinti corsi del tirocinio teorico-pratico, del disegno, per mezzo dei rispettivi Capi, Maestri ed Assistenti (cfr. comma II, deficienze).

L'articolo 200 insinua la necessità, per il buon andamento di una Scuola Professionale od Agricola, del Capo-ufficio, in aiuto del Prefetto della Casa. La mancanza di questo elemento si spera di poter rimediare, quando nelle Ispettorie funzioni regolarmente la Scuola di Perfezionamento, specialmente la Centrale sotto la sorveglianza del Capitolo Superiore.
d) Dipendere dal Consigliere. Professionale Generale.

Questa relazione o dipendenza è voluta dalle Costituzioni (articolo 79) sotto due aspetti:
1° Riguardo « alla cura di quanto appartiene all'istruzione degli alunni delle Scuole Professionali ed Agricole ». Per questo è dovere dei direttori di tali Scuole il riempire ogni anno diligentemente il formulario del Rendiconto vidimato poi ed anche annotato dal signor Ispettore ed inviato allo stesso Consigliere Generale.
2° Allo scopo anche di « formare nella rispettiva arte i soci addetti a tali Scuole, come pure quelli che debbono attendere alle faccende domestiche ». Quindi i Direttori e gli Ispettori stessi sono tenuti a dar conto riguardo ai soci, dal momento che entrano a formar parte della - Congregazione (noviziato e professione) specializzando le loro attitudini, ecc., come è indicato nei formulari stessi. Questa relazione doverosa coll'Ufficio del Consigliere Professionale riguarda anche l'apertura  o soppressione di laboratori, i corsi d'insegnamento, i programmi, testi, orari, esami, esposizioni, ecc. Il trascurare questa relazione espone le Scuole nostre a perdere l'unità di metodo, la stabilità e quello spirito salesiano che ne è la speciale caratteristica.
II. — RELAZIONE SULLO STATO ATTUALE DELLE SCUOLE PROFESSIONALI ED AGRICOLE DELLE SINGOLE ISPETTORIE.
a) Riguardo al numero delle dette Scuole esso è considerevole poichè attualmente gli istituti professionali aventi Scuole di Arti o . Mestieri sono 138.
b) Anche i risultati sia per l'educazione religiosa e morale, come per l'esito nella formazione professionale e tecnica, sono consolanti, come lo attestano le Autorità governative ed ecclesiastiche delle distinte nazioni, che richiedono ed offrono nuove fondazioni.
c) Tuttavia si notano deficienze di organizzazione in certo numero di -queste Scuole (cf. Atti Capitolari. 24 dic. 1927, n. 42) per mancanza di Catechista e di Consigliere professionale in due terzi di esse; per non adottare i nostri programmi; non distinguere i corsi, e non armonizzarli con la teoria, nè con le classi di cultura; il trascurare la scuola di disegno professionale, ecc., ecc.
d) Le principali proposte per ovviare dette deficienze possono ridursi alle seguenti: 10 Fare un caldo appello ai signori Ispettori perchè, oltre ai Direttori e Prefetti delle loro Scuole professio- nali, provvedano abili consiglieri che si dedichino ad organizzare la vera scuola, non solo nei laboratori, ma nelle rispettive classi di. teoria, di cultura generale, di disegno, distinguendo i corsi secondo i programmi nostri; 2° Usare ogni mezzo per ottenere la perseveranza degli allievi fino a tirocinio completo e tenere animati e numerosi tutti i corsi, specialmente dei maggiori (colle risorse del nostro-sistema preventivo); 3° Studio delle 'tendenze dei giovani per avviarli__. al mestiere: scelta ben ponderata:
III. — COME DEBBONO ESSERE ORGANIZZATE LE NOSTRE SCUOLE. PROFESSIONALI ED AGRICOLE.

  1. Scuole professionali interne; Pensionati per Scuole professionali esterne; Scuole diurne e serali per esterni.

Il tipo classico, delle nostre Scuole professionali ed agricole è quello delle Scoop interne, descritte dalle nostre Costituzioni (articolo 5); i Pensionati per artigiani rispondono alla legislazione di alcune nazioni che hanno officializzata la formazione dell'operaio; gli Esternati professionali e le Scuole diurne e serali possono anche fare molto del bene, purchè gli allievi siano ben attesi nella parte religiósa e convenientemente organizzati. — Gli Ispettori che hanno dette Scuole per esterni sono invitati a dare al Consigliere professionale le informazioni complete, per redigerne il Regolamento che si desidera.

  1. Istruzione preliminare - Scuola di cultura generale - Lavoro- Scuola di teoria --Disegno,

Per i giovanetti' di 'tenera età e studii non sufficienti per essere ammessi nei laboratori (dove la carità e le circostanze ci costringano a ricoverarli nei nostri Ospizi) si stabilisca :una scuola preliminare che completi gli stridii elementari.
Le Scuole di cultura generale poi siano divise in 5 corsi (possibilmente in relazione colle scuole governative-tecniche, di avviamento e simili) ed organizzate con programma, orario di materie,. maestro competente, testi, lezioni ed esercizi quotidiani e colle classificazioni ed esami corrispondenti.
In quanto al lavoro pratico, che è la parte principale del tirocinio> ed al quale si assegnano da 5 a 6 ore giornaliere, si svolga in ogni corso il programma speciale con tutti i suoi esercizi, compiendo anche i lavori dì commissione; ma sopratutto si procuri che ognuno ami davvero il suo mestiere ed acquisti l'abito del lavoro, tanto raccomandato dal nostro Beato Fondatore.
La Scuola di teoria deve darsi nei cinque corsi di ogni arte e me-stiere.
Anche la Scuola di disegno abbia il suo proprio Maestro, come materia principale. Il disegno pure sia specializzato d'accordo colle singole arti e mestieri, specie negli ultimi tre corsi.
Dovendo armonizzare (secondo le esigenze delle leggi nelle distinte nazioni) i nostri programmi con quelli dello Stato, si cerchi di conservare, sia nella scuola di cultura come nella teoria e nel lavoro, il nostro metodo tradizionale e, per quanto è possibile, la sostanza dei nostri stessi programmi. Tuttavia si procuri di ottenere, se possibile, qualche riconoscimento ufficiale che faciliti ai nostri ex-allievi l'esercizio della loro professione.
e) Preparazione morale, tecnica e culturale 'del personale salesiano. - Norme e direttive per la scelta del personale esterno.

Riguardo alle norme per la preparazione dei Soci Salesiani, queste si riducono a due: 1° Si procuri che, gli artigiani o agricoltori dei nostri Istituti non vadano al noviziato senza aver compiuto il loro tirocinio. 2° Si esiga per essere incaricati di un laboratorio, come Capo o Vice-capo, che i nostri coadiutori abbiano compiuto regolarmente, oltre al tirocinio, il corso biennale di perfezionamento ed i relativi corsi di cultura generale.
Per la scelta di buon personale esterno (in mancanza di con- fratelli) si raccomanda che si dia sempre la preferenza ai migliori. ex-allievi delle nostre Scuole professionali ed agricole, come  quelli che conoscono il nostro sistema e sono in grado di praticarlo. - Per questo converrebbe tener elenco dei Capi esterni disponibili e meritevoli in ogni Ispettoria e comunicarla all'ufficio del Consigliere professionale generale.
IV. — CORSO BIENNALE DI PERFEZIONAMENTO PER I COADIUTORI IMMEDIATAMENTE DOPO IL NOVIZIATO.
a) Case apposite per il corso di perfezionamento. (Regolamento, articolo 60).
Il Corso biennale di perfezionamento non solo risponde alla necessità di formare buoni Capi e Vice-capi di laboratorio; ma più ancora adempire alla prescrizione delle Costituzioni (Articoli 170 e 184) che richiedono la terza prova durante i voti temporanei, che prepari convenientemente alla professione perpetua. Perciò si raccomanda di tener presenti sopratutto le prescrizioni dell'art. 195, che esigono per i nuovi soci conferenza settimanale, rendiconti e direzione paterna.
Nello stesso articolo 60 dei Regolamenti, poi si dice: Che ogni Ispettoria abbia la casa apposita per il perfezionamento « nel cui governo e avviamento si seguirà il Regolamento generale per le case ispirandosi a quanto è detto all'articolo 53 (per i Chierici) appli-cato ai nostri Coadiutori,
Per attuare questa disposizione per la formazione dei nostri confratelli Coadiutori il Capitolo Generale XIII formulò il seguente ordine del giorno:
« Dato lo sviluppo che l'insegnamento professionale ed agricolo salesiano prende sotto ogni forma (Ospizi o Scuole professionali interne, Scuole professionali esterne, serali e domenicali) il Capitolo Generale insiste perchè senza indugio si metta mano ai mezzi indicati nei regolamenti per formare il personale adatto e a tal fine delibera che prima della fine dell'íinno 1929 gl'Ispettori mandino al Capitolo Superiore una relazione o proposta: a) sul come e dove intendono organizzare una Cal. 'di perfezionamento per i giovani Coadiutori della loro Ispettoria; ,b) sui mezzi che useranno per formare Chierici e Sacerdoti abili preparati per dirigere scuole professionali ed agricole, onde avere poi Direttori, Prefetti e Consiglieri competenti ». — L'ordine del giorno è approvato.

b) Preparazione morale, tecnica, didattico-educativa del Capo d'Arte.

A questo punto rispondono assai bene, per ora, i nostri programmi del 1.921.
Quegli Ispéttori che si decidessero ad iniziare la loro Scuola biennale di perfezionamento, ricorrano all'ufficio del Consigliere professionale generale, con cui debbono intendersi in proposito.
c) Preparazione dei Coadiutori addetti agli uffici ed ai lavori di casa.

Ancorchè l'articolo 60 dei Regolamenti accenni particolarmente ai « Coadiutori artigiani » per i , quali è prescritto il biennio di perfezionamento; tuttavia, secondo lo, spirito delle Costituzioni, anche gli altri confratelli Coadiutori' durante la loro terza prova debbono avere una convenierité scuola di cultura religiosa, morale e professionale, nella quale si spieghino in conferenze settimanali anche i Regolamenti dei loro relativi uffici. Pertanto si consiglia agli Ispettori di metterli in una casa dove lo spirito religioso sia fiorente e adatto per la loro formazione.
V. — VOCAZIONI ED ASPIRANDATO DEGLI ARTIGIANI.
a) Come promuovere le vocazioni tra gli Artigiani.

Gli esempi, le circolari e conferenze del Beato Don Bosco e dei suoi Successori ci suggeriscono tutti i mezzi efficaci per suscitare e coltivare queste vocazioni. Fra questi si raccomanda specialmente: il promuovere le Compagnie di San Giuseppe, del SS. Sacramento e Clero (con belle conferenze e fioretti pratici, specialmente atti di pietà e di carità); abbreviare le vacanze per allontanare i giovani dai pericoli; trovarsi spesso i Superiori tra gli artigiani per ispirare loro confidenza facendo gustare la vita di famiglia dei nostri collegi.
b) Case per Aspiranti Artigiani.

Il metodo antico del Beato Don Bosco fu quello di coltivare le vocazioni dei suoi artigiani negli Ospizi Salesiani, procurando che in tali Istituti vi fossero tutti gli elementi propizi per coltivare la pietà, assicurare la moralità ed ispirare desideri di consacrarsi al bene delle anime. — In generale le Sezioni di Aspiranti artigiani, che necessariamente debbono trovarsi nel laboratorio e nella scuola con i compagni (ed alle volte con Maestri esterni) di idee secolaresche, di guadagno, di libertà, ecc. presentano molte difficoltà, specialmente quando sono poco numerosi e non hanno un buon personale che ne prenda cura. — Per realizzare l'aspirandato degli artigiani, separato, l'unico mezzo è. quello di organizzare l'Aspirandato annesso (per i laboratori specialmente) alhf;Casa di perfezionamento dei giovani Confratelli. — È questo il sistema — il vero tipo salesiano — delle nuove. Case missionarie di Foglizzo, Cumiana e della grande Scuola « Conti Rebaudengo » in costruzione.
e) In quale misura continuare la Scuola di lavoro e di cultura durante il noviziato.

Due progetti si esposero su questo punto: 1° Occupare i Coadiutori artigiani, nelle ore disponibili, in studi e lavori relazionati col loro mestiere (se non è possibile formare un laboratorio), specie poi esercitarsi nel disegno, cultura generale, ecc.; cercare che non perdano l'uso e la mano per il lavoro; 2° Riunire i Coadiutori in Noviziati (interispettoriali) dove, essendo. in buon numero, potessero avere i laboratori con una qualche direzione tecnica. Così si terrebbero più animati nella loro vita comune senza pregiudizio del mestiere.

TERZO TEMA — MISSIONI.
Fu proposto e approvato ad experimentum il seguente Regolamento:
§1. - SPIRITO MISSIONARIO DELLA NOSTRA SOCIETÀ.

  1. L'art. 7 delle nostre Costituzioni dice: « E siccome tra i giovani meritano la più grande compassione quelli, che insieme con le loro famiglie e popoli non sono ancora stati rischiarati dalla luce del Vangelo, così i soci si dedicheranno con zelo alle Missioni estere ».

Pertanto sull'esempio del Beato Don Bosco e dei suoi successori ogni socio cerchi di accrescere nel suo cuore lo spirito missionario e di svilupparlo tra le anime affidate al suo zelo.

  1. Contribuiranno a sviluppare lo spirito missionario le preghiere, le Comunioni frequenti, le visite al SS. Sacramento e a Maria Santissima, i sacrifici e le mortificazioni. Gioveranno inoltre tutti i mezzi suggeriti per fomentare le vocazioni e per organizzare la propaganda missionaria.

§2. - VOCAZIONI MISSIONARIE.
. CASE DI FORMAZIONE MISSIONARIA.

  1. Allo scopo di fomentare lo spirito missionario e di suscitare le vocazioni missionarie dei nostri Istituti, negli Oratori festivi e tra l'elemento esterno, si faccia cattiva propaganda del « Bollettino Salesiano », di « Gioventù Missionaria », di biografie e altre pubblicazioni missionarie.

Si promuovano giornate e congressini missionari, conferenze con proiezioni fisse e cinematografiche e recite missionarie.
Inoltre con banchi di beneficenza, con lotterie e feste missionarie si educhino i giovani e il popolo allo spirito di generosità e di sacrificio in favore delle Missioni.
Si parli frequentemente delle missioni nelle prediche, nel sermonciino della sera: anche nelle scuole si può cooperare a tal fine con lavori scolastici- di argomento missionario, concorsi od altro. Non si dimentichi però che, dopo la preghiera, il mezzo più efficace sarà il buon esempio e lo zelo dei Confratelli.

  1. Pur continuando a coltivare lo spirito e le vocazioni in tutte le case della nostra Società, il Rettor Maggiore aprirà, ove e quando sia possibile, in tutte le Nazioni, Istituti speciali per accogliere e coltivare quei giovani che intendono consacrarsi alle Missioni.
  2. I Confratelli di qualsiasi Ispettoria che intendessero consacrare la loro vita , alle Missioni, dopo maturo esame e speciali preghiere, ne facciano domanda al ,Rettor Maggiore.
  3. La scelta dei candidati alle Missioni sia molto accurata: da essi sopratutto si esige zelo ardente per la salute delle anime, pietà soda, generosità nel distacco dal mondo, fermezza nella castità e nella temperanza, amore allo studio, buon criterio, salute e doti salesiane per lavorare specialmente tra i giovani.

§3. - LE MISSIONI - LORO FORME .E OPERE.

  1. Le Missioni vengono affidate dalla S. Sede alla nostra Società per mezzo della S. Congregazione di Propaganda Fide o della S. Congregazione Concistoriale o della S. Congregazione della Chiesa Orientale. Il lavoro che noi compiamo in esse sia conforme allo spirito della nostra Società.
  2. Spetta unicamente al Rettor Maggiore trattare colla S. Sede per l'accettazione, la divisione e la rinuncia delle Missioni: a Lui pure spetta nominare i Superiori per le Missioni e proporre alla S. Sede i candidati a Superiori Ecclesiastici delle medesime.

3) Le Missioni possono avere varie forme e. cioè: Archidiocesi, Diocesi, Prelatura nullius, Vicariato Apostolico, Prefettura Apostolica, Missione indipendente o anche semplicemente Missione.
4) Le opere svolte nelle Missioni possono essere strettamente missionarie o ausiliari. Sono opere strettamente missionarie le resi-denze missionarie, erette o no in parrocchie o quasi-parrocchie, i Seminari, le Missioni ambulanti, i catecumenati, i collegi o scuole di catechisti e simili. Sono opere ausiliari gli ospedali, - i lebbrosari, i dispensari, gli orfanotrofi, gli ospizi, i collegi, le scuole professionali ed agricole, gli Oratori festivi ed altre.

§4. - SUPERIORE ECCLESIASTICO E SUPERIORE RELIGIOSO.
LORO RELAZIONI.

  1. In ogni Missione vi è un Superiore Ecclesiastico (Arcivescovo, Vescovo, Prelato, Vicario Apostolico, Prefetto o Amministratore Apostolico o semplicemente Superiore) ed! il Superiore Religioso (Ispettore o Visitatore).
  2. Quando una o più Missioni fanno parte di una ,Ispettoria,. l'Ispettore ne è il •Superiore Religioso. In mancanza dell'Ispettore il Rettor Maggiore affida questo ufficio per una o più. Missioni a un Visitatore nominato a norma dell'art. 83 delle Costituzioni. I poteri di questo Visitatore saranno determinati dal Rettor Maggiore, di cui egli è il rappresentante.
  3. In via eccezionale, anche il Superiore. Ecclesiastico, qualora. non fosse insignito del carattere episcopale, potrà essere Superiore Religioso.
  4. Le relazioni tra il Superiore Ecclesiastico ed il Superiore Religioso siano improntate ad un grande spirito di carità: è dall'esempio della loro perfetta intesa che ritrarranno edificazione e stimolo i missionari e riceverà forza la disciplina ecclesiastica e l'osservanza religiosa.
  5. I nostri missionari pertanto dipendono da una duplice Autorità, l'Ecclesiastica e la Religiosa. Essi sono soggetti alla giurisdizione, visita e correzione del Superiore Ecclesiastico nelle cose che riguardano il regime della Missione, la cura d'anime, l'amministrazione dei Sacramenti, la direzione delle scuole appartenenti alle Missioni, le offerte fatte «intuitu Missionis », l'esecuzione dei lasci a favore della Missione (Can. 296, § 1).

Però anche in tali cose sono soggetti alla vigilanza del Superiore Religioso e alle sue disposizioni, se non sono contrarie a quelle del Superiore Ecclesiastico (Can. 630, § 2).

  1. Dipendono dal Superiore Religioso nelle cose che riguardano l'osservanza dei voti, la vita religiosa e la disciplina interna della Società.
  2. Quantunque non sia lecito in alcun modo al Superiore Ecclesiastico, eccettuati i casi previsti dal diritto, ingerirsi nelle cose che riguardano la vita religiosa, la quale dipende dal Superiore Religioso, tuttavia qualora sorgesse un conflitto circa le cose elencate nell'art. 5 tra il mandato del Superiore Ecclesiastico e quello. del Superiore Religioso, deve prevalere il primo, salvo il diritto di ricorso « in devolutivo » alla S. Sede e salvi pure gli Statuti particolari approvati dalla Sede Apostolica (Can. 296, § 2-298).
  3. Al Superiore Ecclesiastico spetta dividere il territorio in parrocchie (nelle Diocesi e nelle Prelature) o in quasi-parrocchie (nei Vicariati, Prefetture e Missioni indipendenti), stabilire il numero e l'ubicazione delle residenze e determinare i confini entro cui debbono esercitare il Ministero i Salesiani/di ciascuna residenza (Can. 216).
  4. Spetta al Superiore Religioso presentare al Superiore Ecclesiastico i Salesiani da preporre a'ciascuna parrocchia o quasi-parrocchia, salvo sempre al Superiore Ecclesiastico il diritto esclusivo di conferir loro le opportune facoltà (Can. 456).

Nei casi in cui il Superiore Ecclesiastico Salesiano richieda confratelli addetti alla sua persona spetta al Superiore Religioso il proporli, salvo il Canone 309.

  1. I Salesiani preposti ad una parrocchia o quasi-parrocchia sono sempre, «ratione personae », amovibili « ad nutum » del Superiore Ecclesiatico o del Superiore Religioso, con pari diritto,. dietro avviso vicendevole, senza necessità di consenso, prove o dichiarazioni di motivi dall'una .e dall'altra parte, salvo il ricorso alla Santa Sede (Can. 454).
  2. In via eccezionale e per un caso gravissimo il Superiore Ecclesiastico può rimuovere immediatamente un missionario preavvisando se è possibile il Superiore Religioso (Can. 307, § 2).

§ 5. - BENI DELLA MISSIONE E BENI DELLA SOCIETÀ.

  1. A tenore deya Costituzione Romanos Pontifices, si deve stabilire una chiara divisione di beni tra la Missione e la Società. A tal fine si abbiano presenti i canoni De bonis ecclesiasticis tem- poralibus » (Can. 1495 e seg.).
  2. I beni della Missione sono amministrati dal Superiore Ecclesiastico: essi sono costituiti dai beni mobili od immobili che formano il patrimonio della 'Missione, e dai sussidii conceduti dalle tre Opere Pontificie (Propagazione della Fede - S. Infanzia - Clero Indigeno), da altre affini (S. Pietro Claver - Opere Apostoliche per arredi sacri - Opera delle Scuole d'Oriente, ecc.), o infine da Enti o da privati offerenti intuitu Missionis.
  3. I beni della Società sono amministrati dal Superiore Religioso: essi sono costituiti dagli immobili- e mobili appartenenti alla nostra Società.
  4. Le elemosine delle Messe, le offerte intuitu Societatis, i libri, le produzioni dell'ingegno, il corredo, gli utensili e tutto ciò che si considera come di uso personale appartiene alla Società.

§ 6. - VOCAZIONI INDIGENE.

  1. Assecondando le direttive della S. Sede e il desiderio del Beato Don Bosco tutti i missionari lavorino con zelo indefesso per le vocazioni indigene. L'obbligo grave che ne fa il Codice (canone 305) ai Vicari e ai Prefetti Apostolici mette in rilievo il dovere analogo a tutti i missionari.
  2. I mezzi sono quelli indicati altrove per le vocazioni in generale, adattati all'ambiente e alle persone (Regolam. 132 e seg., Atti del Cap. 36 - Encicl. Rerum Ecel.).
  3. I missionari, mentre coltivano con zelo le vocazioni da inviarsi ai Seminarii della Missione, fomentino pure le vocazioni religiose.

§ 7. - NORME PER I MISSIONARI.
Il Salesiano, pur consacrandosi con slancio al lavoro apostolico nelle Missioni, non dimentichi mai che 'è religioso.

  1. Le residenze siano distribuite in modo da rendere possibile ai Missionari la vita di comunità. Qualora, in casi eccezionali e per un tempo limitato, dovesse il Missionario trovarsi solo, gli si procuri la comodità di confessarsi e di recarsi mensilmente a qualche residenza ove passare alcuni giorni e fare regolarmente l'esercizio di Buona Morte.
  2. È sopratutto quando si trova solo che dovrà il Missionario essere più diligente nell'osservanza della vita religiosa e specialmente delle pratiche di pietà. Offra al Signore il suo isolamento, i suoi sacrifizi, e si studii di non contrarre abiti contrari allo spirito religioso.
  3. Nei viaggi conservi la gravità propria del sacerdote e del religioso, sia presso le famiglie dove piglierà alloggio, come nell'abito e nella conversazione. Eviti anche quelle cose che, pur non essendo vietate, possono, per circostanze di ambiente e di persone, essere meno edificanti.
  4. Sopratutto poi sia grande la sua modestia e prudenza nel trattare con persone di altro sesso, specialmente se Religiose.
  5. Il Missionario attenda seriamente allo studio delle lingue e a tal fine gli si procurino i mezzi e il tempo necessario. Procuri al tempo stesso conoscere la storia, gli usi e costumi e tutto ciò che riguarda la sua nuova patria, non solo per meglio ambientarsi, ma per potere così rendere più efficace il suo apostolato. Sopratutto poi non trascuri lo studio" della Teologia e delle scienze sacre, tenendo-conto delle esigenze locali. Eviti le questioni di politica e di nazionalità.
  6. I1 Missionario deve aver cura della sanità. Lavorare, dice il Beato Don Bosco, ma solo quanto le proprie forze lo comportano.
  7. In ogni Missione slavi una casa ove il Missionario ammalato o comunque bisognoso di cura possa recarsi, d'intesa col Superiore.

Anzi si procuri di prevenire le malattie con quelle norme che l'esperienza e le circostanze consigliano.

  1. Il Missionario che parte o rimpatria abbia presenti gli articoli. 63-69 dei Regolamenti e il Vademecum del Missionario in viaggio.

§ 8. - RELAZIONE E DOMANDE DI SUSSIDI.

  1. Ogni cinque anni i Vicariati, le Prefetture, le Diocesi, le Archidiocesi e le Missioni indipendenti debbono inviare una Relazione detta appunto quinquennale, alla S. C. di Propaganda Fide, e le Prelature nullius alla S, C. Concistoriale. Ogni anno poi tutte le Missioni devono inviare una Reazione, detta annuale, alla S. C. di Propaganda Fide.
  2. È bene che relazioni annuali e quinquennali siano inviate a Roma per il tramite dei Superiori: perchè è questa la prassi degli Istituti Missionari, e inoltre è pure questo il tramite più sicuro ed. efficace.. I Superiori poi, bene edotti del lavoro missionario, potranno, con cognizione di causa, rispondere e dare i necessari chiarimenti quando da noma venissero interpellati. Il Rettor Maggiore sarà così in grado,; di informare adeguatamente circa la distribuzione annuale del sussidio globale conceduto alle Missioni.
  3. Dette Relazioni siano sempre preparate in due copie e trasmesse al Rettor Maggiore: una copia sarà inviata a Roma convenientemente corredata da carte geografiche e documenti relativi, l'altra sarà per l'archivio della Società.
  4. Quelle Missioni di America che devono presentare una Relazione annuale al Vescovo da cui dipende il territorio, inviino sempre una copia di essa al Rettor Maggiore.

§ 9. - PROCURE GENERALI E PARTICOLARI.

  1. Si costituisca ad experimentum un ufficio speciale col nome di Procura generale Missionaria, ove i Missionari possono rivolgersi per informazioni e provviste.
  2. Vi siano pure Procure particolari a servizio delle singole Missioni. L'esperienza suggerirà le norme che dovranno regolare i suddetti Uffizi.

§ 10 - PROPAGANDA E STAMPA 'MISSIONARIA.

  1. Come atto di devozione figliale verso il S. Padre si stabiliscano• e, propaghino anche in territorio di missioni le Opere Pontificie: Propagazione della Fede, Santa Infanzia e Clero Indigeno.
  2. In conformità alle direttive della S. Sede si dia tutto l'appoggio all'Agenzia .Fides. Ogni Missione deve avere un corrispondente di detta Agenzia. Le relazioni si mandino per mezzo dell'ufficio, generale di Torino. Nella compilazione di queste ed altre relazioni si eviti qualsiasi espressione che possa offendere i sentimenti delle Nazioni che ci ospitano ed ove si svolge il nostro lavoro missionario.
  3. I Capi-Missione in particolare e tutti i Missionarii mandino frequenti relazioni della loro attività missionaria al Rettor Maggiore da pubblicarsi nel « Bollettino Salesiano », in « Gioventù Missionaria » e altri periodici missionarii. Dette relazioni siano rese interessanti con aneddoti edificanti e fotografie caratteristiche.
  4. In ossequio alle direttive del S. Padre in. ogni Missione alcuni Salesiani, sempre esercitando con zelo il loro Ministero, si dedichino a - compilare lavori scientifici che illustrino l'etnografia, la glottologia, la fauna, la flora, la geologia, la metereologia, e tutto ciò che possa costituire un contributo delle Missioni al progresso scientifico, letterario e artistico dei popoli.
  5. Oltre alla collana dei « Contributi scientifici delle Missioni Salesiane» s'inizi uîia serie di -« Letture Missionarie » popolari.
  6. Ogni Missione raccolga diligentemente i dati e le notizie . per la compilazione della Cronaca, la quale servirà in seguito per scrivere opportune monografie e la storia delle Missioni Salesiane.
  7. Elementi di propaganda sono pure i Musei e le Esposizioni. Ogni Missione abbia almeno un Museo locale che possa fornire materiale al Museo generale delle nostre Missioni.
  8. Le proiezioni fisse e cinematografiche sono un altro mezzo efficace di propaganda. I Capi-Missione procurino di accrescere sempre più il materiale fotografico e cinematografico missionario, che servirà per una attiva propaganda in tutte le Nazioni.

§11. - L'INCARICATO DELLE MISSIONI.

  1. Il Rettor Maggiore affida la cura delle Missioni a un Membro 'del Capitolo Superiore (articolo 62 del Regolamento).
  2. Detto incaricato agirà in conformità delle istruzioni ricevute dal Rettor Maggiore.

NB. — Altri punti furono trattati sui quali non si venne ad una conclusione definitiva. Per un ulteriore esame di detti punti fu nominata una Commissione che presenterà le sue decisioni al Rev.mo Sig. Rettor Maggiore.
APPENDICE.
Il Prefetto Generale crede opportuno comunicare agli Ill.mi Capi-Missione alcune osservazioni sul modo di riempire il Prospectus da inviare alla S. C. di -Propaganda Fide.
1) Sia scritto nitidamente e chiaramente: un Prospectus ben fatto è già di per sè una buona raccomandazione e fa onore alla Congregazione.

  1. Piae Associationes fidelium. -- Sono- tutte e sole le associazioni aventi fine religioso od educativo-morale, come le Confraternite, le Compagnie, i Sodalizi, le Unioni dei Cooperatori, dei Padri di famiglia, delle Madri Cristiane, degli Ex-Allievi, i Circoli giovanili ed operai, non però le squadre sportive, le bande di musica, le compagnie filodrammatiche, filarmoniche e simili.

Per dette associazioni è necessario dare il numero esatto di tutte le esistenti nelle varie chiese e istituti della missione. — Si dirà ad esempio: «12 Compagnie di San Luigi, 8 Associazioni delle Madri Cristiane e simili». Siccome poi lo spazio del Prospectus per la risposta è molto ristretto, sarà bene a volte servirsi di allegati. Si potrebbe ad esempio mettere nel Prospectus il numero globale delle Associazioni e aggiungere una postilla e.g. — Vedi allegato- n. 1. Nell'allegato poi si possono mettere il nome delle varie associazioni, il loro numero, come pure il numero dei Soci.

  1. Christianitates, Missiones, vel Stationes. - Sono tre parole che designano una stessa cosa: e quindi si risponde con un solo numero, bon con due o con; tre.
  2. Paroeciae, :v(l' quasi-paroeciae. — Si risponde con un numero solo: in uno stesso territorio o vi sono solamente parrocchie o sola-mante quasi-parrocchie. Nelle Diocesi, nelle Prelature, e nelle Missioni dipendenti da una Diocesi vi sono solamente parrocchie: nelle Prefetture, nei Vicariati e nelle Missioni indipendenti vi sono solamente quasi-parrocchie: sia le une che le altre le erige 1' « Ordi- narius loci » con suo Decreto.
  3. Coadiutores laici. — Sotto questo titolo si mettono tutti i nostri Coadiutori, anche Novizi, -e di più i nostri Chierici del triennio pratico, i quali durante tale periodo sono considerati come veri Coadiutori Missionari. Gli altri Chierici si notano tra i Seminaristi.
  4. E Seminariis. --I nostri aspiranti devono assegnarsi al Seminario preparatorio"  Chierici Novizi e Filosofi al Seminario Minore: i Chierici Teologi al Seminario Maggiore: i Chierici indigeni che non appartengono alla Congregazione, si mettono rispettivamente nel Seminario preparatorio, o Minore o Maggiore.
  5. Ex aliis Communitatibus... virorum... mulierum... — In ciascuno dei due titoli si mette prima il numerò totale dei religiosi o delle religiose e poi, se- vi sono varie Congregazioni se ne mette il nome col numero dei rispettivi membri.
  6. Scholae... Magistri... Magistrae. — Non basta che esistano scuole e che vi siano maestri e maestre nel territorio della Missione, ma bisogna che dipendano dalla Missione stessa. Le scuole governative ed altri simili non devono entrare nella classifica. inoltre non si confonda mai la parola « scuola » con la parola« classe ».
  7. Scholae parochiales precum rei catechismi. — Sono le scuole ordinarie di catechismo, anche solo festive; quindi anche quelle dei nostri Oratorii sia festivi che quotidiani. Se in una chiesa si fa scuola di catechismo ai ragazzi ed alle ragazze, nel Prospectus si registrano due scuole separate, una per i ragazzi e l'altra per le ragazze, dando il numero rispettivo di alunni e di alunne. Lo stesso dicasi di tutte le altre scuole, degli ospedali, orfanotrofi, ecc., in tutti i casi in cui il Prospectus domanda i dati separati per l'elemento maschile e femminile.
  8. Scholae inferiores. — Sono le scuole elementari: scuole, non classi.
  9. Scholae superiores. — Sono tutte le scuole medie, ginnasiali,. tecniche, commerciali, normali e simili: sempre scuole, non Classi.
  10. Scholae professionales. — Comprende anche le scuole agricole.
  11. Scholae mixtae pro eathōlicis et acatholicis. — Questo titolo si riferisce, non ai sessi, ma alla religione. Qui non vi è distinzione tra scuole inferiori, superiori e professionali: si prendono in globo tutte le scuole, non le classi, colla solai distinzione di alunni cattolici e acattolici.
  12. Numero totale degli scolari. — Ne) resoconto generale dobbiamo mettere il numero totale degli scolari della Missione: lo desumiamo dalle scuole inferiori, superiori, professionali e miste: in nessuna di queste quattro scuole deve figurare due volte lo stesso alunno, ed allora la statistica sarà esatta.

Al contrario gli alunni di catechismo, dei Collegi di educazione, delle tipografie, degli altri opifici, degli orfanotrofi, ecc., possono essere gli stessi, in tutto od in parte, già registrati nelle quattro scuole suddette.

  1. Collegia educationis... Orphanotrophia. — Se un internato ha carattere di ospizio, lo si mette come orfanotrofio, altrimenti come collegio, notando che anche questi alunni devono essere registrati come scolari di una di queste quattro scuole inferiori, superiori, professionali e miste.
  2. Typographiae... Opificia varia. — Gli alunni e le alunne devono essere già registrati nella rispettiva scuola professionale: se vi sono operai od operaie, si aggiungono sotto questo titolo insieme cogli alunni e le alunne.
  3. Nosocomia. — Il numero degli « Hospites » deve essere non quello dei posti o letti disponibili, ma il totale dei ricoverati in un anno.
  4. Loca sacra. — La parola « residentia » indica un'abitazione materiale, dove il Missionario possa stabilirsi per alcuni giorni, ancorchè abitualmente ivi non risieda. Le chiese delle Suore, se sono aperte al pubblico, sono da mettersi colle chiese pubbliche; ge sono interamente chiuse, sono da mettersi colle cappelle « absque residentia ». I numeri delle chiese pubbliche, delle cappelle con residenza e senza residenza non devono essere ripetuti, ma tutti insieme devono dare il numero complessivo dei luoghi sacri della Missione.
  5. Sacer Ordo. — Indica esclusivamente il Presbiterato.
  6. I numeri si scrivano sempre con cifre, non con parole, nè con frasi incerte, come « juxta vires, passim, data occasione » che non dicono nulla.

21) Il resoconto finanziario sia sempre fatto in lire italiane, e sia ben fatto, perchè ha una grande importanza.
22) Le cifre che corrispondono ai valori deí fondi, dei capitali e del denaro prestato ad altri, non devono entrare nelle somme delle entrate ed uscite, ma devono restare isolate al di sopra della a redditio annuae rationis ».

  1. Nello stesso resoconto finanziario si deve mettere solamente ciò che è della Missione, e non mai ,,ciò che appartiene alla Comgregazione.
  2. In particolare si noti che ,le elemosine delle Messe celebrate dai Missionari Salesiani sono sempre del Superiore Religioso (Ispettore o Visitatore); se, per qualunque accordo espresso o tacito, restano, qualche, volta per circostanze speciali, tutte o in parte del Capo-Missione, devono figurare nel bilancio finanziario sotto la designazione di « Subsidia et oblationes proprii Instituti Religiosi ».


QUARTO TEMA — PROPOSTE VARIE.
Ire proposte pervenute al Capitolo Generale furono tutte prese in considerazione e studiate. Parecchie contenevano cose di poca importanza altre non erano che semplici raccomandazioni, altre non facevano che ripetere cose già deliberate dai Capitoli precedenti o contenute nelle Costituzioni o nei Regolamenti; nessuna deliberazione nuova e organica fu formulata. I Superiori nondimeno di alcune ne hanno fatto oggetto di raccomandazione agli Ispettori,

  1. di altre se ne serviranno ad occasione per prendere gli opportuni provvedimenti secondo i giusti, desideri dei proponenti.

Il Consigliere capitolare comunica quanto è pubblicato nel Giornale Militare Ufficiale del 19 luglio 1929.
SERVIZIO MILITARE - (RITARDO - ESENZIONE).
Con lo scambio delle ratifiche fra la Santa Sede e il Governo Italiano avvenuto il 7 giugno 1929, è entrato in vigore l'art. 3 del Concordato ch'è del seguente tenore:
« Gli studenti di teologia e quelli degli ultimi due anni di propedeutica alla teologia avviati al sacerdozio, ed i novizi degli istituti religiosi possono, a loro richiesta, rinviare, di anno in anno, fino al ventesimosesto anno di età, l'adempimento degli obblighi del servizio militare.
« I chierici ordinati in sacris ed i religiosi che hanno emesso i voti, sono esenti dal servizio militare, salvo il caso di mobilitazione generale. In tal caso i sacerdoti passano nelle forze armate dello Stato, ma è loro conservato l'abito ecclesiastico, affinchè esercitino
fra le truppe il sacro ministero sotto la giurisdizione dell'Ordinario militare ai scusi dell'art. 14. Gli altri chierici o religiosi sona di preferenza destinati ai servizi sanitari.
« Tuttavia, anche se siasi disposta la mobilitazione generale,, sono dispensati dal presentarsi alla chiamata i sacerdoti con cura di anime. Si considerano tali gli Ordinari, i . parroci, i vice-parroci o coadiutori, i vicari ed i sacerdoti stabilmente preposti a rettorie di chiese aperte al culto ».
Per l'attuazione del citato articolo, sono state pubblicate nel Giornale Militare Ufficiale del 19 Luglio 1929, delle disposizioni che i direttori delle nostre Case d'Italia devono conoscere e che qui riassumiamo per loro norma:
L'art. 3 del Concordato concede, per iL tempo di pace:
I. - il Ritardo del servizio:

  1. agli STUDENTI DI TEOLOGIA e a quelli degli ultimi due anni di propedentica alla teologia, avviati al sacerdozio;
  2. ai Novizi degli ISTITUTI RELIGIOSI.

II. = l'Esenzione del servizio:

  1. ai CHIERICI in Sacris;
  2. ai RELIGIOSI che hanno emessi i voti.

Ai nostri interessano particolarmente le disposizioni riguardanti
i Novizi ed i Religiosi.
Novizi — RITARDO DEL SERVIZIO.
Per ottenere il ritardo del servizio militare occorre:

  1. Fare una domanda del ritardo del servizio, su carta da bollo di lire tre, indirizzata al Ministero della Guerra, da presentarsi al Distretto militare di leva. Questa domanda deve farsi nel tempa della chiamata alle armi;
  2. Unirvi un'attestazione su carta da bollo di lire due. rilasciata dal Rettore dell'Istituto religioso, comprovante il titolo al ritardo. Detta attestazione dev'essere vidimata per autenticazione e conferma dalla Curia Vescovile, sotto la cui giurisdizione trovasi la casa.
  3. Il novizio, ammesso al ritardo del servizio, riceve dal Comando del Distretto militare un foglio di congedo illimitato (mod. 34).
  4. In occasione di ogni singola chiamata alle armi il novizia ammesso una prima volta al ritardo e continuando nella posizione di novizio deve far pervenire al Comando del -distretto militare di leva, l'attestazione di cui sopra.

 Emessi i voti si acquista titolo all'esenzione del servizio.
1
REIIGIOSI — ESENZIONE DAL SERVIZIO MILITARE.
Avvenuta la professione religiosa, il religioso che sia stato riconosciuto idoneo ed arruolato dagli organi di leva, dovrà, per essere ammesso al beneficio dell'esenzione della prestazione del servizio militare:

  1. Presentare al Comando del distretto militare una domanda di esenzione, su carta da bollo da, lire tre, diretta al Ministero della Guerra.
  2. Unirvi un'attestazione della Curia vescovile con la quale il Vescovo (o persona da lui delegale) dichiari che il giovane abbia emesso i voti.
  3. Gli esentati saranno provveduti, dai Comandi dei distretti. militari; di un foglio di congedo illimitato.

Disposizioni varie:

  1. Qualora un religioso, esentato dal servizio perchè vincolato dai voti, veilise ad uscire dall'Ordine o dalla Congregazione cui apparteneva, ié,'sarà dato subito comunicazione al competente distretto militare, dal rettore dell'Ordine o della Congregazione, per il tramite della Curia arcivescovile.

Se il religioso non avrà compiuto il 321 anno di età, dovrà presentarsi al distretto militare, a pena di essere dichiarato disertore.

  1. In caso di mobilitazione generale, coloro che ottennero,.pel tempo di pace, l'esenzione dal servizio militare, se ordinati sacerdoti, saranno destinati ad esercitare, tra le truppe, il loro sacro ministero, sotto la giurisdizione dell'Ordinario militare, con norme da stabilirsi.

La qualità di sacerdote dovrà risultare da attestazione della competente Curia Vescovile.
Gli altri chierici o religiosi, che pure ottennero l'esenzione,. saranno di preferenza destinati ai servizi sanitari. A tal fine, colora che aspirino alla destinazione di detti servizi, dovranno fin dal tempo di pace, dimostrare di possederne l'attitudine, mediante attestazione da rilasciarsi da un ufficiale Dedico, di grado non inferiore a capitano, appartenente, sia al S. P. E., sia al congedo, da destinarsi di intesa tra il Comando del presidio e la Curia vescovile.

  1. Rimangono a termine del Concordato predetto, dispensati dal presentarsi alla chiamata in caso di mobilitazione generale, i sacerdoti con cura d'anime.

Sarà pertanto compito della Cura vescovile, comunicare al Distretto competente, per le. necessarie annotazioni, i nomi dei sacerdoti con cura d'anime e quelli che vengono a cessarne.

  1. Per la prima applicazione delle disposizioni dell'art. 3 del Concordato, i militari arruolati, siano essi alle armi o lasciati in congedo provvisorio per qualsiasi titolo, che si trovino nelle condizioni sopra indicate, per ottenere il ritardo o l'esenzione dal compiere il servizio, potranno far domanda per ottenere la relativa concessione, presentandola, rispettivamente, ai Comandi dei distretti o di corpo, accompagnandola col relativo documento rilasciato nei modi prescritti.

24 Gennaio 1930
IL RETTOR MAGGIORE: 1. Due avvenimenti inseparabili. - 2. Un gran mezzo di santiticziolte. - 3. Militi di Cristo, - 4. I Rappresentanti delle Missioni dal Papa. - 5. Tre raccomandazioni papali. - 6. Così voleva il nostro Fondatore. - 7. Il Cinquantenario della Fondazione della Casa di Roma. - 8. Per la Causa di Savio Domenico e l'ultima
Enciclica del Papa.                               pag. 829
ATTI DEL CAPITOLO S UPERIORE
II Rettor Maggiore.
J.M.J.
Carissimi Confratelli e Figli in N. S. Gesù Cristo,

I. Abbiamo incominciato l'anno nuovo con l'animo ancor tutto. ripieno delle innumerevoli, straordinarie benedizioni e consolazioni apportateci dalla Beatificazione del nostro Fondatore e dal Giubileo sacerdotale d'oro del S. Padre Pio XI. Non è il caso di richiamarvele alla memoria, perchè tutti le abbiamo scolpite nel cuore non solo come semplice ricordo di benedizioni e consolazioni passate, ma come operanti tuttora in noi e intorno a noi una maggiore perfezione religiosa e una più rigogliosa attività di bene e di buone opere.

I due memorandi avvenimenti, dai quali continuano a sgorgare queste benedizioni e consolazioni, sono inseparabili l'un dall'altro: la Beatificazione del nostro Padre risplende qual gemma nella corona. splendidissima del Giubileo d'oro gel, Pupa, e Questi, a sua volta, ha. tenuto a farla brillare di tutta la sua bella luce. Egli l'ha fatto regalmente, sia con l'Augusta Parola, espressione genuina della sua profonda convinzione, tanto nelle udienze più solenni, dinanzi a decine di migliaia di pellegrini, come in quelle più intime, non però meno solenni delle prime, per l'eccellenza dei personaggi che le componevano, nelle quali s'è degnato distribuire in ricordo oltre 30 mila medaglie del Beato, eccitando tutti all'imitazione di Lui; e sia nelle ultime Lettere Encicliche, sgorgate dal suo gran Cuore — tutto sollecitudine e tenerezza per la Chiesa e per le anime — quale magnifico inno di ringraziamento a Dio per il fausto compimento del Suo Giubileo così fecondo di beni preziosi e duraturi.

Negli Atti del Capitolo Superiore (N. 48, pag. 748 e seg., e N. 49, pag. 787 e seg.) sono già state riportate le commoventi Allocuzioni del S. Padre, del 19 marzo e del 20 aprile dell'anno scorso, in onore del nostro Beato; e nelle mie Circolari dei detti Numeri ho cercato di farvene rilevare i punti più importanti. Ora i nostri Atti devono pure ;;riferire e conservarci quanto Sua Santità ha scritto nelle ultime Encicliche del suo anno giubilare intorno al nostro Beato.

II. Nell'Enciclica intorno alla diffusione della pratica degli Esercizi Spirituali, in data del 20 dicembre — proprio il 500 anniversario della Sua prima S. Messa -- a dimostrazione dei vantaggi e dei frutti che produce tale pratica, resa dalla Chiesa ormai obbligatoria per il clero, tra le altre belle cose dice: « Così hanno sempre sentito i sacerdoti più zelanti, così hanno praticato ed insegnato tutti quelli che si distinsero nella direzione delle anime e nella formazione del Clero, come per citare un esempio moderno, il B. Giuseppe Cafasso, da noi recentemente elevato agli onori degli altari, il quale appunto degli Esercizi Spirituali si valeva per santificare se stesso e i suoi confratelli di sacerdozio; e fu al termine di uno di tali ritiri che con sicuro intuito soprannaturale potè indicare ad un giovane Sacerdote, suo penitente, quella via che la Provvidenza gli assegnava e che l'o condusse poi a diventare il B. Giovanni Bosco: al qual Nome nessun elogio è pari ».
Un semplice accenno, quasi indiretto, ché conclude con un elogio incondizionato al nostro Beato: Cui nomini nullum par elogium! Questo elogio, in una Enciclica a tutto l'orbe cattolico, che tratta dell'importanza di una pratica introdotta da N. Signore Gesù Cristo a vantaggio dei suoi seguaci: « Venite in disparte in luogo solitario e riposatevi alcun poco » (MARC., VI, 31), e quindi pratica eminentemente evangelica, non è stato fatto a caso dal S. Padre. Egli, che aveva avuto la fortuna di penetrare alcun poco nell'anima del grande apostolo della gioventù e misurarne la santità nascosta, pur in mezzo al turbinio di incessante lavoro; Egli che dovette raccogliere dal suo labbro parole rivelanti forse molte cose future, che allora s'impressero nel più profondo della Sua forte intelligenza, quasi seppellite, fino a che non sarebbero richiamate di nuovo alla memoria nella luminosa realtà presente; Egli, dico, il Papa, che, nella sua qualità di Vicario di Gesù C., volle prendere minuta conoscenza della vita, degli scritti e delle opere di D. Bosco, nominandolo nell'Enciclica sopra gli Esercizi Spirituali, mi pare-abbia voluto ricordare a noi e a tutti gli educatori cristiani che, nel Metodo, inspirato, studiato, esperimentato, insegnato e trasmesso. in eredità dal Beato ai suoi figli, gli Esercizi Spirituali costituiscono uno dei mezzi più efficaci per rendere sempre più buoni i giovani e formarli un po' per volta veri cristiani per tutta la vita.
Fin dal principio della sua missione, il nostro Beato ha usate tutte le industrie per fare usufruire ad alcuni dei suoi oratoriani di questo gran mezzo di santificazione, ottenendo dal B. Ca f asso di potere condurne parecchi al Santuario di S. Ignazio sopra Lanzo, in sostituzione dei laici che avevano il loro posto, ma che per più motivi non l'usavano. Ma ciò era troppo poco per il suo zelo. Quindi, fin dal 1847, quando gli. interni dell'incipiente Ospizio eran appena quattro o cinque, trovato. il predicatore nella persona del Teol. Federico Albert, morto poi Vicario di Lanzo, in odore di santità, radunò una ventina di giovani esterni e fece i primi Esercizi chiusi: li tenne, cioè, con sè tutti quei dì e ne riportò copiosi frutti.

Dispose perciò, che tale pratica si ripetesse ogni anno per gli interni e vi ammetteva anche un certo numero di esterni, scelti tra quelli che ne avessero più bisogno. Egli avrebbe voluto che vi partecipassero tutti i giovani dei suoi Oratori; ma siccome ciò non era possibile per mancanza di locali e di mezzi, tentò, nel 1849, gli Esercizi Spirituali pubblici  nella chiesa della Misericordia. Per l'attività e lo zelo instancabile di lui, riuscirono una vera missione; ma il Beato si persuase che solo dagli Esercizi Spirituali chiusi si dovevano attendere i veri frutti della santità duratura e sempre più progrediente.

Così gli Esercizi Spirituali annuali perii giovani entrarono a fare parte del suo Sistema Educativo, e questa, benedizione si propagò dappertutto rizzano le lor tende i suoi figli, per cui ora, ogni anno, si predicano, presso di noi, alla gioventù più di un migliaio di Esercizi Spirituali chiusi.

Però il Beato questi suoi Esercizi li plasmò a suo modo, adattandoli all'indole e alle forze dei giovani, in modo che, escluse le rigide imposizioni, ciascuno si conformasse alla disciplina del raccoglimento e alla continuità delle pratiche essenziali, volontariamente e con animo gioioso. Semplificò tutto il 'possibile, e, messi da parte i molti metodi del meglio, s'accontentò, di fare il bene con la naturalezza di Gesù in mezzo ai suoi discepoli. Nulla di astruso nelle prediche, ma le verità eterne illuminate dalla semplicità del "Vangelo e della divina grazia.

Credo, o miei cari, di interpretare il pensiero e i desideri del S. Padre, esortandovi caldamente a conservare con sincero affetto la pratica degli Esercizi Spirituali per tutti i giovani, studenti e artigiani delle nostre Case. Sia poi doveroso impegno degli Ispettori e Direttori di fare sì che anche buon numero di giovani degli Oratori festivi, possano giovarsi ogni anno di questo tesoro spirituale degli Esercizi chiusi «nei quali la segregazione dalle creature è  più facilmente ottenuta, e l'anima nel silenzio e nella solitudine attende unicamente a sè e a Dio ». Si sorvegli però che il « sacro ritiro sia praticato veramente come si conviene e che non diventi una semplice 'consuetudine che si pratica senza interiore slancio ed energia e conseguentemente con poco o nessun frutto dell'anima » .(Encicl. Mens nostra).
III. 1' all'Enciclica Quinquagesimo anno del 23 dicembre scorso,. nella quale il S. Padre s'è compiaciuto « quasi facendo il bilancio di questi 12 mesi, più diffusamente commemorare i grandi benefizi da Dio derivati al popolo cristiano », fece un posto cospicuo alla Beatificazione di D. Bosco. Leggiamo con venerazione le Sue parole, ripiene dell'affetto e della devozione più soavi verso il nostro Beato.

« ... In qual modo (così il Papa) potremmo poi descrivere la consolazione di cui fummo inondati, quando, dopo aver ascritto Giovanni Bosco tra i Beati, lo venerammo pubblicamente nella medesima Basilica Vaticana? Giacchè richiamando la cara memoria di quegli anni,. nei quali, all'alba del sacerdozio, godemmo della sapiente conversazione di tanto uomo, ammiravamo la misericordia di Dio veramente «mirabile nei Santi suoi » per aver opposto il Beato così a lungo e così provvidenzialmente ad uomini settari e nefasti, tutti intesi a scalzare la religione cristiana e a deprimere con accuse e contumelie la Suprema Autorità del Romano Pontefice.

» Egli infatti, che da giovinetto éra solito convocare altri della sua età per pregare insieme e per ammaestrarli negli elementi della dottrina cristiana, dopo che divenne sacerdote prese a rivolgere tutti i suoi pensieri e sollecitudini alla salvezza della gioventù che era più esposta agli inganni dei malvagi; ad attrarre a sè i giovani, tenendoli lontani. dai pericoli, istruendoli nei precetti della legge evangelica e formandoli alla integrità dei costumi; ad associarsi compagni per ampliare tanta opera e ciò con sì lieto successo, da procacciare alla Chiesa una nuova e foltissima schiera di militi di Cristo; a, fondare collegi ed officine per istruire i giovani negli studi e nelle arti fra noi e all'estero; e finalmente a mandare gran numero di missionari a propagare tra gli infedeli il Regno di Cristo.

» Ripensando Noi a queste cose durante quella visita alla Basilica di S. Pietro, non solo riflettevamo con quali opportuni aiuti il Signore, specialmente nelle avversità, sia solito di soccorrere e corroborare la Chiesa sua, ma anche Ci veniva in mente come, per una speciale provvidenza dell'Autore di tutti i beni, fosse avvenuto che il primo a cui decretammo gli onori celesti, dopo che avevamo concluso il patto della desideratissima pace con il Regno d'Italia, fosse Giovanni Bosco, il quale, deplorando fortemente i violati diritti della Sede Apostolica, più volte si era adoperato, perchè reintegrati tali diritti, si componesse amichevolmente il dolorosissimo dissidio pel quale l'Italia era stata strappata al paterno amplesso del Pontefice ».

Ringraziamo con tutto il cuore, o miei cari, il Santo Padre per la nuova affettuosissima testimonianza data al mondo intero, nel documento che più direttamente riguarda la Sua Sacra Persona, dei sentimenti di altissima venerazione che nutre per il nostro Beato; e promettiamogli che ci sforzeremo sempre meglio affinchè «LA NUOVA SCHIERA DI MILITI DI CRISTO, procacciata alla Chiesa » dal Beato, SIA REALMENTE « FOLTISSIMA » e PRIMA FRA TUTTE NELL'UBBIDIENZA E NELL'AMORE AL VICARIO DI GESÙ CRISTO.
IV. Come vedete, carissimi Confratelli e Figli, tutte queste cose racchiudono tesori di benedizioni e di consolazioni per il presente e per l'avvenire; e n'avrei avuto rimorso se non ve le avessi presentate come sono, anche perchè non avrei saputo quale omettere che fosse meno 'importante per la nostra Società. Vi dico questo perchè il mio primo pensiero era di essere breve per fermare principalmente la vostra attenzione sopra tre raccomandazioni del S. Padre a tutti i Missionari cattolici e per riflesso anche ai loro Confratelli e Cooperatori. Per noi queste raccomandazioni rivestono una particolarissima importanza perchè ci ripetono con la voce stessa del Vicario di Cristo, gli ammaestramenti lasciatici dal nostro Beato Fondatore. Richiamo perciò tutta' la vostra attenzione sopra quanto sto per esporre: anzi desidero che i cari Ispettori ne curino la traduzione (se possibile di tutta la Circolare) nella loro lingua, affinchè ogni confratello ne abbia copia a sua disposizione.

Il 6 dicembre scorso, i Procuratori Generali e i Delegati degli Ordini e delle Congregazioni religiose, che hanno opere missionarie, sono stati ricevuti in -speciale udienza dal S. Padre. L'Eminentissimo Sig. Card. Guglielmo Van Rossum, Prefetto della S. Congregazione di Propaganda Fide, li presentò al Papa, acéompagnandolo nel girò che fece per passare in rassegna i presenti. 7L/- un'ottantina di religiosi  e informandolo della provenienza ci,n  . singoli e delle Missioni che rappresentavano. Poi lesse un breve indirizzo al Papa assiso in trono, per esprimere a nome di tutti e dei loro Superiori e Missionari, i più fervidi voti ed auguri per il fausto compimento del Suo Anno Giubilare.,

V. Il S. Padre rispose con un discorso, nel quale — dopo aver ringraziato e della visita e degli auguri e delle preghiere, che s'inalzano per Lui; dopo aver dichiarato che quell'udienza poteva ben dirsi la più bella di tutto l'crndb giubilare, la più cara al Suo Cuore perchè era costituita dalla ,rappresentanza dell'apostolato della Chiesa cattolica nella sua forma pili "larga ed effettiva, cioè, da coloro che rappresentano i Missionari, vale à dire, i massimi continuatori della dilatazione del Regno di Dio, i precipui attuatori dell'euntes dovete omnes gentes baptizantes eos in Nomine Patris et Filii et Spiritus Sancti (MATT., 28, 19) — dichiarò che coglieva volentieri quell'occasione per fare delle dichiarazioni intorno ad alcuni punti di interesse veramente vitale per il benessere delle Missioni.

Volle però subito aggiungere, Sua Santità, che quelle raccomandazioni erano fatte, non tanto perchè vene fosse una vera e propria necessità, ma piuttosto perchè, esse`* corrispondono a pensieri che sono abituali del Papa ogni réblta che pensa alle Missioni e legge i rapporti attorno al loro sviluppo.

Pertanto il S. Padre, mentre credeva di non dover lasciar passare una circostanza così solenne come quella dell'udienza che si svolgeva, senza esprimere pienamente i suoi sentimenti, pregava in pari tempo i presenti di compiere in questo caso l'ufficio di ALTOPARLANTI, facendo. con voce potente pervenire ai Missionari sparsi nelle più remote regioni, con l'Apostolica Benedizione, la Sua Parola paterna, confortatrice e ammonitrice per una maggiore attività missionaria.

Quelle raccomandazioni erano tre ed Egli, il Papa, tutte le trovava egualmente di sommo interesse.

La prima raccomandazione era che le Missioni non devono fare in nessun modo del nazionalismo, ma soltanto del cattolicismo, dell'apostolato; esse devono servire le anime e soltanto le anime. Il nazionalismo è sempre stato per le missioni un flagello, anzi non è esagerato chiamarlo una maledizione. In tutti i missionari, anzi in tutti quelli che in qualunque modo si occupano dell'apostolato, dall'ultimo prete fino al Papa, il nazionalismo, anche se talvolta è sembrato produrre qualche vantaggio, a lungo andare ha finito per non recare altro che danni. Infatti, continuava Sua Santità, i missionari che lavorassero per -un'altra bandiera che non sia quella di Gesù C. si renderebbero incapaci- di fare proseliti al Cristianesimo, perchè, mentre lo spirito del vero missionario è spirito di parità che attrae, lo spirito del nazionalismo, essendo egoistico, contiene in sè una forza di ripulsione che allontana. Si stia perciò attenti, insisteva il S. Padre, a non lasciarsi, vincere nè dall'amor patrio smoderato, nè dalla protezione delle Autorità, nè dal miraggio di facilitazioni terrene e soccorsi pecuniari, ma si miri unicamente e solo alle anime per guidarle al cielo.

La seconda raccomandazione è quella che le missioni e i missionari si devono occupare sopratutto e unicamente delle cose di Dio, perchè, come, dice l'Apostolo, nessuno di coloro che militano per Iddio deve immischiarsi negli affari secolari: nemo militans Deo, implicat se negotiis saecularibus (II Tim., 24),I missionari abbiano sempre dinanzi la mente che essi si son recati nette' lontane regioni per guadagnare anime a Cristo e non per dedicarsi alla cura degli affari e delle cose terrene. Anime, anime e non denari vuole Nostro Signore!

Non molte rose aggiungeva il S. Padre su questo punto perchè confidava che i suoi ascoltatori ben comprendevano il suo pensiero, citando il proverbio italiano: a buon intenditor poche parole. E riconfermava quanto aveva detto, ricordando l'altra frase evangelica che nessuno può servire a due padroni (MATT., VII, 24), perchè se si ama l'uno, necessariamente si deve odiare l'altro.

La terza raccomandazione infine era che le missioni, le opere missionarie, i missionari debbono aver presente quello che fu l'ultimo pensiero, l'ultima raccomandazione, l'ultima preghiera di Gesù al Padre, prima di chiudere la sua vita su la terra, cioè l'unità. Gesù anzi più che una raccomandazione, ne fece addirittura una preghiera al Padre Suo, quasi a significare che questo spirito di unità è veramente un dono di Dio: Ut omnes unum sint, sicut Tu, Pater in Me et Ego in Te, ut et ipsi in Nobis unum sint! (Glov., XVII, 21). Si dice anche comunemente che l'unione fa la forza e che la forza derivante dall'unione conduce alla vittoria.

Questa unione, ha soggiunto il Papa, deve esistere non solo tra i religiosi di una medesima casa e Congregazione, ma anche tra Congregazione e Congregazione, affinchè non avvenga che i religiosi di una Congregazione impediscano i lavori dei religiosi di un'altra Congregazione. Emulazione a chi più o a chi meglio produce nella vigna del Signore, va bene; gelosia' o invidia, no.

Il S. Padre pertanto raccomandava con tutta la Sua più paterna premura che tutte le Missioni, e tutti i missionari abbiano sempre di mira l'unione dei pensieri, l'unione dei cuori, l'unione delle volontà, affinchè questa unione di sentimenti possa produrre quella unione di opere nella quale è il segreto di ogni successo.

Con queste raccomandazioni il S. Padre impartiva l'Apostolica Benedizione, estendendola a tutte le Congregazioni con tutte le loro opere, in modo particolare alle missioni incaricando di nuovo i presenti ad essere altrettanti ALTOPARLANTI, per mezzo dei loro diretti Superiori, presso i Missionari della propria Congregazione, dei Suoi desideri e delle Sue raccomandazioni.

VI. L'insistenza del Papa perchè tutti i presenti all'udienza fossero altrettanti ALTOPARLANTI nel ripetere i suoi pensieri e desideri a Missionari e membri degli Ordini -e delle Congregazioni religiose da loro rappresentate, fa  chiaramente capire ch'Egli intendeva dare somma importanza a queste' tre raccomandazioni.

Conviene perciò che ogni singolo Direttore legga in Conferenza il breve riassunto dato sopra del discorso del Papa e poi ne faccia tema di istruzioni. La forma indiretta e stenografica di esso ce lo presenta incompleto e quasi senza vita, ma v'è materia per più conferenze, onde radicare - nei nostri cuori le verità basilari del nostro spirito salesiano e del nostro metodo educativo.

Le tre cose raccomandate dal Papa stavano infatti tanto a cuore al, nostro Beato che le ha volute immedesimate con lo spirito della Società da lui fondata. Nella sua vita il nazionalismo non è neppure nominato; anzi `lei esclude categoricamente, anche di fatto, per la semplice ragione ch'egli s'era proposto ed ha mantenuto eroicamente di tenersi affatto estraneo alla politica, che è la madri naturale del nazionalismo. La politica divide i cittadini d'una medesima nazione in vari partiti che si guerreggiano tra loro per il trionfo delle loro idee ed opinioni; e il nazionalismo separa, pure per questioni politiche, nazione da nazione con barriere insormontabili. Perciò è evidente che politica e nazionalismo non possono essere altro che flagello e maledizione, come si esprime il Papa, di ogni ,, fecondità e attività degli apostolati che si consacrano alla diffusione del Regno di Dio con l'educazione della gioventù e con dt'e missioni.

Per questo il nostro Beato, nella seconda redazione delle Regole della sua Società, presentate il 1864 'alla Sacra Congregazione dei Vescovi e Regolari, aveva ingerito l'articolo seguente: e 7. E principio adottato e che sarà inalterabilmente praticato, che tutti i membri di questa Società -si terranno rigorosamente estranei ad ogni cosa cheriguarda la politica. Onde nè colla voce, nè con gli scritti, o con libri, o con la stampa non prenderanno mai parte a questioni che ANCHE SOLO INDIRETTAMENTE possano compromettere in fatto di politica » (Memorie Biogr., VII, 874). -
La Sacra Congregazione dei V. e R. consigliò di levarlo, non già perchè la Chiesa si opponesse a siffatta prescrizione, ma perchè essendo enunciata in modo troppo generale, si sarebbero dovute aggiungere spiegazioni che la prudenza in quel momento sconsigliava (Mem. Biogr., III, 487). Tuttavia, benchè soppresso, il nostro Padre l'ha costantemente praticato e fatto osservare dai suoi come parte vitale della Società, proibendo la lettura dei giornali, il partecipare a manifestazioni di carattere politico, e sopratutto le controversie di nazionalità tra i soci.

Altrettanto hanno fatto fino- a questi ultimi tempi i suoi successori. Ora la parola del Papa ci richiama a stare sull'attenti per evitare il pericolo di essere travolti dalla marea delle attuali competizioni nazionalistiche.

Dunque niente politica, niente nazionalismo, niente affari materiali, ma solo anime nell'unione più intima dei cuori in Gesù e nella Chiesa, conservando, praticando e diffondendo lo spirito ereditato dal nostro Beato Padre.

Questo spirito è essenzialmente universale, cattolico della cattolicità della Chiesa, senza distinzioni e separatismi nazionali, cosa che non impedisce di trapiantare dappertutto e seguire le principali tradizioni paterne informate all'ambiente del suo paese d'origine. Questo spirito del Padre ha mirato e deve mirare unicamente alla salvezza delle anime e non agli affari secolari. Quaerite primum Regnum Dei et iustitiam eius, et haec omnia aiecentur vobis (MATT., VII, 33), ha proclamato solennemente Gesù C.; e il nostro Beato ci ha, insegnato a chiedere al Signore la realizzazione di questo divino precetto: « Da mihi animas, caetera tolle! »: « Cercate anime, ma non denari, nè onori, nè dignità » (Ricordi ai primi missionari, 1875). Questo spirito attinge la sua vita unicamente dall'unione effettiva dei nostri cuori nella reciproca, fraterna dilezione: ut diligatis invicem, sicut dilexi vos ut et vos dí1igatis invicem (Grov., XIII; 34). Con quanta ragione il nostro ' Beato ci può ripetere queste divine parole: amatevi vicendevolmente, come io ho amato ciascuno di voi! È questa reciproca dilezione che forma l'unione invocata da Gesù sopra i suoi apostoli nell'ultima cena e tanto raccomandata testè dal S. Padre a tutti i Missionari (Cfr. Atti del Capitolo N. 48, pag. 736 e N. 50, pag. 798 e seg.).

Richiamo in particolare la vostra attenzione sopra il N. 10 dei Ricordi del Beato ai nostri Missionari, ma che fa per tutti: « Amate, temete, rispettate gli altri Ordini religiosi, e parlatene sempre bene. È questo il mezzo di farvi stimare da tutti e promuovere il bene della Congregazione ». Altra pagina splendida in proposito si può leggere nelle lettere del Beato sopra le LETTURE, in data della festa di tutti i Santi del 1884 (Cfr. Lettere Circolari di D. Bosco e di D, Rua ed altri loro scritti ai Salesiani dell'anno 1896, a pag. 19. Il volume deve far parte dell'Archivio di ogni Casa).

Regni dunque questa reciproca dilezione tra z Confratelli, le Case, le Ispettorie, le Nazioni e le altre Comunità religiose a conservazione e ad incremento del dono divino dell'unione tra tutti gli apostoli del Regno: Ut unum sint!
VII. La cinquantenaria ricorrenza della fondazione della nostra prima Casa a Roma, che cade in quest'anno, deve animarci tutti ad un maggior incremento in noi e nei nostri dipendenti della divozione al Cuore SS. di Gesù. Quella fondazione infatti è legata, anzi è stata manifestamente voluta dal S. Cuore, dal quale, quasi a perenne ricordo, ha preso la denominazione e il titolo nobiliare.

Fin dal pontificato dell'angelico Pio IX, il nostro Beato Fondatore desiderava aprire una residenza in Roma, sia per il molto bene che si sarebbe potuto fare a tanta gioventù; e sia perchè la nostra giovane Società potesse consolidarsi e diffondersi con più sicurezza all'ombra della Cattedra di S. Pietro e sotto lo sguardo paterno del Vicario di Gesù' Cristo. Egli fece ricerche e tentativi per questo fine, ma quando credeva di essere vicino a realizzarli, difficoltà impreviste mandavano a monte le trattative più laboriose. Così disponeva il Signore per i suoi fini di particolare Provvidenza verso le novelle Congregazioni che va suscitando in seno alla sua santa Chiesa. Pio IX prima di terminare il suo lunghissimo pontificato, aveva, ,iniziato al Castro Pretorio l'erezione di una chiesa, quale monumento mondiale al Cuore di Gesù, ma aveva dovuto interrompere i lavori per mancanza di mezzi. Il suo Successore Leone XIII li aveva fatti riprendere e poi di nuovo sospendere per lo stesso motivo. La qual cosa affliggeva assai il cuore del Sommo Pontefice.

 Fu allora che il S. Cuore inspirò all'Em.mo Card. Alimonda, di suggerire al S. Padre che affidasse a D. Bosco l'erezione di quella chiesa. Voi, o miei  cari, . conoscete come si sia svolta la memoranda udienza del 5 aprile 100: la proposta fatta dal Papa al Beato e la pronta risposta di lui, che è pur ora lezione salutare per noi: « Il desiderio del Papa, disse, è per me un comando; accetto l'incarico che Vostra Santità ha la bontà di affidarmi... Non chiedo denari, ma solo la sua benedizione con tutti quei favori spirituali che crederà bene concedere a me e a quanti coopereranno con me, perchè il Cuor di Gesù abbia un tempio nella capitale del mondo cattolico... ». Il resto, cioè, quanto abbia faticato il Beato per condurre a termine l'opera, vi è noto.

Farmi però possa farvi rilevare essere stato Gesù medesimo che ha voluto innestare nell'opera salesiana la divozione al suo Cuore SS., disponendo che venisse incaricato il suo servo fedele D. Bosco di innalzargli un tempio, santuario internazionale, nel centro della cattolicità, mentre la Francia gli costruiva a Parigi quello di Montmartre. Fino allora la divozione al S. Cuore per D. Bosco e per i suoi si unificava quasi intieramente nella divozione al SS. Sacramento, per non moltiplicare le pratiche di pietà in mezzo alla gioventù, amante delle cose semplici e limpide. Ma da quel dì memorando, fino al giorno del suo felice transito alla Patria, il 31 gennaio 1888, il Beato divenne l'apostolo infaticato del Sacro Cuore, diffondendone la divozione nelle sue Case e fuori; facendo scrivere articoli popolari sul Bollettino Salesiano dagli indimenticabili D. Bonetti prima (il quale ci lasciò pure quella gemma di libretto intitolato Il giardino degli eletti che meriterebbe di essere più conosciuto) e poi D. Cerruti, sopra questo dolcissimo argomento; rendendo familiare tra i suoi giovani le pratiche dei Nove Uffizi e della Guardia . d'onore al Sacro Cuore; mentre al tempo stesso raccoglieva i- mezzi materiali per- l'erezione della chiesa di Roma.

Si può dire che l'inizio della nostra fondazione romana abbia pure suscitato un forte eccitamento generale per una più intensa diffusione della divozione al Sacro Cuore di Gesù. Dal centro della cattolicità e nel nome del Papa, il Beato la rese popolare con tutti i mezzi che l'ardore della sua carità gli suggeriva; ed i suoi figli facevano altrettanto nei luoghi dove lavoravano. Così la piccola scintilla divenne un grande incendio che divampò anzitutto nei grandiosi festeggiamenti per la consacrazione del Tempio Romano, durante i quali il Beato si commoveva fino alle lagrime nella visione delle meraviglie compiute dal Signore per suo mezzo, l'ultima delle quali era, in ordine di tempo, la divozione al Cuore di Gesù, ma che era già divenuta primaria nelle finalità della sua istituzione: e poi, 13 anni appresso, all'inizio del nuovo secolo, nella solennissima generale consacrazione al Cuore SS. di Gesù di tutta la Congregazione nelle sue Ispettorie e Case e Parrocchie e Missioni e soci e giovani, interni ed esterni, e Cooperatori e Cooperatrici, divenuti tutti altrettante - anime, raggianti tutt'all'intorno, nel loro ambiente, le crescenti meraviglie della divozione al divin Cuore.

Ecco il contributo recato dal Beato e dalla sua Società alla diffusione di questo culto che oggidì è non solo parte integrale della vita di pietà di tutte le nostre Case e di ciascun membro di esse, ma più ancora è forza ,motrice della sua incessante espansione. Inoltre questa divozione, — che i Sommi Pontefici Pio IX, Leone XIII, Pio X, Benedetto XV e Pio XI, felicemente regnante, hanno ormai gradatamente fatto salire al culmine delle solennità liturgiche e dei privilegi, e che è salesiana fin dalle sue primissime origini — dev'essere sempre più profonda in noi che abbiamo la missione di educare, perchè è da essa che apprenderemo- il segreto di abbassarci fino ai bambini e di trattarli sempre con umiltà, carità, dolcezza e soavità.

Il cinquantenario della nostra residenza in Roma ci animi a fare fiammeggiare di più viva luce e calore nelle nostre Case, tra i- giovani, piccoli e grandi, questa potente divozione e ne raccoglieremo frutti meravigliosi di vocazioni apostoliche e di santificazione generale.

VIII. Un altro stimolo alla nostra attività di bene per la nostra santificazione, e per quella della gioventù a noi affidata, ci reca la sospirata notizia che il 10 del prossimo luglio sarà tenuta la Congregazione antipreparatoria sopra le virtù eroiche del Servo di Dio Savio Domenico. La S. Chiesa che già ci ha dato il Beato D. Bosco per nostro modello, speriamo che ci darà presto pure il modello dei nostri giovani, che ha vissuto proprio la loro vita, nell'ambiente medesimo dei tempi presenti e che si è santificato in soli 15- anni con l'esercizio delle più belle virtù giovanili nell'innocenza della vita, negli ardori estatici a Gesù Sacramentato, nella preghiera fervorosa per il ritorno dei fratelli separati all'unità della Chiesa e nell'apostolato di bene compiuto per impedire l'offesa di Dio, per assistere gli appestati e riconciliarli al Signore.

Preghiamo tutti per il felice esito della sua Causa e tra i giovani si diffonda più intensamente la divozione all'angelico discepolo del nostro Beato Padre, invogliandoli ad impetrare dalla sua particolare e determinata intercessione, copiose grazie e miracoli ad accelerare la sua glorificazione all'onore degli altari.

Ed ora non voglio terminare questa mia, senza farvi rilevare, o miei cari, un nuovissimo tratto dell'amabile Provvidenza verso l'opera nostra. In uno dei primi giorni del mese di dicembre del 1887, il nostro Beato Padre, ormai interamente logoro dalle fatiche apostoliche, volle ancora scrivere alcuni ricordi per i suoi cari Cooperatori. Dopo vari consigli, spiranti la tenerezza paterna di un Santo, venuto a fare l'enumerazione delle opere che intendeva /raccomandare per l'ultima volta alla loro carità, pose in primo dingo:" — LA CRISTIANA EDUCAZIONE DELLA GIOVENTÙ - quasi a far intendere che non bastava la cooperazione materiale alle sue opere, Una che si doveva mirare a cooperare personalmente all'educazione della gioventù nella famiglia, nelle scuole e nella società. In cinque parole egli riassumeva tutto il programma del suo apostolato e della sua opera.

Ora, alla distanza di 43 anni, queste cinque parole hanno formato il titolo di una magnifica Enciclica del S. Padre Pio XI, in data 31 dicembre 1929, quale ricordo finale del Suo Giubileo Sacerdotale, e dedicata con affetto tutto speciale alla cara gioventù e a quanti hanno missione e dovdre. della sua educazione. Essa è quindi in modo particolarissimo per ,noi e per i nostri Cooperatori. E non mi pare senza significato la fortuita coincidenza di un tema così importante, raccomandato da un umile prete presso a morire, e svolto tanti anni dopo dal Vicario stesso di Gesù C. per tutta la cattolicità. Il mio desiderio si è che tutti abbiate copia di questa Enciclica, destinata ad essere la Magna Charta degli educatori, e, quello che è più, che la studiate e la convertiate in succo e sangue del vostro apostolato.

Vi ringrazio infine degli auguri che mi avete fatto pervenire in sì gran numero e vi assicuro che've`li ho ricambiati paternamente nelle povere preghiere che,falcio ogni dì per ciascuno dei miei diletti Confratelli e Figli. Quello però che più m'ha confortato si è la promessa, contenuta in quasi tutti gli auguri, di voler praticare fedelmente la Strenna, non solo, ma le quattro invocazioni per ottenere, a mezzo «del Beato, -divozione sincera a Gesù Sacramentato e a Maria SS. Ausiliatrice; amore vero alla gioventù e al lavoro; ed unione sempre più intima con Dio. Questo apporterà davvero le benedizioni del Signore e di Maria Ausiliatrice sopra la Congregazione e sopra ciascuno di noi.

Pregate per il

Vostro afi.mo in C. J.
Sac. FILIPPO RINALDI.