Conselho Recursos

RIUNIONE DEI DIRETTORI DEL BS NAIROBI 23 MAGGIO 2006: CONCLUSIONI

COMUNICAZIONE

 

RIUNIONE DEI DIRETTORI DEL BS

NAIROBI 23 MAGGIO 2006


CONCLUSIONI

I direttori del BS a Nairobi vogliono allinearsi con le politiche a riguardo la qualità e la collaborazione promosse come parte del rilancio mondialedel BS, ma anche e soprattuttoin vista del contesto salesiano africano dove ci sono attualmente 5 Bollettini salesiani, quasi tutti nuovi, in tre lingue franche (inglese, francese, portogese), e un desiderio sulla parte di parecchie altre ispettorie avere i loro proprio BS. Per questo, esprimono la loro intenzione a:

· Sviluppare un équipe creativo, capabile a sostenere ciascun direttore.
· Dare attenzione alla qualità 'salesiana', le caratteristiche del quale sono elencati nei documenti esistenti (p.e. Le conclusioni del raduno mondiale a Roma, 2005). Queste caratteristiche devono essere immediamente evidenti.
· Presentare un'immagine di Africa la quale aiuti correggere lo sguardo mediatico del continente che si sofferma normalmente sui punti negativi.
· (gruppo anglofono) approffitare da una altro raduno al livello di CIVAM, ad esempio di PG o della Formazione, per radunare I delegati CS ed I direttori BS, concordarsi un approccio editoriale comune, e mettere in funzione piani per un laboratorio di BS per gli 'operai' (collaboratori) che tratta di elementi concreti del compito del gionalista.
· (gruppo di lingua portoghese) stabilire tre raduni, i) orientamenti generali per un BS condiviso da Angola come parte del desiderio lanciare un BS ii) individuare le caratteristiche locali e comuni, come parte dello sforzo appena indicato e iii) pianificare un laboratorio come già proposto dal gruppo anglofono.
· Puntare alla qualità migliore per il BS, siccome sia un'opera salesiana, e perché le nostre altre opere già manifestano questa qualità soprattutto ai più poveri.
· Copie del BBSS di Africa scambiate tra ciascun direttore.
· Richiedere l'intervento del Consigliere Generale CS (in discussione con il Consifliere delle Missioni, per esempio) vedere se sia possibile collegare ogni BS di Africa ad una Procura nel mondo salesiano con due motivi – in scambio per lo sostegno economico, questi BS assicurano che almeno un'edizione al anno sarebbe come una relazione del tipo richiesto dai ONG (per i benefattori e per il governo…).
· richiedere che il Consigliere CS scrive una lettera a tutti gli ispettori di Africa, che include queste proposte come anche le conclusioni del gruppo dei delegati della CS a Nairobi, e che urge gli ispettori incoraggiare tutti i confratelli a sostenere il BS come un'opera che coinvolge tutti i confratelli.
· Richiedere il Dicastero della CS investigare un eventuale applicazione della raccomandazione Tedesco-Austriaca di Content Management System per il contesto Africanot. (E' capito che questo approccio, se applicabile, significa una struttura comune, più o meno, ed alcuni articoli comuni anche se ci sono articoli locali).
· richiedere ANS offrire, tramite 'Service', interviste o atro materiale approfonditoche può assistere il BS di Africa. I Direttori si sentono liberi fare suggerimenti al Direttore di ANS che possano assistere.

I Direttori del BS credono che un 'follow-up' è importante assicurare che queste proposte avranno un esito buono, e credono anche che la Conclusione n. 6 (delegato regional di CS e ispettore di CIVAM per seguire) offrono il modo migliore assicurare questo 'follow-up'.