Conselho Recursos

Lettura missionaria del documento finale del CG27 (it)

Lettura missionaria del documento finale del CG27

 

doc   pdf   zip  

Rilettura

Missionaria del CG 27 sussidio per la riflessione nelle comunità e nelle ispettorie

Settore per le Missioni 2015

PRESENTAZIONE

Ai DIAM delle Ispettorie Loro Sedi 31 Gennaio 2015

Caro Delegato Ispettoriale per l’Animazione Missionaria, cari confratelli, è passato quasi un anno dalla conclusione del CG27, tempo forte dello Spirito, tempo forte di Congregazione.

Papa Francesco non si stanca di dirci che dobbiamo “svegliare il mondo”. Il pericolo è che noi ci addormentiamo! “Se il sale perde il sapore, con che cosa lo si renderà salato?” (Mt 5,13). E un modo facile di addormentarci, è quello di dimenticare: dimenticare quello che lo Spirito ci ha detto! dimenticare i nostri Capitoli Generali!

Queste brevi pagine vogliono aiutare i DIAM e ogni confratello a mantenere viva la fiamma missionaria del CG27, a ubbidire, da buoni apostoli salesiani, alle sue esortazioni e a metterle in pratica con coraggio e con creatività.

Potremo così simultaneamente fare una rilettura salesiana della Evangelii Gaudium di Papa Francesco. Dunque, si tratta di non dimenticare il CG27, e allo stesso tempo, di vivere intensamente da Salesiani di Don Bosco questo tempo di rinnovamento missionario di tutta la Chiesa.

Le domande offerte alla fine di questo opuscolo, e tante altre che certamente potranno sorgere nell’anima dei confratelli e delle comunità, possono – se prese sul serio! – provocare vere rivoluzioni nelle nostre case e opere.

I santi missionari della Famiglia Salesiana ci ispirino e ci sostengano!

D. Guillermo Basañes SDB Consigliere per le Missioni

INTRODUZIONE Il Settore per le Missioni ha cercato di cogliere la portata missionaria del documento finale del CG27 per aiutare i confratelli a vivere la loro vita consacrata “salesiana” in stato permanente di missione[1]. Ciò possa innescare in ogni salesiano quella scintilla che porta alla creatività nell’annunziare il vangelo [4,54][2] e alla continua conversione spirituale, fraterna e pastorale [26,63]. Tale rilettura missionaria è stata fatta anche alla luce delle nostre Costituzioni n. 30, che rileva il lavoro missionario come un lineamento essenziale della nostra Congregazione la quale mobilita tutti gli impegni educativi e pastorali propri del nostro carisma. Così pure il n. 138 che specifica il compito del Consigliere per le Missioni di promuovere lo spirito e l’impegno missionario, coordinare e orientare le iniziative missionarie e assicurare un’adeguata preparazione dei missionari salesiani.

Durante i dibattiti capitolari, come anche nel documento finale, il CG27 ha fatto riferimento costante all’Esortazione Apostolica Post-Sinodale Evangelii Gaudium di Papa Francesco. Quindi, questa rilettura missionaria del CG27 dev’essere fatta simultaneamente con la lettura e l’appropriazione salesiana dell’Esortazione Apostolica. Tale sussidio da parte del Settore per le Missioni vuol essere un aiuto per la recezione e approfondimento missionario del CG27.

LA VITA SALESIANA “IN STATO PERMANENTE DI MISSIONE” Per una Congregazione in uscita in una Chiesa senza frontiere con le porte spalancate[3], questa rilettura missionaria è sintetizzata dalla necessità che ogni salesiano riscopra la dimensione missionaria della sua vocazione per andare incontro agli altri, soprattutto nelle nuove frontiere e periferie esistenziali [22]. Questo richiede il superamento dell’autoreferenzialità [7] e della mancanza di audacia missionaria [2] espresse anche nel senso di stanchezza, tensione, frammentazione, inefficienza e burnout [27]. Per realizzare ciò è necessario passare da una vita segnata dall’imborghesimento a una comunità missionaria e profetica [74.1] e vivere la nostra vita salesiana in stato permanente di missione come discepoli missionari.[4] Qui viene in mente l’affermazione di San Giovanni Paolo II: “Ogni rinnovamento nella Chiesa deve avere la missione come suo scopo per non cadere preda di una specie d’introversione ecclesiale”[5].

È cruciale soprattutto che i Salesiani siano aiutati a comprendere che ormai la missione non può essere vista solo in termini geografici unidirezionali. Essa è primariamente l’annuncio di Gesù Cristo in tre contesti compenetrati, nei quali è necessaria o la missione ad gentes, o l’attività pastorale ordinaria o la nuova evangelizzazione[6]. Alla luce del Progetto Europa è fondamentale aiutare tutti i Salesiani ad apprezzare il movimento multidirezionale dei missionari da tutti i contenenti, la multidirezionalità dei missionari, come segno concreto della fecondità della missio ad gentes[7]. In questo nuovo contesto il Settore per le Missioni continua a svolgere il suo ruolo: assicurare, coordinare e guidare le scelte missionarie [43] nelle nuove frontiere e nelle periferie esistenziali e promuovere i progetti missionari della Congregazione [75.5]. Rendendo questo servizio dovrebbe diventare in Congregazione come una “sentinella delle nuove frontiere”.

Per superare una pastorale di mantenimento[8] e la mentalità della tomba, che porta alla stanchezza interiore e alla accidia pastorale[9], Papa Francesco ha insistito su un‘opzione missionaria che spinga a passare dalla tendenza di auto preservazione alla conversione pastorale. In tal modo tutte le nostre istanze pastorali potranno diventare un canale adeguato per uscire senza paura, prendere l’iniziativa e andare incontro per giungere alle periferie umane[10]. Infatti, il CG27 ha fatto suo quanto scrive l’Evangelii Gaudium ai nn. 27 e 49, dove Papa Francesco sogna una scelta missionaria e insiste che preferisce “una Chiesa accidentata, ferita e sporca per essere uscita per le strade, piuttosto che una Chiesa malata per la chiusura e la comodità di aggrapparsi alle proprie sicurezze” [43]. L’impegno missionario ci spinge, dunque, a vivere con gioia e autenticità la nostra fede e consacrazione religiosa [67.1]. L’entusiasmo missionario non può che generare la gioia dell’evangelizzazione![11] Come cercatori di Dio [32], al centro del nostro cammino sono l’Eucaristia [41] e la Parola di Dio, fonti della missione della Chiesa. L’Eucaristia quotidiana e l’amore per la Parola e la familiarità con essa tramite la lectio divina ci aiutano a mettere il primato di Dio nella nostra vita [65], mantenere le nostre motivazioni di fede [54], e i modi di pensare ispirati dal Vangelo [9] e a scoprire l’urgenza e la bellezza di annunciarlo. Quest’annuncio ci riempie di una gioia missionaria[12], e allo stesso tempo, ci rinnova nella consapevolezza che il suo contenuto è il Regno di Dio (cfr Mc 1,14-15), il quale è la stessa persona di Gesù[13].

Poiché il vero missionario è un santo[14], cioè un mistico nello Spirito [33], è necessario approfondire più sistematicamente la spiritualità salesiana missionaria [35], che illumina il legame tra carità pastorale e vita spirituale [6]. La guida spirituale costante [67.2] dei missionari ha un ruolo importante per ritrovare il fascino per Gesù e l’intenso desiderio di comunicarlo con gioia e per superare la stanchezza interiore che debilita il dinamismo apostolico di ogni missionario[15].

DALLA MULTICULTURALITÀ ALL’INTERCULTURALITÀ! L’opzione capitolare di favorire la mistica della fraternità [40], e le comunità internazionali anche attraverso una globale ridistribuzione dei confratelli [75.5], è un segno chiaro dell’universalità della Chiesa e del carisma salesiano. Ma le discussioni nell’aula capitolare hanno insistito molto che non ci si può fermare solo all’internazionalità delle nostre comunità. La multiculturalità [29] deve mirare all’interculturalità che richiede una stima e apertura reciproca tra i salesiani di diverse nazioni come una condizione indispensabile per un reale scambio e arricchimento reciproco. L’interculturalità è ciò che rende la nostra realtà multiculturale una vera fraternità profetica! In questo senso è basilare che le nuove presenze missionarie siano composte da confratelli di diverse nazionalità, per favorire l’inculturazione della fede e del carisma salesiano, e evitare che questi siano manifestati solo da espressioni culturali particolari. In questa luce è fondamentale che i nuovi missionari ad gentes, ad exteros, ad vitam siano preparati all’interculturalità e facciano una esperienza di vita comunitaria in una comunità internazionale. È pure necessario che l’esperienza vissuta dell’internazionalità della Congregazione sia parte integrante nei corsi di aggiornamento per missionari. La conoscenza e pratica del documento La Formazione Missionaria dei Salesiani di Don Bosco contribuisce la formazione dei Salesiani all’interculturalità e collega la formazione iniziale ai processi pastorali [21].

EVANGELIZZARE! Per verificare il valore evangelizzatore delle nostre attività educative pastorali e non essere considerati solo come ONG o lavoratori sociali, è imprescindibile l’incontro personale con Gesù [38] che fa riscoprire la gioia di credere e di comunicarlo, e mantiene una vita piena di passione [66] per Lui e il suo popolo[16]. Siccome l’evangelizzazione è essenzialmente un’incontro con la persona di Gesù[17], essa è intimamente connessa con la proclamazione a coloro che non lo conoscono, o lo hanno sempre rifiutato[18]. Perciò è doveroso ricordarci che “non c’è vera evangelizzazione se il nome, l’insegnamento, la vita, le promesse, il Regno, il mistero di Gesù di Nazareth, Figlio di Dio, non siano proclamati”[19]. In questa luce il Settore per le Missioni e quello per la Pastorale Giovanile dovrebbero aiutare le ispettorie a far maturare la dimensione vocazionale e missionaria dei giovani e favorire la crescita dei gruppi missionari all’interno del Movimento Giovanile Salesiano, affinché diventino un’autentica esperienza d’incontro con Cristo [17]. In questo senso, la formazione dei volontari prima dell’invio, l’accompagnamento durante il tempo del volontariato e la riflessione dopo il loro servizio, sono cruciali.

Il Settore per le Missioni vede anche l’urgenza di preparare in tutte le Regioni degli esperti in missiologia, antropologia, e dialogo interreligioso. Sarebbe opportuno che gli ispettori mandassero confratelli idonei per specializzarsi in questi campi. Tali specializzazioni ci aiuteranno a capire meglio i diversi contesti culturali odierni, soprattutto quelli dei giovani [24], nei quali si manifesta in vari modi il senso di Dio [2]. Allo stesso modo si potrà favorire il dialogo culturale e interreligioso e alcune esperienze pastorali significative [61] in vista di un migliore annuncio di Gesù Cristo a tutti.

In sinergia con i Settori per la Comunicazione Sociale, Pastorale Giovanile e Formazione è fondamentale riscoprire l’importanza e l’attualità del primo annuncio in tutte le nostre attività pastorali. In tale maniera si potranno approfondire e applicare le riflessioni delle Giornate di Studio dello scorso sessennio. Il primo annuncio è la chiave che può illuminare meglio le strategie per accompagnare i giovani alla conoscenza e all’incontro con Cristo [18], favorire la nostra presenza missionaria nell’ambiente digitale [25, 75.4] e tra gli immigrati e profughi [55], riscoprire il Sistema Preventivo come proposta evangelizzatrice [58], e rilevare il rapporto tra educazione e evangelizzazione [18].

La parrocchia è “un santuario dove gli assetati vanno a bere per continuare a camminare, e centro di costante invio missionario”[20]. Dunque, è necessario far crescere la missionarietà delle parrocchie salesiane con un’attenzione particolare al primo annuncio. Il sostegno delle comunità che lavorano nelle “frontiere” [69.5] avviene tramite un più profondo senso di fraternità e solidarietà [29], anche attraverso il coordinamento e la guida delle Procure Missionarie e degli Uffici Sviluppo e Pianificazione (PDO) con la collaborazione dell’Economato Generale.

Per dare profondità all’impegno e all’attività missionaria di tutta la Congregazione è necessario sostenerla con la preghiera e i sacrifici, perché l’annunzio della Parola sia reso efficace dalla grazia divina[21]. La presenza dei confratelli anziani e ammalati [11,69.4] è una forza spirituale per le missioni nelle frontiere della Congregazione. In questa luce l’intenzione missionaria mensile è un sussidio che può favorire il cerchio di preghiera missionaria in tutta la Congregazione.

La crescita della collaborazione con la Famiglia Salesiana [69.1] è uno stimolo che allarga gli orizzonti e fa dilatare il cuore della nostra missione apostolica [19]. A livello ispettoriale e locale è necessario che ogni Delegato Ispettoriale per l’Animazione Missionaria (DIAM) programmi le iniziative in sinergia con gli altri settori nell’animazione dell’ispettoria e trovi modalità di collaborazione con la Famiglia Salesiana. Con tutti i membri della Famiglia Salesiana urge cercare con una generosa apertura le possibilità di collaborazione e coordinamento nelle attività missionarie, nelle iniziative verso le nuove frontiere e nelle periferie esistenziali [22,44],[22] nella formazione permanente dei missionari e nella riflessione su temi attuali di missiologia.

 

CI AFFIDIAMO A MARIA! Affidiamo questo sussidio a Maria, facendo nostra la preghiera di San Giovanni Paolo II23:

Maria, Madre della speranza, cammina con noi!

Insegnaci a proclamare il Dio vivente; aiutaci a testimoniare Gesù, l’unico Salvatore; rendici servizievoli verso il prossimo, accoglienti verso i bisognosi, operatori di giustizia, costruttori appassionati di un mondo più giusto; intercedi per noi che operiamo nella storia certi che il disegno del Padre si compirà!

Amen. 23 Giovanni Paolo II, Ecclesia in Europa, conclusione.

PER RIFLESSIONE

  1. Lo spirito missionario è una dimensione essenziale del nostro carisma salesiano. Come viviamo la nostra vita salesiana ‘in stato permanente di missione’, nel contesto dell’opera affidata alla nostra comunità?
  2. Vivere e lavorare insieme, pur provenendo da diversi paesi e culture, è un segno potente nel nostro mondo lacerato da conflitti etnici e religiosi. Con quali segni mostriamo una vera profezia dell’interculturalità nella nostra comunità che è parte di una Congregazione multiculturale?
  3. Siamo evangelizzatori dei giovani non provveditori d’un servizio sociale o ONG. La nostra azione educativa-pastorale è veramente evangelizzatrice, - cioè una proclamazione di Gesù Cristo - nel territorio in cui siamo presenti?
  4. Il primo annunzio non è un metodo né un programma ma uno stile di vita di tutta la comunità - salesiana e cristiana - che innesca il desiderio di conoscere la persona di Gesù Cristo tra quelli che non lo conoscono ancora, tra quelli che pur avendolo conosciuto l’hanno abbandonato e tra quelli che vivono la loro fede in modo “routinario”. Sappiamo cogliere le occasioni e le opportunità per il primo annunzio nel nostro ambiente con tutta la comunità educativo-pastorale e la famiglia salesiana?
  5. La preghiera per le missioni ci rinnova e rafforza le attività missionarie della nostra Società. L’11 di ogni mese è un’occasione per la nostra comunità di rafforzare il cerchio di preghiera e respirare la mondialità della Società salesiana?
  6. La Giornata Missionaria Salesiana annuale ci aiuta a

pensare oltre le nostre opere e sentirci parte della nostra Società che è attivamente impegnata alle frontiere in tutti i contenenti. Come celebriamo la GMS annuale con la nostra comunità educativo-pastorale? Come la celebriamo nella nostra Ispettoria?

[1] Francesco, Evangelii Gaudium, 25.

[2] I numeri in grasetto si referiscono al documento finale del CG 27, in ACG 418.

[3] Cf. Evangelii Gaudium, 20-24, 46, 210.

[4] Cf. Evangelii Gaudium, 24, 25.

[5] Giovanni Paolo II, Ecclesia in Oceania, 19.

[6] Cf. Giovanni Paolo II, Redemptoris Missio, 33-34.

[7] Cf. Benedetto XVI, Africae Munus, 167.

[8] Cf. Benedetto XVI, Verbum Domini, 95.

[9] Cf. Evangelii Gaudium, 82-83.

[10] Ibid, 24-27, 46.

[11] Ibid,79.

[12] Ibid,21.

[13] Cf. Verbum Domini, 92, 93.

[14] Cf. Redemptoris Missio, 90.

[15] Cf. Evangelii Gaudium, 81, 83, 264.

[16] Cf. Evangelii Gaudium, 268.

[17] Cf. Benedetto XVI, Deus Caritas Est, 1 [18] Cf. Evangelii Gaudium, 15.

[19] Paolo VI, Evangelii Nuntiandi, 22.

[20] Evangelii Gaudium,28.

[21] Ibid,262; Cf. Redemptoris Missio, 78.

[22] Cf. Evangelii Gaudium, 210.